Google ha pagato milioni di dollari per accedere a dati d'acquisto di Mastercard

A dare la notizia dell'accordo segreto tra i due gruppi è stato Bloomberg
Shutterstock

Un accordo segreto tra Google e Mastercard avrebbe permesso a un numero selezionato di inserzionisti di utilizzare uno strumento per loro prezioso: vedere se le loro pubblicità si erano trasformate in acquisti nei negozi americani. E' Bloomberg a scriverlo, sostenendo che un tale strumento funzionava grazie alla montagna di transazioni gestite sulle reti Mastercard e per le quali Google aveva pagato milioni di dollari pur di sfruttarle. L'accordo solleva tuttavia problemi di privacy. Come fa notare Bloomberg, i due miliardi di detentori di carte Mastecard non sono stati messi a conoscenza di un simile strumento che tiene traccia delle loro abitudini d'acquisto.

Le fonti di Bloomberg sostengono che la controllata di Alphabet e la rivale di Visa abbiano siglato una partneship durante quattro anni di negoziati. L'alleanza segreta ha permesso a Google di sfruttrare dati preziosi per rafforzare il suo posizionamento e difendersi dall'avanzata di gruppi come Amazon. Le fonti del sito di informazione finanziaria, alcune delle quali hanno lavorato direttamente alla messa a punto dell'intesa, hanno riferito che le due aziende aveva discusso una condivisione dei ricavi da pubblicità, cosa smentita da un portavoce del gruppo tech.

La stessa portavoce di Google ha però rilasciato un commento sullo strumento controverso. "Prima del lancio lo scorso anno di questo prodotto beta, abbiamo sviluppato una nuova tecnologia di crittazione che impedisce sia a Google sia ai suoi partner di vedere le informazioni degli utenti che permetterebbero la loro identificazione". Il gruppo ha precisato che "non abbiamo accesso ad alcuna informazione personale in arrivo da carte di credito e debito dei nostri partner né condividiamo alcuna informazione personale con i nostri partner". L'azienda ha detto che le persone possono scegliere di non essere 'seguiti' a scopi pubblicitari, dunque di "opt out", utilizzando la console online “Web and App Activity” di Google. Come spesso succede in questi casi, molte persone - riferisce Bloomberg - hanno sollevato obiezioni sostenendo che una simile procedura non è poi così ovvia nel caso che chiama in causa Mastercard.

Un portavoce di Mastercard non ha voluto commentare l'intesa con Google ma ha spiegato che il gruppo condivide con commercianti e fornitori di servizi i trend delle transazioni per misurare "l'efficacia delle loro campagne pubblicitarie". Secondo il portavoce, tali informazioni - che includono volumi di vendita e la dimensione degli acquisti - è condivisa solo con il permesso del commerciante. "Non viene fornita alcuna transazione individuale né alcun dato personale", ha aggiunto. All'inizio di agosto il Wall Street Journal aveva riferito che Facebook - intenzionato a offrire nuovi servizi ai suoi utenti - ha chiesto alle grandi banche americane di condividere le informazioni finanziarie dei loro clienti incluse quelle relative al saldo dei loro conti corrente e alle transazioni effettuate con carte di credito o bancomat.

Altri Servizi

Wall Street, timori per la crescita cinese

L'economia di Pechino cresciuta del 6,2% nel secondo trimestre rispetto a un anno prima, il passo più lento in almeno 27 anni
AP


Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.

Blackout a New York, città al buio per tre ore

Colpita una parte di Manhattan, oltre 70 mila senza corrente elettrica. Traffico impazzito e diversi problemi ma nessun danno né feriti
Ap

Caos a New York per un blackout che sabato sera ha paralizzato una parte della città per almeno tre ore. Il problema, dovuto a un guasto alla rete elettrica, ha lasciato al buio oltre 70mila persone secondo quanto dichiarato da Con Edison, la società che gestisce i servizi di gas ed elettricità della città. La zona maggiormente colpita è stata quella del West Side, la parte di Manhattan a ovest di Central Park, dove il blackout è iniziato attorno alle sette di sabato sera.

Trump attacca le deputate progressiste: "Tornino nei Paesi corrotti da dove sono venute"

Nel mirino Ocasio-Cortez, le musulmane Ilhan Omar e Rashida Tlaib e l'afroamericana Ayanna Pressley

In un weekend particolarmente teso negli Stati Uniti, dopo il via libera di Donald Trump ai raid contro i migranti irregolari, il presidente americano si è scagliato contro un gruppo di parlamentari progressiste appartenenti ad alcune minoranze etniche sempre più influenti all'interno del Partito Democratico.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Netflix perde "Friends", la celebre serie TV passa sul nuovo servizio Hbo Max

L'annuncio di WarnerMedia. Accordo quinquennale a partire dal 2020

Dopo "The Office", Netflix perde i diritti a trasmettere un'altra celebre serie Tv americana: "Friends". WarnerMedia (l'ex Time Warner rilevata da AT&T in una transazione da oltre 80 miliardi di dollari) ha comunicato che le avventure di Jennifer Aniston nei panni di Rachel Green e quelle degli altri cinque suoi amici verranno trasmesse su un nuovo servizio in streaming che verrà lanciato la prossima primavera e che si chiamerà HBO Max.

Wall Street ottimista dopo le parole di Powell

Il governatore della Fed ha fornito altri indizi che portano a un taglio dei tassi alla fine del mese
AP

Geraci al governo Trump: i dazi Usa per punire Airbus colpiscono l'Italia

Impatto potenziale su 4,3 miliardi di euro l'anno, pari al 10% dell'export italiano. L'amministrazione "rivedrà i suoi numeri". Il sottosegretario in quota Lega: non si è parlato di presunti fondi russi a Salvini
A24

I dazi minacciati dal governo americano contro la Ue nell'ambito della lunga battaglia legata ai sussidi tra il gruppo americano Boeing e l'arcirivale europeo Airbus finiscono per penalizzare l'Italia. Parola del sottosegretario allo Sviluppo Economico, Michele Geraci.