Gentiloni: con Washington rapporti storici, fanno parte dei nostri interessi

Per il presidente del Consiglio, oggi alla Casa Bianca per incontrare il presidente americano Donald Trump, "è importante che si capisca che questi rapporti storici oggi fanno parte anche dei nostri interessi".

Quelli che l'Italia ha con gli Stati Uniti sono "rapporti storici, a cui teniamo molto, che sono sempre stati un pilastro della nostra politica estera". Lo ha detto Paolo Gentiloni, presidente del consiglio dei ministri, parlando a margine del suo intervento al think tank Center for Strategic and International Studies di Washington.

Per il leader italiano, che alle 21 sarà alla Casa Bianca per incontrare il presidente americano Donald Trump, "è importante che si capisca che questi rapporti storici oggi fanno parte anche dei nostri interessi".

Coltivare la relazione tra Usa e Italia è "fondamentale per gestire le crisi che abbiamo dal Mediterraneo alla stabilizzazione di alcuni Paesi come la Libia", ha aggiunto Gentiloni secondo cui la leadership italiana e Usa è fontamentale per fare passi ulteriori nello stabilizzare la Libia, "che vuol dire anche far fronte a fenomeni migratori, contrastare trafficanti di esseri umani e combattere il terrorismo".

Per Gentiloni, "non si tratta solo di confermare quello che è un ancoraggio storico della nostra politica estera. Si tratta di coltivare i nostri interessi nazionali con gli Usa investendo in questo rapporto quelli che sono i nostri principi e i nostri valori ai quali teniamo molto e che sosteniamo a testa alta".


Sulla Brexit

Il presidente del Consiglio ha affrontato anche temi di rilevanza internazionale, a partire dall'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, prevedendo negoziati "difficili". La Ue ha "bisogno di unità, perché averla implica avere una posizione forte per trattare". Secondo Gentiloni, l'unità della Ue "è nell'interesse anche della nazione d'Oltremanica" perché altrimenti non si trova una soluzione. Il leader italiano ha detto che "siamo in favore di un approccio giusto, non abbiamo bisogno della vendetta se un Paese lascia l'Ue". 


Sulla Russia

"Non dobbiamo mostrate debolezza, sarebbe un errore, ma se siamo uniti dobbiamo coinvolgere la Russia" per risolvere le crisi in corso non solo in Siria ma anche in Ucraina. Gentiloni ha ribadito che "l'idea di isolare la Russia non è una cosa accurata dal punto di vista storico, psicologico. Quando attaccata, la Russia reagisce con un incredibile orgoglio ed energia; quando coinvolgi la Russia, essa mostra le proprie debolezze.

Dovremmo studiare quello che è successo negli anni '80". Secondo Gentiloni "abbiamo fatto bene a reagire all'Ucraina, sapendo che per noi è stata una scelta difficile visto che, con la Germania, siamo stati la nazione più colpita dalle conseguenze dell'imposizione di sanzioni" contro Mosca per l'annessione, nel marzo 2014, della penisola di Crimea che teoricamente fa parte del territorio sovrano controllato da Kiev.


Sull'Unione europea

"Sono preoccupato, come tutti dovrebbero essere, ma sono ottimista" sulla tenuta dell'Europa e dell'Unione europea in vista di elezioni che saranno "cruciali". In vista del primo round delle elezioni presidenziali francesi di domenica prossima e di quelle, a settembre, della Germania,  Gentiloni ha fatto notare che "nell'ultimo paio di anni abbiamo avuto una tempesta perfetta: la Brexit, la crisi della migrazione, le conseguenze della crisi economica in vari Paesi.

Il presidente del consiglio ha aggiunto: "Tengo alta l'attenzione di quanto succede: le prossime elezioni saranno cruciali. L'America può giocare un ruolo: mai dimenticarsi si cosa sia l'Ue, una storia straordinaria di successo". Gentiloni si dice ottimista perché "nella nostra esperienza passata, l'Europa ha sempre reagito alle difficoltà con una reazione positiva. Non sono pessimista".


Su Libia e Siria

"Non credo che la divisione della Libia, una più vicina all'Egitto e l'altra più islamica, sia una buona idea", ha detto Gentiloni, sottolineando che una divisione "potrebbe alimentare la distabilizzazione e un ulteriore intervento estero. Le conseguenze sarebbe dannose per l'Egitto, la Tunisia e l'Europa".

Sulla Siria Gentiloni ha detto che il raid missilistico deciso il 7 aprile scorso dal presidente americano Donald Trump contro una base aerea siriana in risposta all'attacco chimico di tre giorni prima che Washington crede sia stata opera del presidente siriano Bashar al-Assad, è stata la "cosa giusta da fare". In Siria non c'è spazio per una soluzione militare ma politica a una "violenza orrenda" giunta al settimo anno.

Il presidente del Consiglio dei ministri ha detto che quella di Trump è stata una "risposta motivata dall'uso di armi chimiche" che ha lanciato un "messaggio chiaro ad Assad". Gentiloni ha aggiunto: "Credo fosse la cosa giusta da fare ma questo non significa che possiamo immaginare una soluzione militare alla crisi siriana". Per il presidente del Consiglio, "l'Italia ha sempre detto che l'idea di evitare qualsiasi negoziato prima di un cambio di regime era irrealistico". E così è. "Ora è il momento di negoziati veri" anche perché "Assad non è l'uno attore, deve negoziare anche con l'opposizione". Serve inoltre "un ruolo costruttivo della Russia" perché "non c'è alternativa: c'è una soluzione militare a Raqqa, non a Damasco".

Altri Servizi

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Summit Trump-Kim: il vincitore è la Cina

Per gli esperti, troppe concessioni degli Usa alla Corea del Nord. Giappone e Corea del Sud gli sconfitti. La Russia osserva: "il diavolo sta nei dettagli" (che mancano)
AP

Quello tra Donald Trump e Kim Jong Un è stato certamente un incontro "storico", un buon inizio di un lungo iter diplomatico volto a portare alla denuclearizzazione della penisola coreana e magari alla fine ufficiale della Guerra di Corea (iniziata nel 1950 e finita nel 1953 ma solo con un armistizio). Tuttavia, tra il leader americano e quello nordcoreano, è il secondo che sembra avere avuto la meglio. E la Cina di Xi Jinping ha vinto indirettamente su tutti mentre il Giappone di Shinzo Abe e la Corea del Sud di Moon Jae-in emergono come gli sconfitti. E' questa l'impressione generale tra gli esperti americani di politica estera.

Immigrazione, tutti contro Trump. Melania, invece, sta con lui (anche se non sembra)

La first lady chiede un Paese che "governi col cuore", ma attribuisce le responsabilità della situazione a repubblicani e democratici, dando eco alle affermazioni ingannevoli del presidente. La responsabilità è solo della Casa Bianca

Tutti, o quasi, contro il presidente Donald Trump. Importanti figure del partito repubblicano si sono unite ai democratici nel chiedere all'amministrazione statunitense di porre fine alla politica della 'tolleranza zero', che sta dividendo i bambini dai genitori con cui hanno attraversato il confine tra Stati Uniti e Messico senza un visto. Più complessa, invece la posizione assunta dalla first lady Melania Trump, che ha fatto sapere, tramite la sua portavoce, di "credere nel bisogno di un Paese che segua tutte le leggi, ma anche un Paese che governi col cuore"; non ha, però, criticato il marito Donald, come affermato da molti giornalisti, anzi: si è unita a lui nel chiedere che repubblicani e democratici lavorino insieme per approvare una riforma dell'immigrazione e risolvere la situazione.

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

Russiagate, il WP rivela incontro tra Roger Stone e un russo

Il consigliere di lungo corso di Trump ha incontrato Henry Greenberg che gli aveva promesso materiale scottante su Hillary Clinton
©AP

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Contrordine: Trump appoggia la proposta di legge sull'immigrazione dei repubblicani moderati

La Casa Bianca chiarisce la posizione del presidente, dopo le sue affermazioni a Fox News. La proposta proteggerà dall'espulsione i Dreamers
iStock