Gerusalemme capitale d'Israele? Per Trump è una "realtà"

Il presidente pronto al riconoscimento e al trasferimento dell'ambasciata americana da Tel Aviv (che richiederà anni)

Donald Trump lo aveva detto: con lui alla Casa Bianca "le cose saranno diverse".  Il miliardario di New York fresco di vittoria elettorale aveva pronunciato queste parole quando, il 23 dicembre 2016, gli Stati Uniti ancora guidati da Barack Obama avevano optato per una storica astensione favorendo l'approvazione di una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell'Onu, che chiedeva uno stop immediato agli insediamenti israeliani nei territori occupati della Palestina in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Quasi un anno dopo, quelle parole non suonano più come una minaccia ma come un atto concreto e dalle conseguenze gravi.

Non curante delle critiche internazionali arrivate dal mondo arabo e musulmano, e che rischiano di allontanare ulterioremente gli Stati Uniti dagli alleati europei, il 45esimo presidente americano pare abbia deciso: salvo un cambio di idea dell'ultimo minuto, che funzionari della Casa Bianca escludono, Trump si appresta ad annunciare due decisioni destinate a creare ulteriori tensioni in Medio Oriente. Mettendo fine a una tradizione americana di lunga data, il Commander in Chief è pronto a riconoscere Gerusalemme come la capitale di Israele e a spostare in quella città (ma in futuro) l'ambasciata americana, ora a Tel Aviv. 

In una call con la stampa, i funzionari della Casa Bianca hanno spiegato che la decisione sulla capitale non è altro che "il riconoscimento di una realtà storica", come se la storia del mondo arabo su quelle terre non sia mai esistita, ma anche "attuale": da Gerusalemme, è la tesi, il governo israeliano opera, quindi è "naturale" che la capitale dello Stato ebraico sia là.

"Sebbene il presidente Trump riconosca che lo status di Gerusalemme sia una questione molto delicata", è stato spiegato nella call, "lui non crede che sarà risolta ignorando la semplice verità che Gerusalemme dà casa al sistema legislativo, alla Corte Suprema e al primo ministro israeliani e in quanto tale è capitale d'Israele". Peccato che molti quartieri di Gerusalemme siano palestinesi e diano casa a quasi 300.000 palestinesi.

Non è un caso che lo status della città sia al centro dell'infinito processo di pace israelo-palestinese. Israele considera Gerusalemme come la sua capitale e ha pretese sovrane sulla sua interezza. I palestinesi vogliono che sia la capitale di un loro futuro Stato e la comunità internazionale vede Gerusalemme Est come un territorio occupato. Come se non bastasse, Gerusalemme ospita luoghi sacri onorato da ebrei, cristiani e musulmani, cosa che rende la disputa politica una mina vagante.

Per l'amministrazione Trump, in una simile scelta "non c'è in gioco la sovranità" né di Israele né della Palestina, tra i quali "la pace è ancora possibile". Il punto è che le mosse del presidente Usa possono rendere ancora più inafferrabile la pace. A chi gli ha chiesto se Trump creda ancora in una soluzione a due Stati, il funzionario americano ha risposto che è pronto a sostenerla se le due parti la vogliono.

Il trasferimento dell'ambasciata Usa, una delle promesse elettorali di Trump, non è immediato: "E' praticamente impossibile farlo domani (il 6 dicembre, ndr)", ha spiegato un funzionario nella call. "Ci vuole tempo per trovare la nuova sede, progettarla e costruirla", un iter su cui l'amministrazione Trump promette aggiornamenti come sostiene di fare in tutti i casi simili: "La nuova ambasciata di Londra, per esempio, aprirà a gennaio". Alla luce di questioni di carattere pratico, Trump non fornirà una tempistica del trasferimento (che protebbe richiedere anni). Ecco perché è attesa una sua firma su una deroga che di sei mesi in sei mesi ogni presidente americano - repubblicano e democratico - ha fino ad ora sottoscritto al fine di posticipare per motivi di sicurezza nazionale quel trasferimento, chiesto dal Congresso per legge nel 1995. Trump ha firmato la deroga a giugno ma lunedì a fatto passare la scadenza.

Nessuna nazione ha un'ambasciata a Gerusalemme e la sola idea di un trasferimento di quella Usa ha sollevato le critiche anche degli unici due Stati arabi che hanno relazioni diplomatiche formali con Israele. Il re di Giordania ha avvertito: la mossa "potrebbe avere ripercussioni pericolose per la sicurezza e la stabilità del Medio Oriente, cosa che minerebbe gli sforzi Usa per riprendere il processo di pace e che ferirebbe sia i cristiani sia i musulmani". La Turchia, un membro Nato, ha ventilato il taglio delle relazioni diplomatiche che ha con Israele. Persino l'Arabia Saudita - uno stretto alleato degli Usa che non ha relazioni formali con lo Stato ebraico, a cui sembra sempre più vicino - almeno a parole ha fatto notare che il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele "avrà serie implicazioni e sarà una provocazione per tutti i musulmani".

Ora ci si prepara alle proteste di Hamas, che controlla Gaza, e del partito di Abu Mazen. Gli Usa si stanno organizzando. Nel frattempo hanno ordinato ai suoi dipendenti pubblici di evitare la Città Vecchia di Gerusalemme e la Cisgiordania. "Viaggi ufficiali" in quelle due località sono permessi ai funzionari americani "solo se essenziali e con misure di sicurezza addizionali".

 


Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulle tensioni commerciali

In programma anche il dato sulla vendita di case esistenti
iStock

La Corea del Nord smantella sito di test nucleari, Trump apre a denuclearizzazione graduale

Pyongyang ha annunciato l'esito delle operazioni, il presidente Usa ha parlato di "grande cosa per il mondo" se l'incontro con Kim si terrà

La Corea del Nord ha annunciato di aver smantellato "completamente" il proprio sito di test nucleari, a Punggye-ri, nel Nord-Est del Paese, con una serie di esplosioni pianificate che lo hanno reso inutilizzabile. "L'Istituto per le armi nucleari della Corea del Nord ha tenuto una cerimonia per smantellare completamente il sito di test nucleari nel Nord il 24 maggio... per garantire la trasparenza della discontinuità dei test nucleari", si legge in una dichiarazione in inglese pubblicata dall'agenzia di stampa statale KCNA.

Trump cancella l'incontro con Kim: "Persa un'opportunità per la pace"

Il presidente Usa disponibile, ma anche minaccioso nei confronti della Corea del Nord: "Forze Usa pronte più che mai"

Troppa ostilità da parte di Pyongyang negli ultimi giorni, nessuna base per arrivare a un risultato positivo. Per questo, il presidente statunitense, Donald Trump, ha deciso di cancellare l'incontro con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in programma a Singapore il 12 giugno. "Sono stato costretto", ha scritto Trump su Twitter, allegando la lettera con cui ha avvertito tutti della sua decisione. "Il mondo intero, e la Corea del Nord in particolare, ha perso una grande opportunità per una pace duratura, per la prosperità e il benessere. Questa opportunità mancata è un momento veramente triste nella Storia" ha scritto Trump nella lettera a Kim.

Nordcorea, Trump cancella l'incontro con Kim il 12 giugno

Il presidente Usa ha inviato una lettera al leader nordcoreano: "Il mondo ha perso una grande opportunità". Decisione presa per "l'enorme rabbia e l'aperta ostilità" mostrata recentemente da Pyongyang

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha deciso di cancellare l'incontro con il leader nordcoreano, Kim Jong Un, in programma a Singapore il 12 giugno. Il presidente ha inviato una lettera a Kim per spiegargli i motivi della decisione. "Non vedevo l'ora di essere lì con lei. Purtroppo, in base all'enorme rabbia e all'ostilità aperta mostrata nelle sue più recenti dichiarazioni, sento che sia inappropriato, in questo momento, avere questo incontro programmato da tempo. Per questo" ha aggiunto Trump nella lettera, "l'incontro di Singapore, per il bene di entrambe le parti, ma a scapito del mondo, non si terrà".

Tiffany: i conti brillano, annuncia piano di buyback da 1 miliardo di dollari

Utili +53% a 142 milioni di dollari. Ricavi +15% a 1 miliardo. Outlook per il 2018 migliorato

Tiffany brilla nel pre-mercato, dove il titolo della catena di gioiellerie vola del 14,5% a 117,10 dollari. Il gruppo ha pubblicato conti che hanno battuto le stime sotto ogni punto di vista e ha annunciato un nuovo piano di riacquisto di titoli propri per 1 miliardo di dollari.

Trump valuta nuovi dazi sulle auto importate

Potrebbero arrivare fino al 25%. L'amministrazione Usa userebbe 'scuse' legate alla tutela della sicurezza nazionale, che per il segretario al Commercio è sicurezza militare
AP

L'amministrazione Trump sta valutando se imporre nuovi dazi, fino al 25%, sulle auto importate in Usa. La mossa di Washington sarebbe giustificata per motivi di sicurezza nazionale; si tratta degli stessi motivi con cui gli Stati Uniti hanno cercato di convincere - inutilmente - della bontà delle tariffe doganali pari a 25% sull'acciaio e al 10% sull'alluminio scattate il 23 marzo scorso con alcune eccezioni. La Ue, per esempio, ne è stata esonerata fino al primo giugno. Anche Canada e Messico non sono soggetti alla misura sui metalli importati in Usa mentre negoziano sul Nafta.

Elliott conferma quota "significativa" nella tedesca ThyssenKrupp

Continua l'attivismo in Europa dell'hedge fund di Paul Singer, che con l'azienda industriale vuole un "dialogo costruttivo"

L'investitore attivista Elliott Advisors continua a puntare sull'Europa. Il braccio britannico dell'hedge fund americano Elliott Management ha confermato che fondi da esso gestiti sono "soci significativi" nel gruppo industriale tedesco ThyssenKrupp e che "ad oggi" i titoli ordinari in possesso sono tali da "non superare" il limite oltre il quale, stando alla normativa tedesca, è obbligatorio svelare la partecipazione.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Congresso Usa smantella riforma finanziaria post-crisi in favore delle banche più piccole

Alzato a 250 miliardi di dollari da 50 miliardi il valore degli asset che un istituto di credito deve avere per essere soggetto alle regole più severe

Dopo quasi due mesi, anche la Camera Usa ha spianato la strada a un indebolimento della regolamentazione bancaria entrata in vigore dopo la crisi del 2008.