Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Mentre lui si prepara alla prima testimonianza a Capitol Hill, l'azienda ha detto che chiuderà in anticipo la versione consumer del social network Google+. A ottobre aveva detto che la chiusura ci sarebbe stata entro l'agosto prossimo e invece avverà entro aprile. Alphabet ha detto di avere scoperto un bug che espone a sviluppatori esterni di app le informazioni private di 52 milioni di utenti. Anche sulla scoperta fatta il 6 novembre scorso e risolta dopo meno di una settimana, Pichai verrà messo sotto torchio. Il problema di software potrebbe tra l'altro preoccupare i regolatori Ue visto che la nuova General Data Protection Regulation richiede alle aziende di notificare entro 72 ore qualsiasi potenziale intrusione, pena il rischio di una multa massima pari al 2% dei ricavi mondiali.

Per l'ex ingegnere Pichai, la sua performance davanti ai membri della commissione Giudiziaria della Camera servirà per capire quanto si saprà difendere come volto di un gruppo messo sempre più sotto pressione. Lui dovrà rispondere non solo della gestione dei dati ma anche, per esempio, dei piani di lanciare un motore di ricerca in Cina sottoposto a censura. Il 46enne che arrivò in Google nel 2004 deve fare i conti con lo spettro di regolamentazioni più severe.

L'uomo dietro al successo del browser Chrome e dell'espansione del sistema operativo per dispositivi mobili Android è a capo di Google dal 2015, quando l'azienda si riorganizzò diventando una controllata di Alphabet. Diversamente dal suo predecessore Eric Schmidt, Pichai non è nessuno a Washington. Schmidt, al contrario, aveva coltivato i suoi contatti tra i politici tanto da vincere una causa antitrust.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

Amazon, via libera dalla contea di Arlington agli incentivi diretti da 23 milioni di dollari per la nuova sede

Le autorità li hanno approvati all'unanimità. Proteste di molti residenti. Amazon riceverà 481 milioni di incentivi dalla contea e 750 milioni dallo Stato
AP

Lo staff di Sanders è il primo sindacalizzato nella storia delle presidenziali

"Ci aspettiamo che questo significhi parità di salario e trasparenza durante la campagna, trattamento equo per ogni lavoratore, che sia a Washington D.C. o in Iowa, senza differenze di genere" ha commentato il presidente dello UFCW Local 400
Ap

Due voti in Congresso contro Trump, ma non c'è una rivolta dei repubblicani

Approvate due risoluzioni contro la dichiarazione d'emergenza e il sostegno alla guerra saudita in Yemen, ma i ribelli sono solo il 10%. Il presidente costretto al primo veto (e presto al secondo)

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Riconquistare la Casa Bianca: i soldi dei donatori democratici in quattro Stati decisivi

Wisconsin, Michigan, Pennsylvania e Florida: qui si sono decise le elezioni del 2016, qui si decideranno, probabilmente, quelle del 2020

Vino italiano: export in Usa al top di cinque anni nel 2018

Rialzo del 6,8% a quasi due miliardi di dollari. Francia in testa per secondo anno di fila grazie al vantaggio nei rosati. Il nostro Paese resta primo fornitore di rossi e bianchi. Forte (Agenzia ICE NY): serve migliorare nostro posizionamento