Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha detto che Washington spera di poter restare nell'accordo nucleare con l'Iran, ma che per farlo serve che il Congresso lo modifichi. "Penso che ci vedrete restare nell'accordo [...] Quello che speriamo è di poter migliorare la situazione" ha detto in un'intervista alla Nbc. "Questo è l'obiettivo. Ora siamo nell'accordo e vediamo come possiamo migliorarlo. Questo è l'obiettivo. Non quello di uscire dall'accordo. Stiamo solo cercando di rendere migliore la situazione in modo che gli americani si sentano più al sicuro".

La decisione di Trump - Venerdì, il presidente Donald Trump ha annunciato la volontà di non certificare il rispetto, da parte dell'Iran, dell'accordo sul nucleare firmato nel 2015 da Barack Obama, dalle autorità di Teheran e dagli altri membri del cosiddetto 5+1, ovvero Regno Unito, Francia, Russia, Cina e Germania. Una scelta, quella di Trump, che darà al Congresso la responsabilità di decidere se imporre nuovamente le sanzioni rimosse, cosa che potrebbe mettere fine all'intesa. Per ora, ha avvertito Trump, gli Stati Uniti non usciranno dall'intesa, ma se il Congresso non dovesse riuscire a fornire nuovi elementi in grado di tranquillizzare il presidente, allora "metterò fine all'accordo, posso farlo, è nei miei poteri". Secondo la legge, dopo la bocciatura del presidente, il Congresso ha 60 giorni per decidere se imporre di nuovo le sanzioni abrogate con l'accordo. Se in questi due mesi non si "raggiungerà una soluzione", anche collaborando con gli alleati, "allora questo accordo sarà interrotto".

L'incontro - Haley è sempre stata fortemente contraria all'intesa e, secondo Politico, sarebbe stata lei a fornire a Trump gli elementi su cui basare la sua decisione di non certificare il rispetto dell'accordo da parte di Teheran, in un incontro a luglio. Pochi giorni prima, Trump aveva certificato il rispetto, da parte dell'Iran, dell'intesa firmata da Obama, che personalmente considera la peggiore mai firmata dagli Stati Uniti, su pressioni del segretario di Stato, Rex Tillerson, e del segretario alla Difesa, James Mattis.

Da quel giorno, Haley è diventata la principale portavoce del malcontento di Washington per l'accordo, cementando la sua posizione al fianco di Trump, in un momento in cui veniva anche considerata, dai media, come possibile sostituta di Tillerson al dipartimento di Stato, visti i rapporti burrascosi tra l'ex manager e il presidente, sempre secondo la stampa.

"Quello che stiamo cercando di dire è: 'Guarda, l'accordo era un incentivo. L'accordo era per farti smettere di fare certe cose'" ha aggiunto Haley alla Nbc. "'Ma non avete smesso di fare certe cose'. Quindi cosa facciamo per fare in modo che l'Iran sia tenuto a rispondere maggiormente di quello che fa?". Il presidente Trump "lavorerà con il Congresso molto da vicino per cercare di trovare qualcosa di più proporzionato". Haley ha poi citato la Corea del Nord come esempio di una situazione che vogliono evitare con l'Iran.

Altri Servizi

La Ue gioca d'anticipo sugli Usa, le aziende potranno fare business con l'Iran

Mogherini da New York: verrà creato un 'veicolo speciale' per continuare ad avere a che fare con una nazione che Trump si prepara a punire con nuove sanzioni. Obiettivo: salvare lo storico accordo sul nucleare da cui l'America si è ritirata

L'Unione europea ha preso ulteriormente le distanze da Donald Trump, che lo scorso maggio aveva annunciato il ritiro "unilaterale" degli Stati Uniti dallo storico accordo sul nucleare italiano siglato nell'estate 2015 e che il novembre prossimo imporrà un secondo round di sanzioni contro il settore energetico di Teheran.

Da sinista, l'administrator di UNDP, Achim Steiner, e l'a.d. di Eni, Claudio Descalzi

Eni e il Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo (UNDP) coopereranno per migliorare l'accessibilità a un'energia sostenibile in Africa e per contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. La partnership è la prima di questo genere tra lo UNDP e una compagnia energetica globale.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap