Gentiloni: "rapporti storici" con gli Usa. A Trump: può essere l'anno della sconfitta di Daesh

Mediterraneo? Mitigare crisi migranti. Libia? No alla divisione in due. Siria? Cosa buona il raid americano ma no a soluzione militare. Russia? Coinvolgerla senza mostrare debolezza. Brexit? Negoziati difficili. Elezioni Ue? Preoccupazione ma ottimismo

Paolo Gentiloni si presenta alla Casa Bianca di Donald Trump forte di "rapporti storici" che oggi "fanno parte anche dei nostri interessi". Parole, queste, che ricalcano quelle pronunciate da un alto funzionario del dipartimento di Stato in vista del G7 dei ministri degli Esteri che si è svolto a Lucca il 10 e 11 aprile scorsi: "L'Italia è uno dei partner internazionali di maggior valore degli Stati Uniti e uno dei nostri più stretti amici". Se la stessa fonte ci aveva detto che la relazione tra Usa e Italia "si basa su una storia e su interessi condivisi riguardanti una vasta gamma di questioni globali", Gentiloni ha citato esplicitamente quelle questioni a poche ore dal suo arrivo alla Casa Bianca di Donald Trump a cui dirà di "tenere l'Africa in testa all'agenda". E con una punta di ottimismo che "questo può essere l'anno della sconfitta di Daesh nel controllo del territorio". Quindi avanti con la campagna militare della coalizione guidata dagli Usa contro il terrorismo in Siria e Iraq.

Per Gentiloni, tessere le relazioni con gli Usa "non sta solo nel confermare quello che è un ancoraggio storico della nostra politica estera. Si tratta di coltivare i nostri interessi nazionali con gli Usa investendo in questo rapporto quelli che sono i nostri principi e i nostri valori ai quali teniamo molto e che sosteniamo a testa alta".

E' al Center for Strategic and International Studies, un think tank a pochi passi dalla residenza del presidente Usa, che Gentiloni ha parlato dei temi più caldi: la Libia (la cui stabilizzazione è fondamentale per l'Italia), la Siria (dove serve una soluzione politica, non militare), la Russia (che va coinvolta ma a cui non bisogna "mostrare debolezza") e il Mediterraneo, dove un asset transatlatico è visto come cruciale per "mitigare la crisi dei migranti", che rappresenta una "situazione drammatica" con 500.000 persone salvate negli ultimi tre anni. Quanto alla Brexit, i negoziati "saranno difficili" ma sarà necessaria unità per trovare una soluzione. E se le elezioni previste nel Vecchio Continente preoccupano, a cominciare dalla Francia, lui si è detto ottimista.

Libia: sì alla stabilizzazione, no alla divisione in due
Come aveva già ribadito mentre era in volo da Roma alla capitale Usa, Gentiloni ha insistito su una leadership italiana e Usa "per fare passi ulteriori nello stabilizzare la Libia, che vuol dire anche far fronte a fenomeni migratori, contrastare trafficanti di esseri umani e combattere il terrorismo".

"Non credo che la divisione della Libia, una più vicina all'Egitto e l'altra più islamica, sia una buona idea", ha detto Gentiloni parlando al CSIS. Secondo lui una divisione "potrebbe alimentare la distabilizzazione e un ulteriore intervento estero. Le conseguenze sarebbe dannose per l'Egitto, la Tunisia e l'Europa".

Siria: raid Usa "cosa giusta" ma no soluzione militare
Il raid missilistico deciso il 7 aprile scorso dal presidente americano Donald Trump contro una base aerea siriana in risposta all'attacco chimico di tre giorni prima che Washington crede sia stata opera del presidente siriano Bashar al-Assad, è stata la "cosa giusta da fare" secondo Gentiloni, convinto che in Siria non c'è spazio per una soluzione militare ma politica a una "violenza orrenda" giunta al settimo anno. Il presidente del Consiglio dei ministri ha detto che quella di Trump è stata una "risposta motivata dall'uso di armi chimiche" che ha lanciato un "messaggio chiaro ad Assad".

Gentiloni ha aggiunto: "Credo fosse la cosa giusta da fare ma questo non significa che possiamo immaginare una soluzione militare alla crisi siriana". Per il presidente del Consiglio, "l'Italia ha sempre detto che l'idea di evitare qualsiasi negoziato prima di un cambio di regime era irrealistico". E cos" è. "Ora è il momento di negoziati veri" anche perché "Assad non è l'uno attore, deve negoziare anche con l'opposizione". Serve inoltre "un ruolo costruttivo della Russia" perché "non c'è alternativa: c'è una soluzione militare a Raqqa, non a Damasco"

Russia: coinvolgerla ma non mostrare debolezza
"Non dobbiamo mostrate debolezza, sarebbe un errore, ma se siamo uniti dobbiamo coinvolgere la Russia" per risolvere le crisi in corso non solo in Siria ma anche in Ucraina. Lo ha detto Gentiloni parlando al Center for Strategic and International Studies.

Gentiloni ha ribadito che "l'idea di isolare la Russia non è una cosa accurata dal punto di vista storico, psicologico. Quando attaccata, la Russia reagisce con un incredibile orgoglio ed energia; quando coinvolgi la Russia, essa mostra le proprie debolezze. Dovremmo studiare quello che è successo negli anni '80". Secondo Gentiloni "abbiamo fatto bene a reagire all'Ucraina, sapendo che per noi è stata una scelta difficile visto che, con la Germania, siamo stati la nazione più colpita dalle conseguenze dell'imposizione di sanzioni" contro Mosca per l'annessione, nel marzo 2014, della penisola di Crimea che teoricamente fa parte del territorio sovrano controllato da Kiev.

Brexit: negoziati difficili, serve unità
Secondo il presidente del consiglio, negoziati per definire la relazione futura tra Ue e Regno Unito in seguito alla Brexit saranno "difficili". Gentiloni ha sottolineato come la Ue abbia "bisogno di unità, perché averla implica avere una posizione forte per trattare". Secondo Gentiloni, l'unità della Ue "è nell'interesse anche della nazione d'Oltremanica" perché altrimenti non si trova una soluzione. Parlando da Washington ore prima dell'incontro con Trump, il leader italiano ha detto che "siamo in favore di un approccio giusto, non abbiamo bisogno della vendetta se un Paese lascia l'Ue".

Elezioni Ue: preoccupazione ma ottimismo
"Sono preoccupato, come tutti dovrebbero essere, ma sono ottimista" sulla tenuta dell'Europa e dell'Unione europea in vista di elezioni che saranno "cruciali". In vista del primo round delle elezioni presidenziali francesi di domenica prossima e di quelle, a settembre, della Germania, Gentiloni ha fatto notare che "nell'ultimo paio di anni abbiamo avuto una tempesta perfetta: la Brexit, la crisi della migrazione, le conseguenze della crisi economica in vari Paesi.

Parlando dal think tank, il presidente del consiglio ha aggiunto: "Tengo alta l'attenzione di quanto succede: le prossime elezioni saranno cruciali. L'America può giocare un ruolo: mai dimenticarsi si cosa sia l'Ue, una storia straordinaria di successo". Gentiloni si dice ottimista perché "nella nostra esperienza passata, l'Europa ha sempre reagito alle difficoltà con una reazione positiva. Non sono pessimista".

Altri Servizi

Trump e gli affari immobiliari con i criminali russi

La mafia russa e il riciclaggio di denaro attraverso investimenti nelle proprietà del presidente
Apple

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha più volte negato di aver avuto legami con la Russia, ma a guardar bene nel passato del magnate immobiliare di New York ci sono tracce che conducono a Mosca: sono più di una, e in alcuni casi hanno a che fare con la criminalità russa, anche se non ci sono prove per dire se lui ne fosse o meno a conoscenza. La storia è intricata ed è stata ricostruita in un lungo articolo dal magazine New Republic.

Wall Street, chiusura in ribasso

Ieri, terzo record consecutivo per il Nasdaq, che ha archiviato la decima giornata consecutiva in aumento, la serie temporale più lunga dal febbraio 2015
AP

Trump recluta un finanziere come direttore della comunicazione, il portavoce lascia

Il presidente Usa ha voluto Anthony Scaramucci, scelta fortemente criticata da Sean Spicer: un "onore" lavorare per il presidente e questo "Paese fantastico"

C'è tensione alla Casa Bianca, dove il presidente Donald Trump è sempre più frustrato su come il suo team ha gestito l'intensificarsi del Russiagate, l'inchiesta sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali dello scorso novembre e sulla potenziale collusione tra la campagna Trump e funzionari russi. Nel giorno in cui è stata ufficializzata la nomina del nuovo direttore della comunicazione, un altro ex Goldman Sachs, il portavoce dell'amministrazione Trump ha lasciato. Dopo le indiscrezioni di stampa, è stato lo stesso Sean Spicer ha comunicare il suo addio su Twitter. 

Visa: conti oltre le stime grazie a "spinta economica" e Visa Europe

Il gruppo che gestisce una rete di pagamenti ha alzato l'outlook per l'intero esercizio fiscale

Grazie a un aumento dei volumi di pagamento, merio anche all'acquisizione di Visa Europe, Visa ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili in netto rialzo tanto che il gruppo che come MasterCard gestisce transazioni di carte di credito e bancomat ha alzato le stime per l'anno: i profitti sono arrivati a quota 2,06 miliardi di dollari, o 86 centesimi per azione, dai 412 milioni, o 17 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'esercizio precedente; gli analisti si aspettavano un risultato pari a 81 centesimi per azione. I ricavi operativi sono balzati del 26% a 4,57 miliardi di dollari, sopra le previsioni per 4,36 miliardi attesi dal mercato.

Usa vietano ai propri cittadini di visitare la Corea del Nord

Lo avevano anticipato due tour operator cinesi specializzati in viaggi nel regime di Kim Jong-un. Il giovane studente americano imprigionato a Pyongyang e poi deceduto in Usa aveva ricorso a uno dei due. Ritorsione di Trump
AP

E' ufficiale: l'amministrazione Trump ha deciso di vietare ai cittadini americani di visitare la Corea del Nord a partire dal mese prossimo. L'idea è che sia troppo rischioso. Lo ha comunicato il dipartimento di Stato confermando quanto anticipato sui rispettivi siti internet da due tour operator cinesi specializzati nei viaggi a Pyongyang.

Russiagate, Trump studia come screditare l'inchiesta

I legali studiano anche l'autorità presidenziale di "perdonare" chi è stato condannato. Lo sostiene il Washington Post. Per il senatore Warner, è "inquietante"

Gli avvocati di Donald Trump starebbero valutando scappatoie legali per depotenziare l'inchiesta sul Russiagate, o per arrivare a 'graziare' de facto le persone coinvolte nella vicenda che sta mettendo in seria difficoltà il presidente statunitense. Una prospettiva "estremamente inquietante", ha commentato il senatore Mark Warner, l'esponente democratico di più alto profilo che siede nel Comitato intelligence del Senato Usa, che indaga sulla possibile collusione tra l'entourage del leader della Casa Bianca e la Russia.

Hyperloop, città e Stati Usa ignari del progetto di Musk

Il fondatore di Tesla ha annunciato un accordo verbale con il governo, ma nessuno ne sa qualcosa. Tra dubbi e speranze, il deputato Castro gli lancia una proposta su Twitter: "Vieni a costruirlo in Texas"
AP

Elon Musk ha stupito il mondo, annunciando di aver ottenuto "l'approvazione verbale del governo" per costruire una linea underground New York-Philadelphia-Baltimora-Washington D.C. da coprire con l'Hyperloop. Con il sistema di trasporto del futuro, alimentato a energia solare, il tragitto dal centro di New York al centro di Washington si farà, aveva scritto il fondatore di Tesla su Twitter, in 29 minuti. Poi, aveva aggiunto che "c'è bisogno ancora di molto lavoro per ricevere l'approvazione formale, ma sono ottimista che succederà rapidamente".

Honeywell: l'aerospazio sostiene i conti, alza le guidance

La conglomerata industriale si difende dal pressing dell'investitore attivista Loeb

La conglomerata industriale Honeywell International ha chiuso il secondo trimestre del 2017 con utili per 1,4 miliardi di dollari o 1,80 dollari per azione, in rialzo del 5,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; gli analisti si aspettavano profitti per azione di 1,78 dollari. I ricavi sono saliti dell'1% a 10,08 miliardi, anche in questo caso battendo le stime ferme a 9,88 miliardi.

Meno Bannon, più finanza. Come cambia la comunicazione di Trump

Il presidente vuole ripartire dopo gli errori del Russiagate e affida la guida della comunicazione al finanziere di New York, Anthony Scaramucci. Sean Spicer lascia e il suo posto viene preso da Sarah Sanders, sua vice

La nuova strategia di comunicazione di Donald Trump si potrebbe riassumere con uno slogan: meno Bannon e più finanza. Una scelta che ha portato il presidente americano a porre a capo della sua comunicazione alla Casa Bianca, Anthony Scaramucci, finanziere di Wall Street; mossa che ha rotto definitivamente il rapporto con il suo portavoce, Sean Spicer, che immediatamente si è dimesso furioso - si dice - per la decisione del presidente.

GE: utili trimestali -57% ma sopra le stime, avanti con taglio ai costi

Pesa la vendita delle attività legate agli elettrodomestici. Immelt: entro fine anno 1 miliardo di dollari di spese tagliate
General Electric

Nel secondo trimestre dell'anno, uno degli ultimi con al vertice Jeff Immelt, General Electric ha subito un calo degli utili del 57% a 1,19 miliardi di dollari contro i 2,76 miliardi dello stesso periodo dello scorso anno. La conglomerata amaericana ha registrato utili per azione in calo a 28 da 51 centesimi, comunque sopra le stime degli analisti per un risultato pari a 25 centesimi. I ricavi sono diminuiti del 12% a 29,56 miliardi, anche in questo caso oltre le attese del mercato per 29,02 miliardi di dollari.