Fox News silura O'Reilly, accusato di molestie. Trump lo aveva difeso

La famiglia Murdoch prende le distanze dopo la fuga di inserzionisti. Il presidente Usa aveva detto che il conduttore è una "brava persona" che non ha fatto nulla di sbagliato

La peggior notizia di una carriera ultraventennale dentro Fox News ha raggiunto l'uomo di punta della rete televisiva statunitense mentre si trovava in Italia per un periodo di vacanza (forzata), durante la quale ha stretto la mano a Papa Francesco in Vaticano, approfittando dell'udienza generale. Il che aggiunge una zavorra di imbarazzo all'annunciata fine del regno catodico di Bill O’Reilly, travolto dalla fuga degli inserzionisti dopo le accuse di molestie sessuali ai danni di alcune donne. Allo scoppio dello scandalo l'anchorman aveva trovato l'appoggio del presidente Trump, che in un'intervista al New York Times aveva detto: "Credo che sia una persona che che conosco bene, è una brava persona". O’Reilly e Fox hanno patteggiato in almeno cinque casi, con un esborso di 13 milioni di dollari. Un circostanza rispetto alla quale il presidente Usa aveva espresso la sua perplessità: "Personalmente non credo avrebbe dovuto farlo - aveva dichiarato Trump -. Non credo che Bill abbia fatto qualcosa di sbagliato". L'impero mediatico che fa capo a Rupert Murdoch evidentemente la pensa diversamente.

Quando la decisione ufficiale dell'allontanamento da Fox News ancora non era stata comunicata, sia il Wall Street Journal sia il New York Magazine davano ormai per certa la volontà della famiglia Murdoch, che controlla la rete, di rimuovere O’Reilly. Prima di rendere operativa la separazione, la compagnia stava solo aspettando di portare a termine la trattativa con il conduttore sulle modalità di un'uscita di scena senza ulteriori danni collaterali per il gruppo. 21st Century Fox, il colosso dell'intrattenimento che controlla l'emittente tanto cara a Trump, ha diramato la seguente nota: "Dopo un accurato e attento esame delle accuse, la compagnia ha concordato con Bill O’Reilly che non ritornerà a Fox News".

A dare una spinta sul pedale del siluramento ha contribuito indubbiamente la perdita di oltre 50 inserzionisti, che hanno preferito tagliare i ponti con Fox dopo lo scoppio dello scandalo (l'ennesimo visto che l'estate scorsa ad essere messo alla porta per motivi simili era stato niente meno che il Ceo e cofondatore del canale Roger Ailes).

O'Really negli scorsi 15 anni aveva legato il suo nome al programma di approfondimento politico di prime-time "The O'Reilly Factor". La sua uscita mette fine a una storia di successo mediatico che finora aveva fatto di lui, 67 anni, una vera e propria gallina dalla uova d'oro per la rete televisiva americana. Una gallina che però ha provocato la perdita di pubblicità di inserzionisti di peso. Secondo quanto scritto dal New York Times, la rete sapeva da tempo di queste accuse e altri comportamenti poco opportuni, ma non aveva preso provvedimenti. Un legale di O'Reilly ha descritto la vicenda come frutto di un attacco politico da parte di gruppi di sinistra che hanno orchestrato una "sporca campagna" per screditarlo

Altri Servizi

Attacco a Manchester: il Regno Unito torna a condividere informazioni con gli Usa

Il premier Theresa May e il presidente americano Donald Trump ne hanno parlato in occasione del summit Nato
AP

L'irritazione forse non è ancora passata ma le autorità britanniche hanno ripreso a condividere informazioni con gli Usa riguardanti l'attacco terroristico avvenuto a Manchester lunedì 22 maggio.

Nyt: tra lusso e ricconi, Trump a Taormina "si sente a casa"

Una città dove "i mondi del presidente si scontreranno". E anche in Sicilia emergono i legami con la Russia

Dopo aver visitato città istituzionali e storiche, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, si trova ora a Taormina, una città che dovrebbe "farlo sentire a casa", vista "la sua reputazione come luogo di divertimenti, baciato dal sole, per i ricconi dai gusti superficiali che apprezzano il lusso". A scriverlo è il New York Times, che ha dedicato un articolo alla città siciliana, dove "i mondi di Trump si scontreranno".

Zuckerberg ad Harvard torna a parlare di politica

Riceve la laurea dall'università che lo cacciò. Le "sfide dei nostri giorni"? Per il fondatore di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo

Mark Zuckerberg ha le idee molto chiare su quali siano le "sfide dei nostri giorni": per il fondatore e amministratore delegato di Facebook è fondamentale combattere contro le derive autoritarie e il nazionalismo, nel tentativo di arrivare a una società più equa e connessa. Per la seconda volta in pochi mesi Zuckerberg ha descritto la sua agenda politica. Questa volta l'occasione è arrivata nel corso del suo discorso ad Harvard, dove ha ricevuto la laurea, dopo che era stato cacciato dall'università per aver creato il predecessore di Facebook, FaceMash.

G7, fonti dell'Eliseo: Macron rassicurerà Trump sull'accordo di Parigi

Il summit iniziato a Taormina; il presidente statunitense non ha ancora preso una decisione sull'intesa in difesa del clima
AP

Il presidente francese, Emmanuel Macron, "spiegherà a Donald Trump perché l'accordo di Parigi sul clima è così importante", "non solo per la lotta ai cambiamenti climatici ma anche per occupazione e sviluppo della società". È quanto hanno riferito fonti dell'Eliseo a margine del G7 di Taormina, a proposito delle discussioni tra i capi di Stato e di governo sul difficile tema ambientale.

G7, consigliere di Trump: "Ascolterà le posizioni europee sul clima"

In gioco c'è l'accordo di Parigi. Il presidente Usa non ha ancora deciso se rispettarlo o abbandonarlo
ap

"Credo che [il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump] sia incline a comprendere la posizione europea sul clima". Lo ha detto il direttore del Consiglio economico nazionale, Gary Cohn, a margine del G7 di Taormina, dove la questione dei cambiamenti climatici è uno dei dossier più delicati. "Il presidente vuole avere un dialogo aperto", ma "ci sono opinioni molto ferme su entrambi i fronti".

Rivisto al rialzo Pil Usa primo trimestre, bene investimenti e consumi

E' cresciuto dell'1,2%, contro lo 0,7%% della stima preliminare. Il dato è migliore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione dello 0,8%.
Shutterstock

L'economia americana è cresciuta nel primo trimestre a passo più sostenuto rispetto a quanto inizialmente anticipato. E' quanto emerge dalla lettura intermedia del dato diffuso dal dipartimento al Commercio americano, secondo cui il Pil è cresciuto dell'1,2%, contro lo 0,7%% della stima preliminare. Il dato è migliore alle previsioni degli analisti, che attendevano una revisione al rialzo e un'espansione dello 0,8%. Il Pil era salito del 2,1% nel quarto trimestre 2016.

Prosegue l'ottimismo a Wall Street

Ieri, chiusura record per lo S&P. Oggi giornata di trimestrali
AP

Candidato repubblicano alla Camera incriminato per aver aggredito un reporter

Greg Gianforte, favorito per il seggio lasciato libero dal segretario degli Interni, Ryan Zinke, non ha gradito l'insistenza di un giornalista del Guardian nel chiedere un commento sulla riforma sanitaria del Gop

Greg Gianforte, candidato repubblicano per la Camera statunitense alle elezioni speciali previste oggi in Montana, è stato formalmente accusato di aver aggredito un giornalista del Guardian, Ben Jacobs. Secondo la registrazione dell’accaduto, diffusa dal giornalista, e secondo i racconti di altri giornalisti presenti, Gianforte avrebbe preso il giornalista per il collo con entrambe le mani e lo avrebbe sbattuto a terra.

Trump vuole portare il caso 'muslim ban' alla Corte Suprema

Lo ha detto il segretario alla Giustizia dopo che una corte di appello ha confermato lo stop al divieto di ingresso in Usa dei cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane
AP

L'amministrazione Trump intende portare fino alla Corte Suprema il caso "muslim ban". Lo ha detto il segretario americano alla Giustizia, Jeff Sessions, nel giorno in cui il divieto di ingresso in Usa da parte di cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane è rimasto congelato su volere del quarto circuito della Corte d'Appello.