G7: Mustier (Unicredit) a incontro centrato su cybersicurezza finanziaria

Dialogo tra settore pubblico e privato per capire le sfide e definire le soluzioni. Non è emerso un senso di urgenza nonostante i casi in Usa contro Equifax, Sec e Deloitte

Washington - Jean Pierre Mustier, Ceo di Unicredit, ha partecipato nel pomeriggio americano del 12 ottobre a una riunione del G7 che si è occupata anche di cybersicurezza nel settore finanziario. L'amministratore delegato è stato uno dei rappresentanti del settore privato, uno per nazione, che sono stati invitati a partecipare all'incontro organizzato a Washington a margine dei lavori autunnali del Fondo monetario internazionale.

Il meeting - che è servito anche per dare l'addio agli uscenti vicepresidente della Federal Reserve e ministro tedesco delle Finanze, rispettivamente Stanley Fischer e Wolfgang Schaeuble - è stato organizzato in tre sessioni da tre quarti d'ora l'uno. La prima è stata appunto dedicata alla cybersicurezza, la seconda all'agenda per la crescita inclusiva e la terza al coordinamento delle istituzioni finanziarie.

Secondo fonti, non è emerso un senso di urgenza nella lotta contro intrusioni informatiche illecite, non si è parlato di criptovalute come Bitcoin o di attacchi sponsorizzati da governi. Nell'epoca in cui in Usa non si parla altro che di Russiagate, non si è discusso nemmeno di casi specifici nonostante i casi recenti che hanno riguardato l'agenzia americana di controllo dei crediti Equifax, la Securities and Exchange Commission e la società di revisione Deloitte.

L'obiettivo - hanno spiegato le fonti - era quello di capire quali sono le sfide attuali e quali potrebbero essere le soluzioni possibili. Per questo si punta allo scambio di informazioni e a capire quale sia il luogo più adatto per coordinare le iniziative.

Per l'Italia - che ha deciso un anno e mezzo fa di fare del tema della cybersicurezza un tema parte della sua agenda alla presidenza del G7 - le prime sessioni sono state importanti. L'idea era quella di avviare uno scambio di esperienze e dare ai policy maker il punto di vista dell'industria finanziaria. C'è stato chi ha raccontato che ha 2.000 persone che lavorano su questo ogni giorno e chi sostiene che servano più laureati preparati a lavorare in questo campo. Insomma, mentre dialogano, il pubblico e il privato sanno che la società si sta digitalizzando sempre di più e che quindi il rischio di cyberattacchi va aumentando. E se fino a un po' di tempo fa gli attacchi hacker avevano una elevata frequenza di cani sciolti, oggi c'è una sorta di escalation che chiama sempre più in causa organizzazioni criminali.

Altri Servizi

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Jack Ma 'tradisce' Trump: Alibaba non creerà più 1 mln di posti di lavoro in Usa

La promessa si fondava su "partnership amichevole tra Usa e Cina e relazioni commerciali razionali"
ap

Alla luce dell'aumento delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, Alibaba non intende più creare un milione di posti di lavoro in cinque anni nell'America di Donald Trump.

Wall Street, attenzione rivolta ai dati macroeconomici

In programma i sussidi di disoccupazione, il superindice dell'economia e le vendite di case esistenti
iStock

Sky, la battaglia tra Comcast e Fox si deciderà all'asta

Lo scontro finale tra venerdì e sabato; al momento, l'offerta di Comcast è la più alta
iStock

Le autorità britanniche hanno deciso che lo scontro tra Comcast e 21st Century Fox per Sky si deciderà all'asta, che avrà al massimo tre round di offerte, nell'arco di 24 ore tra venerd" e sabato, quando poi sarà annunciata la società vincitrice. Per il momento, l'offerta di Comcast, a 14,75 sterline per azione, o 26 miliardi di sterline in totale, è superiore alle 14 sterline offerte da Fox, che danno un valore a Sky di 24,5 miliardi; l'attuale capitalizzazione di Sky è di 27 miliardi di sterline (oltre 35 miliardi di dollari). Fox possiede già il 39% del capitale del broadcaster britannico.

Wall Street: S&P 500 e Dj da record, Trump si congratula con gli Usa

Timori contenuti per le tensioni commerciali. Cina pronta a tagliare dazi medi sulle importazioni dai principali partner commerciali. Domani il "giorno delle quattro streghe. Facebook e Twitter fuori dal settore tech
AP

Gli indici a Wall Street festeggiano nuovi massimi. L'S&P 500 si è portato sopra i livelli record messi a segno il 29 agosto pari a 2.914,04 punti e il Dow Jones Industrial Average ha viaggiato oltre quelli a quota 26.616,71 toccati l'ultima volta il 26 gennaio. Donald Trump, il presidente americano, non ha perso un attimo per festeggiare e scrivere su Twitter "Congratulazioni Usa".

Visa, Mastercard e alcune banche americane che emettono carte di credito hanno siglato il più grande patteggiamento legato a una class action e siglato nell'ambito di un caso antitrust. Esso riguarda le commissioni pagate dai commercianti - pari in Usa a oltre 90 miliardi di dollari l'anno - quando accettano pagamenti effettuati con carte di credito. Il valore dell'intesa è pari a 6,2 miliardi di dollari.

Usa: patrimonio famiglie gonfiato dall'azionario, nel II trimestre sfiora i 107mila miliardi

Nel pieno della recessione del 2008 il dato era sceso a 55.000 miliardi