Fox News silura O'Reilly, accusato di molestie. Trump lo aveva difeso

La famiglia Murdoch prende le distanze dopo la fuga di inserzionisti. Il presidente Usa aveva detto che il conduttore è una "brava persona" che non ha fatto nulla di sbagliato

La peggior notizia di una carriera ultraventennale dentro Fox News ha raggiunto l'uomo di punta della rete televisiva statunitense mentre si trovava in Italia per un periodo di vacanza (forzata), durante la quale ha stretto la mano a Papa Francesco in Vaticano, approfittando dell'udienza generale. Il che aggiunge una zavorra di imbarazzo all'annunciata fine del regno catodico di Bill O’Reilly, travolto dalla fuga degli inserzionisti dopo le accuse di molestie sessuali ai danni di alcune donne. Allo scoppio dello scandalo l'anchorman aveva trovato l'appoggio del presidente Trump, che in un'intervista al New York Times aveva detto: "Credo che sia una persona che che conosco bene, è una brava persona". O’Reilly e Fox hanno patteggiato in almeno cinque casi, con un esborso di 13 milioni di dollari. Un circostanza rispetto alla quale il presidente Usa aveva espresso la sua perplessità: "Personalmente non credo avrebbe dovuto farlo - aveva dichiarato Trump -. Non credo che Bill abbia fatto qualcosa di sbagliato". L'impero mediatico che fa capo a Rupert Murdoch evidentemente la pensa diversamente.

Quando la decisione ufficiale dell'allontanamento da Fox News ancora non era stata comunicata, sia il Wall Street Journal sia il New York Magazine davano ormai per certa la volontà della famiglia Murdoch, che controlla la rete, di rimuovere O’Reilly. Prima di rendere operativa la separazione, la compagnia stava solo aspettando di portare a termine la trattativa con il conduttore sulle modalità di un'uscita di scena senza ulteriori danni collaterali per il gruppo. 21st Century Fox, il colosso dell'intrattenimento che controlla l'emittente tanto cara a Trump, ha diramato la seguente nota: "Dopo un accurato e attento esame delle accuse, la compagnia ha concordato con Bill O’Reilly che non ritornerà a Fox News".

A dare una spinta sul pedale del siluramento ha contribuito indubbiamente la perdita di oltre 50 inserzionisti, che hanno preferito tagliare i ponti con Fox dopo lo scoppio dello scandalo (l'ennesimo visto che l'estate scorsa ad essere messo alla porta per motivi simili era stato niente meno che il Ceo e cofondatore del canale Roger Ailes).

O'Really negli scorsi 15 anni aveva legato il suo nome al programma di approfondimento politico di prime-time "The O'Reilly Factor". La sua uscita mette fine a una storia di successo mediatico che finora aveva fatto di lui, 67 anni, una vera e propria gallina dalla uova d'oro per la rete televisiva americana. Una gallina che però ha provocato la perdita di pubblicità di inserzionisti di peso. Secondo quanto scritto dal New York Times, la rete sapeva da tempo di queste accuse e altri comportamenti poco opportuni, ma non aveva preso provvedimenti. Un legale di O'Reilly ha descritto la vicenda come frutto di un attacco politico da parte di gruppi di sinistra che hanno orchestrato una "sporca campagna" per screditarlo

Altri Servizi

Wall Street digerisce i verbali del Fomc

Prevista una stretta a dicembre. Investitori alla finestra alla vigilia del Giorno del ringraziamento
AP

La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

La Federal Reserve ha segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare a dicembre nonostante l'inflazione resti al palo, cosa che sta iniziando a preoccupare alcuni dei suoi membri insieme alla formazione di potenziali "squilibri" finanziari. Mentre il mercato calcola il 91,5% di probabilità che nella riunione del mese prossimo i tassi verranno alzati di 25 punti base all'1,25-1,50%, la banca centrale americana ha spiegato - attraverso i verbali del meeting del 31 ottobre e 1 novembre scorsi - che una stretta sarà probabile "nel breve termine".

L'ex medico della nazionale Usa di ginnastica si è dichiarato colpevole di abusi sessuali

Larry Nassar ha ammesso per la prima volta gli abusi su sette ragazzine; ad accusarlo, però, sono più di 130 ex pazienti, tra cui tre campionesse olimpiche

L'ex medico della nazionale statunitense femminile di ginnastica artistica, Larry Nassar, si è dichiarato colpevole, in tribunale, di abusi sessuali ai danni di sette ragazzine, nell'ambito di un accordo che gli farà trascorrere in carcere almeno 25 anni; l'uomo è stato accusato di violenze sessuali da più di 130 ex pazienti, tra cui le olimpioniche Gabby Douglas, McKayla Maroney e Aly Raisman. Fino a oggi, Nassar aveva sempre sostenuto di aver solo eseguito legittime pratiche mediche.

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

L'assassinio di JFK 54 anni fa. Ecco come reagì Wall Street

Tutto iniziò con un rumor. Poi il selloff. Il New York Stock Exchange chiuse in anticipo. Seduta da panico. Dow Jones -2,9%

Cinquantaquattro anni fa come oggi la giornata a Wall Street era iniziata in modo tranquillo. Due giorni prima Ira Haupt & Co era stata sospesa dalle contrattazioni. La società aveva investito in cisterne piene di olio vegetale alcune delle quali si rivelaro invece piene di acqua. Il mercato aveva accusato il colpo ma secondo alcuni trader per quel venerdì 22 novembre 1963 non era da escludere un rimbalzo. E infatti c'era chi aveva deciso di sfruttare i recenti ribassi puntando sulle azioni del produttore di stampanti Xerox; su quelle di Control Data Corporation, società di computer super veloci poi scomparsa negli anni '80, e su quelle di Polaroid. D'altra parte la prima macchina fotografica istantanea, lanciata nel 1948, era ancora un oggetto d'appeal. Nessuno ancora immaginava che la digitalizzazione avrebbe portato il gruppo in bancarotta due volte in sette anni, nel 2001 e nel 2008. L'azionario americano era in rally dall'ottobre del 1962, quando terminò la crisi legata ai missili cubani. Da quel momento all'ottobre 1963, il Dow Jones era in rialzo del 35%. A inizio novembre si era perso slancio, colpa della situazione geopolitica nel sud del Vietnam e il coinvolgimento degli Stati Uniti si stava scaldando. Ma in generale tutto era "business as usual", come dicono in America.

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

Le molestie sessuali sembrano essere sempre di più una caratteristica dell'ambieti di lavoro in Usa. Da Hollywood a Capitol Hill passando per la Silicon Valley, un altro uomo è stato travolto dalle polemiche dovuto al suo comportamento inappropriato nei confronti delle donne.

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Tutti i principali indici hanno registrato record
AP

Gli Usa verso la fine della neutralità della rete: "Troppe regole frenano la crescita di internet"

Il capo della Fcc ha presentato il proprio piano, che sarà votato (e approvato) il 14 dicembre. I repubblicani metteranno fine alle regole volute da Obama, che equiparavano internet ai servizi di pubblica utilità

Ajit Pai, a capo della Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha presentato il piano repubblicano per cancellare le regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un rete a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più.

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.