Gli interni di lusso italiani in mostra a Miami

Seconda edizione di Italian Luxury Interiors. Più che triplicate le richieste di partecipazione. Il nostro è il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa, che sono il quarto mercato estero per il settore
ICE Agenzia

A Fort Lauderdale (Florida) è iniziata la seconda edizione della Italian Luxury Interiors. L’iniziativa - promossa da ICE Agenzia in collaborazione con Confartigianato, Cna ed Universal Marketing (agente esclusivo dell’evento) - è dedicata alle migliori proposte dell’artigianato italiano per i settori dell’oggettistica da regalo, complemento d’arredo, illuminazione e tessile.

La mostra collettiva si svolge il 3 e 4 ottobre all’interno di ICFF MIAMI, la piattaforma nordamericana per il design globale, nella location esclusiva di Fort Lauderdale a pochi chilometri da Miami. Durante la due giorni, al centro congressi saranno impegnati più di 6.000 tra interior designer, architetti e operatori del settore lusso.

L’edizione 2017 di “Italian Luxury Interiors” ospiterà 15 aziende su un'area di circa 200 metri quadri. Questa seconda edizione vede quasi raddoppiare sia le aziende italiane partecipanti al salone sia la superficie di esposizione.

"Obiettivo dell’iniziativa è incrementare le opportunità commerciali per l’export italiano nel settore complemento d’arredo", dichiara il direttore dell’ICE di Miami, Andrea Ferrari. "Questa edizione è un vero boom per le nostre aziende, un successo straordinario fatto da incrementi importanti nelle vendite", aggiunge Ferrari secondo cui "sono le vendite che determinano il successo della partecipazione a questi eventi".

Il mercato americano, oggi più che mai sembra riconoscere al prodotto italiano quelle caratteristiche di qualità, unicità ed affidabilità che fanno dell’Italia il primo Paese europeo fornitore di prodotti d’arredo negli Usa. Le esportazioni italiane di mobili e illuminazione negli Stati Uniti continuano a correre: nel mese dello scorso gennaio c'è stato un aumento del 25,4% rispetto allo stesso periodo del 2016 (fonte FederlegnoArredo). Una crescita importante, soprattutto perché conferma e rafforza le performance registrate in questo Paese negli ultimi due anni (+8,8% nel 2016 e +22% nel 2015), che hanno portato il valore complessivo delle vendite ben oltre il miliardo di euro, facendo degli Stati Uniti il quarto mercato estero per il settore.

"Dopo la grande affermazione della prima edizione di Miami dell’Italian Luxury Interiors, dove la pregiata manifattura italiana ha riscosso un grandissimo successo, abbiamo registrato una fortissima richiesta da parte delle aziende italiane a partecipare a questo appuntamento in Florida", spiega Donato Cinelli, presidente della Universal Marketing. E' lui a spiegare che le richieste sono "più che triplicate rispetto allo scorso anno". Cinelli dice che "eravamo certi di questo straordinario risultato quando abbiamo iniziato questa ennesima sfida all’insegna del grande Made in Italy, perché l’Italia delle eccellenze e del lusso è un must in tutto il mondo e in Usa in modo particolare è visto come vero grande punto di riferimento".

Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft