Google consente ancora a sviluppatori di app di 'leggere' email dei suoi utenti

Il gruppo ha fermato la pratica l'anno scorso ma continua a permetterla ad altri

Lo scorso anno Google ha smesso di 'leggere' le email dei suoi 1,4 miliardi di utenti a scopi pubblicitari ma il gruppo continua a permettere ad altri di analizzare i messaggi Gmail. E' quanto emerso da una lettera scritta a luglio dalla controllata di Alphabet ai legislatori americani, che avevano chiesto delucidazioni sulla privacy e sul potenziale abuso di dati.

Nella missiva viene spiegato che il colosso tech permette agli sviluppatori di app di analizzare gli account Gmail e che gli stessi sviluppatori sono liberi di condividere i dati con altri a patto che le loro pratiche legate alla privacy siano chiare. In pratica gli sviluppatori possono accedere a informazioni su quali prodotti un utente ha comprato, dove viaggia e con quali persone interagisce di più. In alcuni casi, il testo delle email è stato letto dai dipendenti di sviluppatori di app per potenziare i propri algoritmi.

"Gli sviluppatori potrebbero condividere dati con parti terze a patto che siano trasparenti con gli utenti sul loro utilizzo dei dati stessi", ha scritto nella lettera Susan Molinari, vicepresidente di Google per gli affari governativi nelle Americhe. Stando a lei, Google fa in modo che le politiche della privacy siano "facilmente accessibili agli utenti in modo da essere viste prima di decidere se concedere l'accesso" alle loro informazioni.

Ad agosto il Wall Street Journal aveva scritto che Yahoo - di cui il colosso americano delle tlc Verizon Communications ha preso il controllo nel giugno 2017 in una transazione da 4,5 miliardi di dollari - sta promuovendo tra agli inserzionisti un servizio in cui oltre 200 milioni di account email vengono analizzati. L'obiettivo: scovare dati utili per capire quali prodotti gli utenti sono propensi a comprare.

Altri Servizi

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili e ricavi cresciuti più del previsto
iStock

Netflix sta festeggiando nel dopo mercato a Wall Street con un rally arrivato al 13% grazie a una trimestrale migliore del previsto. A piacere agli investitori è soprattutto la crescita degli abbonati, che nel trimestre precedente aveva invece deluso.

Trump: il sell-off di Wall Street? Colpa della Fed. Ecco perché si sbaglia

"Impazzita". "Fuori controllo". "Aggressiva". Abbondano le critiche del presidente Usa contro la banca centrale Usa, difesa dall'Fmi. Lui non silurerà comunque il governatore Powell
AP

"Impazzita". "Fuori controllo". "Aggressiva". Donald Trump non risparmia critiche contro la Federal Reserve, che secondo cui sta facendo un "grande errore" nel volere continuare ad alzare i tassi. Nonostante la sua insoddisfazione evidente nei confronti della banca centrale americana, la prima al mondo ad avere avviato nel dicembre 2015 la normalizzazione della sua politica monetaria, il 45esimo presidente americano non intende silurare il governatore Jerome Powell, il repubblicano che proprio lui ha voluto promuovere al vertice della Fed impedendo alla democratica Janet Yellen un secondo mandato quadriennale dopo quello terminato all'inizio dello scorso febbraio.

Dalla Puglia agli Usa: il pane Altamura di Oropan vuole fare gola agli americani (e a Trump)

Piano di espansione per raddoppiare il fatturato in due anni
Vito Forte e la figlia Lucia Forte

Il pane di Altamura Dop della Oropan alla conquista dell’America. Il prodotto è stato scelto come simbolo della Puglia al galà annuale della National Italian American Foundation (associazione che rappresenta circa 20 milioni di italo-americani residenti negli Stati Uniti), in calendario a Washington domani con 1.300 invitati. Anche il presidente, Donald Trump, è stato invitato ma non è ancora chiaro se vi parteciperà. Certo è che al leader Usa il pane a lievitazione naturale di Oropan arriverà comunque attraverso la sua delegazione presente all'evento.

Confindustria "attendista" sulla manovra. Lo spread? Non si basa sui fatti

Parla Vincenzo Boccia da New York: per il governo sarebbe opportuno fare meno dichiarazioni. Sulla crescita si gioca la sua credibilità. Il reddito di cittadinanza? Non sia un sussidio. La riforma delle pensioni? Non crea automaticamente più occupazione.

La manovra? Va spiegata e in caso di criticità, come magari stime di crescita troppo ottimiste, aggiustata. Il reddito di cittadinanza? Non sia un sussidio, altrimenti sarebbe contro la dignità delle persone. La riforma delle pensioni? Non crea automaticamente più occupazione. Lo spread? Non si basa sui fatti ma una moderazione delle dichiarazioni da parte del governo giallo-verde aiuterebbe. Sono queste le posizioni di Confindustria, secondo cui in Italia è in corso una rivoluzione industriale che "alcuni dichiarano, altri fanno" dentro le fabbriche. E in Europa serve avviare un dibattito su come riformarla, non sul fatto che debba o meno esistere. Ed è inutile sfruttare le elezioni europee di maggio per evitare di affontare i nodi critici del nostro Paese, come il debito pubblico alto. Perché alla fine la sostenibilità dei conti pubblici serve. E' Vincenzo Boccia a parlare a braccio. Lo ha fatto davanti a un pubblico riunito alla Casa Zerilli Marimò della New York University, dove il capo di Confindustria è stato protagonista di un evento dedicato a promuovere una "nuova narrativa italiana". Una narrativa che mette in risalto le cose positive dell'Italia e non solo quelle negative, che "evidentemente fanno più notizia".

Gary Cohn, ex consigliere di Trump, entra in start-up dedicata a blockchain

L'ex presidente di Goldman Sachs contrario ai dazi del presidente Usa diventa advisor di Spring Labs
AP

Da Goldman Sachs alla Casa Bianca per arrivare a una start-up nata nel 2007 e dedicata alla blockchain, la tecnologia sottostante a Bitcoin. E' questo l'iter professionale di Gary Cohn, che all'inizio del 2017 lasciò la presidenza della banca di Wall Street per diventare consigliere economico di Donald Trump, ruolo abbandonato lo scorso marzo per via della sua contrarietà ai dazi su acciaio e alluminio voluti dal 45esimo Commander in chief.

Fed: Trump non vuole silurare Powell ma potrebbe farlo per "giusta causa"?

La legge è vaga su cosa si intenda con quell'espressione. La storia insegna che la contrarierà ai rialzi dei tassi non basta per cacciare un governatore della banca centrale Usa
AP

Non è affatto chiaro che Donald Trump abbia le basi giuridiche per silurare il presidente della Federal Reserve, mossa da lui comunque esclusa nonostante i ripetuti attacchi contro la banca centrale Usa (colpevole di alzare i tassi).

Facebook riduce a 30 mln il numero di account colpiti da recente attacco hacker

I pirati informatici hanno avuto accesso a email, numeri di telefono e nomi di 15 milioni di persone. L'Fbi indaga. Bocche cucite su chi sia il responsabile dell'intrusione. Intatte le app Messenger, WhatsApp e Instagram
AP

Sono 20 milioni di meno gli account Facebook colpiti dai problemi di sicurezza scoperti il 25 settembre. Il gruppo ha tagliato a 30 milioni da 50 milioni il numero di account di cui gli hacker hanno sfruttato una vulnerabilità associata alla funzione (in inglese "view as") che consente agli utenti di vedere i loro profili come se fossero uno dei loro amici.

Elon Musk deposita brevetto per "Teslaquila"

Si tratta di un "liquore distillato di agave"
AP

Elon Musk non si smentisce mai. Dopo essersi dato alle auto elettriche con Tesla, al trasporto nello spazio con SpaceX, ai tunnel sotterranei di treni super veloci con Boring Company e ai lanciafiamme, l'irriverente imprenditore sembra volere darsi alla tequila.

Caso Khashoggi: Trump promette una "punizione severa" se Riad coinvolta

Il giornalista saudita critico del suo Paese, scomparso dal 2 ottobre. Il presidente Usa vuole comunque salvare la vendita di armi
AP

Una "punizione severa". E' quella che Donald Trump ha promesso all'Arabia Saudita se la scomparsa del giornalista Jamal Khashoggi, un saudita critico del suo Paese, fosse associata a Riad. Ma il 45esimo presidente non intende mettere a repentaglio i contratti di vendita di armi da 100 miliardi di dollari siglati tra la nazione saudita e i colossi dell'aerospazio e della difesa americani come Boeing, Lockheed Martin e Raytheon. Farlo, è la sua tesi, sarebbe da "pazzi" perché metterebbe a repentaglio l'occupazione. "Ci sono altri modi per punire", ha garantito Trump.

Pastore evangelico tornato in Usa, migliorano le relazioni con la Turchia

Andrew Brunson è stato detenuto per due anni con accuse di terrorismo. La sua liberazione spiana la strada alla rimozione delle sanzioni imposte da Washington contro alleato Nato. Erdogan cerca in Trump appoggio contro Riad per reporter saudita scomparso
AP

Lo scontro diplomatico tra Stati Uniti e Turchia è terminato. E Washington valuterà se rimuovere le sanzioni imposte contro Ankara per la detenzione di un pastore evangelico americano, da tempo residente in Turchia, e accusato di attività terroristiche associate al fallito tentativo di golpe del luglio 2016. Quel pastore, Andrew Brunson, è tornato nella sua patria domenica 13 ottobre dopo due anni tra carcere e arresti domiciliari; il giorno precedente aveva fatto una tappa in Germania, dove è stato sottoposto a controlli medici. Il presidente americano, Donald Trump, anticipando su Twitter il suo incontro con il pastore nello Studio Ovale prima di partire per il Kentucky, aveva detto che tra Usa e Turchia "non c'è stato ALCUN ACCORDO" perché lui - a dir suo - non ne fa quando ci sono di mezzo ostaggi.