Google: le news generano 4,7 miliardi di dollari (studio)

I calcoli sono della News Media Alliance, che difende il lavoro dei giornalisti. Per il colosso tech: i "calcoli approssimativi sono imprecisi"
iStock

Nel 2018 Google ha generato 4,7 miliardi di dollari di ricavi grazie al lavoro giornalistico dei gruppi editoriali. E lo ha fatto attraverso il suo motore di ricerca e Google News senza spendere nulla. E' quanto calcolato da uno studio della News Media Alliance, che rappresenta oltre due mila giornali in Usa e secondo cui la cifra indicata è conservativa.

La tesi dell'organizzazione è che i gruppi editoriali si meritano una parte di quella cifra visto che Google ha sfruttato il loro lavoro senza pagare. Il New York Times, parte dell'alleanza, ha fatto notare che la cifra indicata è superiore agli incassi ai botteghini generati dagli ultimi due film "Avengers" ed equivale quasi agli introiti da pubblicità digitale generati nel settore statunitense dell'informazione lo scorso anno (5,1 miliardi).

Un portavoce di Google ha commentanto dicendo: "Questi calcoli approssimativi sono imprecisi, così come sottolineato da numerosi esperti. La stragrande maggioranza di ricerche legate alle news non mostra annunci pubblicitari. Inoltre, lo studio non tiene conto del valore offerto da Google. Ogni mese, Google News e la Ricerca Google portano oltre 10 miliardi di click ai siti web degli editori che generano, a loro volta, abbonamenti e entrate pubblicitarie significative. Abbiamo lavorato duramente per essere un partner collaborativo e di supporto per la tecnologia e la pubblicità per gli editori di tutto il mondo".

A commento dello studio pubblicato oggi, il presidente e Ceo della News Media Alliance, David Chavern, ha spiegato in un comunicato che "i nuovi editori devono continuare a investire in giornalismo di qualità, e non lo possono fare se le piattaforme si prendono quello che vogliono senza pagare. Le notizie vogliono essere libere ma i giornalisti devono essere pagati".

Secondo lo studio, nel 2018 il numero di utenti unici mensili che in Usa hanno usato Google News ha superato quello registrato da siti come New York Times, Cnn e Huffington Post. E considerato il crescente appetito di notizie, "le news stanno diventando sempre più importanti per Google" e secondo Chavern "questo significa che più soldi vanno a Google e non agli editori che producono contenuti".

Lo studio è stato pubblicato alla vigilia di un'udienza prevista domani in una sottocommissione parlamentare statunitense concentrata sulla relazione tra media e gruppi tech. Nel frattempo la News Media Alliance spinge per l'approvazione di una legge - il The Journalism Competition & Preservation Act - che secondo Chavern "fornirebbe una protezione minima agli editori al fine di essere in grado di negoziare collettivamente termini migliori con piattaforme come Google e Facebook".

Altri Servizi

Trump dà dei "pazzi" ai gruppi auto contrari a norme meno stringenti

Ford Motor, Volkswagen of America, Honda e BMW si sono già schierate con la California. Per il NYT, anche Mercedes-Benz potrebbe unirsi a loro e forse un altro gruppo tra Toyota, Fiat Chrysler e General Motors

Il presidente americano, Donald Trump, critica i produttori di auto contrari all'allentamento regolatorio da lui pianificato. "La mia proposta alle aziende d'auto politicamente corrette abbasserebbe il prezzo medio di un veicolo per i consumatori di oltre 3.000 dollari, e allo stesso tempo renderebbe le vetture molto più sicure. I motori funzionerebbero in modo migliore. Ci sarebbe un impatto molto limitato sull'ambiente! Executive pazzi!".

Wall Street digerisce il discorso di Powell e la pioggia di tweet di Trump

Continua il summit organizzato dalla Fed di Kansas City a Jackson Hole, Wyoming.
AP
iStock

HP dice addio a colui che era suo Ceo dal 2015, quando la vecchia Hewlett-Packard fu scorporata in due aziende (l'altra si chiama Hewlett Packard Enterprise e offre servizi IT e vende server).

Morto l'industriale conservatore David Koch: con il fratello, ha influenzato la politica Usa degli ultimi decenni

Aveva 79 anni. Ex candidato alla vicepresidenza con il partito Libertario, ha sostenuto molti repubblicani, ma era entrato in contrasto con il presidente Trump

L'industriale David Koch, noto finanziatore del partito repubblicano statunitense, è morto oggi, all'età di 79 anni. Lo ha reso noto il fratello Charles, 83 anni, con cui ha guidato l'azienda fondata dal padre Fred, la Koch Industries. 

I ragazzi di Parkland presentano un piano per il controllo delle armi

L'obiettivo è influenzare il dibattito in vista delle elezioni e spingere i giovani ad andare a votare

March for Our Lives, il gruppo di attivisti che si è formato dopo la sparatoria di massa avvenuta lo scorso anno in una scuola di Parkland, in Florida, ha presentato oggi un piano per il controllo delle armi. Chiamato il "piano di pace per un'America più sicura", comprende proposte come la creazione di un registro nazionale, la messa al bando di armi d'assalto e di caricatori ad alta capacità, la creazione di un programma obbligatorio di riacquisto delle armi detenute dai civili da parte delle autorità e l'istituzione di un direttore nazionale per la prevenzione della violenza compiuta con armi da fuoco.

Fed, Trump: Powell come un giocatore di golf incapace di tirare in buca

Conto alla rovescia per il discorso del governatore a Jackson Hole
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, è tornato ad attaccare la Federal Reserve e il suo governatore, paragonato a un giocatore di golf praticamente incapace di tirare in buca. In un tweet Trump ha scritto: "Le cose vanno alla grande con la Cina e altri accordi commerciali. L'unico problema è Jay Powell, e la Fed. E' come un giocatore di golf che incapace di realizzare un putt, non ha tatto. [Ci sarebbe] una netta crescita in Usa se facesse la cosa giusta, un grande taglio [dei tassi] ma non contiamo su di lui. Fino ad ora si è sbagliato e ci ha deluso".

Hasbro compra il proprietario di Peppa Pig per 4 miliardi di dollari

Il produttore di giocattoli si rafforza con Entertainment One, con quartier generale a Toronto ma quotato a Londra. Dividendo intatto. Stop al buyback
Entertainment One

Il produttore americano di giocattoli Hasbro ha trovato un accordo per comprare Entertainment One, gruppo quotato a Londra che produce contenuti per bambini e adulti, per 3,3 miliardi di sterline. Monopoly, Play-Doh, Power Rangers e Transformers accolgono quindi sotto il loro tetto Peppa Pig, PJ Masks e Ricky Zoom.

Fed, Powell: l'economia Usa va bene, tra i rischi spunta crisi di governo in Italia

Da Jackson Hole, il governatore cita anche una hard Brexit e le tensioni a Hong Kong
AP

La Federal Reserve "agirà in modo appropriato per sostenere l'espansione [dell'economia americana]". Con queste parole Jerome Powell ribadisce un mantra che gli permette di essere flessibile senza dire esplicitamente che la banca centrale Usa taglierà di nuovo i tassi. Nel suo discorso da Jackson Hole, il governatore ha da un lato sottolineato la forza dell'economia statunitense e dall'altro ha fatto notare che "l'incertezza della politica commerciale sta giocando un ruolo nel rallentamento globale e nella debolezza del [settore] manifatturiero e delle spese per capitale negli Stati Uniti". 

Aveva detto che sarebbe stata costretta a reagire con delle ritorsioni. Oggi è arrivata la conferma: la Cina ha deciso di rispondere ai dazi del 10% che gli Usa imporranno dal primo settembre su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Lo farà adottando nuovi dazi su 75 miliardi di dollari di importazioni statunitensi, anche sulle auto Made in Usa. I dazi spazieranno dal 5 al 10% ed entreranno in vigore con la stessa tempistica di quelli americani: un primo round dall'1 settembre e un secondo dal 15 dicembre (la data in cui il governo Trump ha deciso di posticipare, per salvare lo shopping natalizio, l'entrata in vigore di dazi su smartphone, laptop, monitor, giocattoli, console per videogiochi e certi capi d'abbigliamento).

La diplomazia straniera si prepara a un'altra vittoria di Trump

Scottate dall'esito delle elezioni del 2016, le ambasciate si aspettano il secondo mandato del presidente: una previsione che sta già influenzando rapporti e negoziati con Washington
Ap

Scottati dall'imprevista vittoria di Donald Trump nel 2016, i diplomatici stranieri non vogliono commettere lo stesso errore: per questo, si stanno già preparando per la vittoria del presidente statunitense alle elezioni del prossimo anno. L'opinione che Trump vincerà ancora, emersa dalle conversazioni dei giornalisti di Politico con una ventina di diplomatici stranieri, funzionari internazionali e analisti, è molto diffusa.