Gli Stati Uniti bloccano la fusione tra At&t e Time Warner

Il dipartimento di Giustizia sostiene che avrebbe eliminato l'innovazione e avrebbe fatto alzare i costi per i consumatori. Adesso i due colossi si preparano a ricorrere. Dubbi sulle pressioni di Trump per vendicarsi con CNN

Il dipartimento di Giustizia americano dice no alla fusione tra At&t e Time Warner, che avrebbe avuto un valore di 85 miliardi di dollari e dato vita a un colosso verticale dei media e delle telecomunicazioni. La decisione delle autorità americane è stata fortemente criticata da At&t, che si prepara a fare ricorso, aprendo una delle più grandi cause antitrust della storia degli Stati Uniti. La decisione raggiunta ieri nel pomeriggio dal dipartimento di Giustizia è stata definita come "inspiegabile" rispetto ai precedenti casi, che in passato non erano stati bloccati.

Gli scorsi anni infatti altri merger di questo genere non erano stati fermati: per esempio nel 2011 Comcast e NBCUniversal era stata approvata dall'amministrazione Obama. E allora cosa è successo? Secondo diversi osservatori, la decisione dell'amministrazione Trump rappresenta una vendetta nei confronti di CNN, di proprietà di Time Warner. Il network infatti - insieme al New York Times - è stato definito una fabbrica di fake news dal presidente americano, Donald Trump, che avrebbe voluto prendersi una rivincita.

Nei giorni scorsi alcune fonti hanno sostenuto che il dipartimento di Giustizia, su pressioni di Trump, avrebbe chiesto ai due gruppi di togliere CNN dall'accordo e venderla separatamente, per avere il via libera alla fusione. Il dipartimento di Giustizia, tuttavia, ha sempre negato, sostenendo di non aver subito alcuna pressione da parte del presidente o della Casa Bianca.

L'accordo tra At&t, colosso della telefonia, e Time Warner, colosso dei media, avrebbe avuto un valore di 85 miliardi di dollari. Il dipartimento di Giustizia l'ha fermata perché "danneggerebbe i consumatori facendo aumentare le bollette" degli abbonamenti mensili e diminuendo l'innovazione. Non è cos" per At&t che invece sostiene che le fusioni verticali creano benefici per i consumatori perché diminuiscono i prezzi ma non eliminano gli avversari dal mercato.

Adesso la parola finale spetta all'appello, che dovrà decidere se accettare la richiesta dei due gruppi e andare contro il dipartimento di Giustizia. La decisione è guardata con molto interesse da tutto il settore media americano, soprattutto in un periodo movimentato come questo, con una vendita di 21st Century Fox. Per il gruppo di Rupert Murdoch si sono già fatti avanti diversi pretendenti tra cui Disney, Comcast e Verizon.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e sussidi di disoccupazione

Oggi i dati di Bank of New York Mellon, Morgan Stanley, American Express e Ibm
AP

Interferenza russa nel referendum su Brexit? Facebook amplia l'inchiesta

Il social network risponde al pressing dei legislatori britannici. Il gruppo aveva scoperto solo una minima attività riconducibile a Mosca

Facebook sta ampliando la sua inchiesta volta a capire se la Russia ha interferito nel referendum con cui nel giugno 2016 i cittadini britannici hanno scelto l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea. Lo ha detto ieri il social network, che in una precedente indagine aveva scoperto soltanto un'attività minima da parte di Mosca.

Trump: sul muro non è cambiato nulla, lo pagherà il Messico

Il presidente replica a un articolo del New York Times, secondo cui il capo di gabinetto, John Kelly, avrebbe detto a un gruppo di democratici di averlo convinto che la barriera non è necessaria
Ap

"Il muro è il muro, non è mai cambiato dal primo giorno in cui l'ho concepito" e "sarà pagato, direttamente o indirettamente, dal Messico". Lo ha assicurato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornando a parlare, su Twitter, della barriera al confine tra i due Paesi.

Russiagate, Bannon "collaborerà totalmente con Mueller"

L'ex stratega della Casa Bianca ha ricevuto un mandato di comparizione dal procuratore speciale. Il privilegio esecutivo, invece, 'blocca' Bannon davanti alla commissione Intelligence della Camera

Steve Bannon "intende cooperare totalmente con Mueller", secondo una fonte di Axios vicina all'ex stratega della Casa Bianca. Robert Mueller, il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sulle possibili collusioni tra il Cremlino e lo staff di Donald Trump, ha infatti spiccato un mandato di comparizione, la scorsa settimana, nei confronti di Bannon, come svelato ieri dal New York Times.

Un avvocato di Trump: "Il presidente è molto impaziente di parlare con Mueller"

Il procuratore speciale che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni potrebbe presto ascoltare il capo di Stato

Un avvocato di Donald Trump ha detto che il presidente degli Stati Uniti è "molto impaziente" di sedersi a parlare con il procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi i conti di Goldman Sachs e Bank of America
AP

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Alcoa: perdita trimestrale peggiora, pesano chiusure fonderie (anche in Italia)

Rosso da 196 milioni di dollari. Oneri per 391 milioni legati anche all'impianto sardo a Portovesme. Dalla riforma fiscale Usa, impatto negativo per 22 milioni

La chiusura di un paio di fonderie, inclusa quella a Portovesme (Sardegna), e la nuova riforma fiscale Usa hanno pesato sugli utili di Alcoa relativi agli ultimi tre mesi del 2017. L'intero esercizio commerciale è finito in modo migliore di quello precedente grazie all'andamento dei prezzi dell'alluminio.

Russiagate: accordo con Mueller, Bannon evita il gran giurì

L'ex stratega della Casa Bianca risponderà alle domande del procuratore speciale sulle interferenze russe nelle elezioni

Steve Bannon avrebbe raggiunto un accordo con Robert Mueller per evitare di testimoniare davanti al gran giurì istituito per l'inchiesta sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi. Lo riporta la Cnn.

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".