Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Dopo il suo ingresso, lo scorso anno, nel mercato degli smartphone con Pixel, Google ha introdotto due nuovi dispostivi con schermi da 5,5 e 6 pollici. Il primo sarà disponibile in tre colori: "kinda blue", "just black" e "clearly white" (letteralmente una sorta di blu, solo nero e chiaramente bianco). Il secondo è dotato di un diplay Oled curvo da lato a lato e che è molto simile allo smartphone LG V30; per questa versione del telefonino, i colori previsti sono nero o nero e bianco. Pixel 2 ha un prezzo di partenza di 649 dollari e Pixel 2 XL di 849 dollari. Per un confronto, il nuovo iPhone 8 costa a partire da 699 dollari, l'iPhone Plus da 799 dollari e l'iPhone X (nei negozi dal mese prossimo) a cominciare da 999 dollari. Con questi dispositivi, Google testa la sua strategia di puntare sull'hardware per competere appunto con Apple in vista della cruciale stagione dello shopping natalizio. L'azienda ha promesso la stessa esperienza con i due smartphone, fatta eccezione per le dimensioni. Il display è sempre attivo, anche quando il dispositivo è bloccato, visualizzando notifiche e orario. Il telefonino è in grado di identificare la musica in sottofondo mostrando la canzone e con esso è possibile fare selfie semplicemente impugnando il dispositivo. Nessuno dei due ha un jack in cui inserire le cuffie. Non a caso.

Google spinge sulla vendita delle Google Pixel Buds, cuffie senza fili che possono fornire notifiche, leggere ad alta voce messaggi e fornire un rapido accesso all'assistente vocale. Possono anche tradurre lingue in tempo reale. Diposibili in bianco, blu e nero, verranno consegnate da novembre al costo di 159 dollari.

Il gruppo ha presentato poi una versione ridotta del suo speaker Google Home: visto il costo di 49 dollari, è pensato per competere con Echo Dot, la cassa intelligente per la casa meno costosa all'interno della gamma a marchio Echo offerta da Amazon. Con Google Home Max invece, l'azienda sfida Sono, Apple (con il suo HomePod) e ancora Amazon. Il prodotto sarà lanciato a dicembre al costo di 399 dollari, 50 dollari di più del prodotto rivale che Apple annunciò a giugno e che conta di vendere da dicembre. E' lo stesso mese in cui Google stima di iniziare a vendere le sue nuove casse. Quelle standard, che ha iniziato a vendere lo scorso anno, costano 129 dollari. Così come i prodotti Apple sono dotati di Siri e quelli Amazon di Alexa, quelli Google prevedono l'aiuto di Google Assistant.

Quanto alla Google Clips, costa 249 dollari contro i 499 dollari della nuova GoPro introdotta sul mercato il mese scorso. La fotocamera scatta immagini durante il corso della giornata. Grazie all'intelligenza artificiale, va alla ricerca di sorrisi, persone care, cani in pose buffe e automaticamente immortala quei momenti. Può essere attaccata a quasi qualsiasi cosa e dunque non richiede di essere afferrata ma è comunque dotata di un bottone per scattare foto. Il gruppo ha promesso che diventerà sempre più intelligente con il passare del tempo.

Google Home Mini Google
Google Clips Google
Altri Servizi

Bill O'Reilly pagò 32 milioni per fermare denuncia molestie. E Fox gli rinnovò il contratto

Un nuovo caso che coinvolge il super presentatore del network conservatore, il sesto dopo i cinque già noti. I vertici del gruppo sapevano

A gennaio del 2017 il presentatore di Fox, Bill O'Reilly, pagò 32 milioni di dollari per patteggiare una causa di violenza sessuale su una analista del network. Poco dopo il canale conservatore gli rinnovò il contratto per 3 anni pagandolo 25 milioni all'anno, pur sapendo che aveva appena pagato la somma per fermare il processo.

John Kelly e la reputazione corrotta da Donald Trump

Un'altra vittima del presidente americano, che rischia di perdere ogni credibilità. Soprattutto dopo l'enorme bugia raccontata sul conto di una deputata afroamericana del partito democratico
AP

Lavorare per Donald Trump significa fare un sacrificio. Questo assunto è così vero che nei primi mesi di presidenza, sono stati pubblicati diversi articoli per raccontare come Trump facesse fatica a riempire i posti, soprattutto quelli che richiedono competenze e un curriculum di alto livello. Il rischio? Vedere infangata la propria reputazione e non trovare più lavoro in futuro.

Brexit: Blankfein (Goldman) pensa a Francoforte

Il Ceo della banca Usa dice in un tweet che trascorrerà più tempo nella capitale finanziaria tedesca. Messaggio diretto al premier britannico Theresa May?
AP

Con un semplice tweet, il Ceo di Goldman Sachs ha ventilato l'ipotesi di un trasferimento di gran parte delle attività della banca di Wall Street da Londra a Francoforte. Sarebbe l'effetto provocato dalla Brexit.

Trump pubblicherà gli ultimi documenti segreti sulla morte di Kennedy

Lo ha annunciato su Twitter sabato mattina nonostante alcune agenzie federali gli abbiano consigliato di non declassificarli
JFK Library

Fuori dalla Casa Bianca, Bannon è sempre più vicino a Trump

Il Washington Post racconta come l'ex super consigliere del presidente americano si senta costantemente più volte ogni settimana con Trump. Anche se il rischio di uno scontro nelle elezioni di Midterm continua a esserci
AP

Fitch: luci e ombre sull'Italia, ripresa in corso ma rischi politici all'orizzone

L'agenzia lascia il rating a "BBB" con outlook "stabile". Debito pubblico e npl alti. Crescita lenta: nel 2019 il Pil italiano sarà ancora il 4% al di sotto del livello 2007

I favoriti da Trump per il vertice della Fed sembrano Taylor e Powell

Si tratta, rispettivamente, di un economista di Stanford giudicato come un 'falco' e dell'attuale membro del board della banca centrale Usa, visto come una sorta di 'colomba'. Yellen non ancora fuori dai giochi
John Taylor

Trump esulta, ma la strada per la riforma fiscale è ancora lunga

I repubblicani sperano di farcela per la fine dell'anno, ma dovranno superare le divisioni interne
AP

Fed: il Wsj fa il tifo per i falchi, il prossimo governatore sia Taylor o Warsh

In un editoriale, il giornale chiede al presidente Donald Trump una "voce fresca" al vertice della banca centrale Usa
Kevin Warsh AP

Microsoft entra (in ritardo) nel mercato degli speaker per la casa

Il gruppo informatico lo fa con Invoke, quasi tre anni dopo il lancio da parte della rivale Amazon di Echo. Google lo ha fatto un anno e mezzo fa
Microsoft