Google, in oltre 3 anni dagli europei 2,4 milioni di richieste per "essere dimenticati"

E' l'effetto del diritto all'oblio, riconosciuto nel maggio 2014 nella storica sentenza della Corte di Giustizia Ue. Il gruppo si prepara a normativa più stringente che scatterà a maggio. Ecco i dati sull'Italia

Da oltre tre anni, Google ha ricevuto dai cittadini europei 2,4 milioni di richieste di cancellazione di Url dal suo motore di ricerca. E' l'effetto del diritto all'oblio riconosciuto nel maggio 2014 nella storica sentenza della Corte di Giustizia Ue. In base alla normativa esistente, i cittadini europei hanno il diritto di domandare ai motori di ricerca la rimozione di link che rimandano a "contenuti non più rilevanti" che li riguardano.

Per la prima volta, e in vista dell'entrata in vigore il prossimo maggio di regole Ue ancora più stringenti, Google ha deciso di ampliare i suoi sforzi sulla trasparenza con due iniziative. Da un lato, il colosso tecnologico americano ha promesso di aggiungere nuovi dati al suo cosiddetto "Transparency Report", che pubblica dal 2014. Dall'altro, ha deciso di pubblicare una bozza di una ricerca sul modo in cui gli europei stanno usando il "diritto di essere dimenticati"  (in Usa non c'è una normativa simile a tutela delle persone).

I risultati generali
Più della metà del totale delle richieste è giunto dai cittadini di Francia, Germania e Regno Unito. Nella nazione d'Oltremanica e in Italia le probabilità che le domande si concentrino su siti di informazione sono tre volte superiori a quelle di Parigi e Berlino, dove il focus è più su social media e directory. Rispetto al numero complessivo delle domande, il 43% è stato soddisfatto. L'89% del totale è arrivato da individui privati; il restante 11% è composto principalmente da minori (40%), aziende (21%), politici o legislatori (21%) e personaggi pubblici non governativi (14%). Una buona fetta delle richieste ha riguardato informazioni personali. Alta anche la domanda di cancellazione di risultati di ricerca legati alla storia legale di un individuo.

I risultati italiani
In Italia, 58.825 Url sono stati 'delistati' (il 34,9% del totale delle domande ricevute) mentre 109.875 (il 65,1% del totale) non sono stati cancellati. Nel nostro Paese, l'86,5% delle richieste - che si possono fare compilando un modulo online - è giunto da individui privati. In generale, nel caso italiano i siti più colpiti dal delisting di Url sono stati "scontent.cdninstagram.com", "www.sesso-escort.com" e "www.trovanumeri.com", così come, tra gli altri, Facebook e Twitter.

Un esempio di richiesta fatta dall'Italia nel 2017 riguarda un ex dipendente di una società di cybersicurezza, che avrebbe voluto 'delistare' articoli risalenti al 2015 legati alle sua attività e la decisione di lasciare l'azienda per cui lavorava; Google ha deciso di non eliminare alcun Url "perché le informazioni sono strettamente legate al suo ruolo professionale attuale nella vita pubblica" (la persona è alla guida di un suo gruppo di cybersicurezza). Un altro esempio italiano chiama in causa una donna vittima di un crimine non specificato da Google: ha ottenuto la rimozione di tre link che rimandavano al crimine stesso subito decenni fa. Un'altra donna ha chiesto la rimozione di un articolo vecchio di decenni che conteneva il suo nome ma che riguardava un omicidio commesso dal marito. Google ha eliminato dai risultati di ricerca la pagina con il nome di lei.

Le novità sull trasparenza
Fino ad ora il "Transparency Report" includeva il numero di Url di cui è stata chiesta la cancellazione, il numero di quelli effettivamente eliminati ed esempi anonimi di alcune delle richieste ricevute. D'ora in poi Google aggiunge informazioni risalenti fino al gennaio 2016, quando il suo personale iniziò ad annotare manualmente le richieste ricevute sugli Url. I nuovi dati si dividono in quattro categorie: i richiedenti, il contenuto delle richieste e quello del sito di riferimento oltre al tasso di cancellazione. Google distingue tra i privati e i soggetti non privati come funzionari pubblici e aziende; suddivide i contenuti da 'delistare' in varie categorie come informazioni personali o professionali, crimini e nome non trovato (quando la società non ha trovato il nome dell'individuo richiedente sulla pagina web). I siti su cui compare il contenuto che Google valuta se cancellare o meno dai suoi risultati di ricerca vengono poi classificati come siti di informazione, social media o directory. Infine, l'azienda con sede a Mountain View (California) fornirà il tasso con cui cancella link per categoria su base trimestrale. 

Quanto alla bozza di ricerca, essa si intitola "Three Years of the Right to be Forgotten". E' stata sottoposta all'attenzione del Privacy Enhancing Technologies Symposium, il cui incontro annuale è previsto dal 24 al 27 luglio prossimi a Barcellona (Spagna).

Verso norme più stringenti
Con il nuovo rapporto e la ricerca, la controllata di Alphabet spera di "alimentare il dibattito in corso sull'interazione tra il diritto alla privacy e il diritto all'accesso a informazioni online legittime".

Dicendo che i risultati contenuti nella ricerca "aumentano notevolmente la trasparenza" sul diritto all'oblio e "rivelano la complessità del bilanciare la privacy personale contro l'interesse pubblico quando si risolvono conflitti sulla privacy che si verificano in internet e che coinvolgono parti diverse", Google si prepara tacitamente all'entrata in vigore di un'impianto regolatorio ancora più severo di quello vigente: dal 25 maggio in tutti gli Stati Ue dovrà essere rispettata la General Data Protection Regulation. Essa regola il modo in cui le aziende possono raccogliere, conservare e monetizzare dati. Per chi violerà la normativa - che riconosce il diritto dei cittadini di cancellare un link dai risultati di ricerca sul web se non ci sono buone ragioni per mantenerlo attivo - sono previste multe pari a 20 milioni di euro o fino al 4% del fatturato dell'ultimo anno. La scelta delle autorità ricadrà sulla cifra più alta. Nel 2017, Alphabet ha registrato vendite per 110,855 miliardi di dollari, in rialzo dai 90,272 miliardi del 2016. Nel solo quarto trimestre del 2017, Google ha generato vendite di oltre 32 miliardi (+24% annuo).

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.