Gli Usa contro il G20. Non accettano il comunicato a favore del libero scambio

L'amministrazione Trump per la prima volta nella storia recente degli Stati Uniti è in contrasto con le posizioni dei paesi G20 sul commercio. Intanto aumentano le tensioni con la Germania e il Regno Unito.

Continua il tentativo di rottura con le alleanze internazionali dell'amministrazione Trump. Sabato gli Stati Uniti hanno respinto le posizioni prese in un comunicato stampa dai Paesi del G20, in cui si sostiene il pericolo del protezionismo. Si tratta di un segno del nuovo corso voluto dalla Casa Bianca e che potrebbe mettere in crisi le relazioni coltivate per otto anni da Barack Obama.

Il segretario al Tesoro americano, Steve Mnuchin, ha partecipato in Germania all'incontro tra i ministri dell'Economia e i banchieri centrali dei Paesi G20. La decisione mostra come gli Stati Uniti, come ripetuto da Donald Trump più volte, non accetteranno più i patti commerciali esistenti e potrebbero spingersi in atteggiamenti molto aggressivi anche nei confronti dei loro partner in tutto il mondo.

"Capisco i desideri e le politiche del presidente [Trump] e sto negoziandole da qui", ha detto Steve Mnuchin. Trump ha posto al centro della sua campagna elettorale una guerra al libero scambio, promettendo di voler rinegoziare il Nafta, e di far deragliare sia l'accordo con i Paesi del Pacifico che con l'Europa. L'idea è quella di una maggiore chiusura e dell'imposizioni di tariffe. Trump sostiene che il sistema cos" come è oggi tende a penalizzare gli Stati Uniti.

Le politiche della Casa Bianca rappresentano un cambiamento epocale. Proprio gli Stati Uniti a partire dagli anni '90 sono stati i principali promotori della globalizzazione e del libero scambio delle merci.

In tutto questo, Trump ha creato nuove tensioni con alleati importanti come la Germania e il Regno Unito. Prima ha accusato l'intelligence del Regno Unito di averlo intercettato, citando un articolo di Fox News. Dopo l'irritazione di Londra, la Casa Bianca non ha chiesto scusa. Sabato invece, dopo l'incontro di ieri con la cancelliera tedesca Angela Merkel, ha commentato su Twitter, chiedendo a Berlino di pagare il denaro "una grande somma" alla Nato.

Altri Servizi

Questa notte la Cena dei Corrispondenti della Casa Bianca. Senza Trump

E' il primo presidente a mancare da 36 anni a questa parte: la sua protesta contro la stampa nell'evento che celebra la libertà d'informazione

Questa sera a Washington (quando in Italia sarà notte inoltrata) si terrà uno degli eventi più attesi dell'anno: la cena dei corrispondenti della Casa Bianca, il gala annuale in cui di solito il presidente degli Stati Uniti si ritrova con tutti i giornalisti che lo seguono ogni giorno e a cui partecipano anche diverse star. E' un evento durante il quale, tradizionalmente, il Commander in Chief tiene un discorso diverso dal solito e fuori dalle righe, e ne approfitta per scherzare: basti pensare alla cena dello scorso anno, quando Barack Obama lasciò cadere il microfono come un consumato showman alla sua ultima trasmissione televisiva (per vedere la scena, si vada alla fine del video in pagina). Per il 44esimo presidente Usa quella era l'ultima Correspondent's Dinner. Quest'anno, però, il presidente Usa non parteciperà. E' stato Donald Trump ad annunciarlo con largo anticipo in un tweet: "Non parteciperò alla cena dell’Associazione dei Corrispondenti della Casa Bianca. Vi auguro ogni bene e di trascorrere una bella serata".

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

Sabato 29 aprile, sarà il centesimo giorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Un periodo che, di solito, permette di dare un primo giudizio sul lavoro, in questo caso, del 45esimo presidente degli Stati Uniti. Un periodo ricco di eventi, notizie, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni, a Washington e nel resto del Paese.

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"