Fuga dalle banche, un punto per Occupy Wall Street

650.000 clienti lasciano le banche in favore del credito cooperativo
Alberto Riva /Alberto Riva

Oggi è il "Bank Transfer Day" proclamato dagli indignati di Occupy Wall Street, la giornata del nuovo appello agli americani a spostare i loro risparmidalle grandi banche nazionali odiate dal movimento alle piccole banche del credito cooperativo. La ragione è sempre quella, la volontà di punire i giganti della finanza salvati nel 2008 con il denaro dei contribuenti ma che, secondo gli indignados americani, continuano a ripagare il pubblico con licenziamenti di massa e tariffe imposte ai clienti.

In realtà una fuga dalle banche commerciali nazionali è già cominciata da settimane. Non è certo un panico stile 1929 con il ritiro di massa dei depositi, ma i numeri dipingono un panorama cui fare attenzione. Secondo dati diffusi in settimana dalla Credit Union National Association, 650.000 americani hanno aperto un conto corrente presso una banca cooperativa dal 29 settembre a oggi. Per capire la portata del fenomeno basta pensare che in tutto il 2010 i nuovi clienti del credito cooperativo erano stati 600.000.

La data del 29 settembre è significativa perché quel giorno Bank of America aveva annunciato che avrebbe imposto una tariffa mensile di 5 dollari sulle carte di debito, carte che ormai tutti i clienti hanno. La misura ha suscitato l'immediata reazione dei consumatori ed è stata passata da gran parte dei media come una dimostrazione del fatto che gli indignati, che trattano le banche da vampiri, avevano ragione almeno su una cosa.

E allora Bank of America ha deciso dopo una decina di giorni di tempesta di cambiare idea, e il 1 novembre ha annunciato il ritiro dell'impopolare balzello. Ma ormai il danno d'immagine era fatto. Del resto due dei concorrenti principali, Wells Fargo e JPMorgan Chase, avevano già deciso di cancellare la tariffa sulle debit cards: il clima non è positivo per questo genere di mosse.

Le credit unions, banche generalmente piccole e su base regionale se non cittadina, annunciano così che stanno assumendo personale e allungando le ore di apertura in previsione di un aumento ulteriore dei clienti (l'80 per cento dei 5.000 istituti membri dell'associazione di settore afferma di aver visto il numero di membri crescere da fine settembre a questa settimana).

Secondo un analista di settore – Dennis Moroney, direttore della ricerca sulle carte bancarie della società di consulenza Tower Group – le grandi banche non smetteranno comunque di provare a raccogliere denaro aggiuntivo: "Penso che vedremo più tariffe nascoste", ha detto. Per esempio, invece di far pagare quei 5 dollari al mese per usare una carta sostanzialmente equivalente al Bancomat italiano, le banche commerciali potrebbero decidere di far pagare uno o due dollari al mese a chi vuole gli estratti conto cartacei invece che sul web.

Ma intanto, dopo un mese e mezzo di occupazione, gli indignati possono segnare un punto a loro favore: e non solo nell'arena più o meno virtuale delle relazioni pubbliche, ma in quella più pesante della realtà, dove i soldi persi dalle grandi di Wall Street sono veri. E qui si tratta di miliardi.

Alberto Riva /Alberto Riva
Altri Servizi

Impeachment Trump, i repubblicani studiano l'opzione del processo lampo

Incontro tra funzionari della Casa Bianca e senatori sulla strategia da adottare, dopo due settimane di audizioni pubbliche alla Camera
Ap

Un processo 'lampo' di due settimane, per ottenere un'assoluzione che rilanci l'immagine di Donald Trump senza rischiare di trascinare il presidente statunitense in un lungo e pericoloso procedimento. È una delle opzioni al vaglio di senatori repubblicani e funzionari della Casa Bianca, che ieri si sono incontrati per fare un punto sulla strategia da adottare per il possibile impeachment, secondo quanto riportato dal Washington Post.

Wall Street, i negoziati Usa-Cina nell'incertezza

Non è chiaro se le due potenze arriveranno a un accordo entro la fine dell'anno
AP

Buttigieg balza in avanti tra i democratici in Iowa

Stando a un sondaggio, il sindaco di South Bend ha il 25% delle preferenze. Seguono Warren, Biden e Sanders. Staccati gli altri candidati.
Ap

Continua l’ascesa di Pete Buttigieg in Iowa. Nell’ultimo sondaggio condotto dal The Des Moines Register e Cnn tra coloro che andranno a votare alle primarie democratiche nello stato del Midwest, il 37enne sindaco di South Bend, Indiana, ha superato la senatrice Elizabeth Warren e l’ex vice presidente Joe Biden. Con il 25 per cento delle preferenze, Buttigieg si piazza al primo gradino del podio che viene completato da Warren (16%), Biden e il senatore del Vermont, Bernie Sanders (entrambi con il 15%).

Fed, Trump: incontro "molto buono e cordiale" con Powell

Presidente Usa e governatore Fed hanno parlato alla Casa Bianca
AP

Si è appena concluso, alla Casa Bianca, un incontro tra Donald Trump e il governatore della Fed, Jerome Powell, definito dal presidente degli Stati Uniti "molto buono e cordiale". Su Twitter, Trump ha scritto che al centro del dialogo ci sono stati "i tassi d'interesse, la bassa inflazione, la forza del dollaro, il commercio con la Cina e l'Unione europea".

Usa2020, Obama avvisa i Democratici: "Attenti a non spostarci troppo a sinistra"

Messaggio dell’ex presidente americano ai candidati durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberal
Ap

Barack Obama ha voluto dare un consiglio ai candidati per le primarie democratiche in vista delle presidenziali 2020. "Attenti a non spostarci troppo a sinistra", ha dichiarato l’ex presidente americano durante il suo intervento alla Democracy Alliance, potente network di finanziatori liberali.

Altra sconfitta per Trump: rieletto il governatore democratico della Louisiana

John Bel Edwards batte lo sfidante repubblicano, Eddie Rispone.
AP

Dopo il Kentucky, un altro stato tradizionalmente repubblicano ha voltato le spalle al presidente Usa Donald Trump. Il Louisiana ha infatti preferito rieleggere il governatore democratico John Bel Edwards piuttosto che Eddie Rispone, il candidato sostenuto dall’attuale inquilino della Casa Bianca.

Sondland conferma il 'do ut des' con l'Ucraina: "Trump ordinò di fare pressioni"

L'ambasciatore in audizione davanti alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente Usa. "Tutti erano al corrente", a partire dal vice Pence e dal segretario di Stato, Pompeo

Gordon Sondland, l'ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, ha confermato l'esistenza di una richiesta di 'do ut des' del presidente Donald Trump all'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, durante la sua audizione alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente. E ha messo davanti alle loro responsabilità non solo il presidente Trump e il suo avvocato Rudy Giuliani, che ha guidato la politica 'ombra' in Ucraina, ma tutti gli altri massimi componenti dell'amministrazione, a partire dal vicepresidente Mike Pence e dal segretario di Stato, Mike Pompeo: "Tutti erano al corrente. Non era un segreto". 

Impeachment Trump, telefonata con Zelensky "inopportuna"

Terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera Usa, che indaga sul presidente. Ascoltati due testimoni di 'prima mano': il colonnello Vindman e Williams, consigliera del vicepresidente Pence
Ap

Seconda settimana e terza audizione pubblica davanti alla commissione Intelligence della Camera statunitense, che indaga per il possibile impeachment del presidente Donald Trump. Dopo una prima settimana di testimonianze di diplomatici che hanno descritto la politica statunitense sull'Ucraina come dominata dagli obiettivi politici personali di Trump, oggi i membri della commissione si sono concentrati sulla telefonata del 25 luglio tra il capo di Stato e il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, da cui è scaturita l'indagine per abuso di potere. Oggi, soprattutto, sono stati ascoltati due testimonianze di 'prima mano', come sottolineato da un deputato democratico per smontare la difesa dei repubblicani, che lamentavano la presenza di soli testimoni di seconda o terza mano per indebolire la sussistenza delle indagini.

Impeachment, Trump sfida i democratici: "Voglio il processo in Senato"

Il presidente all'attacco su Fox News. La Camera potrebbe votare la sua messa in stato d'accusa prima di Natale

"Voglio il processo in Senato". Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha confermato, durante un'intervista a Fox News, di volere l'impeachment e il processo, come dichiarato ieri da un suo portavoce.

Impeachment Trump, in settimana attesa l'udienza di Sondland

Il presidente Usa su Twitter: "Considererò l'ipotesi di testimoniare" presentata dalla speaker Pelosi
Ap

Otto funzionari statunitensi testimonieranno pubblicamente, questa settimana, davanti alla commissione Intelligence della Camera, nell'ambito delle indagini che potrebbero condurre all'impeachment del presidente Donald Trump. La più attesa della seconda settimana di udienza pubbliche è quella di Gordon Sondland, ricco donatore di Trump divenuto ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, che risponderà alle domande dei membri della commissione mercoledì 20 novembre.