Gli otto momenti cruciali del primo dibattito Clinton-Trump

Economia, questione razziale e movimento dei 'birther' ma anche Russia e cyber-sicurezza, Fisco, donne e preparazione per essere presidente Usa. Su questi temi i due rivali si sono sfidati

Economia e accordi commerciali. Questione razziale e movimento dei 'birther'. Russia e cyber-sicurezza ma anche Fisco, donne e imprenditoria. Su questi temi i candidati alle elezioni presidenziali americane si sono confrontati nel loro primo dibattito presidenziale, trasmesso nella notte dalla Hofstra University a Long Island, nello Stato di New York. Lo hanno fatto dopo una fase iniziale, durata poco, di convenevoli e scambi amichevoli. I due si sono stretti la mano. Clinton gli ha chiesto "Come stai Donald?" e ancora "it's good to be with you" (è bello essere qui con te). Lui si è accertato che alla rivale andasse bene essere chiamata "Secretary", riferimento alla carica di segretario di Stato da lei ricoperta. Ma poi si è presto passati agli attacchi, anche personali. Di seguito gli otto momenti che hanno caratterizzato l'evento più atteso nella storia politica americana dell'epoca moderna.

Economia
Come suo solito, Trump ha descritto con toni cupi lo stato dell'economia americana, cosa che gioca in favore del motto della sua campagna "Make America Great Again". Secondo il miliardario repubblicano gli Usa sono paragonabili - non si capisce da quale punto di vista - a un "Paese da terzo mondo" la cui economia si trova in una "bolla grande, grossa e brutta". La colpa? Non solo delle politiche del presidente uscente Barack Obama (un democratico) ma anche di una Federal Reserve accomodante e politicizzata. "Siamo una nazione seriamente debitrice", ha dichiarato colui che in passato si è vantato di essere il 're del debito'. Secondo Clinton invece "ci siamo sollevati dagli abissi. Non è stato facile". E accusando Trump di essere "all'origine della crisi immobiliare residenziale" del 2008: "Nel 2006 disse, 'spero che [il settore del mattone] collassi così posso comprare e fare soldi'", ha continuato l'ex segretario di Stato. Lui ha risposto: "Si chiama fare business". Per la candidata democratica "l'ultima cosa di cui abbiamo bisogno è tornare su politiche che ci hanno fatto fallire" incluso un approccio che premia i più abbienti come Trump, un approccio chiamato da Clinton "trumped-up, trickle-down" e che darebbe benefici ai ricchi e alle grandi aziende. Serve invece una economia "più equa", lo stesso trattamento economico riservato agli uomini per le donne lavoratrici, un salario minimo orario più alto e la condivisione degli utili aziendali tra dipendenti e non solo tra i top manager. L'ex segretario di stato vuole anche assistenza per l'infanzia per tutte le tasche e studenti senza debiti universitari.

L'attacco a Trump imprenditore
"Se il motivo principale per cui credi di potere diventare presidente degli Stati Uniti sta nel tuo business, allora forse dovremmo parlarne", ha tuonato Clinton: "Qualche volta non c'è un trasferimento diretto di competenze dal business al governo ma talvolta quanto successo nel business sarebbe davvero negativo per il governo" pubblico. Lui - accusato di molteplici bancarotte e di non avere retribuito molti dei lavoratori che gli hanno fornito servizi (incluso un architetto seduto tra il pubblico) - si è rovinato con le proprie mani dicendo: "Approfitto delle leggi del Paese".

L'attacco a Trump evasore
Clinton ha vinto anche sul tema delle tasse e sul rifiuto del rivale di pubblicare la sua dichiarazione dei redditi. "Ha qualcosa da nascondere: forse non è ricco come dice di essere; forse non è generoso in donazioni come si vanta; ha 650 milioni di dollari di debiti con le banche, anche straniere. Forse non vuole che il popolo americano sappia che non ha versato alcuna imposta federale". Anche qui Trump si è vantato: "Ciò mi rende intelligente". Secondo lui, "l’America non ha soldi perché sono stati sperperati dalle idee [di Clinton] nel corso del tempo". Lei ha colto la palla al balzo insinuando: "O forse perché non hai pagato le tasse?". E lui ha praticamente ammesso di non averle versate, grazie probabilmente alle scorciatoie fiscali di un sistema tributario di riformare: "Sarebbero stati sprecati comunque".

La questione razziale e le armi
Entrambe i candidati hanno parlato delle recenti sparatorie in cui afroamericani sono morti a causa di colpi di agenti di polizia. E' successo a Tusla, Oklahoma, e a Charlotte, North Carolina. "La razza resta un problema significativo per questo Paese. Sfortunatamente la razza determina ancora troppo", ha detto Clinton. L'ex firt lady ha chiesto più fiducia tra forze dell'ordine e comunità, un migliore training per la polizia, una riforma del sistema giudiziario penale caratterizzato da "razzismo sistemico" e il divieto a possedere armi per chi compare nella lista di sospetti terroristi dell'Fbi. Al moderatore che le ha chiesto se i pregiudizi razziali sono un problema della polizia, Clinton ha risposto: "E' un problema per tutti, non solo della polizia. Credo che sfortunatamente troppi di noi tirino conclusioni affrettate gli uni sugli altri. Credo che dovremmo tutti porci delle domande difficili". Sul tema, Trump ha ritirato fuori il suo motto "law and order" dicendo che "Clinton non vuole usare due parole: ordine e legge". Il miliardario è d'accordo con Clinton su un punto: "Dobbiamo togliere le armi da chi non dovrebbe averle, dalle persone cattive" inclusi i potenziali terroristi. Chissà come la super potente lobby sulle armi che si è schierata a suo favore - la National Rifle Association - interpreterà queste dichiarazioni. I due si sono scontrati anche sullo "stop and frisk", la controversa pratica della polizia di New York City di fermare e perquisire persone in strada senza che ci sia alcun indizio di colpevolezza o reato. Usata ampiamente nell'era Giuliani e Bloomberg, è stata abolita dall'attuale primo cittadino Bill de Blasio. Secondo Trump, "ha avuto un impatto notevole sulla sicurezza a New York City". Per Clinton è stata "inefficace", "non ha fatto quel che doveva".

Il luogo di nascita di Obama
Nel primo dibattito presidenziale si è parlato anche del luogo di nascita di Barack Obama, una questione alimentata da ormai otto anni dai cosiddetti "birther". Il 16 settembre scorso Donald Trump aveva ammesso per la prima volta in cinque anni che l'attuale inquilino della Casa Bianca è nato in Usa ma lo aveva fatto incolpando Clinton di avere dato origine al movimento dei birther attraverso la sua campagna alle presidenziali del 2008, quando stava sfidando un allora sconosciuto Obama per la nomination democratica. Clinton ha risposto tornando a smentire l'accusa e dicendo che "Obama è un uomo di grande dignità". Citando la first lady Michelle, la candidata democratica ha detto: "Quando [i polemici] toccano il fondo, noi raggiungiamo le vette". Secondo Cliton, è Trump ad avere iniziato "un'attività politica basata su una bugia razzista secondo cui il nostro presidente non era un cittadino americano".

Gli hacker russi
Clinton si è detta preoccupata dei cyber-attacchi commessi dalla Russia, che usa "uno dei suoi metodi preferiti per collezionare informazioni". Con in mente l'attacco hacker dello scorso luglio al Democratic National Committee (Dnc), le cui email (20.000) sono state rubate e poi pubblicate da WikiLeaks imbarazzando il comitato che governa il partito democratico così tanto da provocarne un azzeramento ai vertici, Clinton ha promesso: "Non permetteremo a nessun hacker sponsorizzato da uno Stato - che sia la Russia o la Cina - di vincere. Per questo sono rimasta sconvolta quando Trump ha invitato i pirati informatici ad attaccare". Il riferimento è all'episodio in cui il candidato del Gop disse rivolgendosi alla Russia: "Se stai ascoltando, spero che tu possa trovare le 30.000 email mancanti", ossia quelle che Clinton ha cancellato dal server privato che usò quando era segretario di Stato (uso che non è stato incriminato dall'Fbi). "So che Donald apprezza Vladimir Putin", ha continuato l'ex segretario di Stato consapevole che il presidente russo è per Trump un leader migliore di Obama. Il candidato repubblicano ha risposto: "Nessuno sa se è stata la Russia a penetrare il Dnc".

Trump e gli insulti alle donne La candidata democratica ha ricordato una dopo l'altra una serie di affermazioni imbarazzanti del miliardario di New York: "Ha definito le donne scrofe, sciatte e cagne"; ha detto che "la gravidanza è una cosa sconveniente per i datori di lavoro e che le donne non si meritano lo stesso trattamento [finanziario sul posto di lavoro] a meno che non vadano bene tanto quanto gli uomoni". Fino a qui, nulla di nuovo visto che Trump è famoso per avere attaccato pesantemente la conduttrice di Fox News, Megyn Kelly, o l'aspetto fisico della candidata Carly Fiorina. Clinton ha colpito quando ha spiegato che "una delle cose peggiori che [Trump] ha detto riguarda una ragazza in un concorso di bellezza", una delle competizioni "tanto amate" da lui. "L'ha chiamata Miss Piggy", perché secondo il miliardario doveva perdere peso, ha tuonato l'ex segretario di Stato. "L'ha poi chiamata Miss housekeeper (Signora domestica, ndr) perché era ispanica". E rivolgendosi al rivale per nome, Clinton ha sorpreso dicendo a chiare lettere: "Quella persona ha un nome. Si chiama Alicia Machado", Miss Universo nel 1996 rappresentando il Venezuela. E mentre Trump chiedeva "dove hai trovato" queste informazioni, lei diceva: "E' diventata una cittadina americana e stai certo che voterà". Per Hillary ovviamente.

La preparazione di Clinton
Uno dei punti in cui Clinton ha colpito efficacemente Trump è stato quando ha difeso la sua preparazione in vista del dibattito. Lui si era appena vantato di essere recentemente "stato a Detroit, poi a Philadelphia, dovunque...mentre tu hai deciso di stare a casa" ignoranto gli angoli più poveri del Paese. Lei ha replicato: "Credo che Donald stia cercando di criticarmi per il fatto di essermi preparata per questo dibattito. Si, l’ho fatto. E ho fatto anche un’altra cosa: mi sono preparata per diventare il presidente degli Stati Uniti. E questo credo sia una buona cosa". Lui non sembra averlo fatto o almeno non allo stesso livello visto che non ha saputo tenere a freno la sua spavalderia, che poco si addice a un inquilino della Casa Bianca. Clinton invece è pronta a essere "un leader su cui contare a casa come all'estero", dicendo che da presidente non accetterà chi fa leva sul bullismo e promettendo di lavorare sodo. Alla faccia di Trump che si auto-loda dicendo di avere un temperamento migliore della rivale, che per altro "non ha il fisico" per essere presidente.

Altri Servizi

Wall Street, il focus resta sulla Turchia

Giornata economica priva di altri spunti di nota
iStock


Trump condanna razzismo e invita all'unità un anno dopo Charlottesville

Al via a Washington manifestazione di suprematisti bianchi. Prevista contro-manifestazione. Nella città della Virginia dichiarato lo stato di emergenza
AP

Charlottesville. Un anno dopo. Mentre la capitale americana si prepara a ospitare una manifestazione di suprematisti bianchi - gli stessi che l'11 agosto del 2017 crearono caos e violenze mortali nella città della Virginia - Donald Trump invita una nazione forse mai così divisa "all'unità". Il 45esimo presidente americano ha fatto di nuovo ricorso al suo megafono - Twitter - per "condannare tutti i tipi di razzismo e atti di violenza". E per augurare "pace a TUTTI gli americani". Peccato che grand parte dei cittadini Usa creda che da quando Trump è stato eletto le relazioni razziali siano peggiorate.

Diritti umani, l'alto commissario Onu: parole di Trump "vicine all'incitamento alla violenza"

Zeid Ra'ad al-Hussein: "La sua retorica mi ricorda i tempi bui" del ventesimo secolo

La retorica del presidente statunitense, Donald Trump, contro i mass media 'nemici del popolo' è "molto vicina all'incitamento alla violenza", che potrebbe portare i giornalisti ad autocensurarsi o a essere attaccati. Lo ha detto l'alto commissario per i diritti umani delle Nazioni Unite, Zeid Ra'ad al-Hussein, in un'intervista esclusiva al Guardian prima della fine del suo mandato. Il diplomatico e principe giordano lascerà l'incarico questo mese, dopo aver deciso di non ripresentarsi per un secondo mandato quadriennale, in un momento in cui le grandi potenze mondiali sembrano meno impegnate a combattere gli abusi.

Trump pronto a rivedere accordi duty-free con nazioni piccole

Indonesia e Thailandia nel mirino. Dall'autunno analisi su accordi in Europa orientale, Medio Oriente e Africa

Non ci sono solo la Cina o l'Unione europea nel mirino (commerciale) degli Stati Uniti. Da quando Donald Trump è diventato presidente americano, era il gennaio 2017, Washington sta analizzando gli accordi commerciali grazie ai quali nazioni più piccole e meno sviluppate da 30 anni esportano in Usa migliaia di prodotti duty-free.

Il duello Erdogan-Trump

La crisi turca preoccupa gli investitori. Obbligatorio un rialzo dei tassi di almeno il 10% per fermare la caduta libera della lira. Il presidente turco minaccia quello Usa: cercheremo nuovi amici. Alleanza Nato a rischio
AP

Quanto sarà disposto Recep Tayyip Erdogan a sopportare la "guerra economica" che secondo lui è stata lanciata dagli Stati Uniti contro la sua Turchia? Quanto la crisi finanziaria di Ankara si allargherà nei mercati emergenti e nel Mediterraneo? Quando e quali misure estreme verranno adottate per calmare la situazione? Sono questi gli interrogativi che rimbalzano da una sala operativa all'altra dopo un venerdì 10 agosto in cui la lira turca a un certo punto era arrivata a cedere il 20% contro il dollaro. Un biglietto verde alla fine della giornata comprava 6,43 lire, il 41% in meno da inizio anno.

Dazi Usa per 16 miliardi di dollari su import cinese scattano il 23 agosto

Si aggiungono a quelli del 25% su 34 miliardi entrati in vigore il 6 luglio

Preannunciati il 15 luglio, i dazi americani su prodotti cinesi per 16 miliardi di dollari entreranno in vigore il 23 agosto prossimo. Le tariffe doganali si aggiungeranno a quelle del 25% scattate il 6 luglio scorso per 34 miliardi su 818 articoli Made in China.

News Corp: nell'anno perdita più che doppia a 1,4 miliardi di dollari

Pesano investimenti per creare una delle più grandi pay-tv d'Australia. il Wall Street Journal ha più abbonati digitali che su carta
iStock

Archiviato il suo quarto trimestre fiscale in perdita, ma soddisfando comunque gli analisti, News Corp ha chiuso l'esercizio 2018 con un buco di 1,4 miliardi di dollari, più che doppio di quello del 2017, e ricavi in rialzo dell'11% a 9,02 miliardi. Per il Ceo Robert Thomson quella dell'anno terminato il 30 giugno scorso è stata "una performance robusta in tutti i nostri business" e con "cambiamenti positivi e profondi nel nostro flusso dei ricavi, che sono stati più globali, digitali e basati sugli abbonamenti". Basti un esempio: The Times, The Sunday Times e The Wall Street Journal "hanno raggiunto nuovi massimi nella loro trasformazione digitale con abbonati digitali che ora superano quelli della versione cartacea" di questi giornali.

Tesla: i soci fanno causa al gruppo e al Ceo Musk per i tweet sul delisting

Due investitori puntano a lanciare una class action per punire "l'attacco nucleare" commesso contro gli short seller
iStock

Mentre l'autorità di borsa Usa indaga e il cda si prepara a incontrare advisor finanziari, Tesla e il suo irriverente Ceo sono stati denunciati in due cause separate da azionisti convinti che l'azienda ed Elon Musk abbiano architettato un'operazione fraudolenta - a colpi di tweet - per punire gli arcinemici dello stesso Ceo: gli short seller, gli investitori che scommettono contro un determinato titolo da loro giudicato troppo caro. Il riferimento è ai cinguettii datati 7 agosto con cui Musk ha sorpreso tutti e fatto scattare un rally del titolo (poi sgonfiato) annunciando che stava valutando un delisting del produttore di auto elettriche per renderlo un gruppo non più quotato.

Il 're dei bond' Bill Gross bocciato dal suo capo: nel 2018 si è sbagliato

Per il Ceo di Janus Henderson resta però "uno dei migliori investitori della nostra epoca"

Bill Gross si è conquistato negli anni il soprannome di 're dei bond'. Eppure colui che nel settembre 2014 sorprese tutti lasciando la sua Pimco per passare alla rivale più piccola Janus Henderson non sembra più meritarsi un simile soprannome. Almeno per Richard Weil, il Ceo dell'azienda per cui Gross lavora.

Rashida Tlaib sarà la prima musulmana eletta al Congresso Usa

Ha vinto le primarie democratiche in distretto del Michigan senza un rivale repubblicano. Figlia di immigrati palestinesi, è già stata parlamentare statale

Il Congresso statunitense avrà la prima parlamentare musulmana della sua storia. Rashida Tlaib, infatti, ha vinto le affollate primarie democratiche per il tredicesimo distretto del Michigan, che comprende delle zone periferiche di Detroit, e alle elezioni di novembre non troverà un rivale repubblicano a sfidarla per il seggio alla Camera. Potrà solo essere sfidata da candidati 'write-in', i cui nominativi cioè non sono presenti sulla scheda elettorale, ma devono essere scritti manualmente dagli elettori. Questo significa che Tlaib, 42 anni, è nettamente favorita per la vittoria nel distretto, roccaforte democratica. "Il vincente delle primarie vincerà le elezioni, non ci sono dubbi" aveva detto ieri il capo della campagna elettorale di Tlaib, Andy Goddeeris.