Fusione tra Abbott Laboratories e Alere si farà, ma con un prezzo più basso

Abbott pagherà 51 dollari per azione, meno dei 56 dollari inizialmente ipotizzati, ovvero un totale di 4,44 miliardi di dollari, meno dei quasi 5 miliardi originali.

La fusione tra Abbott Laboratories e Alere, che sembrava destinata a naufragare, si farà. Le due società del settore farmaceutico e sanitario americano, per sbloccare la situazione, hanno trovato un punto di incontro su una cifra più bassa di quella inizialmente prevista.

Abbott, colosso con oltre 70.000 dipendenti e presente in oltre 150 Paesi, pagherà dunque 51 dollari per azione, meno dei 56 dollari inizialmente ipotizzati, ovvero un totale di 4,44 miliardi di dollari, meno dei quasi 5 miliardi originali. Includendo i titoli privilegiati, il valore dell'operazione scende da 5,8 a 5,3 miliardi.

L'accordo per la fusione era stato raggiunto a gennaio dell'anno scorso, creando un colosso nel settore della diagnostica e dei test medici. Tuttavia, successivamente ci sono stati vari sviluppi negativi che hanno fatto calare il valore di Alere, che tra le altre cose ha dovuto richiamare dei prodotti ed è finita nel mirino delle autorità per avere presentato in ritardo i risultati di bilancio del 2015.

Per questo Abbott aveva minacciato di fare saltare l'accordo, anticipando, nella migliore delle ipotesi, significativi ritardi del closing. Alere aveva nel frattempo rimandato al mittente un'offerta da 50 milioni di dollari come risarcimento per l'eventuale naufragio dell'operazione e anzi aveva fatto causa alla rivale, accusandola di voler violare i termini originari dell'intesa.

Dopo vari rovesciamenti di fronte processuali, che avevano per altro visto Abbott tentare di passare per il tribunale per fare annullare l'accordo, le due società hanno infine trovato un punto di incontro, appunto sul prezzo di 51 dollari per azione, che comunque rappresenta un premio del 21% per gli azionisti di Alere, che stavano progressivamente perdendo le speranze di vedere chiusa la transazione.

Altri Servizi

Visa: conti oltre le stime grazie a "spinta economica" e Visa Europe

Il gruppo che gestisce una rete di pagamenti ha alzato l'outlook per l'intero esercizio fiscale

Grazie a un aumento dei volumi di pagamento, merio anche all'acquisizione di Visa Europe, Visa ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili in netto rialzo tanto che il gruppo che come MasterCard gestisce transazioni di carte di credito e bancomat ha alzato le stime per l'anno: i profitti sono arrivati a quota 2,06 miliardi di dollari, o 86 centesimi per azione, dai 412 milioni, o 17 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'esercizio precedente; gli analisti si aspettavano un risultato pari a 81 centesimi per azione. I ricavi operativi sono balzati del 26% a 4,57 miliardi di dollari, sopra le previsioni per 4,36 miliardi attesi dal mercato.

Wall Street, attenzione rivolta alla Bce

Il governatore Draghi: "pronti ad aumentare" il QE se sarà necessario
AP

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Microsoft: il cloud computing spinge gli utili oltre le stime

Nel suo quarto trimestre fiscale, il gruppo informatico ha più che raddoppiato i profitti a 6,51 miliardi di dollari. LinkedIn contribuisce 1,1 miliardi.

Nel suo quarto trimestre fiscale, chiuso il 30 giugno scorso, Microsoft ha registrato utili netti per 6,51 miliardi di dollari, o 83 centesimi per azione, più del doppio rispetto ai 3,12 miliardi dello stesso periodo del 2016. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono saliti a 98 centesimi da 69 centesimi, sopra il consenso per 71 centesimi. I ricavi sono aumentati a quota 24,7 miliardi, oltre le stime per 24,27 miliardi.

O.J. Simpson ottiene la libertà vigilata, uscirà dal carcere a ottobre

Accusato dell’omicidio dell’ex moglie, venne assolto. Adesso è in prigione per rapina a mano armata e ha scontato nove dei 33 anni a cui è stato condannato
Ap

Sessions risponde a Trump: resto segretario alla Giustizia

Il presidente Usa ha detto che non lo avrebbe scelto se avesse saputo che si sarebbe astenuto dal Russiagate
Ap

Trump attende, i repubblicani lontani da un'intesa sulla riforma della sanità

Il presidente vuole piegare il Congresso al suo volere, ma il partito non sembra in grado di trovare i voti necessari per l'approvazione di un piano che sostituisca l'Obamacare
Ap

Calcio: la lega italiana in roadshow fa tappa a New York

Presente anche James Pallotta, presidente della Roma: per lui "è questione di settimane per l’ok al nuovo stadio". Totti? Sarà parte della squadra "per sempre"

Alcoa torna all'utile ma taglia l'outlook

il più grande produttore di alluminio al mondo ha però alzato le previsioni sulla domanda
ap

Qualcomm: senza Apple, utili trimestrali -40%

Il produttore dell'iPhone ha bloccato il versamento delle royalties al principale produttore di chip per smartphone
Qualcomm