Fox "resta impegnato" a comprare Sky: chiuso un anno con utili +49%

I conti dell'ultimo trimestre hanno superato le stime.
iStock

Nei tre mesi chiusi il 30 giugno scorso, 21st Century Fox ha registrato profitti e ricavi superiori alle previsioni degli analisti. Il colosso dell'intrattenimento parte della galassia Murdoch ha così archiviato l'intero anno fiscale con utili attribuibili ai soci di 4,48 miliardi, in rialzo del 49%, e ricavi per 30,4 miliardi (+7%).

Nel pubblicare i conti, il colosso dell'intrattenimento ha confermato ancora una volta che "resta impegnato" a onorare la sua offerta in contanti lanciata per aggiudicarsi la quota del 61% che ancora non possiede nella britannica Sky; essa è stata alzata a 14 sterline dalle 10,75 proposte originariamente nel dicembre 2016. L'azienda ha tempo fino al 22 settembre prossimo per rivedere la sua offerta, attualmente inferiore a quella di 14,75 sterline per azione messa sul piatto dalla rivale Comcast.

In quello che per il gruppo è stato il quarto trimestre fiscale, gli utili netti attribuibili ai soci sono stati di 925 milioni di dollari, o 50 centesimi per azione, in rialzo dai 501 milioni, o 27 centesimi per azione, dello stesso periodo del 2017. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono aumentati del 58% a 57 centesimi dai 36 centesimi per azione dell'anno precedente, oltre le attese dagli analisti per 54 centisimi ad azione.

Tra aprile e giugno i ricavi sono cresciuti del 18% annuo a 7,94 miliardi di dollari, sopra il consenso di 7,56 miliardi. Nel dettaglio, la divisione di tv via cavo che comprende Fox News ha registrato vendite in rialzo del 12% a 1,6 miliardi; quella delle tv tradizionali ha messo a segno un fatturato in aumento del 14% a 1,14 miliardi grazie alla trasmissione dei Mondiali di calcio. La divisione cinematografica ha registrato vendite per 2,3 miliardi, in crescita del 27% rispetto al periodo aprile-giugno del 2017.

Rupert e Lachlan Murdoch - co-presidenti esecutivi del colosso dell'intrattenimento nato nel 2013 dallo split in due della vecchia News Corp (a quella nuova fanno capo soltanto le attività editoriali con prodotti come il Wall Street Journal) - hanno commentato i conti ponendo l'accento sulla performance del titolo, "salito del 75% nel corso dell'anno fiscale contro il +12% registrato dall'S&P 500 e il -10% subito dai concorrenti nel settore media". Per loro l'incredibile valore generato quest'anno attraverso le transazioni proposte (inclusa la cessione di gran parte dei suoi asset a Walt Disney, ndr), dimostrano il lavoro che abbiamo fatto per posizionare le nostre attività in modo che abbiano successo durante questo periodo di grande cambiamento". I due Murdoch hanno sottolineato che è stato messo a segno "uno dei migliori semestri di sempre" per lo studio cinematografico dell'azienda. "Mentre ci avviciniamo a fondere le nostre attività con Disney creando una nuova Fox, siamo convinti che le strade che stiamo spianado per le nostre attività storiche (quelle televisive, ndr) garantiranno ai nostri soci un valore in aumento".

Il titolo di classe A di 21st Century Fox ha terminato la seduta in calo dello 0,09% a 45,46 dollari. Nel dopo mercato - in reazione ai conti, arrivati a mercati Usa chiusi - è stato poco mosso. Da inizio 2018 ha aggiunto il 31,65% e nell'ultimo anno il 62%.

Altri Servizi

Wall Street verso nuovi record

Prosegue la fiducia sui mercati, in attesa di un accordo tra Usa e Cina
AP

Il Texas sospende la condanna a morte di Rodney Reed

L’uomo, da 21 anni nel braccio della morte, è al centro di un controverso caso di omicidio: nel 1998 fu condannato per aver violentato e soffocato la 19enne Stacey Stites
Ap

La Corte d’Appello del Texas, corte suprema dello Stato chiamata a giudicare i reati penali, ha momentaneamente sospeso l’esecuzione della condanna a morte a Rodney Reed, uomo al centro di un controverso caso di omicidio rinchiuso da 21 anni nel braccio della morte. L’esecuzione era prevista per mercoledì tramite iniezione letale.

Impeachment Trump, telefonata con Zelensky "inopportuna"

Terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera Usa, che indaga sul presidente. Ascoltati due testimoni di 'prima mano': il colonnello Vindman e Williams, consigliera del vicepresidente Pence
Ap

Seconda settimana e terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera statunitense, che indaga per il possibile impeachment del presidente Donald Trump. Dopo una prima settimana di testimonianze di diplomatici che hanno descritto la politica statunitense sull'Ucraina come dominata dagli obiettivi politici personali di Trump, oggi i membri della commissione si sono concentrati sulla telefonata del 25 luglio tra il capo di Stato e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, da cui è scaturita l'indagine per abuso di potere. Oggi, soprattutto, sono stati ascoltati due testimonianze di 'prima mano', come sottolineato da un deputato democratico per smontare la difesa dei repubblicani, che lamentavano la presenza di soli testimoni di seconda o terza mano per indebolire la sussistenza delle indagini.

Wall Street, i riflettori restano sull'accordo Usa-Cina

Segnali contrastanti, ma c'è chi assicura che ci sarà un'intesa prima di Natale
AP

Usa2020, Obama avvisa i Democratici: "Attenti a non spostarci troppo a sinistra"

Messaggio dell’ex presidente americano ai candidati durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberal
Ap

Barack Obama ha voluto dare un consiglio ai candidati per le primarie democratiche in vista delle presidenziali 2020. "Attenti a non spostarci troppo a sinistra", ha dichiarato l’ex presidente americano durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberali.

Fed, Trump: incontro "molto buono e cordiale" con Powell

Presidente Usa e governatore Fed hanno parlato alla Casa Bianca
AP

Si è appena concluso, alla Casa Bianca, un incontro tra Donald Trump e il governatore della Fed, Jerome Powell, definito dal presidente degli Stati Uniti "molto buono e cordiale". Su Twitter, Trump ha scritto che al centro del dialogo ci sono stati "i tassi d'interesse, la bassa inflazione, la forza del dollaro, il commercio con la Cina e l'Unione europea".

Trump grazia due militari accusati di crimini di guerra

La decisione del tycoon, che ha anche restituito i gradi a un terzo soldato, arriva nonostante l’opposizione del Pentagono
White House /Shealah Craighead

Donald Trump è intervenuto nei casi di tre militari americani accusati di aver commesso dei crimini di guerra in Afghanistan: il Tycoon ha concesso la grazia a due di loro e ripristinato i gradi a un terzo, il tutto nonostante le opposizioni espresse da esperti militari e soprattutto dal Pentagono. "Il presidente, in quanto comandante in capo, è in ultima istanza responsabile di garantire l'applicazione della legge e, quando appropriato, che sia concessa la grazia", si legge nella nota della Casa Bianca che spiega le ragioni della scelta di Trump: "Come ha affermato il Presidente, 'quando i nostri soldati devono combattere per il nostro Paese, voglio dare loro la fiducia necessaria per combattere'".

Wall Street, si attendono le parole di Powell

Il governatore della Fed atteso oggi al Congresso. Ieri, ha subito un nuovo attacco dal presidente Trump
AP

Impeachment Trump, in settimana attesa l'udienza di Sondland

Il presidente Usa su Twitter: "Considererò l'ipotesi di testimoniare" presentata dalla speaker Pelosi
Ap