Gli Usa fissano le condizioni per una relazione con la Russia

Nel suo primo viaggio all'estero da segretario di Stato, Tillerson chiede il rispetto degli accordi in Ucraina. Il capo del Pentagono Mattis: ancora non pronti per una collaborazione militare. Trump incolpa i media anche su Mosca
Rex Tillerson, segretario di Stato AP

La cooperazione con la Russia ci potrà anche essere ma alle condizioni decise dagli Stati Uniti. Anche se alla Casa Bianca è arrivato Donald Trump, disposto a tenere la mano a Vladimir Putin, la linea dettata da Washington per il momento ricalca quella dell'amministrazione precedente: Mosca deve rispettare gli accordi internazionali sull'Ucraina, a cui nel marzo 2014 strappò (dopo un referendum) la penisola di Crimea; quella mossa è stata criticata dalla comunità internazionale, che ha così imposto sanzioni.

A ribadire quanto sostenuto da Barack Obama sono stati i neo segretari di Stato e della Difesa. Lo hanno fatto sulla scia delle polemiche esplose con le dimissioni di Michael Flynn da consigliere per la sicurezza nazionale: non è stato trasparente con il vicepresidente Mike Pence e altri sul contenuto delle comunicazioni avute con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti. Su questo "ha sbagliato", ha detto il 45esimo presidente Usa in una lunga conferenza stampa, "ma lui stava facendo il suo lavoro". La vera notizia - secondo lui - sta nella fuga di notizie che ha permesso alla stampa "disonesta" di ottenere indiscrezioni sul caso che complicano i suoi sforzi di avvicinamento a Mosca. "Le notizie false e orribili rendono più difficile un raggiungimento di un accordo con la Russia", ha detto Trump convinto che Putin se ne stia seduto alla sua scrivania pensando che "sia impossibile per Trump avvicinarsi alla Russia per via della pressione su di lui con le fake news".

Per quanto il Commander in chief continui ad auspicare un miglioramento delle relazioni con il Cremlino, l'avvicinamento richiederà più tempo di quanto forse previsto. Putin, accusato da Obama di avere architettato un piano per interferire nelle elezioni presidenziali Usa, lo sa.

Dopo un incontro a Bonn, in Germania, con il ministro russo degli Esteri Sergei Lavrov (il primo incontro diretto e di alto profilo tra Usa e Russia dall'arrivo di Trump alla Casa Bianca) Rex Tillerson ha fatto capire che Washington è pronta a collaborare con Mosca a patto che quest'ultima rispetti gli impegni in Ucraina. "Ci aspettiamo che la Russia onori gli accordi di Minsk e lavori per fare venire meno la violenza in Ucraina". L'ex Ceo di Exxon Mobil (conosciutissimo a Mosca per via degli accordi siglati dal colosso petrolifero nella nazione russa) faceva riferimento è ai due piani (il primo firmato nel settembre 2014; il secondo, nel febbraio 2015) per riportare la pace in una nazione i cui territori orientali sono in parte occupati da separatisti filo-russi sostenuti da Mosca. Lungo i confini delle due nazioni si continua a combattere.

Nello stesso giorno, in un incontro della Nato a Bruxelles (Belgio), James Mattis è stato chiaro: "In questo momento non siamo nella posizione di collaborare a livello militare". Tuttavia il capo del Pentagono si è impegnato a trovare un "terreno comune" su cui la Russia, rispettando i suoi impegni, torni alle partneship con la Nato". Ai 28 Paesi membri dell'Organizzazione, Mattis ha garantito l'impegno "solido" degli Stati Uniti sottolineando però la necessità di contrastare l'aggressione della Russia, il cui intervento in Siria (a sostegno del presidente Bashar al-Assad) ha permesso di presentarsi a nazioni con interessi diversi come un partner con cui dialogare. Così facendo Mosca non può essere ignorata nel trovare una soluzione a problemi nella Regione.

A fare venire meno le speranze di chi in Russia scommetteva ciecamente su Trump è stato anche Sean Spicer, portavoce della Casa Bianca: ha fatto capire che il presidente Usa "si aspetta" la restituzione della Crimea a Kiev.

A sinistra il ministro Gb della Difesa Michael Fallon, al centro il segretario della Nato Jens Stoltenberg, a destra il capo del Pentagono James Mattis Department of Defense
Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

Oggi, attesa quella di Netflix dopo la chiusura dei mercati
AP

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Già considerata una sorta di airbnb delle passerelle, una startup americana punta a rivoluzionare il mondo della moda. Rent the Runway, questo il suo nome, ha ampliato la sua offerta: tra i capi di abbigliamento che mette a disposizione a noleggio non ci sono più solo quelli dedicati a cerimonie ma anche alla vita di tutti i giorni. E infatti, con la sua prima campagna pubblicitaria appena lanciata, domanda a varie donne cosa faranno con le loro cabine armadio una volta che inizieranno a usare il servizio del gruppo. "A Rent the Runway non pensiamo che [la cabina armadio] esisterà in futuro", ha spiegato a Cnbc Jenn Hyman, Ceo nonché una delle cofondatrici.

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

La Casa Bianca torna a difendere la riforma fiscale presentata a grandi linee alla fine di settembre e che Donald trump conta di portare a casa entro la fine del 2017.

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha detto che Washington spera di poter restare nell'accordo nucleare con l'Iran, ma che per farlo serve che il Congresso lo modifichi. "Penso che ci vedrete restare nell'accordo [...] Quello che speriamo è di poter migliorare la situazione" ha detto in un'intervista alla Nbc. "Questo è l'obiettivo. Ora siamo nell'accordo e vediamo come possiamo migliorarlo. Questo è l'obiettivo. Non quello di uscire dall'accordo. Stiamo solo cercando di rendere migliore la situazione in modo che gli americani si sentano più al sicuro".

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan

 Amazon entrerà nel mercato dell'abbigliamento sportivo con il proprio marchio. La società di Jeff Bezos, infatti, sta mettendo sotto contratto alcuni dei maggiori fornitori di abbigliamento sportivo per creare una propria linea, secondo le fonti di Bloomberg, preparando così il terreno per una nuova rivoluzione in un settore già in tumulto.

Fmi alza le stime di crescita dell'Italia, disoccupazione sopra media Ue

"Appropriato" un aggiustamento fiscale graduale, ridurre cuneo fiscale. Dal nostro Paese il 30% degli Npl nell'Eurozona

Migliorano le prospettive del Fondo monetario internazionale non solo per l'economia mondiale ma anche per quella italiana, vista in crescita dell'1,5% quest'anno, tanto quanto il Giappone. Per il 2018 è atteso un +1,1%. E' quanto si legge nelle tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'Fmi redatto nell'ambito degli Annual Meetings che da giovedì entreranno nel vivo a Washington, Stati Uniti. Le stime per il 2017 sono state alzate dello 0,2% rispetto all'aggiornamento del Weo dello scorso luglio e dello 0,7% rispetto all'edizione del documento elaborata lo scorso aprile. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un'espansione dello 0,9% e l'anno precedente dello 0,8%, ricorda l'Fmi.

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

La storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine s'intitola "Why Are More American Teenagers Than Ever [Are] Suffering From Severe Anxiety?", riguarda il numero record di adolescenti che soffrono di pesanti stati d'ansia ed è la storia più letta della settimana sul sito nytimes.com.

Aig: effetto uragani da tre miliardi di dollari

Il gruppo rischia di chiudere il terzo trimestre in perdita. Soffre nel dop mercato. Il Ceo: "catastrofi senza precedenti".
AP

A causa degli uragani che hanno colpito gli Stati Uniti e del terremoto che ha fatto tremare il Messico, American International Group subirà nel terzo trimestre una perdita al lordo delle imposte tar 2,9 e 3,1 miliardi di dollari. Lo ha comunicato il gruppo assicurativo americano.

Bannon va in guerra contro l'establishment repubblicano e predice: "Trump trionferà nel 2020"

Per l'ex stratega della Casa Bianca, il presidente "vincerà con 400 voti elettorali". "Faremo la guerra a tutti i repubblicani in carica, tranne Cruz"
AP

Donald Trump vincerà le elezioni del 2020 con "400 voti elettorali". La previsione è dell'ex stratega del presidente degli Stati Uniti, Stephen Bannon, che ha parlato al Values Voter Summit, un evento organizzato dai conservatori sociali a Washington. Si è trattato di una risposta a un articolo di Vanity Fair, secondo cui Bannon avrebbe detto in una conversazione privata che il presidente avrebbe solo "il 30%" di possibilità di finire il primo mandato. Per conquistare la Casa Bianca, servono 270 dei 538 voti elettorali (o 'grandi elettori') e, alle ultime elezioni, Trump ne ha ottenuti 304. Un altro ex componente della squadra di Trump, Sebastian Gorka, si è spinto oltre: gli otto anni di Trump saranno seguiti da "otto anni sotto il presidente [Mike] Pence", l'attuale vicepresidente.