Hacker attacca Netflix, rubata e messa in reta la quinta serie di Orange is The New Black

Prima il furto, poi il ricatto e, in ultimo, la pubblicazione. The Dark Overlord, questo il nome dell’hacker, avrebbe messo a disposizione sul sito Pirate Bay i primi 10 episodi

Un hacker, che usa lo pseudonimo di The Dark Overlord (il Signore Oscuro) ha rubato l'intera nuova stagione della serie Tv "Orange is the New Black". Dopo aver provato a ricattare Netflix, colosso della tv online che produce la serie, chiedendo un riscatto, ha deciso di pubblicare sul sito di file-sharing illegale, Pirate Bay, 10 dei 13 episodi della quinta stagione.

In un primo momento l’azienda americana aveva fatto sapere di essere a conoscenza della situazione specificando che "un distributore usato da molti grandi studi Tv ha subito un problema di sicurezza e le autorità competenti se ne stanno occupando". Nello specifico, come riporta il New York Times, Netflix, che ha di recente superato i 100 milioni di utenti, e che punta a un'espansione globale, ha confermato l'autenticità dei file spiegando come l'hacker sia entrato in possesso degli episodi, infiltrandosi nei server di una società di post-produzione che collabora sia con l’azienda californiana sia con altre società. Una volta messi online gli episodi l'azienda ha evitato ogni commento.

Stando a quanto riportato da altri media americani sembra che l’hacker (o gli hacker visto che non è possibile stabilire se si tratti di uno solo o di un gruppo organizzato) abbia rubato anche altre serie tv trasmesse su altri canali statunitensi. Per il momento queste non sono state diffuse né si hanno notizie di tentati ricatti ad altri network televisivi. Va però detto che l’account Twitter dell’hacker riporta un messaggio che conferma l’ipotesi di altri furti con minacce dirette ad altri canali televisivi: "Chi è il prossimo della lista? Fox, Ifc, Nat Geo o ABC? Oh, quanto ci divertiremo. Non stiamo più giocando", si legge sull’account di The Dark Overlord.

Orange is the new black, è una delle più apprezzate serie tv Netflix, ambientata in un carcere femminile e considerata da molti un fiore all’occhiello del colosso americano. La situazione attuale rischia, ovviamente, di creare non pochi problemi all’azienda dato che la pubblicazione della quinta stagione era prevista il prossimo 9 giugno mentre ora i piani rischiano di cambiare. Secondo alcuni commentatori americani sembra infatti che Netflix stia pensando di mettere online gli episodi in tempi relativamente brevi così da sminuire la portata del danno subito. 

Altri Servizi

Trump parla ai Paesi musulmani: uniamoci contro l'estremismo islamico

Il presidente americano dall'Arabia saudita pronuncia un discorso di speranza e di collaborazione tra gli Stati Uniti e il mondo islamico. Ma chiede maggiore azione per combattere l'estremismo e attacca l'Iran
AP

Donald Trump parla con grande lentezza, scandisce ogni singola parola. E inizia il suo discorso in Arabia Saudita ringraziando il padre di re Salman, Aziz, visto che grazie a lui è iniziato il rapporto di alleanza tra Washington e Riyadh. "Il nostro scopo è quello di creare una coalizione di nazioni che condividono l'obiettivo di fermare l'estremismo e di offrire ai nostri figli un futuro di speranza che faccia onore a Dio ... Ogni volta che un terrorista uccide una persona innocente e invoca il falso nome di Dio, dovrebbe essere un insulto a ogni persona di fede ", ha detto il presidente americano, parlando ai leader dei Paesi a maggioranza musulmana. 

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

Wall Street, attenzione rivolta al primo viaggio all'estero di Trump

Il presidente degli Stati Uniti è arrivato in Israele, dopo la tappa in Arabia Saudita
AP

Le pmi toscane fanno sistema nel Consorzio Vasari per conquistare gli Usa

Una strategia a lungo termine che ha debuttato con la fiera Florence in New York

Far conoscere le piccole e medie aziende della Toscana sul mercato statunitense, dove da sole potrebbero non avere i mezzi per farsi strada. E' questo l'obiettivo di Consorzio Vasari, nato proprio per sostenere l'internazionalizzazione delle pmi locali che dalla loro hanno la sapienza e l'esperienza nella creazione di prodotti di qualità che vogliono portare Oltreoceano. Sostenuto dal bando "Porfesr 2014-2020" della Regione, il consorzio ha fatto il suo debutto con Florence in New York, una fiera di tre giorni che si è conclusa a Manhattan e che di questo viaggio rappresenta soltanto l'inizio.

Il prossimo movimento populista? Per Bank of America può essere “Occupy Silicon Valley”

La banca traccia un parallelo con il movimento che nel 2011 voleva ‘occupare’ Wall Street: cresce il divario tra gli americani che si sentono economicamente indietro e la corsa dei giganti tech
iStock

Il viaggio di Trump in Israele: pace in Medio Oriente e lotta all'Iran

Continua la prima trasferta del presidente americano, che domani vedrà il presidente della Palestina, Mahmoud Abbas. Più volte attacca Teheran, che definisce una minaccia alla stabilità della regione
AP

Trump: "La pace in Medio Oriente è tra gli accordi più duri, ma sento che ci arriveremo"

Il presidente Usa in Israele, seconda tappa del suo primo tour all'estero. Prosegue il suo sforzo per isolare l'Iran

La guida di Ford passa a Jim Hackett, un esperto di turnaround

Prende il posto di Mark Fields, che esce dal gruppo dopo 28 anni. Dal marzo 2016 si occupava della divisione centrata sulla guida autonoma. Ha rilanciato il produttore di mobili per uffici Steelcase e un team universitario di football
Jim Hackett Ford Motor

Trump al Muro del Pianto, il presidente Usa cerca l'unità tra le religioni

È la prima visita di un presidente Usa in carica. Una visita privata, senza il premier Netanyahu, per evitare polemiche e non complicare la strada verso un nuovo negoziato di pace
AP

Trump a Gerusalemme. Il presidente Usa vuole risolvere il conflitto tra israeliani e palestinesi e accusa l'Iran

Lasciata l'Arabia Saudita, il capo di Stato prosegue il suo tour tra Medio Oriente ed Europa. "Legame con Israele indistruttibile. Abbiamo l'opportunità di portare stabilità, sicurezza e pace in questa regione e di sconfiggere il terrorismo"