George Clooney furioso per le foto dei figli apparsi sul settimanale Voici

L’attore americano, in vacanza nella sua villa sul lago di Como, querelerà sia il magazine che i paparazzi

George Clooney ha lanciato un messaggio a tutti i paparazzi: i suoi figli sono off limit. L’attore americano, in vacanza in Italia nella sua villa sul lago di Como, è infatti andato su tutte le furie per la pubblicazione del magazine francese Voici di alcune fotografie dei suoi gemelli rubate da due paparazzi entrati illecitamente nella sua tenuta italiana.

L’emittente americana Cnn ha infatti pubblicato un comunicato stampa rilasciato dalla star hollywoodiana nel quale non c’è spazio a interpretazioni ma solo la certezza che la vicenda andrà per le vie legali. "La scorsa settimana dei fotografi della rivista Voici hanno scavalcato la nostra recinzione, si sono arrampicati su un nostro albero e hanno scattato illegalmente delle fotografie ai nostri bambini dentro la nostra casa - si legge nel comunicato - siate certi che i fotografi, l'agenzia fotografica e la rivista saranno citati in giudizio. Ne va della sicurezza dei nostri figli", conclude l’attore la cui moglie Amal Alamuddin è un avvocatessa specializzata in diritti umani.

Le fotografie in questione scattate furtivamente dai paparazzi sono state pubblicate sulla copertina dell'ultimo numero di Voici e mostrano i due bambini, Ella e Alexander nati lo scorso 6 giugno a Londra, in braccio ai genitori nella loro tenuta in Italia. Elemento curioso sottolineato da un articolo dell’Hollywood Reporter è che lo stesso Clooney ha speso milioni per fornire la sua tenuta italiana di tutta la strumentazione necessaria a evitare episodi del genere.

Dal canto suo il magazine francese ha risposto con un altro comunicato nel quale ha sottolineato che la pubblicazione di quelle immagine "è stata una risposta alle domande del pubblico che segue Clooney e Amal". Lo stesso giornale ha voluto chiarire che le immagini "non rappresentano un pericolo per Clooney, sua moglie o i suoi bambini".

Altri Servizi

Wall Street punta sul rimbalzo

Ieri per il DJIA è stata la peggiore seduta dal 19 ottobre
AP

Il Pentagono paga a un soldato l'operazione per il cambio di sesso

È la prima volta. L'ok è arrivato mentre negli Stati Uniti si combatte la decisione del presidente Trump di vietare ai transgender di far parte delle forze armate
U.S. Department of Defense

Il Pentagono ha deciso per la prima volta di pagare l'operazione chirurgica a cui è stato sottoposto un militare statunitense in servizio per cambiare sesso. Lo riporta la Nbc. Il militare in questione, secondo quanto trapelato, si identifica come donna. L'operazione è avvenuta ieri; il giorno prima, l'agenzia federale che si occupa delle cure mediche del personale in servizio aveva accettato di pagare l'operazione, avvenuta in un ospedale privato e non in un ospedale militare, avevano spiegato le autorità, perché in quelli militari mancano le competenze necessarie.

Su Facebook un mercato parallelo di oppiacei vietati in Usa

Lo rivela una inchiesta di Cnbc. Questo mentre Zuckerberg ha detto di essere rimasto impressionato dalla grandezza del fenomeno dell'abuso di questi farmaci

L'amministratore delegato di Facebook, Mark Zuckerberg, ha detto che la cosa che lo ha più sorpreso nel corso del suo tour negli Stati Uniti è la grandezza della crisi degli oppiacei, che da tempo sta distruggendo piccole comunità rurali degli Stati Uniti. Tuttavia sul social network esiste un mercato parallelo per la sponsorizzazione di questi prodotti, e spesso sono venditori internazionali che fanno pubblicità, visto che alcune medicinali sono vietati negli Usa.

21st Century Fox: all'assemblea dei soci confermato il potere dei Murdoch

Bocciata la proposta di abolire l'esistenza di due classi di azioni. No comment sui negoziati con Disney. Fiducia per il completamento della scalata di Sky nel 2018
AP

E' rimasto deluso chi si aspettava che dall'assemblea annuale degli azionisti di 21st Century Fox emergessero conferme di presunti negaziati avuti con Walt Disney per la cessione di asset dell'impero di Rupert Murdoch.

Moore accusato da nove donne, i repubblicani valutano le opzioni per salvarsi

Altre quattro donne sono uscite allo scoperto contro il candidato all'elezione speciale in Alabama per un seggio al Senato federale. Seggio detenuto dal Grand Old Party, che ora teme di perderlo

Altre quattro donne hanno accusato di molestie sessuali Roy Moore, il candidato repubblicano all'elezione speciale in Alabama, negli Stati Uniti, per un seggio al Senato federale. La situazione sta diventando insostenibile per il partito, che nella notte ha discusso del futuro di Moore; nessuna decisione è stata annunciata, ma i leader del partito potrebbero prendere in considerazione un piano drastico, per salvare un seggio che detengono da 20 anni: chiedere all'attuale senatore, Luther Strange, di dimettersi, in modo da indire una nuova elezione speciale, al posto di quella del 12 dicembre.

La Camera passa la riforma fiscale, ma la vera battaglia è al Senato

Adesso il Senato deve valutare una sua bozza, molto diversa da quella della Camera. Il rischio è che non si arrivi ad avere la riforma approvata entro la fine dell'anno , come ha chiesto Donald Trump

La Camera degli Stati Uniti ha approvato la riforma fiscale, che permetterà di tagliare le tasse ai lavoratori e alle imprese per 1.500 miliardi di dollari. Potrebbe essere la prima conquista dell'amministrazione Trump, che finora non è riuscita a mantenere le promesse fatte nella campagna elettorale.

Riforma fiscale: maggioranza degli americani contrari agli sforzi dei repubblicani

Oggi si vota la bozza del Gop alla Camera. Un primo senatore conservatore contro la proposta del Senato

Gli sforzi del partito repubblicano per approvare entro fine anno una riforma fiscale stanno incontrando ostacoli non solo al Congresso ma anche nell'opinione pubblica.

Molestie sessuali, una conduttrice Usa accusa il senatore democratico Al Franken

Leeann Tweeden: "Mi ha baciata e palpeggiata" nel 2006. L'ex comico e sceneggiatore: "Le chiedo scusa"

Dopo quelle a Roy Moore, candidato repubblicano al Senato, arrivano le prime accuse di molestie sessuali nei confronti di un senatore in carica, il democratico Al Franken. Ad accusarlo è Leeann Tweeden, modella, commentatrice sportiva e conduttrice radiofonica.

Dopo l'Expo, 'Orgoglio Brescia' va a Chicago con l'opera Leosphere

Il consorzio confindustriale che ha piantato l'Albero della vita all'esposizione universale a Rho festeggia il 45esimo anniversario del gemellaggio tra Milano e la Windy City con la creazione di Florian Boje

Dopo avere piantato l’Albero della Vita all'Expo 2015 di Milano, il consorzio confindustriale “Orgoglio Brescia” dimostra le sue ambizioni internazionali con una nuova opera: Leosphere.  Si tratta di una sfera in legno alta 45 metri ispirata agli studi di Leonardo da Vinci, che la cordata composta da 18 aziende bresciane ad alta specializzazione porterà al centro di Chicago nel 2018 per celebrare il 45esimo anniversario del gemellaggio tra la città dell'Illinois e Milano. L'opera, creata da Florian Boje, è pensata per rappresentare l'incontro, la contaminazione, il dialogo tra l'ingegno italiano e tecnologia americana.

Vetro di Murano e cinture nere: Peter Marino per Venini

Presentata la collezione esclusiva dello storico marchio di vetreria

 Esistono due elementi che possano sembrare più lontani tra loro del vetro di Murano e delle cinture di pelle? Forse no, eppure da questo momento coesistono idealmente, in armonia, in una collezione di vasi creata dall'architetto newyorkese Peter Marino per Venini, storica azienda leader nel settore della vetreria. Presentata al Museum of Arts and Design di Columbus Circle, "Black Belt" è una collezione in edizione limitata che comprende 349 pezzi unici, nati dall'unione tra la sapienza dei vetrai veneziani e la creatività di questo architetto celebre - oltreché per il suo look fatto di pelle nera, cinture e cappello da poliziotto - per aver collaborato con i più grandi brand di moda, disegnando le boutique di stilisti come Calvin Klein, Giorgio Armani, Fendi, Dior, Chanel e Louis Vuitton.