Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

I vincitori dei Globe
Dal punto di vista delle vittorie, "Big Little Lies" ha portato a casa più premi di tutti - miglior miniserie o film per la tv, miglior attrice (Nicole Kidman), miglior attore non protagonista (Alexander Skarsgard), miglior attrice non protagonista (Laura Dern), tutti e tre per la categoira miniserie o film per la tv - a pari merito con "Tre manifesti a Ebbing, Missouri": migliore film drammatico, migliore attrice protaginista in un film drammatico (Frances McDormand), migliore sceneggiatura originale (Martin McDonagh) e migliore attore non protagonista (Sam Rockwell). Visto il tenore della serata, il bilancio è stato appropriato visto che sia la serie di Hbo sia il dramma tristemente comico ruotano attorno a personaggi femminili e a storie di stupro e abuso domestico.

Il premio di migliore regista - categoria dominata da soli uomini - è andato a Guillermo del Toro con "La forma dell’acqua". Martin McDonagh (Tre manifesti a Ebbing, Missouri), Christopher Nolan (Dunkirk), Ridley Scott (Tutti i soldi del mondo) e Steven Spielberg (The Post). 

Italiani a bocca asciutta
Gli italiani non ce l'hanno fatta. "Chiamami col tuo nome", l’ultima pellicola del regista Luca Guadagnino, aveva ricevuto tre nomination (miglior film drammatico, migliore attore in un film drammatico e migliore attore non protagonista) ma è rimasto a bocca asciutta ; "Ella & John – The Leisure Seeker", diretto da Paolo Virzì, sperava di vincere con Helen Mirren, candidata nella categoria di migliore attrice in una commedia ma non ce l'ha fatta; Jude Law, il protagonista dell'irriverente "The Young Pope" di Paolo Sorrentino, non è riuscito a vincere come miglior attore in una miniserie o in un film per la tv (premio andato a Ewan McGregor con “Fargo”). L'unico riferimento all'Italia della 75esima edizione dei Golden Globel è stato fatto da Aziz Ansari, vincitore come migliore attore di una serie tv musical or comedy: "Voglio ringraziare l'Italia per tutto il cibo fantastico che abbiamo mangiato nella Stagione 2" della sua “Master of None”.

L'attacco a Weinstein e Kevin Spacey
Il comico conduttore de "Late Night with Seth Meyers" ha iniziato la serata augurando un "Felice anno nuovo, Hollywood", come a dire che la speranza è per un 2018 migliore del 2017. In riferimento alla legalizzazione della cannabis in California, "la marijuana è finalmente permessa e le molestie sessuali non lo sono". Ammettendo di sentirsi in una posizione scomoda, Meyers ha ammesso: "Era da anni che un uomo bianco non era così nervoso a Hollywood", richiamo al fatto che negli anni scorsi il mondo del cinema - e gli Oscar - erano stati criticati per trascurare le minoranze. Agli uomini in lizza per una potenziale vittoria di un Golden Globe ha detto: "Per la prima volta in tre mesi non sarà terrificante sentire leggere ad alta voce il vostro nome". Il comico ha poi ricordato il grande assente della serata: "Weinstein non è qui...Lo sarà tra 20 anni quando sarà la prima persona a ricevere fischi durante un 'In Memoriam'". Per una volta Meyers ha lasciato perdere la politica, preferendo prendere di mira Kevin Spacey, il protagonista della celebre serie "House of Cards" su Netflix, a sua volta accusato di molestie.

Winfrey promette un "nuovo giorno"
Per chi cercava qualche stimolo, Winfrey ha dato soddisfazione al punto che il suo discorso è suonato - per molti - quasi presidenziale. L'apice della serata a cui ogni donna si è presentata vestita di nero in segno di lutto per le vittime di molestie sessuali, è stato infatti garantito dalla regina dei talk show americani. Conosciuta in ogni angolo degli Stati Uniti e capace di essersi spinta con successo, gradino dopo gradino, in cima alla scala sociale diventando un'icona mediatica, Winfrey è stata onorata con il Cecil B DeMille Award: "Sono la prima afroamicana a riceverlo", ha detto ricordando l'entusiamo con cui da bambina guardava la vittoria agli Oscar di Sidney Poitier con “Lilies of the Field” nel 1964.

Dal palco della sala da ballo del Beverly Hilton Hotel, Winfrey ha voluto sottolineare quanto considera importante la stampa, "ora come non mai, mentre cerchiamo di navigare questi tempi complicati". Chiaro riferimento a Donald Trump e ai suoi attacchi contro i media. Per lei "dire la verità è lo strumento più potente che abbiamo". Winfrey è poi passata al tema della serata, caratterizzato dal movimento #MeToo: "Voglio esprimere gratitudine per tutte le donne che per anni hanno subito abusi perché loro, come mia madre, avevano figli da sfamare, bollette da pagare e sogni da inseguire". E allora si è rivolta a tutte le bambine sintonizzate: "Voglio che sappiano che un nuovo giorno è all'orizzonte. E quando finalmente l'alba di quel giorno arriverà, sarà grazie a tante donne magnifiche, molte delle quali sono qui in questa stanza stasera. E anche a qualche uomo fenomenale, che ha lottato duro per fare in modo che [quelle donne] diventino le leader che ci portino a un punto dove nessuno dovrà mai dire di nuovo 'me too'".

Altri Servizi

Senato Usa conferma nomina Powell, sarà il nuovo governatore Fed

Prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio
AP

E' ufficiale: Jerome Powell sarà il 16esimo governatore della Federal Reserve. Il già membro del board della banca centrale Usa dal 2012 prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio, quando il mandato triennale di lei scadrà.

Patron

La tequila Patron finisce sotto lo stesso tetto della vodka Grey Goose e dello scotch Dewar in un'operazione da 5,1 miliardi di dollari. Lo ha annunciato Bacardi, che prenderà il controllo del 100% di Patron Spirits International e del suo marchio PATRÓN, considerato tra i più venduti per la tequila di alta gamma.

News Corp: Murdoch a Facebook e Google, pagate gli editori per garantire qualità

Secondo il proprietario del Wall Street Journal, le soluzioni proposte dai due gruppi sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico
AP

Cresce la frustrazione tra il mondo dell'editoria e quello dei social media. Mentre Facebook e Google hanno rivisto le loro strategie per rispondere alle critiche di chi li ha accusati di avere contribuito alla circolazione delle fake news, il magnate dei media Rupert Murdoch ha mandato loro un messaggio chiaro: paghino per i contenuti che i loro utenti pubblicano e condividono online.

Netanyahu, May e aziende europee: l'agenda di Trump a Davos

Il presidente americano mercoledì parte per il World Economic Forum. Sarà il primo presidente Usa da Bill Clinton a fare visita al forum. Parlerà di America First ma anche di investimenti negli Stati Uniti con alcune aziende europee
AP

Oggi Donald Trump partirà per Davos, in Svizzera, dove parteciperà al World Economic Forum. Sarà il primo presidente americano a visitare il forum dal 2000 quando ci fu l'intervento di Bill Clinton. La sua agenda è molto fitta e inizierà gioved": incontrerà il premier britannico Theresa May con la quale discuterà di lotta all'Isis, denuclearizzazione della Corea del Nord e dell'accordo sul nucleare con l'Iran. Lo stesso giorno Trump incontrerà il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, per discutere di sicurezza in Medio Oriente e di lotta all'espansione dell'Iran.

Facebook rafforza i team dedicati a intelligenza artificiale e realtà virtuale

Ha reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della VR
Facebook

Facebook continua a scommettere sull'intelligenza artificiale (AI) e sulla realtà virtuale (VR). Il social network ha infatti reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della realtà virtuale.

Tesla: compensi del Ceo Musk legati a target ambiziosi

Il gruppo punta a una capitalizzazione di 650 miliardi di dollari
AP

Tesla ha rivisto il modo in cui calcola i compensi complessivi da elargire al suo amministratore delegato; essi saranno legati a target aziendali particolamente ambiziosi, come il raggiungimento di una capitalizzazione da 650 miliardi di dollari (un miraggio visto che attualmente il valore di mercato del produttore di auto elettriche è di 59,3 miliardi di dollari).

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia così un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.

A San Francisco, il Winter Fancy Food torna a parlare italiano

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all'evento commerciale dedicato alle specialità alimentari nella costa occidentale statunitense

Cinquantaquattro aziende e oltre 900 metri quadrati di superficie. Sono queste le dimensioni del Padiglione Italia all’interno Winter Fancy Food 2018 in pieno svolgimento al Moscone Center di San Francisco (California). Da ieri fino a domani, nell'ambito del più grande evento commerciale dedicato alle specialità alimentari della costa occidentale statunitense il mondo della distribuzione di qualità si è dato appuntamento là per il suo annuale incontro con gli operatori del settore.