Google licenzia dipendente sessista, WikiLeaks gli offre un lavoro

Per il fondatore del sito, Julian Assange, "La censura è per perdenti"

WikiLeaks ha offerto un posto di lavoro al dipendente licenziato da Google per avere "perpetrato stereotipi di genere" con un memo in cui sosteneva che le donne non erano fatte per diventare ingegneri e per assumere ruoli di leadership nel mondo tech.

In un tweet firmato da Julian Assange, fondatore del sito WikiLeaks, si legge: "La censura è per perdenti. @WikiLeaks sta offrendo un lavoro all'ingegnere di Google licenziato, James Damore". Il 'cinguettio' è arrivato all'indomani di una email ai dipendenti scritta dal Ceo di Google e in cui aveva spiegato di "sostenere con forza il diritto dei Googler di esprimese sé stessi e molto di quanto contenuto nel memo può essere discusso, a prescindere che una vasta maggioranza di Googler non lo condivida". Tuttavia, aveva aggiunto Sundar Pichai, dire che "un gruppo di nostri colleghi ha tratti che li rendono meno adatti biologiamente a quel lavoro è offensivo e non è OK". Anche perché farlo viola il condice di condotta della controllata di Alphabet.

Il punto è che queste dichiarazioni hanno alimentato ulteriormente le polemiche: per i critici, non è giusto dare la preferenza alla lotta alle discriminazioni a scapito della libertà di espressione. Tra i detrattori ci sono i media conservatori come Breitbart, diretto in passato da Steve Bannon, colui che ora è lo stratega capo del presidente Usa Donald Trump.

A sollevare ulteriormente le polemiche ci ha pensato Assange, secondo cui "uomini e donne si meritano rispetto. Questo significa non licenziarle per avere educatamente espresso un'idea ma controbattere" quell'idea. In un altro tweet, il fondatore di WikiLeaks - per altro definito dal capo della Cia come un "ostile servizio di intelligence non statale, spesso al servizio dei russi" - ha ipotizzato un dialogo tra Google e l'ingegnere incriminato con cui chiaramente insinua le cattive intenzioni della controllata di Alphabet e i suoi freni alla libertà di espressione:

"Google: Idee su come possiamo abbassare i salari?

Ingegnere: Il lavoro è solitario e stressante. Magari alle donne non piace.

Google: Sei licenziato".

Da tempo Assange non è amico di Google: non ha caso su Twitter ha fornito un link a un estratto del suo libro "When Google Met WikiLeaks" (quando Google ha incontrato WikiLeaks) intitolato "Google Is Not What It Seems" (Google non è quel che sembra).

Altri Servizi

Wall Street, occhi su Fomc e Onu

Inizia la riunione del Federal Open Market Committee, Trump parla all'Assemblea generale
iStock

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Facebook: i due cofondatori di Instagram se ne vanno

Nel 2012 vendettero la app di condivisione di foto per 1 miliardo di dollari. Ora pensano alla loro prossima avventura

I due cofondatori di Instagram, la app per la condivisione di immagini acquistata da Facebook nel 2012 per 1 miliardo di dollari, hanno dato le dimissioni.

L'Air Force Usa sceglie Boeing e Leonardo, commessa da 2,4 mld di dollari per 84 elicotteri

Il Pentagono vuole l'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto dall'azienda italiana. Battute Lockheed Martin e Sierra Nevada
Leonardo

Boeing, in qualità di prime contractor, e Leonardo si sono aggiudicati una commessa da 2,4 miliardi di dollari per fornire all'Aeronautica militare statunitense fino a 84 esemplari dell'elicottero MH-139, la versione a uso militare del commerciale AW139 prodotto a Philadelphia (Pennsylvania).

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Trump attacca l'Opec: "Ci frega"

Il presidente Usa torna ad attaccare il cartello dei paesi produttori di greggio: "Prezzi troppo alti"

Per la seconda volta in cinque giorni, il presidente americano Donald Trump è tornato ad attaccare l'Opec, accusato di "fregare" gli Stati Uniti e il resto del mondo. "Questo non mi piace e non dovrebbe piacere a nessuno", ha affermato il leader Usa suscitando nuovi mugugni nella platea dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, alla quale si è rivolto per la seconda volta da quando ha messo piede alla Casa Bianca nel gennaio 2017.

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema