Gli Usa pronti al ritorno alla Guerra Fredda con Cuba, poi Trump ha scelto una linea moderata

L'amministrazione aveva preso in considerazione la possibilità di un ultimatum sui diritti umani e l'ipotesi di una rottura completa con L'Avana

L'amministrazione Trump aveva preso in considerazione la possibilità di troncare i rapporti con Cuba, scegliendo poi di adottare una linea più morbida, che non precluda i rapporti diplomatici e futuri rapporti economici tra i due Paesi. A scriverlo è The Hill, citando documenti ottenuti in esclusiva.


L'idea dell'ultimatum a Cuba

Durante un incontro del Consiglio di sicurezza nazionale dello scorso mese, i funzionari statunitensi presero in considerazione l'ipotesi di emettere un ultimatum "tutto o niente" al governo cubano sui diritti umani. Se i cambiamenti proposti da Washington non fossero stati adottati dall'Avana entro una determinata data, gli Stati Uniti avrebbero riportato i rapporti tra i due Paesi all'epoca della Guerra Fredda, spazzando via i passi avanti compiuti da Barack Obama. Il memo fatto circolare dal Consiglio di sicurezza nazionale tra i massimi esponenti dell'amministrazione prevedeva misure come la chiusura dell'ambasciata e, come ipotesi peggiore, anche il reinserimento di Cuba tra i Paesi sponsor del terrorismo. Tra le opzioni, anche il ripristino della politica conosciuta come "wet foot, dry foot", che garantiva ai cubani la possibilità di restare nel Paese una volta messo piede sul suolo statunitense, cancellata da Obama dopo il disgelo.

Le forze dell'ordine statunitensi hanno però rigettato questa linea, perché prepccupate che potesse provocare un'ondata di arrivi di migranti cubani. Non è chiaro se le raccomandazioni per cancellare totalmente le politiche di Obama abbiano mai raggiunto la scrivania del presidente. Alla fine, la Casa Bianca ha scelto un approccio più moderato.


La mezza verità di Trump

Il presidente Donald Trump, ieri, ha promesso di "cancellare completamente" le misure volute da Obama, che avvantaggerebbero solo il regime "brutale" di Castro, ma alcune resteranno in realtà in vigore, come dimostra la direttiva di sei pagine firmata ieri. Direttiva che ordina nuove restrizioni su commercio e viaggi, con lo scopo di non far arricchire i militari.

Le relazioni diplomatiche sull'asse Washington-L'Avana, riaperte nel 2015, non subiranno modifiche, come dimostra la volontà di mantenere aperta l'ambasciata statunitense, che era stata chiusa nel 1961; i cittadini cubano-statunitensi potranno continuare a viaggiare liberamente e a spedire soldi nel Paese caraibico. Non ci saranno inoltre nuove restrizioni rispetto a quelle in essere sui prodotti cubani che gli statunitensi possono portare a casa, come i sigari e il rum. Lasciare l'ambasciata statunitense a Cuba, ha detto Trump, è una scelta fatta "nella speranza che i nostri Paesi possano determinare una rotta migliore". E al regime ha detto: "Venga al tavolo per un nuovo accordo che sia nel migliore interesse di entrambe i popoli".

L'idea della Casa Bianca è che "l'allentamento delle restrizioni su viaggi e commercio non aiuta il popolo cubano ma arricchisce solamente il regime cubano". Per questo Trump vuole impedire attività commerciali con entità controllate dai servizi militari e d'intelligence cubani favorendo invece (non si sa come) lo sviluppo delle relazioni con i privati cittadini. Su questi punti, Trump ha detto di voler "severamente applicare le leggi" che già esistono; un riferimento chiaro, per esempio, al turismo statunitense a Cuba, formalmente ancora vietato.


La risposta di Cuba

Il governo cubano ha "denunciato" le nuove restrizioni negli scambi con gli Stati Uniti annunciate ieri da Trump, pur ribadendo la disponibilità a "continuare il dialogo nel rispetto" reciproco avviato con Washington dopo il ripristino delle relazioni diplomatiche. "Il governo di Cuba denuncia le nuove misure di inasprimento dell'embargo" imposto a Cuba dal 1962, ma "ribadisce la volontà di continuare il dialogo nel rispetto e con spirito di cooperazione" ha affermato L'Avana in un comunicato letto dalla tv di Stato.

Altri Servizi

Sparatoria in Texas: tra le vittime anche la ragazza che disse "no" al killer

Emergono nuovi dettagli sulla strage avvenuta nella scuola di Santa Fe venerdì mattina

C'è anche la ragazza che lo ha rifiutato, umiliandolo davanti alla classe, tra le vittime di Dimitrios Pagourtzis, il 17enne autore della strage nella scuola superiore di Santa Fe, in Texas, dove venerdì mattina hanno perso la vita dieci persone. A rivelare questi dettagli, poi riportati dal Los Angeles Times, è Sadie Rodriguez la madre della 16enne Shana Fisher che "per quattro mesi ha avuto problemi con questo ragazzo".

Tesla, Elon Musk svela nuovi dettagli della Model 3

Il visionario Ceo annuncia su Twitter le caratteristiche della versione top della gamma: "Costerà 78mila dollari con tutti gli optional e sarà più veloce di una Bmw"
Tesla

Elon Musk ha svelato su Twitter di aver aggiunto nuovi accessori alla Model 3, la berlina di Tesla pensata per il mercato di massa. Si tratta della versione di punta che costerà 78mila dollarie (con tutti gli optional) le cui modifiche la rendono "un'auto capace di muoversi rapidamente, affidabilmente, e che ha l’abilità di battere chiunque nella sua classe".

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Stati Uniti-Cina: prove di disgelo sul fronte commerciale

Raggiunto l’accordo per tagliare il deficit commerciale americano. Pechino importerà più prodotti Made in Usa

Il pericolo di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina, che ha rischiato di esplodere dopo le minacce di Trump delle scorse settimane di voler imporre dazi sulle importazioni, è stato definitivamente scongiurato. Le due più grandi economie mondiali, dopo giorni di intensi colloqui, hanno infatti trovato un accordo che punta a "prendere misure efficaci per ridurre in maniera sostanziale il deficit degli Usa nel commercio di merci con la Cina".

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Melania torna a casa dopo l'intervento, Trump l’accoglie sbagliando il suo nome su Twitter

Il presidente americano la chiama Melanie. L’errore, subito corretto, non è passato inosservato agli utenti della rete

Un errore dovuto, molto probabilmente, ad una disattenzione nella digitazione. Fatto sta che il benvenuto di Donald Trump alla moglie Melania, rientrata a casa dopo il ricovero ospedaliero, è stato preda di sfottò e battute varie ai danni del presidente americano che su Twitter ha sbagliato il nome della First Lady chiamandola "Melanie".

Le bambole Bratz volevano giocare con le Barbie ma non ci sono riuscite. Il gruppo MGA Entertainment puntava a fondersi con il rivale Mattel e mettere al vertice dell'azienda combinata Isaac Larian, l'uomo dietro alle Bratz, ma Mattel ha respinto la proposta. E' il Wall Street Journal a riferirlo dopo avere ottenuto documenti che dimostrano come Larian abbia fatto la sua proposta in una lettera datata 25 aprile. Mattel ha risposto dicendo che l'offerta non era nel migliore interesse dei suoi soci.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock