Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Dal 2004 l'agenzia è autorizzata a bypassare il tribunale competente solo nel caso in cui l'immigrato irregolare si trova negli Stati Uniti da meno di due settimane ed è stato fermato a meno di 100 miglia dal confine.

Secondo indiscrezioni del Washington Post, che ha ottenuto il documento di 13 pagine a uso interno dell'agenzia, la proposta al vaglio del Governo darebbe al dipartimento potere di chiedere un processo accelerato di espulsione per immigrati illeagali fermati in qualunque parte del territorio nazionale e non in grado di dimostrare di avere trascorso nel Paese più di 90 giorni consecutivi.

Il testo, che non dovrebbe essere approvato dal Congresso, è attualmente stato sottoposto all'Office of Management and Budget, che dovrà dare un parere. Per il momento, la posizione ufficiale del dipartimento per la Sicurezza nazionale è che la situazione è molto fluida e non è detto che questo o altri provvedimenti vedranno la luce.

"I cambiamenti potenziali consentirebbero al dipartimento di usare in modo più efficiente le proprie risorse ed espellere persone che si trovano in modo irregolare negli Stati Uniti e che sono stati nel Paese per un periodo relativamente breve", ha detto Joanne Talbot, portavoce del dipartimento.

Le organizzazioni per la tutela dei diritti degli immigrati non hanno gradito l'idea, sostenendo che un'espulsione accelerata impedirebbe a un numero maggiore di immigrati di portare avanti il processo per chiedere asilo o altre forme legali di tutela per potere rimanere nel Paese. "E' un'inversione di tendenza radicale dall'attuale politica e consuetudine ed è un passo gigante verso le politiche di Trump sulle espulsioni", ha detto Marielena Hincapié, direttore esecutivo del National Immigration Law Center.

Altri Servizi

Le promesse di Trump si scontrano con la realtà

Il presidente alle prese con le difficoltà di essere alla Casa Bianca. La sconfitta più netta è quella sull'Obamacare

Ogni presidente ha fatto promesse che non poteva rispettare, ma sono pochi quelli che le hanno fatte con la stessa spontaneità (e superficialità) di Donald Trump. Quello che il 45esimo capo di Stato sta velocemente imparando è che guidare la Casa Bianca non è come condurre un'azienda e alcune delle 'sparate' in campagna elettorale non possono reggere alla realtà di Washington. Axios ha controllato a che punto sono alcune di queste promesse.

Russiagate, proposto a Trump un accordo con Assange?

L'ipotesi sostenuta dal Wall Street Journal. Il piano sarebbe stato presentato da un deputato repubblicano al capo di gabinetto della Casa Bianca
Ap

Il perdono per Julian Assange in cambio di un aiuto a Donald Trump sul cosiddetto Russiagate. Sarebbe questa, in sostanza, la proposta presentata dal deputato repubblicano Dana Rohrabacher alla Casa Bianca, in una telefonata con il capo di gabinetto, John Kelly. Il deputato avrebbe proposto un "accordo" - parola pronunciata durante la conversazione - che prevederebbe, da parte di Assange, la consegna delle prove sull'estraneità della Russia nella diffusione delle e-mail di esponenti del partito democratico, pubblicate da WikiLeaks durante la campagna elettorale, che danneggiò la candidatura di Hillary Clinton. A scriverlo è il Wall Street Journal, che cita una fonte vicina alla presidenza. Importante anche ricordare che, in passato, il quotidiano ha pubblicato editoriali a favore di una extraordinary rendition, un'azione illegale e segreta per catturare Assange e portarlo negli Stati Uniti.

Alfano dall'Onu: il generale Haftar abbia un ruolo nel futuro della Libia

Confermata la visita a Roma del generale. Il ministro degli Esteri: serve riconoscimento delle istituzioni. Italia non chiuderà occhi su quanto succede nei centri di migranti nella nazione nordafricana. Pressing per ritorno di UNHCR e Oim
Farnesina

Puntare su una Libia unita, cosa che richiede anche il coinvolgimento del generale Khalifa Haftar. Promuovere la presenza nella nazione delle organizzazioni internazionali e magari di ONG italiane per garantire il rispetto dei diritti umani in loco. Perché il nostro Paese non chiuderà gli occhi sui diritti umani riguardo i centri in cui vengono trattenuti i migranti in Libia. E' questa la linea italiana presentata da Angelino Alfano, che ha confermato la visita a Roma di Haftar, rappresentante del governo di Tobruk ossia quello non riconosciuto dall'Onu come lo è invece quello di Fayez al-Sarraj.

Si apre l'assemblea generale dell'Onu: ecco i temi più importanti

Corea del Nord, Myanmar, Iran, ma anche clima e ovviamente il debutto di Donald Trump

Questa settimana i leader mondiali si incontrano a New York per l'apertura della settantaduesima assemblea generale della Nazioni Unite. Il dibattito inizierà martedì, con l'intervento del presidente americano Donald Trump (il grande atteso di quest'anno) che arriverà per quarto, dopo quelli del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, del presidente dell'assemblea, Miroslav Lajcak, e del presidente brasiliano, Michel Temer. Di seguito una lista dei principali temi che saranno al centro delle discussioni di quest'anno.

Mercoledì è il giorno del Fed. Ma non è atteso un rialzo dei tassi

L'attenzione è tutta dedicata all'inflazione e al taglio del budget da 4.500 miliardi di dollari

Questa settimana, oltre all'apertura della settantaduesima assemblea generale dell'Onu, ci sarà l'incontro dei governatori della Federal Reserve. Mercoledì non è atteso alcun rialzo dei tassi, visto che la banca centrale americana vuole procedere con il terzo e ultimo taglio più avanti, entro la fine del 2017. Gli investitori guarderanno soprattutto a come la Fed parlerà di inflazione e all'inizio del programma di taglio del budget che negli ultimi anni ha raggiunto 4.500 miliardi di dollari.

I leader mondiali alle Nazioni Unite per l'apertura dell'assemblea. Occhi puntati su Trump

Ci si chiede come si comporterà il presidente americano. Il discorso di Trump è atteso martedì mattina e dovrebbe essere incentrato sulla Corea del Nord e sulla riforma dell'Onu. E pare che gli Usa riapriranno sull'accordo di Parigi
AP

Quest'anno l'apertura della assemblea generale dell'Onu, che questo martedì a New York darà il via alla sua settantaduesima sessione, non sarà solo il momento per ritornare a parlare delle crisi mondiali, della Corea del Nord, del terrorismo e dei cambiamenti climatici. Infatti, uno dei dubbi che preoccupano i vertici delle Nazioni Unite, e allo stesso tempo i leader mondiali, è quale sarà il comportamento di Donald Trump. Storicamente il presidente americano è colui che fa gli onori di casa, parlando davanti all'assemblea subito dopo il segretario generale delle Nazioni Unite.

Il Public Hotel: la sfida del fondatore di Studio 54 ad Airbnb

Come combattere l'ospitalità fai da te a New York? Con un albergo di lusso, con cinque bar e cibo gourmet, ma priva di reception e servizio in camera per abbassare i costi (e i prezzi)

Cinque bar, una terrazza con vista a 360 gradi su Manhattan, cibo gourmet ma nemmeno un concierge o una vera e propria reception. È Public, l'hotel di lusso - dai prezzi però "relativamente" abbordabili - aperto quest'estate nel Lower East Side a New York City. Ad averlo voluto è stato Ian Schrager, fondatore dello storico Studio 54 (ex nightclub di Manhattan ora trasformato in teatro di Broadway).

Apple presenta iPhone X, ma non convince del tutto il mercato

Nel decennale del suo telefonino celebra Steve Jobs e prova a guardare avanti: elimina il tasto home e apre alla carica wireless e al riconoscimento facciale. Ma i ritardi nelle consegne mettono alla prova Apple e la fiducia dei suoi consumatori
AP

Non ci sono state sorprese e neppure l'appello al "one more thing", che ripeteva sempre Steve Jobs, ha aiutato Apple a stupire. Nel decimo anniversario di iPhone il gruppo ha presentato come atteso da giorni due nuovi modelli: iPhone 8 e iPhone 8 Plus, che sono un aggiornamento di iPhone 7, e - per il decennale - iPhone X, definito dall'amministratore delegato, Tim Cook, "il futuro degli smartphone". Anche le caratteristiche (riconoscimento facciale, carica wireless, assenza del tasto home) erano state anticipate nelle scorse settimane. Insieme ai nuovi iPhone, Apple ha presentato il nuovo Apple Watch, Series 3 che permette anche la connessione alla rete cellulare.

Gli elettori di Trump: "Dica all'Onu che l'America viene prima"

I sostenitori del presidente vogliono che mantenga le promesse fatte in campagna elettorale e che riduca gli interventi all'estero. "Basta essere i poliziotti del mondo, pensiamo a noi".

Vogliono che cancelli l'accordo dell'era Obama sul nucleare iraniano, che riporti a casa i militari statunitensi, che smetta di spendere soldi per aiutare gli altri Paesi. In altre parole, i sostenitori di Donald Trump vogliono sentirgli dire, ai leader mondiali riuniti a New York per l'apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che "l'America viene prima", come ripeteva lo slogan dell'attuale presidente degli Stati Uniti in campagna elettorale.

Mentre fa i conti con le vendite a Wall Street (-1%), colpa di consegne del suo nuovo iPhone X che non ci saranno prima di novembre, Apple cerca di superare un momento imbarazzante che non è passato innosservato quando il gruppo ha lanciato una serie di nuovi prodotti incluso lo smartphone che segna il decimo anniversario del lancio del dispositivo.