Gli Usa fissano le condizioni per una relazione con la Russia

Nel suo primo viaggio all'estero da segretario di Stato, Tillerson chiede il rispetto degli accordi in Ucraina. Il capo del Pentagono Mattis: ancora non pronti per una collaborazione militare. Trump incolpa i media anche su Mosca
Rex Tillerson, segretario di Stato AP

La cooperazione con la Russia ci potrà anche essere ma alle condizioni decise dagli Stati Uniti. Anche se alla Casa Bianca è arrivato Donald Trump, disposto a tenere la mano a Vladimir Putin, la linea dettata da Washington per il momento ricalca quella dell'amministrazione precedente: Mosca deve rispettare gli accordi internazionali sull'Ucraina, a cui nel marzo 2014 strappò (dopo un referendum) la penisola di Crimea; quella mossa è stata criticata dalla comunità internazionale, che ha così imposto sanzioni.

A ribadire quanto sostenuto da Barack Obama sono stati i neo segretari di Stato e della Difesa. Lo hanno fatto sulla scia delle polemiche esplose con le dimissioni di Michael Flynn da consigliere per la sicurezza nazionale: non è stato trasparente con il vicepresidente Mike Pence e altri sul contenuto delle comunicazioni avute con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti. Su questo "ha sbagliato", ha detto il 45esimo presidente Usa in una lunga conferenza stampa, "ma lui stava facendo il suo lavoro". La vera notizia - secondo lui - sta nella fuga di notizie che ha permesso alla stampa "disonesta" di ottenere indiscrezioni sul caso che complicano i suoi sforzi di avvicinamento a Mosca. "Le notizie false e orribili rendono più difficile un raggiungimento di un accordo con la Russia", ha detto Trump convinto che Putin se ne stia seduto alla sua scrivania pensando che "sia impossibile per Trump avvicinarsi alla Russia per via della pressione su di lui con le fake news".

Per quanto il Commander in chief continui ad auspicare un miglioramento delle relazioni con il Cremlino, l'avvicinamento richiederà più tempo di quanto forse previsto. Putin, accusato da Obama di avere architettato un piano per interferire nelle elezioni presidenziali Usa, lo sa.

Dopo un incontro a Bonn, in Germania, con il ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov (il primo incontro diretto e di alto profilo tra Usa e Russia dall'arrivo di Trump alla Casa Bianca) Rex Tillerson ha fatto capire che Washington è pronta a collaborare con Mosca a patto che quest'ultima rispetti gli impegni in Ucraina. "Ci aspettiamo che la Russia onori gli accordi di Minsk e lavori per fare venire meno la violenza in Ucraina". L'ex Ceo di Exxon Mobil (conosciutissimo a Mosca per via degli accordi siglati dal colosso petrolifero nella nazione russa) faceva riferimento è ai due piani (il primo firmato nel settembre 2014; il secondo, nel febbraio 2015) per riportare la pace in una nazione i cui territori orientali sono in parte occupati da separatisti filo-russi sostenuti da Mosca. Lungo i confini delle due nazioni si continua a combattere.

Nello stesso giorno, in un incontro della Nato a Bruxelles (Belgio), James Mattis è stato chiaro: "In questo momento non siamo nella posizione di collaborare a livello militare". Tuttavia il capo del Pentagono si è impegnato a trovare un "terreno comune" su cui la Russia, rispettando i suoi impegni, torni alle partneship con la Nato". Ai 28 Paesi membri dell'Organizzazione, Mattis ha garantito l'impegno "solido" degli Stati Uniti sottolineando però la necessità di contrastare l'aggressione della Russia, il cui intervento in Siria (a sostegno del presidente Bashar al-Assad) ha permesso di presentarsi a nazioni con interessi diversi come un partner con cui dialogare. Così facendo Mosca non può essere ignorata nel trovare una soluzione a problemi nella Regione.

A fare venire meno le speranze di chi in Russia scommetteva ciecamente su Trump è stato anche Sean Spicer, portavoce della Casa Bianca: ha fatto capire che il presidente Usa "si aspetta" la restituzione della Crimea a Kiev.

A sinistra il ministro Gb della Difesa Michael Fallon, al centro il segretario della Nato Jens Stoltenberg, a destra il capo del Pentagono James Mattis Department of Defense
Altri Servizi

Dal muro con il Messico alla riforma fiscale: i primi 100 giorni di Trump

Un periodo trascorso tra promesse, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni. Tra i momenti più importanti, il record del Dow Jones, la bocciatura della riforma sanitaria alla Camera, gli screzi con gli alleati della Nato, i missili lanciati in Siria

Sabato 29 aprile, sarà il centesimo giorno di Donald Trump alla Casa Bianca. Un periodo che, di solito, permette di dare un primo giudizio sul lavoro, in questo caso, del 45esimo presidente degli Stati Uniti. Un periodo ricco di eventi, notizie, polemiche, contraddizioni e contrapposizioni, a Washington e nel resto del Paese.

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Wall Street, il Pil Usa delude

Dopo una partenza in positivo, il Nasdaq vira in calo unendosi a Dj e S&P 500
AP