Giudice contro Trump: sì all'ingresso (parziale) di rifugiati in Usa

Il via libera non vale per chi non ha una relazione "bona fide" con qualcuno in America

I rifugiati in arrivo da nazioni prevalentemente di fede musulmana possono tornare a mettere piede negli Stati Uniti. Sempre che abbiano una relazione in "bona fide" con una persona o un'entità in Usa. Lo ha deciso un giudice federale di Seattle (nello Stato di Washington) facendo venire parzialmente meno il divieto di ingresso voluto da Donald Trump e imposto ad ottobre con un ordine esecutivo.

Scelto dall'ex presidente George W Bush (un repubblicano come Trump), il giudice James Robart ha deciso che il governo federale dovrebbe gestire le domande di determinati rifugiati, in arrivo da 11 nazioni (Egitto, Iran, Iraq, Libia, Mali, Somalia, Sudan, Yemen, Sud Sudan Siria e Corea del Nord), permettendo loro di unirsi a famigliari che già vivono legalmente in Usa. Robart - il primo a schierarsi contro la versione originaria del 'muslim ban' - ha dato ragione a due organizzazioni, l'American Civil Liberties Union (Aclu) e il Jewish Family Service, che avevano fatto causa contro la mossa del presidente Usa sostenendo che metteva le persone a rischio. Secondo i legali dell'amministrazione, invece, la decisione era pensata per proteggere la sicurezza nazionale.

Aclu si era schiarata contro un memo inviato al presidente dal segretario di Stato Rex Tillerson, dal segretario ad interim alla Sicurezza nazionale Elaine Duke e dal direttore della National Intelligence Daniel Coats; in base al memo, a determinati rifugiati doveva essere impedito l'ingresso in Usa a meno che le procedure di controllo non fossero potenziate. Per Aclu, l'amministrazione Trump non ha fornito prove a sufficienza sul perché più controlli fossero necessari.

Il giudice ha spiegato che "ex funzionari hanno descritto concretamente come il memo leda la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e gli interessi di politica estera". Anche per questo la sua decisione ha riattivato "i programmi e le procedure riguardanti i rifugiati laddove si trovavano prima" dell'invio di quel memo. Lo stesso giudice ha sottolineato come le procedure di controllo fossero già severe.

Il Jewish Family Service ha spiegato al Seattle Times che "il ricollocamento dei rifugiati è uno dei nostri risultati umanitari di cui siamo più orgogliosi". Secondo il gruppo "in quanto americani non possiamo permettere a questa amministrazione di distruggere il nostro programma per rifugiati e ripetere il peggio della storia del nostro Paese permettendo all'intolleranza di respingere coloro che hanno più bisogno".

In questa battaglia legale, Aclu rappresentava un uomo di origini somale che vive nello Stato di Washington e che sta cercando di portare la sua famiglia in Usa. I suoi famigliari avevano superato tutti i controlli medici e per la sicurezza; avevano bisogno soltanto dei documenti per potere mettersi in viaggio verso gli Usa. Quei documenti furono loro negati con il divieto imposto da Trump. Il Jewish Family Service invece rappresentava due ex interpreti iracheni usati dall'esercito americano e le cui vite sono a rischio per via dei servizi forniti; a loro si era aggiunta una donna transessuale in Egitto. "Le sue condizioni di vita erano così pericolose che persino il governo Usa ha accelerato la sua domanda fino a quando il divieto è entrato in vigore", ha spiegato l'organizzazione.

Altri Servizi

Boxe, fu condannato 100 anni fa. Trump annuncia il perdono per Jack Johnson

Il tycoon ha dichiarato su Twitter la sua intenzione di riabilitare il primo campione del mondo nero dei pesi massimi condannato nel 1913 per “immoralità"

Donald Trump ha annunciato via twitter di voler procedere con il "perdono presidenziale pieno" nei confronti di Jack Johnson, il primo pugile afroamericano a diventare campione del mondo dei pesi massimi, a oltre cento anni dalla sua condanna per “immoralità" per una delle sue relazioni con una donna bianca. Una riabilitazione postuma annunciata più volte da diversi presidenti ma che nemmeno Obama, primo inquilino afroamericano della Casa Bianca, era riuscito a concedere.

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Cinema, morto Verne Troyer, il "Mini me" di Austin Powers

L’annuncio sul suo profilo Facebook. Aveva 49 anni. Per Mike Myers era "un faro di positività"

Verne Troyer, l’attore americano conosciuto soprattutto per aver interpretato il ruolo di "Mini-Me" nella serie Austin Powers è morto sabato a Los Angeles all’età di 49 anni. Troyer, alto solo 81 centimetri, era affetto da nanismo e aveva raggiunto il successo sul grande schermo grazie al ruolo del perfido clone "tascabile" del cattivissimo Dottor Male, prima in 'Austin Powers: La spia che ci provava' e poi nel sequel del 2002 'Austin Powers in Goldmember'.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Crisi nordcoreana, per Trump "C’è ancora molta strada da fare"

Tweet del presidente americano secondo cui gli Stati Uniti non hanno ceduto su nulla

A distanza di poche ore dall’annuncio della Corea del Nord di mettere fine ai test nucleari, ai test con i missili intercontinentali e alla chiusura di alcuni siti per i test atomici, Donald Trump è intervenuto sostenendo che "c’è ancora molta strada da fare" per risolvere la crisi nordcoreana. Il presidente americano ha twittato spiegando agli americani che "noi non abbiamo ceduto su nulla" nei negoziati sul programma nucleare di Pyongyang.  

Nashville, uomo seminudo spara in un locale: 4 morti e due feriti

Il killer, ancora in fuga, è stato identificato dalle autorità

Un uomo seminudo è entrato in un locale della catena Waffle House alla periferia di Nashville, in Tennessee, aprendo il fuoco sui presenti con un fucile d’assalto AR-15. Il bilancio è di 4 morti e due feriti. Il killer, ancora in fuga è stato identificato dalla polizia che ha lanciato un appello per individuarlo e catturarlo: si tratterebbe di Travis Reinking, 29enne di Morton, in Illinois.

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.