Gli Usa tentano di rimpatriarli, somali denunciano abusi

Più di 90 persone a bordo di un aereo, poi tornato negli Usa. Dallo scorso anno, ricominciati a gran ritmo i rimpatri dei somali, nonostante la situazione instabile nel Paese del Corno d'Africa

Più di 90 somali sarebbero stati tenuti ammanettati su un aeroplano per quasi 48 ore, costretti a urinare nei pantaloni, minacciati e colpiti dagli agenti che li avevano in custodia, durante un fallito tentativo degli Stati Uniti di riportarli in patria. È quanto emerge da una causa presentata in tribunale, di cui parla il Guardian.

Sette passeggeri, in rappresentanza delle 92 persone a bordo, hanno deciso di adire le vie legali, denunciando di aver subito "enormi abusi e un trattamento disumano" sul volo del 7 dicembre, che sarebbe dovuto atterrare a Mogadiscio, in Somalia, e che invece si è fermato a Dakar, in Senegal, da dove è ripartito per gli Stati Uniti, dopo una sosta di 23 ore; un altro volo verso la Somalia è previsto nei prossimi giorni. L'Immigration and Customs Enforcement (Ice), l'agenzia federale che si stava occupando del rimpatrio, non ha voluto commentare, ma ha negato le accuse di maltrattamenti. Nella causa, i cittadini somali, molti dei quali vivono negli Stati Uniti da decenni, hanno spiegato di temere di essere uccisi o torturati dagli estremisti del movimento al-Shabaab, che sta diffondendo il terrore nel Paese e che è stato l'obiettivo di numerosi raid aerei statunitensi delle ultime settimane.

Il volo ha poi ricevuto una grande attenzione dei media e "quando l'aereo tornerà, tutti lo sapranno, compreso al-Shabaab" ha detto l'avvocata Rebecca Sharpless, che ha aiutato i cittadini somali a presentare la causa. Tra coloro che erano sul volo c'è Abdiwali Ahmed Siyad, 33 anni, fuggito dalla Somalia nel 1990 dopo essere stato colpito da un proiettile, aver perso un occhio ed essere stato accoltellato da un terrorista quando aveva 4 anni.

Con la class action, i cittadini somali si sono anche appellati alla legge statunitense che proibisce di riportare le persone in posti dove probabilmente sarebbero uccisi o torturati. L'Ice, oltre a smentire gli abusi, ha reso noto che 61 delle 92 persone a bordo hanno ricevuto condanne penali, anche per crimini come l'omicidio e lo stupro; gli avvocati degli immigrati hanno però ribattuto che molti sono stati condannati per reati lievi, come il taccheggio.

Negli ultimi decenni, gli Stati Uniti avevano evitato di riportare le persone in Somalia, a causa della sua forte instabilità; dal 2016, invece, i rimpatri sono ricominciati a ritmo sostenuto: lo scorso anno, 198 persone sono state riportate in Somalia, quest'anno 521.

Altri Servizi

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

Per la prima volta dall'ottobre 2013, quando il presidente era Barack Obama, il governo federale degli Stati Uniti  è protagonista di una paralisi parziale. Per trovare una soluzione c'era tempo fino alla mezzanotte del 19 gennaio 2018 di Washington, le sei del mattino di sabato 20 gennaio in Italia. Come successo oltre quattro anni fa, il cosiddetto "shutdown" ha visto repubblicani e democratici scontrarsi sulla legislazione che andava approvata per continuare a finanziare le attività del governo.

Wall Street ignora il rischio shutdown

Ieri chiusure in calo, ma Dow Jones oltre 26.000 punti
AP

Continua l'esodo in Twitter: il direttore operativo lascia, diventa Ceo di SoFi

Anthony Noto - direttore operativo dal novembre 2016 ma nel gruppo dal 2014 - guiderà società specializzata nei prestiti online il cuo a.d. fu travolto da accuse di molestie

Continua l'esodo in Twitter. Il direttore operativo del sito di microblogging ha dato le sue dimissioni per accettare l'incarico - effettivo dal primo marzo - di amministratore delegato di Social Finance, azienda specializzata nei prestiti online il cui Ceo lo scorso anno fu costretto ad andarse per via di accuse di molestie. Si tratta di Anthony Noto, entrato in Twitter nel luglio 2014 come direttore finanziario e dal novembre 2016 a capo di attività che comprendono la generazione delle vendite dell'azienda.

Russiagate: Mueller vuole mettere sotto torchio Trump su Comey e Flynn

Il procuratore speciale vuole capire l'iter che portò alla cacciata del direttore dell'Fbi e del consigliere per la sicurezza nazionale
AP

L'uomo a capo del Russiagate vuole interrogare tra qualche settimana il presidente americano. E vuole concentrarsi sulle decisioni che lo portarono a silurare prima il suo consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn, e poi il direttore dell'Fbi, James Comey. C'è anche interesse sul pressing esercitato da Donald Trump sul suo segretario alla Giustizia, minacciato più o meno apertamente in varie occasioni di essere cacciato. Lo scrive il Washington Post citando due fonti anonime. Se confermata, l'indiscrezione dimostrerebbe come l'inchiesta sulla presunta interferenza della Russia nelle elezioni Usa del 2016 e sulla potenziale collusione tra la campagna di Trump e Mosca si stia intensificando.

Fine dello shutdown, democratici contro Schumer: "Battaglia persa in partenza"

Critiche al leader della minoranza in Senato per la gestione dello scontro con i repubblicani, che non ha portato alcun risultato
AP

Se non era chiaro a chi convenisse lo shutdown, nell'anno delle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti, sembra invece evidente, ora, il vero sconfitto: Charles Schumer, il leader democratico in Senato. Molti suoi colleghi criticano la gestione dello scontro con i repubblicani: prima ha fatto chiudere le attività del governo per tre giorni, poi ha ceduto di fronte a minime concessioni del leader della maggioranza, Mitch McConnell, dando il via libera al finanziamento delle attività federali fino all'8 febbraio.

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia così un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.

La politica estera di Trump nel primo anno di presidenza

I pochi cambiamenti che il presidente ha fatto in politica estera sono fortemente improntati sulla sua agenda di America First. Ma ci sono anche tante promesse non rispettate e minacce via Twitter con non porteranno mai a nulla di concreto
AP

Donald Trump si è presentato alle elezioni del 2016 promettendo di cancellare la politica estera di Barack Obama, ridando agli Stati Uniti un ruolo di primaria importanza nel mondo. Dopo un anno di presidenza, Trump non ha portato a termine molte delle sue promesse e in molti casi ha mantenuto le scelte fatte dal suo predecessore, nonostante le abbia fortemente criticate su Twitter o in occasioni pubbliche. Tra gli annunci non portati a termine ci sono l'uscita dalla NATO e dal NAFTA, il muro lungo il confine con il Messico e i rapporti con la Russia, che Trump aveva promesso di aumentare e migliorare rispetto a Obama.

Per gli Usa, il primo pericolo sono Russia e Cina. Terrorismo in secondo piano

Presentata la nuova strategia di difesa nazionale dal capo del Pentagono, James Mattis. Dal documento è stato cancellato il pericolo portato dal cambiamento climatico
U.S. Department of Defense

Non è più il terrorismo, ma la minaccia portata da Russia e Cina il maggior pericolo per la sicurezza degli Stati Uniti. A sentenziarlo è la nuova strategia di difesa nazionale (Nds) presentata dal Pentagono.

La settimana negli Stati Uniti: shutdown, Davos e gli Oscar

Lo shutdown continua, sempre che lunedì il Senato non trovi un accordo. Trump dovrebbe andare a Davos, in Svizzera, dove parlerà venerdì. Martedì invece ci sono le nomination degli Oscar
AP

Donald Trump ha appena superato il primo anno di presidenza degli Stati Uniti e i regali che ha ricevuto sono poco edificanti: da una parte il Paese è entrato nel secondo giorno di shutdown, la paralisi delle attività del governo per mancanza di fondi, dall'altra milioni di donne (e uomini) hanno manifestato contro la sua presidenza, nel corso di un fine settimana di marce. È stato soprattutto lo shutdown a rovinanrgli la festa, visto che ha rimandato il party che sabato avrebbe dovuto tenere a Mar-a-Lago, dove i biglietti, si dice, partissero da 100.000 dollari a coppia.