Google non ha violato le leggi sul lavoro licenziando l'ingegnere sessista

Il National Labor Relations Board ha dato torto a James Damore, che ora punta tutto su una class action contro il colosso tech: "Discrimina gli uomini bianchi e conservatori come me"
iStock

La decisione di Google di licenziare il dipendente autore di un comunicazione interna sessista non ha violato le leggi federali sul lavoro, secondo il National Labor Relations Board, l'agenzia indipendente del governo statunitense che si occupa di queste questioni. Il Board ha reso pubblica solo il 15 febbraio la lettera con cui una sua avvocata, Jayme Sophir, ha raccomandato di archiviare il caso il 16 gennaio. Secondo i dati registrati, il caso è stato chiuso dal National Labor Relations Board il 19 gennaio.

Google, secondo l'ingegnere James Damore - autore di una nota ben presto divenuta famosa in tutto il Paese, dal titolo 'Google's Ideological Echo Chamber' - ricorre a "quote illegali di genere per raggiungere le percentuali desiderate di donne e minoranze preferite" e "imbarazza pubblicamente i manager a capo delle divisioni che non raggiungono quelle quote", denigrando apertamente "dipendenti maschi e caucasici". Nel suo memo, Damore affermava che le donne non erano fatte per diventare ingegneri e per assumere ruoli di leadership nel mondo tech.

Secondo quanto si apprende dal memorandum interno di Sophir, consultabile sul sito Law.com, le parole "discriminatorie e pericolose" di Damore non rientrano nel campo protetto dalle leggi sul lavoro. Damore, a parte il reclamo presentato al Board nell'agosto scorso, ha presentato una causa - nella forma di una class action a cui ha aderito un ex collega, David Gudeman - in cui Google è accusata di discriminare gli uomini bianchi e conservatori.

Damore è difeso dall'avvocata Harmeet Dhillon, esperta di cause per i diritti civili che si è spesso battuta contro la 'dittatura' delle idee progressiste nella Bay Area. L'avvocata era, scrive Bloomberg, tra i candidati del presidente Donald Trump per guidare la divisione per i diritti civili del dipartimento di Giustizia.

Altri Servizi

Wall Street sotto pressione per Boeing

Il dipartimento dei Trasporti ha aperto un'indagine sull'approvazione della Faa al Boeing 737 Max
AP

Wall Street, speranze su accordo Usa-Cina

Atteso il dato sulla fiducia dei consumatori di marzo
AP

Lyft lancia il road show per la sua Ipo da 2 miliardi di dollari

Sarà la prima del settore dei trasporti on-demand a quotarsi a Wall Street, ma sarà presto seguita da Uber

Kirsten Gillibrand ha ufficialmente lanciato la sua campagna presidenziale

La senatrice è la sesta donna in campo per le primarie democratiche
Ap

Amazon, via libera dalla contea di Arlington agli incentivi diretti da 23 milioni di dollari per la nuova sede

Le autorità li hanno approvati all'unanimità. Proteste di molti residenti. Amazon riceverà 481 milioni di incentivi dalla contea e 750 milioni dallo Stato
AP

Lo staff di Sanders è il primo sindacalizzato nella storia delle presidenziali

"Ci aspettiamo che questo significhi parità di salario e trasparenza durante la campagna, trattamento equo per ogni lavoratore, che sia a Washington D.C. o in Iowa, senza differenze di genere" ha commentato il presidente dello UFCW Local 400
Ap

Due voti in Congresso contro Trump, ma non c'è una rivolta dei repubblicani

Approvate due risoluzioni contro la dichiarazione d'emergenza e il sostegno alla guerra saudita in Yemen, ma i ribelli sono solo il 10%. Il presidente costretto al primo veto (e presto al secondo)

Federcalcio Usa sorpresa dalla causa per discriminazione intentata dalle giocatrici della nazionale

Carlos Cordeiro ha detto che le atlete non si erano mai lamentate del contratto collettivo. Le campionesse del mondo chiedono di essere pagate (e trattate) come gli uomini
Ap

Riconquistare la Casa Bianca: i soldi dei donatori democratici in quattro Stati decisivi

Wisconsin, Michigan, Pennsylvania e Florida: qui si sono decise le elezioni del 2016, qui si decideranno, probabilmente, quelle del 2020

Vino italiano: export in Usa al top di cinque anni nel 2018

Rialzo del 6,8% a quasi due miliardi di dollari. Francia in testa per secondo anno di fila grazie al vantaggio nei rosati. Il nostro Paese resta primo fornitore di rossi e bianchi. Forte (Agenzia ICE NY): serve migliorare nostro posizionamento