Gli Usa pronti al ritorno alla Guerra Fredda con Cuba, poi Trump ha scelto una linea moderata

L'amministrazione aveva preso in considerazione la possibilità di un ultimatum sui diritti umani e l'ipotesi di una rottura completa con L'Avana

L'amministrazione Trump aveva preso in considerazione la possibilità di troncare i rapporti con Cuba, scegliendo poi di adottare una linea più morbida, che non precluda i rapporti diplomatici e futuri rapporti economici tra i due Paesi. A scriverlo è The Hill, citando documenti ottenuti in esclusiva.


L'idea dell'ultimatum a Cuba

Durante un incontro del Consiglio di sicurezza nazionale dello scorso mese, i funzionari statunitensi presero in considerazione l'ipotesi di emettere un ultimatum "tutto o niente" al governo cubano sui diritti umani. Se i cambiamenti proposti da Washington non fossero stati adottati dall'Avana entro una determinata data, gli Stati Uniti avrebbero riportato i rapporti tra i due Paesi all'epoca della Guerra Fredda, spazzando via i passi avanti compiuti da Barack Obama. Il memo fatto circolare dal Consiglio di sicurezza nazionale tra i massimi esponenti dell'amministrazione prevedeva misure come la chiusura dell'ambasciata e, come ipotesi peggiore, anche il reinserimento di Cuba tra i Paesi sponsor del terrorismo. Tra le opzioni, anche il ripristino della politica conosciuta come "wet foot, dry foot", che garantiva ai cubani la possibilità di restare nel Paese una volta messo piede sul suolo statunitense, cancellata da Obama dopo il disgelo.

Le forze dell'ordine statunitensi hanno però rigettato questa linea, perché prepccupate che potesse provocare un'ondata di arrivi di migranti cubani. Non è chiaro se le raccomandazioni per cancellare totalmente le politiche di Obama abbiano mai raggiunto la scrivania del presidente. Alla fine, la Casa Bianca ha scelto un approccio più moderato.


La mezza verità di Trump

Il presidente Donald Trump, ieri, ha promesso di "cancellare completamente" le misure volute da Obama, che avvantaggerebbero solo il regime "brutale" di Castro, ma alcune resteranno in realtà in vigore, come dimostra la direttiva di sei pagine firmata ieri. Direttiva che ordina nuove restrizioni su commercio e viaggi, con lo scopo di non far arricchire i militari.

Le relazioni diplomatiche sull'asse Washington-L'Avana, riaperte nel 2015, non subiranno modifiche, come dimostra la volontà di mantenere aperta l'ambasciata statunitense, che era stata chiusa nel 1961; i cittadini cubano-statunitensi potranno continuare a viaggiare liberamente e a spedire soldi nel Paese caraibico. Non ci saranno inoltre nuove restrizioni rispetto a quelle in essere sui prodotti cubani che gli statunitensi possono portare a casa, come i sigari e il rum. Lasciare l'ambasciata statunitense a Cuba, ha detto Trump, è una scelta fatta "nella speranza che i nostri Paesi possano determinare una rotta migliore". E al regime ha detto: "Venga al tavolo per un nuovo accordo che sia nel migliore interesse di entrambe i popoli".

L'idea della Casa Bianca è che "l'allentamento delle restrizioni su viaggi e commercio non aiuta il popolo cubano ma arricchisce solamente il regime cubano". Per questo Trump vuole impedire attività commerciali con entità controllate dai servizi militari e d'intelligence cubani favorendo invece (non si sa come) lo sviluppo delle relazioni con i privati cittadini. Su questi punti, Trump ha detto di voler "severamente applicare le leggi" che già esistono; un riferimento chiaro, per esempio, al turismo statunitense a Cuba, formalmente ancora vietato.


La risposta di Cuba

Il governo cubano ha "denunciato" le nuove restrizioni negli scambi con gli Stati Uniti annunciate ieri da Trump, pur ribadendo la disponibilità a "continuare il dialogo nel rispetto" reciproco avviato con Washington dopo il ripristino delle relazioni diplomatiche. "Il governo di Cuba denuncia le nuove misure di inasprimento dell'embargo" imposto a Cuba dal 1962, ma "ribadisce la volontà di continuare il dialogo nel rispetto e con spirito di cooperazione" ha affermato L'Avana in un comunicato letto dalla tv di Stato.

Altri Servizi

Trump contro Mueller e Comey: la loro amicizia "irritante". Sull'indagine: "Tutto ridicolo"

Il presidente ipotizza che Mueller debba lasciare le indagini. Poi è ironico su Pelosi: "Spero resti, vinciamo sempre contro di lei"
AP

L'amicizia tra l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, e il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate, "è irritante". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervistato da "Fox and Friends". Mueller, a sua volta ex direttore dell'Fbi, è stato nominato per indagare sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui presunti legami tra lo staff di Trump e il Cremlino, su cui stava indagando Comey, licenziato da Trump. Alla domanda se Mueller debba lasciare l'incarico per la sua amicizia con Comey, che ha accusato il presidente di aver diffamato lui e l'Fbi, Trump ha risposto: "Dovremo vedere" se sia il caso.

FedEx chiude un trimestre migliore delle stime

Il gruppo di spedizioni si aspetta "spese significative nei prossimi anni in connessione all'integrazione con TNT Express"
iStock

Nei tre mesi chiusi il 31 maggio scorso, FedEx ha registrato utili netti per 1,02 miliardi di dollari, o 3,75 dollari per azione, contro una perdita di 70 milioni di dollari, o di 26 centesimi, dello stesso periodo dello scorso anno; al netto di voci straordinarie i profitti del gruppo di spedizioni considerato un barometro dell'economia Usa sono stati di 4,25 dollari per azione, in rialzo dai 3,3 dollari dello scorso anno e oltre le attese degli analisti per 3,88 dollari.

Johnny Depp allude all'omicidio di Trump e poi si scusa

Frasi "preoccupanti" per la Casa Bianca mentre l’attore americano ha spiegato che non c’era malizia nelle sue parole

Si è aggiunto un altro episodio alla saga che alcuni hanno già soprannominato "Hollywood contro Trump". Protagonista questa volta è stato Johnny Depp finito nella bufera dopo una battuta contro il tycoon newyorchese. Dal festival di Glastonbury nel Somerset in Gran Bretagna, dove il si trovava per presentare il suo film "The Libertine" del 2004, Depp ha parlato del presidente americano sottolineando che "ha bisogno di aiuto" e aggiungendo che "ci sono molti luoghi oscuri dove (Trump) potrebbe andare".

Tutte le "bugie di Donald Trump"

Il New York Times ha creato un'antologia unica in cui le menzogne del tycoon vengono analizzate dettagliatamente attraverso contraddittori, schede e grafici
AP

La verità e Donald Trump sembrano andare tutt’altro che d’accordo. Durante la campagna elettorale prima e una volta insediatosi alla Casa Bianca poi, numerose sono state le accuse mosse contro di lui da buona parte dell’opinione pubblica di essere tutt’altro che onesto. Molto scalpore aveva fatto lo scorso gennaio l’espressione "alternative facts" (fatti alternativi) usata da Kellyanne Conway, stratega politica del Partito Repubblicano statunitense e una dei principali consiglieri del presidente Donald Trump, per commentare l’analisi di Sean Spicer, portavoce del presidente, sui dati di affluenza relativi all’insediamento di Trump.

Uber: petizione di oltre mille dipendenti, vogliono il ritorno del Ceo

Nonostante una serie di episodi imbarazzanti, le raccomandazioni di un'inchiesta e il pressing dei soci, chiedono al cda di dare a Travis Kalanick responsabilità operative
AP

Poco importa che la leadership del Ceo di Uber sia stata discutibile, al punto che una inchiesta interna sulla cultura aziendale del gruppo aveva consigliato una "revisione e una ricollocazione delle responsabilità" del numero uno. Oltre mille dipendenti dell'azienda - comunque una piccola parte della forza lavoro composta da oltre 14.000 persone - hanno firmato una petizione in cui chiedono al consiglio di amministrazione il ritorno di Travis Kalanick: il 13 giugno era andato in aspettativa a tempo indeterminato e sette giorni dopo aveva dato le dimissioni (ecco le tappe). Ciò indica una divario tra le persone che lavorano per Uber e buona parte di quelle che vi hanno investito: gli azionisti che possiedo complessivamente il 40% circa del capitale avevano fatto pressing affinché il Ceo se ne andasse.

New York: Italia grande protagonista del Summer Fancy Food Show 2017

Trecento imprese alla fiera dedicata a specialità food e beverage. Verso numero record di visitatori

Conto alla rovescia per la 63esima edizione del Summer Fancy Food Show, la fiera dedicata alle specialità alimentari e alle bevande più grande del Nord America e in programmazione dal 25 al 27 giugno 2017 presso il Jacob Javits Center di New York. Ancora una volta l'Italia sarà protagonista con un suo padiglione dove, alla presenza di 300 imprese, ci si aspetta un nuovo record di presenze. La prima novità di quest'anno sta negli stand, con un design nuovo e moderno pensato per espositori e visitatori che troveranno gli spazi ancora più orientati al business. L'altra novità il lancio della prima edizione dell'Italian Food Awards USA 2017, premio dedicato alle eccellenze italiane che operano negli Usa che fino ad ora si è svolto in Europa; questa edizione del premio è stato istituito dalla rivista Italianfood.net, in collaborazione con Universal Marketing e il sostegno di Specialty Food Association (Sfa) e l'agenzia ICE. Nel corso della cerimonia di premiazione, Marco de Ceglie - Ceo Usa dell’azienda olearia Filippo Berio, che quest'anno celebra i suoi 150 anni di attività - consegnerà il Premio speciale “Welcome to USA‟. "Siamo felici, perché anche quest’anno il famoso talento italiano per l'innovazione e per lo stile sarà in mostra al Summer Fancy Food Show", ha dichiarato Phil Kafarakis, presidente della Specialty Food Association, che in una nota si è detta "molto lieta di presentare Italian Food Awards durante il salone di quest’anno. Sarà la prima volta che il premio sarà presentato in America. L'Italia rappresenta la più grande presenza internazionale nel nostro Show, è il primo evento che riunisce i produttori italiani e buyer americani. L’Italian Food Awards certamente aggiunge novità e innovazione al nostro Salone".

Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi
Unsplash

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

Afghanistan, la Casa Bianca non ha una strategia chiara

Donald Trump ha dato pieni poteri al Pentagono che vorrebbe inviare 3.000-5.000 nuovi militari nel Paese
AP

Quando il presidente americano Donald Trump ha preso la sua prima più grande decisione sulla guerra in Afghanistan, non ha fatto alcun annuncio televisivo della Casa Bianca o un discorso a West Point. Invece ha fatto comunicare la svolta al Pentagono, che in un pomeriggio ha pubblicato un comunicato stampa firmato da James Mattis: il segretario alla Difesa ha annunciato di avere l'autorità di inviare migliaia di soldati nel Paese, dopo che gli Stati Uniti sono in guerra da 16 anni e hanno di stanza 8.800 soldati in totale.

Russiagate, dall'ammissione di Trump alle divisioni tra i democratici: i fatti salienti della settimana

Giorni intensi sul versante delle indagini e del lavoro della stampa sulla presunta collusione tra l'attuale amministrazione statunitense e Mosca
AP

Il Washington Post ha riferito (mercoledì 14 giugno) che il procuratore speciale, Robert Mueller, sta indagando sulla possibilità che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, abbia cercato di ostacolare la giustizia, nel caso sulle ingerenze russe nelle elezioni di novembre e i possibili legami tra il suo staff e il Cremlino. Si è trattato, comunque, solo di un evento di una settimana densa di novità su quello che in Italia è stato ormai ribattezzato Russiagate.

Usa: fallisce il test del missile che dovrebbe 'fermare' la Corea del Nord

Sviluppato con il Giappone; il primo test era stato positivo. Secondo Foreign Policy, Pyongyang potrebbe presto testare un missile capace di colpire New York
Missile Defense Agency

È fallito l'ultimo test del missile intercettore SM-3 Block IIA da parte della Marina degli Stati Uniti. Lo ha reso noto la U.S. Missile Defense Agency, agenzia del dipartimento della Difesa. Il cacciatorpediniere John Paul Jones, dotato del sistema da combattimento Agis Baseline 9.C2, non è riuscito a intercettare un missile balistico a medio raggio lanciato dalla Pacific Missile Range Facility che si trova a Kauai, alle Hawaii.