Gm aumenta le stime sugli utili 2017, premia i soci alzando il buyback

A dare l'annuncio è stato l'amministratore delegato Mary Barra

Detroit - General Motors ha alzato le stime sugli utili per il 2017 e ha dato l'ok a un aumento di altri 5 miliardi di dollari del suo piano di riacquisto di titoli propri, il cui valore totale sale a 14 miliardi di dollari. A dare l'annuncio è stato l'amministratore delegato Mary Barra durante un incontro con investitori e analisti nell'ambito della conferenza annuale sul settore auto organizzata da Deutsche Bank a margine del salone dell'auto.

"Abbiamo registrato costantemente risultati forti negli ultimi anni offrendo veicoli grandiosi, aumentando le vendite e l'efficienza e allo stesso tempo creando una posizione di leadership nel dare forma al futuro dei trasporti", ha detto Barra.

Per il 2017 Gm si aspetta utili per azione al netto di voci straordinarie di 6-6,5 dollari, in rialzo dall'outlook fornito nel 2016 e pari a 5,5-6 dollari. Gm si aspetta di "mantenere o migliorare" l'ebit adjusted su ricavi in rialzo e di generare un flusso di cassa adjusted di 6 miliardi di dollari.

Quanto al piano di buyback, Gm ha completato nel terzo trimestre del 2016 (ossia un trimestre in anticipo rispetto ai piani) un riacquisto di titoli propri per 5 miliardi di dollari. Negli ultimi tre mesi dello scorso anno il gruppo ha completato l'acquisto di azioni Gm per 1 miliardo dei prossimi 4 miliardi approvati nel gennaio 2016. Entro fine 2017 l'azienda conta di centrare il target già annunciato per il riacquisto di titoli propri per 9 miliardi.

Oltre ad alzare le stime sugli utili per l'esercizio in corso, Gm ha annunciato un incremento di 1 miliardo di dollari per efficienze sui costi con un target che sale così a 6,5 miliardi di dollari al 2018 (di cui 4 miliardi sono già stati messi a segno nel 2016); il rialzo è legato alle attese sui risparmi addizionali su materiali, logistica, produzione e costi amministrativi.

"Staremo focalizzati nel realizzare il nostro piano strategico e nel generare una crescita redditizia necessaria per creare valore di lungo termine per i nostri soci", ha aggiunto Barra. Il Ceo conta di avere chiuso il 2016 con un Eps pro forma nella parte alta del target pari a 5,5-6 dollari per azione. Il bilancio verrà pubblicato all'inizio di febbraio.

Altri Servizi

Wells Fargo verso il faccia a faccia con gli azionisti: traballa poltrona vari membri Cda

Gli investitori alla società un deciso cambio di rotta dopo lo scandalo dei 2,1 milioni di conti fantasma creati ad arte per centrare gli obiettivi sulle vendite e costato una multa da 185 milioni di dollari.
Wells Fargo

Wells Fargo, che ha chiuso il primo trimestre con profitti piatti, seppur superiori alle previsioni, deve fare i conti con una situazione che altre grandi banche hanno già sperimentato dopo la crisi finanziaria, ovvero forti pressioni interne per un rimpasto radicale del consiglio di amministrazione.

Tribunale federale ferma esecuzione sei sentenze capitali in Arkansas

Sarebbero le prime dal 2005. Erano previste nell'arco di dieci giorni. Disappunto della procura generale dello Stato: tentativi di ostacolare la giustizia.

Lo Stato dell'Arkansas non potrà portare avanti le sei esecuzioni capitali in dieci giorni, previste a partire dal 17 aprile. Un giudice federale ha infatti imposto la sospensione di quello che sarebbe stato un numero senza precedenti per un arco di tempo così breve nella storia moderna degli Stati Uniti.

Tensione Usa-Corea del Nord alle stelle. Pyongyang pronta a rispondere a guerra totale

Ma dopo l'intensa attività diplomatica delle ultime ore il test nucleare nordcoreano ipotizzato per oggi, proprio in occasione dell'anniversario della nascita di Kim il-Sung, non c'è stato.

La Corea de Nord è pronta a rispondere a qualsiasi attacco nucleare statunitense con le stesse armi. "Risponderemo alla guerra totale con la guerra totale. Risponderemo a un attacco nucleare con un nostro attacco nucleare", ha detto il numero due del regime di Pyongyang, Choe Ryong-Hae, durante la parata militare svoltasi nella capitale nordcoreana.

La Cina teme l'escalation Usa-Nord Corea: tempesta all'orizzonte, stop a minacce reciproche

Pechino teme che la situazione possa finire fuori controllo dopo che Pyongyang ha fatto sapere di essere pronta a effettuare test nucleari e Washington pensa a un raid preventivo
AP

L'escalation delle tensioni tra Corea del Nord e Stati Uniti preoccupa la Cina, che teme che la situazione possa finire fuori controllo dopo che Pyongyang ha fatto sapere di essere pronta a effettuare test nucleari quando Kim Jong-un dovesse dare il via libea e mentre le forze navali americane si avvicinano alla penisola Coreana.

Le istituzioni globali a Trump: il commercio ha benefici

Fmi, Banca Mondiale e Wto uniscono le forze per difendere il "motore per la crescita e la prosperità globale". Premono su governi per occuparsi di chi "è rimasto indietro" nella società a causa di progressi tecnologici e automazione
AP

Donald Trump non viene citato ma il messaggio a lui mandato da tre istituzioni globali non poteva che essere più chiaro e tagliato su misura per lui: a fronte di una virata a favore del protezionismo e del nazionalismo del 45esimo presidente americano, il Fondo monetario internazionale, la Banca Mondiale e l'Organizzazione mondiale del commercio hanno unito le forze in un raro gesto volto a ribadire che "l'integrazione commerciale è uno strumento potente per aumentare la crescita e migliorare gli standard di vita" e che "è stato un motore per la crescita e la prosperità globale". E sempre pensando all'inquilino della Casa Bianca, si sono schierati contro restrizioni commerciali e l'imposizione di tariffe, che "può essere costosa e avere effetti indiretti su industrie a valle" rispetto a quella in cui si applicano i dazi. 

Il professore "veggente" che aveva previsto la vittoria di Trump ora ne anticipa l'impeachment

In un libro in uscita nei prossimi giorni, Allan Lichtman, studioso dell'American University, pronostica l'impeachment del magnate repubblicano e il passaggio di consegne al vicepresidente Mike Pence
AP

Allan Lichtman, professore dell'American University, durante la campagna elettorale per la Casa Bianca era improvvisamente salito agli onori delle cronache per avere previsto, quando nessuno riteneva la cosa possibile, che Donald Trump avrebbe vinto le elezioni, sbaragliando la concorrenza dei candidati democratici e dell'ex first lady Hillary Clinton.

Apple lancia la sfida sulle vetture autonome, ottiene via libera ai test in California

Entra nella lista di società che hanno ricevuto le autorizzazioni dal California Department of Motor Vehicles, che già aveva dato il via libera a colossi come Tesla, Uber, Nvidia e Alphabet

Apple entra ufficialmente nella competizione per lo sviluppo di vetture senza conducente. Il colosso di Cupertino ha ricevuto dallo stato della California i permessi necessari per cominciare i test sui veicoli autonomi.

Afghanistan, Usa hanno lanciato la più grande bomba non nucleare. Trump: un'altra missione di successo

La MOAB è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Usata contro tunnel dello Stato islamico

Le forze statunitensi hanno lanciato in Afghanistan la più grande bomba non nucleare. Dopo che fonti militari avevano rivelato la notizia a Cnn, la conferma è poi arrivata dalla Casa Bianca: per il presidente Donald Trump si tratta di "un'altra missione di successo". Una GBU-43 Massive Ordnance Air Blast Bomb (MOAB), definita informalmente la "madre di tutte le bombe" (Mother Of All Bombs) è stata sganciata oggi intorno alle 19:30, ora locale. Per la prima volta una MOAB è stata usata sul campo di battaglia. Si tratta di un ordigno sviluppato durante la guerra in Iraq, dal peso di 21.600 libre e dalla lunghezza di 30 piedi guidato con sistema satellitare.

Fusione tra Abbott Laboratories e Alere si farà, ma con un prezzo più basso

Abbott pagherà 51 dollari per azione, meno dei 56 dollari inizialmente ipotizzati, ovvero un totale di 4,44 miliardi di dollari, meno dei quasi 5 miliardi originali.

Afghanistan, la 'superbomba' ha ucciso 36 miliziani dell'Isis. Il generale Nicholson: "Scelta puramente tattica"

La GBU-43 è stata usata per la prima volta sul campo di battaglia. Soddisfatto il presidente Trump: "Un'altra missione di successo"