Gli Usa contro il G20. Non accettano il comunicato a favore del libero scambio

L'amministrazione Trump per la prima volta nella storia recente degli Stati Uniti è in contrasto con le posizioni dei paesi G20 sul commercio. Intanto aumentano le tensioni con la Germania e il Regno Unito.

Continua il tentativo di rottura con le alleanze internazionali dell'amministrazione Trump. Sabato gli Stati Uniti hanno respinto le posizioni prese in un comunicato stampa dai Paesi del G20, in cui si sostiene il pericolo del protezionismo. Si tratta di un segno del nuovo corso voluto dalla Casa Bianca e che potrebbe mettere in crisi le relazioni coltivate per otto anni da Barack Obama.

Il segretario al Tesoro americano, Steve Mnuchin, ha partecipato in Germania all'incontro tra i ministri dell'Economia e i banchieri centrali dei Paesi G20. La decisione mostra come gli Stati Uniti, come ripetuto da Donald Trump più volte, non accetteranno più i patti commerciali esistenti e potrebbero spingersi in atteggiamenti molto aggressivi anche nei confronti dei loro partner in tutto il mondo.

"Capisco i desideri e le politiche del presidente [Trump] e sto negoziandole da qui", ha detto Steve Mnuchin. Trump ha posto al centro della sua campagna elettorale una guerra al libero scambio, promettendo di voler rinegoziare il Nafta, e di far deragliare sia l'accordo con i Paesi del Pacifico che con l'Europa. L'idea è quella di una maggiore chiusura e dell'imposizioni di tariffe. Trump sostiene che il sistema cos" come è oggi tende a penalizzare gli Stati Uniti.

Le politiche della Casa Bianca rappresentano un cambiamento epocale. Proprio gli Stati Uniti a partire dagli anni '90 sono stati i principali promotori della globalizzazione e del libero scambio delle merci.

In tutto questo, Trump ha creato nuove tensioni con alleati importanti come la Germania e il Regno Unito. Prima ha accusato l'intelligence del Regno Unito di averlo intercettato, citando un articolo di Fox News. Dopo l'irritazione di Londra, la Casa Bianca non ha chiesto scusa. Sabato invece, dopo l'incontro di ieri con la cancelliera tedesca Angela Merkel, ha commentato su Twitter, chiedendo a Berlino di pagare il denaro "una grande somma" alla Nato.

Altri Servizi

Negli Stati Uniti, si festeggia il giorno dei presidenti

Ogni terzo lunedì di febbraio, il Paese celebra i suoi leader. In origine, era solo una festa per commemorare Washington, il primo presidente

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, lo trascorrerà a West Palm Beach, dove è arrivato venerdì, e giocherà a golf; in serata, farà ritorno alla Casa Bianca. Su Twitter, in mattinata, ha augurato "un grande, ma riflessivo, Presidents' Day!". 

La legalizzazione delle scommesse sportive divide gli Stati Uniti

Entro giugno, è attesa una sentenza della Corte Suprema che potrebbe dare il via libera in tutto il Paese, mentre per ora sono consentite solo in quattro Stati. A guidare i contrari è la Ncaa: l'integrità dello sport universitario sarebbe a rischio

In Italia e in molti Paesi d'Europa, le scommesse sportive non sono più un tabù e siamo ormai abituati a vedere le persone scommettere su ogni evento, dalla finale di Champions League alle partite di badminton in Indonesia. Negli Stati Uniti, invece, non è così. Ma le cose potrebbero presto cambiare.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

AP

Le rotative che ogni giorno portano alla luce i quotidiani potrebbero avere altri 10 anni di vita. A fare questa previsione è stato Mark Thompson, presidente e amministratore delegato di New York Times Company, l'azienda editoriale che pubblica l'omino giornale.