Giudice contro Trump: sì all'ingresso (parziale) di rifugiati in Usa

Il via libera non vale per chi non ha una relazione "bona fide" con qualcuno in America

I rifugiati in arrivo da nazioni prevalentemente di fede musulmana possono tornare a mettere piede negli Stati Uniti. Sempre che abbiano una relazione in "bona fide" con una persona o un'entità in Usa. Lo ha deciso un giudice federale di Seattle (nello Stato di Washington) facendo venire parzialmente meno il divieto di ingresso voluto da Donald Trump e imposto ad ottobre con un ordine esecutivo.

Scelto dall'ex presidente George W Bush (un repubblicano come Trump), il giudice James Robart ha deciso che il governo federale dovrebbe gestire le domande di determinati rifugiati, in arrivo da 11 nazioni (Egitto, Iran, Iraq, Libia, Mali, Somalia, Sudan, Yemen, Sud Sudan Siria e Corea del Nord), permettendo loro di unirsi a famigliari che già vivono legalmente in Usa. Robart - il primo a schierarsi contro la versione originaria del 'muslim ban' - ha dato ragione a due organizzazioni, l'American Civil Liberties Union (Aclu) e il Jewish Family Service, che avevano fatto causa contro la mossa del presidente Usa sostenendo che metteva le persone a rischio. Secondo i legali dell'amministrazione, invece, la decisione era pensata per proteggere la sicurezza nazionale.

Aclu si era schiarata contro un memo inviato al presidente dal segretario di Stato Rex Tillerson, dal segretario ad interim alla Sicurezza nazionale Elaine Duke e dal direttore della National Intelligence Daniel Coats; in base al memo, a determinati rifugiati doveva essere impedito l'ingresso in Usa a meno che le procedure di controllo non fossero potenziate. Per Aclu, l'amministrazione Trump non ha fornito prove a sufficienza sul perché più controlli fossero necessari.

Il giudice ha spiegato che "ex funzionari hanno descritto concretamente come il memo leda la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e gli interessi di politica estera". Anche per questo la sua decisione ha riattivato "i programmi e le procedure riguardanti i rifugiati laddove si trovavano prima" dell'invio di quel memo. Lo stesso giudice ha sottolineato come le procedure di controllo fossero già severe.

Il Jewish Family Service ha spiegato al Seattle Times che "il ricollocamento dei rifugiati è uno dei nostri risultati umanitari di cui siamo più orgogliosi". Secondo il gruppo "in quanto americani non possiamo permettere a questa amministrazione di distruggere il nostro programma per rifugiati e ripetere il peggio della storia del nostro Paese permettendo all'intolleranza di respingere coloro che hanno più bisogno".

In questa battaglia legale, Aclu rappresentava un uomo di origini somale che vive nello Stato di Washington e che sta cercando di portare la sua famiglia in Usa. I suoi famigliari avevano superato tutti i controlli medici e per la sicurezza; avevano bisogno soltanto dei documenti per potere mettersi in viaggio verso gli Usa. Quei documenti furono loro negati con il divieto imposto da Trump. Il Jewish Family Service invece rappresentava due ex interpreti iracheni usati dall'esercito americano e le cui vite sono a rischio per via dei servizi forniti; a loro si era aggiunta una donna transessuale in Egitto. "Le sue condizioni di vita erano così pericolose che persino il governo Usa ha accelerato la sua domanda fino a quando il divieto è entrato in vigore", ha spiegato l'organizzazione.

Altri Servizi

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP