Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

La decisione, emersa attraverso fonti rimaste anonime, dovrebbe essere annunciata la prossima settimana. Gli Stati Uniti manterranno la propria presenza all'Unesco come Stato osservatore. Il segretario di Stato, Rex Tillerson, avrebbe preso questa decisione già diverse settimane fa e ne avrebbe parlato, a settembre, anche con il presidente francese, Emmanuel Macron, durante un incontro con il presidente statunitense, Donald Trump; Macron stava cercando l'appoggio dell'amministrazione statunitense alla candidata francese, Audrey Azoulay, per il posto di direttore generale, che sarà scelto questa settimana. Ieri, la Francia aveva pubblicamente affermato, attraverso l'ambasciatore alle Nazioni Unite, François Delattre, di sperare nella decisione degli Stati Uniti di rimanere nell'agenzia.

Non si tratta, comunque, di una prima volta: Foreign Policy ricorda che già l'amministrazione Reagan decise di lasciare l'organizzazione nel 1984, in piena Guerra Fredda, a causa della sua presunta propensione per l'Unione Sovietica contro l'Occidente. A far rientrare Washington nell'agenzia - che contribu" a creare nel 1945 - fu il presidente George W. Bush, nel 2002. Sei anni fa, Washington decise di tagliare oltre 80 milioni di dollari all'anno per l'agenzia, ovvero circa il 22% dell'intero budget dell'Unesco, a causa dell'ingresso della Palestina come membro. L'amministrazione Obama spiegò di doverlo fare a causa di una legge degli anni '90, che proibisce agli Stati Uniti di finanziare agenzie delle Nazioni Unite che riconoscono la Palestina come Stato.

Altri Servizi

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Corte Suprema Usa: serve un mandato per 'seguire' i telefoni cellulari

Vittoria per i difensori della privacy. Il massimo tribunale, chiamato a esprimersi sul caso di un uomo condannato grazie alle informazioni sulle celle telefoniche, ha deciso che è necessario l'ok di un giudice per poter 'spiare' per un lungo periodo

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Wall Street, il Dow Jones punta a interrompere i ribassi dell'ultima settimana

Oggi, giornata priva di eventi economici da segnalare
iStock

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Usa: fare shopping online costerà di più. Ecco perché

La Corte Suprema dà ragione al South Dakota: gli Stati possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax

Camera Usa, mancano i voti per approvare la legge sull'immigrazione. Pelosi: "È un compromesso con il diavolo"

Lo ha detto la deputata repubblicana McMorris Rodgers: "Ma stiamo lavorando per riuscirci"
iStock

Intel: il Ceo Krzanich lascia, ha avuto relazione consensuale con dipendente

Era a.d. dal maggio 2013 e ha trasformato il gruppo in cui entrò nel 1982. Si cerca un successore. Atteso un secondo trimestre record

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones chiude l'ottava seduta in perdita
iStock