Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Dal 2004 l'agenzia è autorizzata a bypassare il tribunale competente solo nel caso in cui l'immigrato irregolare si trova negli Stati Uniti da meno di due settimane ed è stato fermato a meno di 100 miglia dal confine.

Secondo indiscrezioni del Washington Post, che ha ottenuto il documento di 13 pagine a uso interno dell'agenzia, la proposta al vaglio del Governo darebbe al dipartimento potere di chiedere un processo accelerato di espulsione per immigrati illeagali fermati in qualunque parte del territorio nazionale e non in grado di dimostrare di avere trascorso nel Paese più di 90 giorni consecutivi.

Il testo, che non dovrebbe essere approvato dal Congresso, è attualmente stato sottoposto all'Office of Management and Budget, che dovrà dare un parere. Per il momento, la posizione ufficiale del dipartimento per la Sicurezza nazionale è che la situazione è molto fluida e non è detto che questo o altri provvedimenti vedranno la luce.

"I cambiamenti potenziali consentirebbero al dipartimento di usare in modo più efficiente le proprie risorse ed espellere persone che si trovano in modo irregolare negli Stati Uniti e che sono stati nel Paese per un periodo relativamente breve", ha detto Joanne Talbot, portavoce del dipartimento.

Le organizzazioni per la tutela dei diritti degli immigrati non hanno gradito l'idea, sostenendo che un'espulsione accelerata impedirebbe a un numero maggiore di immigrati di portare avanti il processo per chiedere asilo o altre forme legali di tutela per potere rimanere nel Paese. "E' un'inversione di tendenza radicale dall'attuale politica e consuetudine ed è un passo gigante verso le politiche di Trump sulle espulsioni", ha detto Marielena Hincapié, direttore esecutivo del National Immigration Law Center.

Altri Servizi

Dopo il pressing, Trump condanna i suprematisti bianchi

Per il presidente Usa, il razzismo è il male. "Criminali" gli autori delle violenze a Charlottesville. Il segretario alla Giustizia lo aveva difeso. Il sito neonazi Daily Stormer cavalcava l'assenza di un messaggio duro. Il Ceo di Merck lo ha abbandonato
AP

Nel giorno in cui Donald Trump ha deciso di interrompere la sua "vacanza di lavoro" nel suo golf club in New Jersey per fare una tappa di qualche ora alla Casa Bianca prima di recarsi a New York City, l'America e i membri del suo partito hanno continuato a fare pressing su di lui. E lui li ha accontentati denunciando per nome i suprematisti bianchi.

Netflix sfida Amazon e Disney: recluta creatrice di "Grey's Anatomy"

E' corsa ai migliori talenti. Il sito di video in streaming risponde al colosso del commercio elettronico (che ha arruolato il produttore di "The Walking Dead") e a quello dell'intrattenimento (che ha silurato il gruppo)

Tra Netflix e Amazon la sfida è ufficialmente aperta così come tra vecchi e nuovi gruppi media. Il sito di video in streaming ha annunciato di avere reclutato la creatrice delle serie “Scandal” e “Grey’s Anatomy”; una risposta al fatto che tre giorni prima il colosso del commercio elettronico avesse detto di avere arruolato il creatore della serie tv "The Walking Dead".

Snapchat delude ancora: perdita trimestrale quasi quadruplicata

Ricavi +153% non soddisfano gli analisti; male anche la crescita degli utenti

Con la sua seconda trimestrale dall'Ipo del 2 marzo scorso, Snap ha deluso. Di nuovo. E' il segno di come la competizione data da Facebook con la app rivale Instagram continui a pesare. La controllante di Snapchat ha messo a segno una perdita quasi quadruplicata, ricavi inferiori alle attese e la crescita degli utenti non ha convinto cos" come le vendite generate per ogni utente. Per questo il titolo è arrivato a cedere oltre il 14% nel dopo mercato (dopo la sua prima trimestrale da azienda quotata aveva perso più del 23%). La seduta era finita in rialzo dell'1,6% a 13,77 dollari, sotto i 17 dollari del prezzo di collocamento.

Chelsea Manning su Vogue in costume da bagno

L'ex analista diventata talpa fotografata da Annie Leibovitz nella leggendaria September Issue della rivista di moda
Vogue

Chelsea Manning, l'ex analista dell'esercito americano diventato talpa, sarà nel numero più prestigioso di Vogue America: la leggendaria "September Issue", l'edizione più attesa della rivista (tanto che il documentario su Anna Wintour, la sua celeberrima direttrice - a cui è ispirato il personaggio di Meryl Streep ne "Il Diavolo veste Prada" - si intitola proprio così: "The September Issue").

Da Goldman ad Apple, Corporate America contro il razzismo e l'odio

Il Ceo di GE, Jeff Immelt, condanna le violenze di Charlottesville ma come Dell resta del consiglio per la manifattura di Trump, che invece l'a.d. di Merck ha lasciato

Trump vuole inchiesta su furti proprietà intellettuale da parte della Cina

Pechino risponde: non ci sarebbero vincitori in una guerra commerciale. La mossa del presidente Usa mentre cerca dalla nazione asiatica un maggiore pressing sulla Corea del Nord
AP

Charlottesville: il killer ammirava Hitler

Lo ha riferito il suo ex insegnante

Wall Street rimbalza, tensioni Usa-Corea del Nord allentate

Dopo avere archiviato una settimana in calo, gli indici si preparano a un rimbalzo
AP

Mls, errore clamoroso del Var. Espulso Kaka per condotta violenta, ma stava scherzando

L'arbitro Jorge Gonzalez ha sventolato il rosso alla stella brasiliana durante New York Red Bulls e Orlando

Charlottesville, la Casa Bianca prova a spegnere le polemiche contro Trump

Una nota ha fatto chiarezza sostenendo che il il presidente "condanna tutti, anche i suprematisti bianchi"