Grammy Awards: il campione è Bruno Mars tra politica e difesa delle donne

Alla 60esima edizione degli Oscar della musica prevalgono pop e R&B. Come ai Golden Globe, tributi ai movimenti TimesUp e #MeToo. Spunta anche Clinton

Il mondo della musica ha finalmente riconosciuto l'importanza crescente dell'hip-pop e del R&B. E' questa la conclusione tratta dalla sessantesima edizione dei Grammy Awards, la prima in quindici anni ad essersi svolta a New York City e dove ha brillato Bruno Mars con sei vittorie. E dove le questioni di razza e di immigrazione e i movimenti TimesUp e MeToo si sono fatti sentire. In un'America alle prese con un indomabile Donald Trump, durante gli Oscar della musica a sorpresa è spuntata anche Hillary Clinton: in uno sketch preregistrato in cui fingeva di essere in un'audizione, ha letto parte di "Fire and Fury", il libro controverso di Michael Wolf che descrive la Casa Bianca del 45esimo presidente Usa. L'amaramente sconfitta alle elezioni presidenziali americane del 2016 ha letto parti del libro dedicate alle bizzarre abitudini alimentari di Trump.

Mars ha vinto il premio più ambito del settore musicale - Album dell'anno con "24K Magic", vincitore anche della Performance dell'anno e del Migliore album R&B - mentre il suo rivale Kendrick Lamar ha portato a casa cinque vittorie avendo la meglio nelle categorie rap.

Con "That's What I Like", Mars si è aggiudicato anche la categoria Canzone dell'anno, premio ritirato insieme agli otto compositori che hanno scritto il brano, riflesso di un nuovo modello di produzione che coinvolge un team specializzato di persone. "That's What I Like" ha avuto la meglio anche nelle categorie Migliore perfomance R&B e Migliore canzone R&B.

Nonostante i fan di Lamar siano rimasti delusi dal fatto che non abbia vinto il premio più ambito, il rapper di Los Angeles si è aggiudicato il Migliore album rap, la Migliore canzone rap e migliore video musicale. Ritirando il primo di questi premi, Lamar ha ringraziato i rapper a cui si è ispirato - Jay-Z (l'artista con il maggiore numero di nomination, che non si sono tradotte in alcun premio) e Nas - e ha detto: "Questo premio va all'Hip-Pop".

Alessia Cara, cantautrice canadese, è stata scelta come Migliore artista emergente: "Sostenete la musica e gli artisti veri. Tutti meritano le stesse opportunità", ha dichiarato dal palco. La cantante pop ha poi aggiunto: "Accidenti. Sto tremando. E' da quando sono bambina che fingo di vincere un Grammy".

La serata, organizzata dalla Recording Academy, è iniziata con una performance di Lamar che ha visto la partecipazione di Bono degli U2, di Edge e del comico afroamericano Dave Chappelle: "La cosa più spaventosa di guardare un uomo nero essere onesto in America è essere un uomo nero ed onesto in America", ha detto il comico. Va tenuto presente che quest'anno quattro dei cinque nominati nella categoria Album dell'anno, incluso Mars, erano artisti hip-pop e R&B non bianchi. Cosa riconosciuta da colui che ha presentato la serata per la seconda volta, James Corden del "Late Late Show". Nel suo monologo iniziale Corden, un bianco, ha scherzato: "Non abbiamo soltanto il gruppi di nominati più variegato (in termini di razza, ndr) nella storia dei Grammy, ma abbiamo anche per la seconda volta di fila, il presentatore meno variegato nella storia dei Grammy".

Come ai Golden Globe, anche ai Grammy è stata espressa solidarietà verso il movimento #MeToo. Janelle Monae, la cantante R&B che ha introdotto Kesha, ha chiesto esplicitamente un trattamento equo sul posto di lavoro in base al genere. "Veniamo in pace ma vogliamo fare business", ha detto rivolgendosi alle donne del suo settore affinché insieme lottino contro il sessismo e le molestie sessuali, pratiche "che non si stanno verificando solo a Hollywood o a Washington ma anche nella nostra industria". Monae ha poi avvertito: "A chi di voi prova a farci stare in silenzio, vi offriamo due parole: Time's Up", riferimento al fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro. Successivamente Kesha ha cantato "Praying" circondata da donne vestite in bianco tra cui la cantante Cyndi Lauper e Resistance Revival Chorus, un collettivo di donne che canta brani di protesta. Alla fine della sua performance Kesha ha trattenuto a stento le lacrime e con la voce rotta ha pronunciato frasi del brano che erano un chiaro riferimento al suo produttore Dr. Luke, da lei accusato nel 2014 di averle inflitto anni di abusi (lui rispose accusando Kesha di essersi inventata tutto per trovare una scusa e non sottostare ai contratti siglati).

Se l'accessorio politico della serata dei Globe erano state spille a tema, ai Grammy sono state le rose bianche ad essere state indossate.

 

 

Altri Servizi

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Trump: pronto a dazi su tutto l'import cinese, pari a 505 miliardi

Il presidente Usa minaccia Pechino in un'intervista alla Cnbc

Il presidente Donald Trump ha dichiarato di essere pronto a imporre dazi su tutti i prodotti cinesi importati negli Stati Uniti, pari a 505,5 miliardi di dollari nel 2017. "Sono pronto ad arrivare a 500" ha detto, durante un'intervista in onda questa mattina sulla Cnbc, riferendosi appunto al valore di tutte le importazioni dalla Cina dello scorso anno, secondo i dati del Census Bureau; le esportazioni statunitensi in Cina, invece, sono state pari a 129,9 miliardi di dollari. Finora, i dazi statunitensi sono stati imposti solo su prodotti cinesi del valore di 34 miliardi, a cui la Cina ha risposto con dazi su prodotti statunitensi.

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP

Trump registrato dal suo ex avvocato sul pagamento a un'ex modella di Playboy

I due discussero della situazione prima delle elezioni; ora la registrazione è in mano agli investigatori
AP

Il capo dell'intelligence Usa bacchetta Trump sull'incontro con Putin

Coats: "Non doveva incontrarlo da solo, mi aspettavo dichiarazioni diverse"

Wall Street, pesano i nuovi dazi minacciati da Trump

Il presidente Usa è tornato poi ad attaccare l'Unione europea e a criticare la Fed
iStock

Usa 2016, Nyt: Trump sapeva delle ingerenze di Putin sin dall'inizio

Il presidente ha visto le prove due settimane prima del suo insediamento