Dall'Italia a New York, Mikki More racconta il suo nuovo prodotto per capelli

Dall'idea di Darian Braun, esperto di estetica, nasce il balsamo con estratti naturali

Quando un balsamo ti cambia la vita. E' la storia di Michela, una ragazza di Treviso che dopo terribili problemi con i capelli, ha riacquistato la sua bellissima chioma corvina e la "bellezza consapevole", grazie ad un nuovo prodotto, appena lanciato sul mercato statunitense, il balsamo Mikki More.

"Cinque anni fa, dopo un viaggio in Africa - ci racconta Michela -, a causa di un batterio particolare sono stata ricoverata a fasi alterne per un anno e mezzo. Ho assunto antibiotici per molto tempo".  Felice di essere guarita, la giovane italiana, è ripiombata nel vortice dello stress e dell'insoddisfazione a causa del suo aspetto fisico, decisamente cambiato durante il decorso della malattia: "Mi guardavo allo specchio e non mi riconoscevo. I miei capelli erano radi e sfibrati, la mia faccia stanca e triste". 

La donna però non si è arresa: "Ho fatto ricerche su internet e ho chiesto aiuto ai miei molti amici all'estero". Ed è a questo punto, circa tre anni fa, che Darian Braun, un imprenditore americano con una carriera di successo nel settore dell'estetica, entra in scena. Dopo aver conosciuto il caso di Michela, che ci ha descritto come "una donna fastastica e piena di vita", Braun decide di usare tutta la sua esperienza per creare una prodotto che possa salvare i capelli della nuova amica e di tutte le donne con una storia simile. Ha studiato, si è documentato, ha viaggiato più volte verso il South Dakota, nelle riserve indiane, per capire i segreti degli indiani d'America, che non hanno problemi di calvizie. Tre anni di lavoro ed esperimenti hanno dato vita ad un balsamo a base di olio di cocco, testato su Michela ed inviato ad alcuni saloni per sentire il parere di esperti. "Nel giro di due mesi, i miei capelli sono tornati ad essere corposi e lucenti. All'inizio quasi non ci credevo", ha commentato la donna.

E la notizia più bella è arrivata quando Darian le ha detto di voler dare il suo nome al prodotto. Il balsamo Mikki More, accettato con successo in circa ottomila saloni americani, dal venti gennaio è in vendita anche per il grande pubblico. Michela che oggi è anche la testimonial del prodotto, ammette  che la sua vita è cambiata molto. Ora la sua immagine è sui cartelloni pubblicitari di Times Square, ma come lei stessa ci ha detto "sento la responsabilità di metterci la mia faccia, per mostrare alle donne che questo prodotto funziona davvero". 

Altri Servizi

Dazi Usa-Cina, Wall Street preoccupata

Entrate in vigore le tariffe reciproche tra Washington e Pechino
iStock

Corte Suprema, sette giudici a colloquio da Trump

Il presidente annuncerà la sua scelta per rimpiazzare Anthony Kennedy lunedì 9 luglio; tra i favoriti, la giudice Amy Coney Barrett

Sette giudici a colloquio da Donald Trump. Lunedì, il presidente degli Stati Uniti ha parlato con quattro candidati al posto alla Corte Suprema lasciato libero da Anthony Kennedy, che giorni fa ha annunciato la sua decisione di farsi da parte; ieri, Trump ha incontrato altri tre candidati, secondo Politico. Trump ha promesso che annuncerà la persona prescelta lunedì 9 luglio.

Wall Street attende le minute della Fed

La Banca centrale, probabilmente, ignorerà le richieste di rallentare il passo dei rialzi dei tassi
iStock

Elon Musk litiga per un unicorno che fa flatulenze

L'incredibile storia della violazione di copyright da parte del guru di Tesla

Elon Musk è stato accusato di aver usato le immagini di un unicorno che fa flatulenze per materiali promozionali e per l'interfaccia video di Tesla senza pagare i diritti o chiedere il permesso all'artista. L'anno scorso Musk aveva twittato la foto di una tazza con il disegno dell'unicorno dipinto dal ceramista del Colorado, Tom Edwards. "Forse la mia tazza preferita di sempre", aveva scritto l'a.d. di Tesla, questo perché l'unicorno con un peto produce corrente elettrica.

La Cina risponde a Trump: al via i dazi sui prodotti Usa

Oggi sono entrati in vigore i dazi reciproci tra Washington e Pechino, che ha deciso di rispondere alle tariffe statunitensi

La guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina è ufficialmente iniziata. Pechino ha annunciato di aver cominciato a imporre tariffe doganali di ritorsione sui beni statunitensi dopo l'entrata in vigore dei dazi per 34 miliardi dollari sulle importazioni cinesi voluti dall'amministrazione Trump. Misure già in vigore ma di cui non sono stati forniti dettagli da Pechino. In ogni caso decisioni che avranno conseguenze sull'economia mondiale, secondo David Qu, economista: "Quello che gli Stati Uniti stano facendo avrà conseguenze di lungo termine sul commercio mondiale. La Cina dovrà considerare come sarà il nuovo modello economico in futuro". All'orizzonte, altri mercati capaci di rimpiazzare quello cinese, non se ne vedono. "Io non vedo nessuna economia che può sostituire la Cina a breve termine per sostituire tutte le mancanze che provocherà questo scenario. Quindi gli Usa dovranno acquistare ancora dalla Cina e dunque i dazi faranno male anche a loro".

Nato, Stoltenberg: è interesse degli Usa mantenere un forte legame con gli alleati

"Abbiamo cominciato a fare" quello che ha chiesto Trump

Il presidente statunitense, Donald Trump, incontrerà gli alleati della Nato la prossima settimana, al vertice di Bruxelles dell'11-12 luglio. Al centro delle discussioni ci sarà senza dubbio la spesa insufficiente dedicata alla difesa della maggior parte dei membri della Nato. Trump, da mesi, chiede agli alleati di rispettare l'impegno a dedicare il 2% del Pil alla difesa e si è recentemente lamentato sia al G7 in Canada, sia nelle lettere che ha inviato a giugno ai capi di Stato e di governo.

Cosa succede negli Stati Uniti questa settimana

Pompeo in Corea del Nord, Independence Day, ma anche i dati sulla disoccupazione e i dazi di Trump sulla Cina

Sarà una settimana breve quella dei mercati americani, visto che Wall Street chiuderà martedì pomeriggio e riaprirà giovedì per festeggiare il giorno dell'indipendenza, il 4 luglio. Nonostante la vacanza ci sono diversi temi economici e politici importanti nei prossimi giorni.

Più carceri per i migranti, più affari per i sostenitori di Trump

Buone notizie per le società che hanno sostenuto il presidente

La decisione del presidente Donald Trump di creare nuovi centri di detenzione per migranti irregolari negli Stati Uniti darà una notevole spinta agli affari degli operatori di carceri private che hanno sostenuto il capo di Stato. A parlarne è il Wall Street Journal. Il valore delle azioni di CoreCivic e Geo Group, che hanno donato 250.000 dollari ciascuno per le celebrazioni in occasione dell'inaugurazione del mandato di Trump, è notevolmente aumentato lo scorso mese, dopo che l'Immigation and Customs Enforcement (Ice) ha annunciato che potrebbe chiedere 15.000 nuovi letti per le famiglie, dopo che Trump ha imposto, con un ordine esecutivo, che i bambini non siano separati dai genitori, in attesa del procedimento penale nei loro confronti. Dall'inizio dell'anno, il valore delle azioni di Geo è cresciuto del 14%, quello dei titoli di CoreCivic del 4,8 per cento.

Migliaia di americani manifestano contro la tolleranza zero sull'immigrazione

Cortei in tutti i 50 Stati americani e nelle principali città. A Washington e New York le più grandi manifestazioni. Trump twitta dal suo golf club: "Fermare l'immigrazione illegale IMMEDIATAMENTE"
AP

Negli Stati Uniti migliaia di persone hanno manifestato contro la 'tolleranza zero' verso i migranti irregolari dell'amministrazione statunitense, che ha provocato la separazione di oltre 2.000 bambini dai loro genitori dopo l'attraversamento del confine con il Messico. La manifestazione "Families Belong Together" chiede al presidente americano, Donald Trump, di riunire subito le famiglie separate.

Trump è vicino al controllo della Corte Suprema

Dopo il ritiro di Anthony Kennedy il piano di Trump sembra stia per realizzarsi, anche se le elezioni di Midterm potrebbero rovinarlo. Il nome dovrebbe essere fatto entro il 9 di luglio

La Casa Bianca avrebbe lavorato per mesi per creare una apertura alla Corte Suprema dando la possibilità a Donald Trump di nominare un nuovo giudice e spostare gli equilibri verso destra. Lo scrive il New York Times che spiega come ci sia una strategia dietro all'addio di Anthony Kennedy, un conservatore che tuttavia negli ultimi anni ha lavorato con i liberal portando ad aperture storiche come il via libera ai matrimonio gay. L'amministrazione Trump infatti voleva avere la possibilità di nominare un nuovo giudice (e di farlo confermare dal Congresso) prima delle elezioni di Midterm di novembre.