Gli Eagles battono i Patriots e vincono il Super Bowl per la prima volta

Risultato a sorpresa per la finale del campionato di football americano. Philadelphia fa la storia. Trump si congratula. Durante l'inno nessuna protesta. Justin Timberlake onora Prince nella sua città

Per i New England Patriots, la vittoria sembrava già in tasca prima di cominciare. E invece, a vincere il Super Bowl sono stati i Philadelphia Eagles. Per la prima volta. Per 41 a 33. Donald Trump si è subito congratulato nonostante tifasse per i Patriots.

La squadra di Tom Brady, la star assoluta del football americano, partiva con sei vittorie all'attivo. Brady - che 24 ore prima aveva già portato a casa il titolo di migliore giocatore della stagione - non è riuscito ad aggiudicarsi il record di primo giocatore sopra i 40 anni a vincere la finale del campionato della Nfl. Ancora prima della 52esima edizione del Super Bowl, però, Brady ha annunciato che in autunno sarà pronto a partecipare alla 19esima stagione, e questo nonostante compia 41 anni ad agosto.

Ad emergere come star della serata non è stato dunque Brady - che ha comunque ricordato con una serie di giocate perché è un campione nonostante l'età - ma il quarterback avversario Nick Foles, riserva a inizio stagione, eletto Mvp della partita.

Gli Eagles hanno dominato il match sin dall'inizio anche se erano gli sfavoriti. Dopo la mezz'ora di pausa tra il secondo e il terzo tempo, il team di Philadelphia ha ripreso a giocare con un vantaggio di 22 a 12. Nel quarto e ultimo tempo i Patriots, il team preferito del presidente americano Donald Trump, sono riusciti a portarsi in vantaggio per la prima volta, 33 a 32. Ci ha pensato Foles, negli ultimi due minuti della partita, a riprendere in mano la situazione garantendo la vittoria.

Durante l'inno, nessuna protesta dei giocatori
Allo U.S. Bank Stadium di Minneapolis, la città del Minnesota che per la seconda volta ha ospitato un Super Bowl, la serata era iniziata senza proteste durante l'inno nazionale cantato da Pink, nonostante l'influenza. Dopo una stagione segnata dalla discordia e in cui vari giocatori hanno alzato i pugni al cielo o si sono inginocchiati durante l'inno in segno di protesta contro la violenza della polizia e le discriminazioni, nessuno ha scelto di fare uno dei due gesti. Nemmeno Malcolm Jenkins degli Eagles, che durante la stagione si era messo particolarmente in mostra con le sue proteste. Prima ancora dell'inizio della partita, a mandare un avvertimento indiretto ai giocatori ci aveva pensato Trump: onorando agli uomini e donne che difendono in giro per il mondo gli interessi degli Stati Uniti, il presidente aveva detto in una nota: "Li abbiamo nei nostri cuori e li ringraziamo per la nostra libertà mentre con orgoglio stiamo in piedi per l'inno nazionale".

Timberlake canta in onore di Prince
A creare la prima controversia dell'evento sportivo più importante dell'anno in Usa era stato l'halftime show. Il protagonista del momento più importante della serata dal punto di vista pubblicitario è stato Justin Timberlake, che inizialmente pareva volesse usare un ologramma di Prince, la super star nata in Minnesota e morta due anni fa per un abuso di oppiacei. A mettere a tacere il rumor era stata prima dello show Sheila E, membro della band di Prince, dicendo che lui odiava l'idea di ricorrere a ologrammi per artisti defunti. E infatti Timberlake si è limitato a 'duettare' con Prince la sua "I Would Die 4 You" mentre il celebre cantante scomparso veniva proiettato su un telo enorme. Il tutto mentre lo stadio e la città si coloravano di viola, il colore di una delle sue più celebri canzoni ("Purple"). Di suo, Timberlake ha cantato le hit classiche "Cry Me a River" e "SexyBack" e quelle più nuove "Can't Stop The Feeling" e "Filthy" (presente nel suo nuovo album "Man of the Woods"). Nonostante la rivista specializzata Deadline abbia giudicato la performance di Timberlake come nulla di speciale, ad averla apprezzata non è stato solo il tredicenne sugli spalti preso un po' alla sprovvista quando Timberlake si è ripetutamente avvicinato a lui mettendosi a disposizione per una selfie.

Nikki Haley, l'ambasciatrice degli Usa all'Onu ha twittato: "Dire che @jtimberlake ha talento è come minimizzare. L'halftime show è stato fantastico".

AP
Altri Servizi

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Gli studenti americani scendono in piazza contro le armi

La strage nel liceo di Parkland in Florida ha rimesso al centro del dibattito la legge sulle armi

Gli studenti americani stanno pianificando nuovi scioperi e nuove proteste all’indomani della strage alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, in cui hanno perso la vita 17 persone. A riportarlo sono diversi media americani che sottolineano come l’eccidio compiuto da Nikolas Cruz ha portato nuovamente al centro del dibattito la legge sul controllo delle armi.

Accordo nucleare con l'Iran, Trump di nuovo contro Obama

Il presidente americano accusa ancora il suo predecessore via Twitter e ritorna a parlare del Russiagate
AP

Nuovo weekend di cinguettii al vetriolo da parte del presidente americano Donald Trump. Dopo aver attaccato l’Fbi per la strage in Florida e aver corretto il generale McMaster, reo di non essersi espresso bene sul Russiagate il sabato sera, il tycoon ha deciso di tornare a puntare il dito contro l’accordo sul nucleare iraniano firmato da Barack Obama prima e di parlare ancora dell[interferenza russa nelle elezioni americane poi.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

Il piano infrastrutturale di Trump

Previsti progetti da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni ma il governo federale ce ne mette solo 200 miliardi. L'amministrazione Usa conta su stati, municipalità e privati
iStock

Lo aveva promesso sin dalla notte della sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Oltre un anno dopo, il presidente americano Donald Trump ha finalmente presentato un piano per progetti infrastrutturali da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, che rischia però di deludere. Il governo federale è pronto a impegnarsi a investire solo 200 miliardi di dollari. Inoltre, l'iniziativa ha di fronte a sé un futuro incerto al Congresso, che deve trovare i fondi per finanziarla e deve legiferare in materia.

Immigrati, Trump minaccia il veto su un eventuale accordo in Congresso

Lo riporta Axios; il difficile dibattito aperto in Senato. Il presidente non indietreggia dal suo piano con quattro 'pilastri'

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, "metterà il veto su qualsiasi proposta di legge che non presenti le sue sensate riforme sull'immigrazione". Lo ha reso noto un funzionario dell'amministrazione statunitense, parlando con il sito Axios.