Guantanamo ancora attiva dopo 10 anni, mercoledì il compleanno

Obama firmò l’ordine di chiusura nel 2009, ma la prigione resta aperta

Sono passati quasi 10 anni da quando i primi detenuti varcarono le porte di Guantanamo con tute arancioni, capelli rasati, mani legate e testa incappucciata. Dall’11 gennaio 2002 la prigione, allestita all’estremità orientale di Cuba, ha accolto centinaia di "nemici combattenti", soprattutto talebani e sospetti membri di al Qaida prigionieri di guerra. Le amministrazioni americane, prima Bush e poi Obama, hanno parlato spesso di chiudere il campo, finito troppo spesso sotto i riflettori per il modo in cui sono trattati detenuti. Ma la prigione resta aperta e Obama si avvia a concludere il primo mandato senza mantenere la promessa di chiuderla.

L’idea di Guantanamo nacque in seguito agli attacchi dell’11 settembre 2001: gli Stati Uniti avevano dichiarato guerra all’Afghanistan e catturavano centinaia di prigionieri di guerra troppo pericolosi per essere custoditi nelle carceri locali. Dieci anni dopo, la maggior parte dei 779 detenuti transitati dal campo cubano sono stati trasferiti in altri Paesi e liberati. Restano ancora 171 prigionieri provenienti da Yemen, Afghanistan, Algeria e Arabia Saudita. Ma la sicurezza resta l’obiettivo primario degli americani e, visto che alcuni degli ex di Guantanamo sono poi ricomparsi con ruoli chiave nel terrorismo mondiale, i battenti del carcere restano aperti.

Il campo di Guantanamo, nel corso degli anni, è stato oggetto di molte polemiche: dalle accuse di tortura sui detenuti all’ambiguità del loro status giuridico, non definito chiaramente. Il trattamento dei prigionieri di guerra, negli ultimi anni, è migliorato leggermente. Hanno accesso a giornali e televisione e, mentre prima era vietato, ora possono anche fare alcune telefonate. Questi piccoli passi avanti non sono serviti a placare le organizzazioni a tutela dei diritti civili, che spingono per la chiusura del campo. "Guantanamo rappresenta 10 anni di mancato rispetto dei diritti umani da parte degli Stati Uniti", ha detto Rob Freer di Amnesty International.

Le pressioni di organizzazioni ed esponenti politici di tutto il mondo hanno portato il presidente americano Barack Obama il 21 gennaio 2009, agli albori del suo mandato, a firmare l'ordine di chiusura del carcere (ma non della base militare), che sarebbe dovuto essere smantellato entro l'anno. Ma il carcere resta attivo e dimostra come l’America, quando si tratta di sicurezza, non scende a compromessi.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta a trimestrali e tensioni commerciali

Tra le grandi banche, oggi è il turno di Bank of America
AP

C'è anche Bill Gates tra gli amici di Jeffrey Epstein

Il miliardario fondatore di Microsoft ha sempre minimizzato il rapporto, il New York Times svela delle mail che rivelano un’amicizia non così superficiale

Jeffrey Epstein, il milionario arrestato per abusi e traffico sessuale di minorenni poi morto suicida in prigione, è riuscito ad attirare nella sua orbita una serie sorprendente di uomini ricchi, potenti e famosi. C'erano miliardari del calibro di Leslie Wexner e Leon Black, politici come Bill Clinton e Bill Richardson, addirittura premi Nobel quali Murray Gell-Mann e Frank Wilczek fino ad arrivare ai reali come il principe Andrea.

Usa 2020, modelli Moody's: Trump vincerà facilmente, con economia stabile

Elaborati tre modelli: il presidente risulta sempre vittorioso. Previsioni sempre corrette dal 1980, tranne nel 2016
Ap

La maggior parte dei sondaggi indica che il presidente statunitense, Donald Trump, perderebbe alle prossime elezioni contro diversi candidati democratici; Trump, però, ha ricevuto notizie incoraggianti, questa settimana, dai modelli economici di Moody's. I tre modelli sviluppati da Moody's Analytics, basati su mercato azionario, disoccupazione e portafogli (dei cittadini), sono giunti alla stessa conclusione: Trump vincerà facilmente le elezioni del 2020, se le condizioni dell'economia rimarranno relativamente stabili. 

Quarto dibattito Dem: insidie per Biden, Warren da favorita

Primo confronto dal lancio delle indagini per l'impeachment di Trump e dal malore di Sanders

Dodici candidati democratici prenderanno parte, martedì 15 ottobre, al quarto dibattito verso le primarie per le presidenziali statunitensi. A Westerville, in Ohio, andrà in scena il primo confronto da quando i democratici alla Camera hanno lanciato le indagini per l'impeachment del presidente Donald Trump, dalle accuse di corruzione contro l'ex vicepresidente Joe Biden da parte della Casa Bianca (senza prove), dall'operazione subita dal senatore Bernie Sanders e dal sorpasso in testa ai sondaggi della senatrice Elizabeth Warren.

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Un accordo ‘sostanziale’, ma che in realtà e’ soltanto parziale. E’ quanto annunciato dal presidente Donald Trump al termine di due giorni di negoziati con la delegazione cinese capeggiata dal vicepremier Liu He. L’intesa e’ stata comunque ben accolta dai mercati in quanto e’ riuscita ad evitare lo scattare di un incremento dei dazi in programma in prossimo 15 ottobre. Ma e’ lontana dal poter essere considerata una soluzione permanente alla guerra commerciale in corso da oltre 15 mesi tra le due economie piu’ importanti del mondo.

Ucrainagate, l’ambasciatore americano nell'Ue parlerà al Congresso: "Ho avuto rassicurazioni da Trump"

Secondo il Washington Post Gordon Sondland dichiarerà che il Tycoon lo rassicurò sul fatto che non c’erano legami tra gli aiuti a Kiev e la richiesta di indagare Biden
AP

Negli Stati Uniti continua a tenere banco l’Ucrainagate. L'ambasciatore americano nell’Unione Europea, Gordon Sondland, dopo un primo divieto da parte di Donald Trump, parlerà al Congresso e dirà che il presidente americano gli assicurò personalmente in una telefonata che non c'era nessun "quid pro quo" fra gli aiuti all'Ucraina e la richiesta di aprire un'indagine su Joe Biden.

Hunter Biden lascerà il board di un fondo di investimento cinese

Il figlio del candidato democratico si dimetterà da BHR e non lavorerà per nessuna società straniera in caso di elezione del padre alla Casa Bianca
Ap

Hunter Biden, il figlio dell’ex vicepresidente americano e candidato alle primarie democratiche Joe Biden, lascerà il suo posto nel Consiglio di Amministrazione di BHR, fondo di investimento cinese. Lo ha dichiarato il suo avvocato, George Mesires, in una nota nella quale ha specificato che Biden Junior non farà parte di alcun board di società straniere, né continuerà a lavorare per loro, qualora il padre dovesse vincere le presidenziali.

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP

Gli Stati Uniti invieranno nuove truppe in Arabia Saudita nonostante i proclami del presidente americano Donald Trump che vorrebbe un minore coinvolgimento militare statunitense in Medio Oriente.