Giallo General Motors: blocca vendite del Chevrolet Cruze

La misura riguarda i concessionari Usa. E' il modello che vende di più in Usa. Motivo sconosciuto. Tempistica pessima: gruppo alle prese con richiamo imbarazzante da 1,6 milioni di vetture

General Motors ha bloccato la vendita delle vetture a marchio Chevrolet Cruze, il modello che negli Stati Uniti vanta la migliore performance di vendita e che è ampiamente diffuso su scala internazionale.

Il motivo di una simile decisione - che tocca solo i concessionari americani - resta sconosciuto ma secondo un portavoce del gruppo automobilistico di Detroit, Michigan, non è stato lanciato un richiamo sulle vetture già vendute.

La notizia arriva mentre Gm è alle prese con la crisi - anche reputazionale - legata al maxi richiamo globale da 1,6 milioni di veicoli dovuto a problemi all'accensione che hanno provocato quelli che la società stima in 12 decessi. La tempistica non è delle migliori visto che Gm è messo sotto pressione sia dal Congresso americano sia dalle autorità competenti, intente a capire perché ci siano voluti oltre 10 anni tra la scoperta di certi difetti e il richiamo stesso.

L'amministratore delegato Mary Barra, la prima donna al volante di un gruppo automobilistico, è chiamata a testimoniare al Parlamento statunitense martedì e mercoledì prossimi. Dal lancio nel 2009, sono state vendute in tutto il mondo oltre due milioni di auto Cruze. Solo negli Stati Uniti ne sono state vendute 248.000. In base alle scorte, pari a 70 giorni a fine febbraio, Gm ha 7.000 modelli Cruze in vendita su scala nazionale.

Sempre oggi il gruppo ha richiamato quasi 700 Cadillac ELR, la versione ibrida e di alta gamma del Chevy Volt. Solo 55 di questi modelli sono stati comprati dai consumatori, il resto è nei parcheggi dei concessionari.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

Amazon, via libera dalla contea di Arlington agli incentivi diretti da 23 milioni di dollari per la nuova sede

Le autorità li hanno approvati all'unanimità. Proteste di molti residenti. Amazon riceverà 481 milioni di incentivi dalla contea e 750 milioni dallo Stato
AP

Lo staff di Sanders è il primo sindacalizzato nella storia delle presidenziali

"Ci aspettiamo che questo significhi parità di salario e trasparenza durante la campagna, trattamento equo per ogni lavoratore, che sia a Washington D.C. o in Iowa, senza differenze di genere" ha commentato il presidente dello UFCW Local 400
Ap

Due voti in Congresso contro Trump, ma non c'è una rivolta dei repubblicani

Approvate due risoluzioni contro la dichiarazione d'emergenza e il sostegno alla guerra saudita in Yemen, ma i ribelli sono solo il 10%. Il presidente costretto al primo veto (e presto al secondo)

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Riconquistare la Casa Bianca: i soldi dei donatori democratici in quattro Stati decisivi

Wisconsin, Michigan, Pennsylvania e Florida: qui si sono decise le elezioni del 2016, qui si decideranno, probabilmente, quelle del 2020

Vino italiano: export in Usa al top di cinque anni nel 2018

Rialzo del 6,8% a quasi due miliardi di dollari. Francia in testa per secondo anno di fila grazie al vantaggio nei rosati. Il nostro Paese resta primo fornitore di rossi e bianchi. Forte (Agenzia ICE NY): serve migliorare nostro posizionamento