I gemelli Winklevoss lanciano il cripto dollaro

Sostengono che il Gemini dollar sia il primo 'stablecoin' regolato al mondo. Vale quanto un biglietto verde
AP

L'autorità di borsa americana avrà anche bocciato la loro proposta di Etf avente come sottostante Bitcoin ma i gemelli Winklevoss hanno avuto un'altra idea: lanciare un cripto asset legato al dollaro americano. Il cosiddetto cripto dollaro è stato lanciato dal loro exchange digitale, la Gemini Trust Company.

Il Gemini dollar, questo il nome del nuovo prodotto, è stato approvato dal dipartimento Servizi finanziari dello Stato di New York. Con quello che risulta essere il primo 'stablecoin' regolato al mondo, i gemelli meglio conosciuti per la loro disputa legale contro Mark Zuckerberg sulla paternità di Facebook permetto alle persone di inviare e ricevere dollari americani sulla rete di criptovalute di Ethereum. I due puntano a mantenere il valore del cripto dollaro uno a uno con il biglietto verde.

L'intento è fare usare i cripto asset non come investimento ma per vendere e comprare cose. Con la nuova trovata dei gemelli Winklevoss, le persone possono convertire dollari in Gemini dollari e viceversa trasferendo capitali nel mondo. I cripto dollari saranno depositati presso la banca americana State Street. I due fratelli hanno spiegato che "il Gemini dollari è parte della nostra missione di sviluppare il futuro del denaro. E' il legame mancante tra il sistema banzario tradizionale e la cripto-economia".

Altri Servizi

Russiagate: cosa Mueller vuole capire con l'aiuto di Manafort

L'ex direttore della campagna Trump pronto a collaborare con il procuratore speciale

Non è chiaro se Paul Manafort sia in possesso di informazioni potenzialmente dannose per Donald Trump, ma il suo mea culpa e l'impegno a collaborare "pienamente" con gli inquirenti danno al procuratore speciale Robert Mueller un'ottima occasione per fargli domande chiave nell'ambito del Russiagate, l'inchiesta sulla presunta interferenza di Mosca nelle elezioni del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e il Cremlino.

Katrina e Florence, Dean e Harvey: storia dei nomi degli uragani

Prima erano usati i nomi dei santi, poi solo quelli femminili. Dal 1979, è in vigore una rotazione di nomi maschili e femminili; quando un uragano provoca morti e devastazioni, il suo nome viene depennato dalla lista

In principio furono quelli dei santi. Poi, si preferirono femminili. Ora, al contrario di quanto si pensi, si applica rigidamente l'alternanza di genere.

Cbs, si dimette il Ceo Leslie Moonves travolto da nuove accuse di molestie

L’emittente ha annunciato che l'addio del top manager ha effetto immediato, al suo posto il direttore generale Joseph Ianniello

Leslie Moonves, uno degli uomini più potenti della tv americana e numero uno di Cbs, si è dimesso dalla sua carica di Ceo dell’emittente statunitense dopo essere stato travolto dallo scandalo molestie. Il passo indietro di Moonves, che come ha annunciato il network lascia le cariche "con effetto immediato", arriva nel giorno in cui altre sei donne lo hanno accusato di abusi dalle colonne del New Yorker.

Wall Street prova a ripartire, dopo i recenti ribassi

Le tensioni commerciali continuano ad agitare gli investitori
iStock

Nia Franklin, prima Miss America senza sfilata in bikini

Afroamericana, 24 anni, cantante d'opera. La rivoluzione al concorso decisa dopo uno scandalo interno e la nascita del movimento #MeToo contro le violenze sulle donne
Ap

Nia Imani Franklin è la prima Miss America a essere stata incoronata senza aver dovuto indossare un costume da bagno. La ragazza afroamericana, 24 anni, che ha partecipato alla competizione ad Atlantic City come Miss New York, ha detto in conferenza stampa di essere contenta di non aver dovuto indossare un costume da bagno e di apprezzare il cambiamento deciso per il concorso, nato 97 anni fa.

Gli Usa minacciano la Corte penale internazionale: non indagateci per crimini di guerra

Possibili sanzioni contro i giudici del tribunale "illegittimo". Gli Usa annunceranno anche la chiusura dell'ufficio a Washington dell'Olp
AP

Gli Stati Uniti annunceranno oggi una dura presa di posizione contro la Corte penale internazionale dell'Aia, minacciando sanzioni contro i suoi giudici, se decideranno di procedere con un'indagine sui presunti crimini di guerra commessi dagli statunitensi in Afghanistan. Il consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, l'ex ambasciatore John Bolton, darà l'annuncio durante un discorso in programma a Washington, il primo da quando è entrato alla Casa Bianca, riporta Nbc News. "Gli Stati Uniti useranno qualsiasi mezzo necessario per proteggere i nostri cittadini e quelli dei nostri alleati da un ingiusto procedimento da parte di questo tribunale illegittimo" dirà Bolton, secondo una bozza del suo discorso ottenuta dalla stampa statunitense.

Snapchat dice addio a un altro top manager, nuovi minimi storici per il titolo

Imran Khan, da quasi 4 anni direttore strategia del gruppo, dovrebbe lanciare un'azienda propria

Snapchat dice addio a un altro dei manager più vicini al Ceo Evan Spiegel in una fase in cui il titolo della controllante della app viaggia su minimi storici.

Cbs: dopo l'addio dello storico Ceo, vendita del gruppo più probabile

L'azionista di riferimento, la National Amusements dell'anziano tycoon dei media Sumner Redstone, promette al cda più indipendenza. AT&T e Verizon potrebbero essere interessati

Cbs soffre in borsa, dove il titolo è arrivato a cedere quasi il 4% . Il gruppo media è alle prese con l'addio del suo storico Ceo Les Moonves, travolto da nuove accuse di molestie sessuali. Per gli analisti ora la vendita dell'azienda diventa più probabile.

Trump si vanta (mentendo) dei successi economici dell'America

Non è vero, come ha sostenuto il presidente, che il tasso di crescita del Pil ha superato per la prima volta in 100 anni quello del tasso di disoccupazione

Donald Trump è tornato a vantarsi dell'andamento dell'economia americana come se il merito fosse esclusivamente suo.

Gli Usa ordinano la chiusura dell'ufficio dell'Olp a Washington

La delegazione diplomatica palestinese "non fa abbastanza per la pace". Rottura definitiva dei rapporti tra l'amministrazione Trump e Abu Mazen
Ap

Gli Stati Uniti hanno ordinato la chiusura della missione dell'Organizzazione per la liberazione della Palestina (Olp) a Washington, come già filtrato dai media statunitensi. Lo ha reso noto il dipartimento di Stato; più tardi, John Bolton, consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Donald Trump, fornirà alcuni particolari della decisione degli Stati Uniti. Si tratta di una decisione che allontanerà ulteriormente i palestinesi dagli Stati Uniti, dopo la decisione del presidente Trump di spostare l'ambasciata in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme.