Golden Globe: Oprah Winfrey invoca un "nuovo giorno"

"Tre manifesti a Ebbing, Missouri" vince quattro premi, tanti quanti "Big Little Lies". Guillermo del Toro migliore regista con "La forma dell’acqua". Italiani a bocca asciutta
AP

L'edizione 2018 dei Golden Globe verrà forse ricordata per il suo tono moderato, per nulla entusiasmante e insolitamente piatto. In una Hollywood ancora sconvolta dallo scandalo di molestie sessuali, esploso a ottobre con le accuse di molestie che hanno travolto il produttore Harvey Weinstein e che hanno poi travolto altri pesi massimi del settore, il mondo del cinema si è riunito al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles all'insegna della pacatezza. Persino Seth Meyers, non proprio a suo agio nei panni di presentatore di un evento simile, è stato misurato nelle sue comparse centellinate durante la cerimonia ma il comico ha toccato con la sua tipica ironia da precisione il tema dominante della serata, un tema che grazie a Oprah Winfrey ha raggiunto l'apice dando una maggiore autorevolezza al neo nato "Time's Up", fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. L'accessorio politico della serata sono state spille a tema.

I vincitori dei Globe
Dal punto di vista delle vittorie, "Big Little Lies" ha portato a casa più premi di tutti - miglior miniserie o film per la tv, miglior attrice (Nicole Kidman), miglior attore non protagonista (Alexander Skarsgard), miglior attrice non protagonista (Laura Dern), tutti e tre per la categoira miniserie o film per la tv - a pari merito con "Tre manifesti a Ebbing, Missouri": migliore film drammatico, migliore attrice protaginista in un film drammatico (Frances McDormand), migliore sceneggiatura originale (Martin McDonagh) e migliore attore non protagonista (Sam Rockwell). Visto il tenore della serata, il bilancio è stato appropriato visto che sia la serie di Hbo sia il dramma tristemente comico ruotano attorno a personaggi femminili e a storie di stupro e abuso domestico.

Il premio di migliore regista - categoria dominata da soli uomini - è andato a Guillermo del Toro con "La forma dell’acqua". Martin McDonagh (Tre manifesti a Ebbing, Missouri), Christopher Nolan (Dunkirk), Ridley Scott (Tutti i soldi del mondo) e Steven Spielberg (The Post). 

Italiani a bocca asciutta
Gli italiani non ce l'hanno fatta. "Chiamami col tuo nome", l’ultima pellicola del regista Luca Guadagnino, aveva ricevuto tre nomination (miglior film drammatico, migliore attore in un film drammatico e migliore attore non protagonista) ma è rimasto a bocca asciutta ; "Ella & John – The Leisure Seeker", diretto da Paolo Virzì, sperava di vincere con Helen Mirren, candidata nella categoria di migliore attrice in una commedia ma non ce l'ha fatta; Jude Law, il protagonista dell'irriverente "The Young Pope" di Paolo Sorrentino, non è riuscito a vincere come miglior attore in una miniserie o in un film per la tv (premio andato a Ewan McGregor con “Fargo”). L'unico riferimento all'Italia della 75esima edizione dei Golden Globel è stato fatto da Aziz Ansari, vincitore come migliore attore di una serie tv musical or comedy: "Voglio ringraziare l'Italia per tutto il cibo fantastico che abbiamo mangiato nella Stagione 2" della sua “Master of None”.

L'attacco a Weinstein e Kevin Spacey
Il comico conduttore de "Late Night with Seth Meyers" ha iniziato la serata augurando un "Felice anno nuovo, Hollywood", come a dire che la speranza è per un 2018 migliore del 2017. In riferimento alla legalizzazione della cannabis in California, "la marijuana è finalmente permessa e le molestie sessuali non lo sono". Ammettendo di sentirsi in una posizione scomoda, Meyers ha ammesso: "Era da anni che un uomo bianco non era così nervoso a Hollywood", richiamo al fatto che negli anni scorsi il mondo del cinema - e gli Oscar - erano stati criticati per trascurare le minoranze. Agli uomini in lizza per una potenziale vittoria di un Golden Globe ha detto: "Per la prima volta in tre mesi non sarà terrificante sentire leggere ad alta voce il vostro nome". Il comico ha poi ricordato il grande assente della serata: "Weinstein non è qui...Lo sarà tra 20 anni quando sarà la prima persona a ricevere fischi durante un 'In Memoriam'". Per una volta Meyers ha lasciato perdere la politica, preferendo prendere di mira Kevin Spacey, il protagonista della celebre serie "House of Cards" su Netflix, a sua volta accusato di molestie.

Winfrey promette un "nuovo giorno"
Per chi cercava qualche stimolo, Winfrey ha dato soddisfazione al punto che il suo discorso è suonato - per molti - quasi presidenziale. L'apice della serata a cui ogni donna si è presentata vestita di nero in segno di lutto per le vittime di molestie sessuali, è stato infatti garantito dalla regina dei talk show americani. Conosciuta in ogni angolo degli Stati Uniti e capace di essersi spinta con successo, gradino dopo gradino, in cima alla scala sociale diventando un'icona mediatica, Winfrey è stata onorata con il Cecil B DeMille Award: "Sono la prima afroamicana a riceverlo", ha detto ricordando l'entusiamo con cui da bambina guardava la vittoria agli Oscar di Sidney Poitier con “Lilies of the Field” nel 1964.

Dal palco della sala da ballo del Beverly Hilton Hotel, Winfrey ha voluto sottolineare quanto considera importante la stampa, "ora come non mai, mentre cerchiamo di navigare questi tempi complicati". Chiaro riferimento a Donald Trump e ai suoi attacchi contro i media. Per lei "dire la verità è lo strumento più potente che abbiamo". Winfrey è poi passata al tema della serata, caratterizzato dal movimento #MeToo: "Voglio esprimere gratitudine per tutte le donne che per anni hanno subito abusi perché loro, come mia madre, avevano figli da sfamare, bollette da pagare e sogni da inseguire". E allora si è rivolta a tutte le bambine sintonizzate: "Voglio che sappiano che un nuovo giorno è all'orizzonte. E quando finalmente l'alba di quel giorno arriverà, sarà grazie a tante donne magnifiche, molte delle quali sono qui in questa stanza stasera. E anche a qualche uomo fenomenale, che ha lottato duro per fare in modo che [quelle donne] diventino le leader che ci portino a un punto dove nessuno dovrà mai dire di nuovo 'me too'".

Altri Servizi

Trump vuole taglio del 10% delle esportazioni Ue di acciaio e alluminio

Secondo il Wsj, Washington ha fatto due proposte a Bruxelles. C'è tempo fino al primo giugno

Tagliare di circa il 10% le esportazioni di alluminio e di acciaio Ue verso gli Usa. Sarebbe questo il piano del presidente americano Donald Trump, che conferma lo scetticismo espresso ieri da Cecilia Malstroem: la commissaria al Commercio aveva spiegato che a Washington potrebbero non bastare le proposte fatte da Bruxelles per essere esonerata in modo permanente dai dazi sui metalli (scattati il 23 marzo scorso per la gran parte delle nazioni incluse Cina e Giappone). C'è tempo per negoziare fino al primo giugno ma "ci sono segnali dagli Usa che l'esenzione non sarà prolungata" come successe all'ultimo minuto prima della scadenza del primo maggio scorso.

McDonald's travolto da accuse di molestie sessuali in Usa

Le hanno lanciate dieci donne. Il gruppo le prende "molto seriamente"
iStock

L'ondata di molestie sessuali che ha travolto Hollywood, Capitol Hill e il mondo dei media è arrivata anche nel colosso mondiale del fast-food McDonald's.

Trump contro il 'Deep State': "Mi ha spiato, è un grave scandalo"

Serie di tweet del presidente contro l'Fbi; il dipartimento di Giustizia, intanto, indaga

"Guardate come le cose si sono rivoltate sullo 'Stato profondo' criminale. Si sono scagliati sulla fasulla collusione con la Russia, un imbroglio inventato, e sono stati beccati in uno scandalo di spionaggio considerevole, come mai questo Paese ha visto prima d'ora! Chi la fa, l'aspetti!". Lo ha scritto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, su Twitter. Per 'Deep State', Stato profondo, si intende l'apparato federale che agirebbe contro il presidente.

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Wall Street attende le minute della Fed

Ieri chiusura in calo: Trump alimenta le tensioni commerciali
iStock

Fca: per Hsbc, Marchionne prepara il "gran finale"

Gli analisti avviano la copertura del titolo consigliando di comprarlo. Arriverà a 23 euro. Possibile il raggiungimento dei target 2018 e una revisione al rialzo delle stime sugli utili

Fiat Chrysler Automobiles ha corso a Wall Street, dove il titolo del produttore di auto ha registrato un +1,3% a 22,62 dollari ma era arrivato fino a 22,91 dollari. A Piazza Affari l'azione ha guadagnato l'1,66% a 19,35 euro.

Una donna alla presidenza del Nyse, prima volta in 226 anni

Stacey Cunningham è attualmente direttore operativo. Sostituisce Thomas Farley

Per la prima volta nei suoi 226 anni di storia, il New York Stock Exchange ha affidato la presidenza a una donna. Si tratta di Stacey Cunningham, attualmente direttore operativo del cosiddetto 'Big Board'.

Trump mette in dubbio il summit con Kim, chiede condizioni

A Kim, il leader Usa offre sicurezza in cambio della denuclearizzazione della sua nazione
AP

Era volato a Washington per assicurarsi che il summit storico tra il presidente americano e quello nordcoreano si verificasse come previsto il 12 giugno prossimo a Singapore. E invece il presidente sudcoreano non ha potuto fare altro che dire che "la persona al comando" è Donald Trump. Tradotto: sarà lui a decidere cosa fare dopo il cambiamento di retorica da parte di Pyongyang, che la settimana scorsa ha cancellato all'ultimo minuto trattative di alto livello con una delegazione sudcoreana minacciando il faccia a faccia con Trump.

Banche Usa: nel primo trimestre 2018 utili record

Profitti a quota 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% sui primi tre mesi del 2017
AP

Nel primo trimestre del 2018 gli utili netti delle principali banche americane hanno raggiunti i 56 miliardi di dollari, un rialzo del 27,5% rispetto allo stesso periodo del 2017. Si tratta di un record visto che il precedente massimo risale al secondo trimestre del 2011, quando si arrivò a 48,1 miliardi. Lo ha comunicato la Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari e secondo cui il miglioramento è dovuto a ricavi operativi in aumento (+8,3% a 198,8 miliardi di dollari) e ad aliquote fiscali più basse.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.