General Motors si colora di rosa: una 39enne diventa direttore finanziario

Risponderà al Ceo Mary Barra, la prima donna al volante di un gruppo automobilistico

General Motors è praticamente in mano alle donne. Una 39enne di origini indiane è stata promossa per diventare il direttore finanziario del più grande prodotture americano di auto davanti a Ford e Fiat Chrysler Automobiles. Si tratta di Dhivya Suryadevara, che dal prossimo primo settembre prenderà il posto del 58enne Chuck Stevens. Dopo oltre 40 anni nell'azienda di Detroit (Michigan), il top manager ha comunicato la sua intenzione di andarse. Cfo dal 15 gennaio 2014, Stevens sarà advisor fino al suo addio.

Suryadevara - laurea e master in India e un Mba ad Harvard - renderà conto delle proprie attività all'amministratore delegato Mary Barra, la prima donna al mondo a essere finita al volante di un gruppo di auto (era il gennaio 2014). Il Ceo ha commentato la promozione della 39enne, dal luglio 2017 vicepresidente delle finanze aziendali, dicendo che la sua "esperienza e leadership in vari ruoli chiave nelle nostre attività finnziarie la posizionano bene per portare avanti i risultati forti che abbiamo conseguito negli ultimi anni". Focalizzandosi sulle vetture ad alti margini come i Suv e i pickup truck, GM ha conseguito due anni di fila con profitti operativi record.

In un settore, quello delle quattro ruote, dominato da sempre dagli uomoni, la promozione di Suryadevara dimostra l'importanza crescente del gentil sesso in GM. Cinque degli 11 membri del cda dell'azienda sono donne e a Barra riferiscono varie executive tra cui Kimberly Brycz, a capo delle risorse umane da marzo, e Alicia Boler Davis, a capo delle attività manifatturiere.

Stando a una nota di GM, Suryadevara ha avuto un ruolo chiave nel disivestimento in Opel, nell'investimento in Lyft (l'anti-Uber) e in quello della giapponese SoftBank annunciato recentemente per 2,25 miliardi di dollari nelle attività di GM dedicate alla guida autonoma. Tra il 2015 e il 2017, Suryadevara "ha contribuito" a ottenere un rialzo dei rating delle tre principali agenzie e dal 2013 al 2017 è stata anche Ceo e direttore investimenti di GM Asset Management.

Nel 2018 il titolo GM ha guadagnato quasi l'8% e negli ultimi 12 mesi oltre il 27%.

Altri Servizi

Wall Street, pesa la volatilità del petrolio

Attesa per il dato sull'inflazione
iStock

Elezioni Usa, vittoria democratica più netta a una settimana dal voto

Il conteggio va avanti ed è sempre più favorevole ai democratici. Il Congresso diviso, però, sarà un'arma in più per il presidente Trump
Ap

Non è stata un'onda blu, ma a una settimana dalle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti (qui il pezzo sui risultati parziali; questo il commento, il giorno dopo), i contorni del risultato dei democratici si fanno più nitidi, mentre si continuano a contare i voti ed emergono i vincitori.

Amazon

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme. Amazon ha scelto di dividere tra due città il suo secondo quartier generale. Dopo quello di Seattle (nello Stato di Washington) il colosso americano del commercio elettronico investirà 5 miliardi di dollari creando oltre 50mila posti di lavoro tra New York City (a Long Island City, la località del Queens separata da Manhattan dall'East River) e Arlington (Virginia).

Elezioni di Midterm, in Florida si ricontano i voti

Ancora in bilico le sfide per le nomine del governatore e al Senato

A oltre quattro giorni dalla chiusura dei seggi in Florida e dopo le accuse reciproche di frode tra democratici e repubblicani è stato ordinato un riconteggio dei voti. La decisione è stata presa dal segretario di stato della Florida, Ken Detzner, quando nel Sunshine State l’assegnazione della poltrona da senatore e la carica di governatore sono ancora in ballo con margini davvero ristretti tra i vari candidati.

California, sale a 25 il bilancio dei morti oltre 250mila persone evacuate

Quasi 7000 le abitazioni distrutte mentre i roghi continuano a minacciare l'area di Malibù

È salito a 25 il bilancio dei morti in California a causa degli incendi che da giorni stanno mettendo in ginocchio il "Golden State". Il tutto mentre le fiamme continuano a minacciare l’area intorno alla capitale dello stato, Sacramento. Come riporta Bbc, ai nove morti degli scori giorni si sono aggiunte altre 14 persone i cui corpi sono stati trovati a Paradise, cittadina nel nord dello Stato, mentre altre due persone sono state trovate senza vita nell’area di Malibù.

"Presidential Medal of Freedom", Trump nomina Elvis, Babe Ruth e Antonin Scalia

Si tratta della più alta onorificenza civile che un presidente Usa può assegnare. Assieme a loro anche altre quattro personalità

Il prossimo 16 novembre Donald Trump conferirà a sette persone la "Presidential Medal Freedom" la più alta onorificenza civile che un presidente degli Stati Uniti può assegnare a un cittadino americano. Tra le sette personalità che verranno insignite quest’anno ci sono quattro assegnazioni postume: il Re del Rock’n Roll Elvis Presley, il campione di baseball e icona dello sport americano, Babe Ruth, conosciuto come "The Great Bambino", il celebre giudice della Corte Suprema, Antonin Scalia, scomparso due anni fa, e Miriam Adelson, moglie del miliardario Sheldon, finanziatori del partito repubblicano.

Levi's vuole riportare i suoi jeans in borsa

Ipo attesa all'inizio del 2019. Il gruppo punta a una valutazione di 5 miliardi di dollari

Il produttore dei primi blue jeans sta per sbarcare in borsa. Levi Strauss & Co (Levi's) punta a raccogliere tra i 600 miliardi di dollari e gli 800 miliardi attraverso una Ipo che valuterebbe l'azienda fino a 5 miliardi di dollari. Lo riferisce Cnbc citando alcune fonti secondo cui la quotazione è prevista nel primo trimestre del 2019.

Wall Street, pesa la Fed

Tassi stabili, ma a dicembre ci sarà un'altra stretta
AP

Afghanistan, anno record per bombe lanciate dagli Usa

Tra gennaio e settembre, lanciati 5.213 ordigni; superato il record di 5.101 del 2010. Con Tump, cambiate le regole d'ingaggio

Gli Stati Uniti non hanno mai lanciato così tante bombe sull'Afghanistan com nel 2018. È quanto emerge dai dati resi noti dallo U.S. Air Forces Central Command, ripresi da Forbes. Diciassette anni dopo la presa di Kabul da parte delle forze statunitensi e alleate, metà dell'Afghanistan è sotto il controllo dei talebani e la guerra è ancora lontana da una conclusione, con 14.000 soldati statunitensi ancora nel Paese.