Google sfida Apple e Amazon con nuovi smartphone e casse intelligenti

Arrivano anche le prime cuffie wireless del gruppo e la fotocamera Clips che preoccupa GoPro
Pixel 2 XL Google

Google affila le armi contro la concorrenza, a cominciare da Apple e Amazon. Il gruppo parte di Alphabet ha presentato vari prodotti tra cui due nuovi smartphone chiamati Pixel 2 e Pixel 2 XL, due nuovi speaker per la casa (uno dalle dimensioni piccole, Google Home Mini, e un'altro di alta gamma, Google Home Max), un nuovo Chromebook chiamato Pixelbook, un nuovo visore per la realtà virtuale e le sue prime cuffie wireless battezzate Google Pixel Buds. Come se non bastasse, l'azienda di Mountain View (California) ha sorpreso il pubblico riunito per l'occasione a San Francisco lanciando Google Clips, una nuova macchina fotografica che sembra preoccupare GoPro: il titolo del produttore di dispositivi usati dagli amanti di sport estremi per scattare immagini e registrare video ha accelerato subito al ribasso con gli investitori che chiaramente temono la concorrenza del nuovo arrivato.

Dopo il suo ingresso, lo scorso anno, nel mercato degli smartphone con Pixel, Google ha introdotto due nuovi dispostivi con schermi da 5,5 e 6 pollici. Il primo sarà disponibile in tre colori: "kinda blue", "just black" e "clearly white" (letteralmente una sorta di blu, solo nero e chiaramente bianco). Il secondo è dotato di un diplay Oled curvo da lato a lato e che è molto simile allo smartphone LG V30; per questa versione del telefonino, i colori previsti sono nero o nero e bianco. Pixel 2 ha un prezzo di partenza di 649 dollari e Pixel 2 XL di 849 dollari. Per un confronto, il nuovo iPhone 8 costa a partire da 699 dollari, l'iPhone Plus da 799 dollari e l'iPhone X (nei negozi dal mese prossimo) a cominciare da 999 dollari. Con questi dispositivi, Google testa la sua strategia di puntare sull'hardware per competere appunto con Apple in vista della cruciale stagione dello shopping natalizio. L'azienda ha promesso la stessa esperienza con i due smartphone, fatta eccezione per le dimensioni. Il display è sempre attivo, anche quando il dispositivo è bloccato, visualizzando notifiche e orario. Il telefonino è in grado di identificare la musica in sottofondo mostrando la canzone e con esso è possibile fare selfie semplicemente impugnando il dispositivo. Nessuno dei due ha un jack in cui inserire le cuffie. Non a caso.

Google spinge sulla vendita delle Google Pixel Buds, cuffie senza fili che possono fornire notifiche, leggere ad alta voce messaggi e fornire un rapido accesso all'assistente vocale. Possono anche tradurre lingue in tempo reale. Diposibili in bianco, blu e nero, verranno consegnate da novembre al costo di 159 dollari.

Il gruppo ha presentato poi una versione ridotta del suo speaker Google Home: visto il costo di 49 dollari, è pensato per competere con Echo Dot, la cassa intelligente per la casa meno costosa all'interno della gamma a marchio Echo offerta da Amazon. Con Google Home Max invece, l'azienda sfida Sono, Apple (con il suo HomePod) e ancora Amazon. Il prodotto sarà lanciato a dicembre al costo di 399 dollari, 50 dollari di più del prodotto rivale che Apple annunciò a giugno e che conta di vendere da dicembre. E' lo stesso mese in cui Google stima di iniziare a vendere le sue nuove casse. Quelle standard, che ha iniziato a vendere lo scorso anno, costano 129 dollari. Così come i prodotti Apple sono dotati di Siri e quelli Amazon di Alexa, quelli Google prevedono l'aiuto di Google Assistant.

Quanto alla Google Clips, costa 249 dollari contro i 499 dollari della nuova GoPro introdotta sul mercato il mese scorso. La fotocamera scatta immagini durante il corso della giornata. Grazie all'intelligenza artificiale, va alla ricerca di sorrisi, persone care, cani in pose buffe e automaticamente immortala quei momenti. Può essere attaccata a quasi qualsiasi cosa e dunque non richiede di essere afferrata ma è comunque dotata di un bottone per scattare foto. Il gruppo ha promesso che diventerà sempre più intelligente con il passare del tempo.

Google Home Mini Google
Google Clips Google
Altri Servizi

Facebook ha un team di esperti per fare 'saltare' il social network

L'obiettivo è scoprire le falle della piattaforma prima che a scovarle siano soggetti con cattive intenzioni
AP

Scoprire le vulnerabilità di Facebook prima che a farlo siano soggetti mal intenzionati. E' questo l'obiettivo di una nuova task force arruolata da Facebook. Essa è composta da ex funzionari dell'intelligence, ricercatori e media buyer. A darne notizia è BuzzFeed News, secondo cui il social network si riferisce a questa squadra di esperti con l'espressione "Investigative Operations Team".

Incidente fatale con vettura autonoma di Uber: conducente era "distratto"

Per la polizia di Tempe (Arizona) la persona al volante avrebbe potuto evitare l'accaduto. Forse stava guardando video sul servizio Hulu
Uber

La persona al volante di una vettura a guida autonoma di Uber che lo scorso 18 marzo a Tempe, Arizona, travolse e uccise un pedone avrebbe potuto evitare l'incidente se non fosse stata "distratta". E' quanto emerso dalle indagini della polizia locale.

Commercio: per la Cina, gli Usa sono "paranoici"

Dentro la Casa Bianca c'è chi lavora per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio
AP

Attenta a non apparire affatto debole, la Cina continua a usare una retorica dura nei confronti delle politica commerciale degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo varie indiscrezioni di stampa, sia Pechino sia Washington stanno lavorando da dietro le quinte per evitare una guerra commerciale che potrebbe scoppiare il 6 luglio prossimo, la data in cui tutte e due le nazioni faranno scattare nuovi dazi l'una contro l'altra.

Netflix, il capo della comunicazione dice "negro": costretto alle dimissioni

Il Ce Hastings: "Inaccettabile, non in linea con i valori della nostra società". Friedland ricopriva il ruolo da 6 anni
AP

Jonathan Friedland non è più il responsabile della comunicazione di Netflix. In una lettera inviata a tutti i dipendenti, l'amministratore delegato, Reed Hastings, ha spiegato che la separazione è stata decisa dopo alcune dichiarazioni inaccettabili di Friedland al suo staff.

La 'tolleranza zero' di Trump è già alla fine

La strategia dell'attuale amministrazione si sta scontrando con problemi logistici, legali e sociali. L'ordine esecutivo firmato dal presidente provocherà il ritorno alla politica del 'rilascio immediato'
iStock

Il presidente Donald Trump potrà pure non ammetterlo, ma la sua strategia della 'tolleranza zero' con i migranti irregolari è di fatto conclusa. I massimi funzionari del dipartimento della Sicurezza nazionale hanno riconosciuto la realtà dei fatti in un incontro avvenuto giovedì pomeriggio, secondo un ex funzionario a conoscenza del vertice che ne ha parlato con Politico.

Wall Street, il Dow Jones interrompe i ribassi dell'ultima settimana

Prima giornata in rialzo dopo otto di fila in calo
iStock

Le letture di Obama: c'è anche 'La nuova geografia del lavoro' di Moretti

Post su Facebook, l'ex presidente condivide la sua lista, "un tantino più pesante di quella per l'estate"

L'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha condiviso le sue letture su un post di Facebook, dicendo che "c'è così tanta buona scrittura, e arte, e una varietà di pensieri di questi tempi". "Spesso mi chiedono cosa leggo, guardo e ascolto, così ho pensato che potrei condividere una breve lista, di tanto in tanto [...] Questa è una lista di quello che ho letto recentemente. Ammetto che è una lista un tantino più pesante di quella per l'estate".

Trump ai repubblicani: "Aspettiamo le elezioni per approvare la legge sull'immigrazione"

Il presidente ha attaccato ancora i democratici. Nancy Pelosi ha detto che la proposta di legge dei repubblicani "è un compromesso con il diavolo"
iStock

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha ripreso questa mattina gli attacchi su Twitter contro i democratici sull'immigrazione, dopo il rinvio alla prossima settimana della votazione su una proposta di legge repubblicana, per cui al momento mancano i voti necessari all'approvazione.

Usa-Corea del Sud, pronte a sospendere le esercitazioni militari congiunte

Secondo l’agenzia sudcoreana Yonhap l’annuncio arriverà nei prossimi giorni
AP

Gli Stati Uniti e la Corea del Sud si apprestano ad annunciare, entro la fine della settimana, la sospensione delle esercitazioni militari congiunte su larga scala. Si tratta di un passo importante e strettamente legato all’avviato dialogo con la Corea del Nord da parte di Washington ma sul quale i due Paesi sono pronti a tornare indietro qualora Pyongyang non mantenesse le sue promesse di denuclearizzazione.

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.