Gerusalemme capitale d'Israele? Per Trump è una "realtà"

Il presidente pronto al riconoscimento e al trasferimento dell'ambasciata americana da Tel Aviv (che richiederà anni)

Donald Trump lo aveva detto: con lui alla Casa Bianca "le cose saranno diverse".  Il miliardario di New York fresco di vittoria elettorale aveva pronunciato queste parole quando, il 23 dicembre 2016, gli Stati Uniti ancora guidati da Barack Obama avevano optato per una storica astensione favorendo l'approvazione di una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, che chiedeva uno stop immediato agli insediamenti israeliani nei territori occupati della Palestina in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Quasi un anno dopo, quelle parole non suonano più come una minaccia ma come un atto concreto e dalle conseguenze gravi.

Non curante delle critiche internazionali arrivate dal mondo arabo e musulmano, e che rischiano di allontanare ulterioremente gli Stati Uniti dagli alleati europei, il 45esimo presidente americano pare abbia deciso: salvo un cambio di idea dell'ultimo minuto, che funzionari della Casa Bianca escludono, Trump si appresta ad annunciare due decisioni destinate a creare ulteriori tensioni in Medio Oriente. Mettendo fine a una tradizione americana di lunga data, il Commander in Chief è pronto a riconoscere Gerusalemme come la capitale di Israele e a spostare in quella città (ma in futuro) l'ambasciata americana, ora a Tel Aviv. 

In una call con la stampa, i funzionari della Casa Bianca hanno spiegato che la decisione sulla capitale non è altro che "il riconoscimento di una realtà storica", come se la storia del mondo arabo su quelle terre non sia mai esistita, ma anche "attuale": da Gerusalemme, è la tesi, il governo israeliano opera, quindi è "naturale" che la capitale dello Stato ebraico sia là.

"Sebbene il presidente Trump riconosca che lo status di Gerusalemme sia una questione molto delicata", è stato spiegato nella call, "lui non crede che sarà risolta ignorando la semplice verità che Gerusalemme dà casa al sistema legislativo, alla Corte Suprema e al primo ministro israeliani e in quanto tale è capitale d'Israele". Peccato che molti quartieri di Gerusalemme siano palestinesi e diano casa a quasi 300.000 palestinesi.

Non è un caso che lo status della città sia al centro dell'infinito processo di pace israelo-palestinese. Israele considera Gerusalemme come la sua capitale e ha pretese sovrane sulla sua interezza. I palestinesi vogliono che sia la capitale di un loro futuro Stato e la comunità internazionale vede Gerusalemme Est come un territorio occupato. Come se non bastasse, Gerusalemme ospita luoghi sacri onorato da ebrei, cristiani e musulmani, cosa che rende la disputa politica una mina vagante.

Per l'amministrazione Trump, in una simile scelta "non c'è in gioco la sovranità" né di Israele né della Palestina, tra i quali "la pace è ancora possibile". Il punto è che le mosse del presidente Usa possono rendere ancora più inafferrabile la pace. A chi gli ha chiesto se Trump creda ancora in una soluzione a due Stati, il funzionario americano ha risposto che è pronto a sostenerla se le due parti la vogliono.

Il trasferimento dell'ambasciata Usa, una delle promesse elettorali di Trump, non è immediato: "E' praticamente impossibile farlo domani (il 6 dicembre, ndr)", ha spiegato un funzionario nella call. "Ci vuole tempo per trovare la nuova sede, progettarla e costruirla", un iter su cui l'amministrazione Trump promette aggiornamenti come sostiene di fare in tutti i casi simili: "La nuova ambasciata di Londra, per esempio, aprirà a gennaio". Alla luce di questioni di carattere pratico, Trump non fornirà una tempistica del trasferimento (che protebbe richiedere anni). Ecco perché è attesa una sua firma su una deroga che di sei mesi in sei mesi ogni presidente americano - repubblicano e democratico - ha fino ad ora sottoscritto al fine di posticipare per motivi di sicurezza nazionale quel trasferimento, chiesto dal Congresso per legge nel 1995. Trump ha firmato la deroga a giugno ma lunedì a fatto passare la scadenza.

Nessuna nazione ha un'ambasciata a Gerusalemme e la sola idea di un trasferimento di quella Usa ha sollevato le critiche anche degli unici due Stati arabi che hanno relazioni diplomatiche formali con Israele. Il re di Giordania ha avvertito: la mossa "potrebbe avere ripercussioni pericolose per la sicurezza e la stabilità del Medio Oriente, cosa che minerebbe gli sforzi Usa per riprendere il processo di pace e che ferirebbe sia i cristiani sia i musulmani". La Turchia, un membro Nato, ha ventilato il taglio delle relazioni diplomatiche che ha con Israele. Persino l'Arabia Saudita - uno stretto alleato degli Usa che non ha relazioni formali con lo Stato ebraico, a cui sembra sempre più vicino - almeno a parole ha fatto notare che il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele "avrà serie implicazioni e sarà una provocazione per tutti i musulmani".

Ora ci si prepara alle proteste di Hamas, che controlla Gaza, e del partito di Abu Mazen. Gli Usa si stanno organizzando. Nel frattempo hanno ordinato ai suoi dipendenti pubblici di evitare la Città Vecchia di Gerusalemme e la Cisgiordania. "Viaggi ufficiali" in quelle due località sono permessi ai funzionari americani "solo se essenziali e con misure di sicurezza addizionali".

 


Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Abituato ad attaccare i suoi più feroci critici, il Ceo di Tesla ne ha combinata un'altra delle sue. Il tutto mentre il mondo della finanza continua a interrogarsi se e come Elon Musk realizzerà il delisting del gruppo, ipotizzato martedì 7 agosto in una serie di tweet controversi su cui la Sec ha acceso un faro. Intanto il cda di Tesla si prepara a incontrare gli advisor finanziari per discutere dell'operazione.

AP

Dopo essere stato pesantemente criticato per la serie di tweet controversi (e privi di dettagli) con cui il 7 agosto scorso aveva annunciato di volere delistare Tesla e renderla un gruppo in mani private, il Ceo Elon Musk ha pubblicato un blog post nel tentativo di fornire chiarimenti. Tuttavia gli investitori sono rimasti scettici sul suo piano di buyout.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

L'ambasciatrice Mariangela Zappia debutta all'Onu, vede Guterres

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso il palazzo di vetro ha presentato le sue credenziali. I temi prioritari per il nostro Paese: pace e sicurezza, diritti umani, sviluppo sostenibile, migrazioni

La nuova Rappresentante Permanente dell’Italia presso le Nazioni Unite a New York, l'ambasciatrice Mariangela Zappia, ha presentato oggi le lettere credenziali al segretario generale Antonio Guterres. Durante l’incontro con Guterres, Zappia ha evidenziato la priorità assegnata dall’Italia a un multilateralismo efficace, al ruolo del Palazzo di vetro per la pace e la sicurezza internazionali e quale pilastro di un sistema internazionale fondato sul diritto e sul rispetto della persona.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.