Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha detto che Washington spera di poter restare nell'accordo nucleare con l'Iran, ma che per farlo serve che il Congresso lo modifichi. "Penso che ci vedrete restare nell'accordo [...] Quello che speriamo è di poter migliorare la situazione" ha detto in un'intervista alla Nbc. "Questo è l'obiettivo. Ora siamo nell'accordo e vediamo come possiamo migliorarlo. Questo è l'obiettivo. Non quello di uscire dall'accordo. Stiamo solo cercando di rendere migliore la situazione in modo che gli americani si sentano più al sicuro".

La decisione di Trump - Venerdì, il presidente Donald Trump ha annunciato la volontà di non certificare il rispetto, da parte dell'Iran, dell'accordo sul nucleare firmato nel 2015 da Barack Obama, dalle autorità di Teheran e dagli altri membri del cosiddetto 5+1, ovvero Regno Unito, Francia, Russia, Cina e Germania. Una scelta, quella di Trump, che darà al Congresso la responsabilità di decidere se imporre nuovamente le sanzioni rimosse, cosa che potrebbe mettere fine all'intesa. Per ora, ha avvertito Trump, gli Stati Uniti non usciranno dall'intesa, ma se il Congresso non dovesse riuscire a fornire nuovi elementi in grado di tranquillizzare il presidente, allora "metterò fine all'accordo, posso farlo, è nei miei poteri". Secondo la legge, dopo la bocciatura del presidente, il Congresso ha 60 giorni per decidere se imporre di nuovo le sanzioni abrogate con l'accordo. Se in questi due mesi non si "raggiungerà una soluzione", anche collaborando con gli alleati, "allora questo accordo sarà interrotto".

L'incontro - Haley è sempre stata fortemente contraria all'intesa e, secondo Politico, sarebbe stata lei a fornire a Trump gli elementi su cui basare la sua decisione di non certificare il rispetto dell'accordo da parte di Teheran, in un incontro a luglio. Pochi giorni prima, Trump aveva certificato il rispetto, da parte dell'Iran, dell'intesa firmata da Obama, che personalmente considera la peggiore mai firmata dagli Stati Uniti, su pressioni del segretario di Stato, Rex Tillerson, e del segretario alla Difesa, James Mattis.

Da quel giorno, Haley è diventata la principale portavoce del malcontento di Washington per l'accordo, cementando la sua posizione al fianco di Trump, in un momento in cui veniva anche considerata, dai media, come possibile sostituta di Tillerson al dipartimento di Stato, visti i rapporti burrascosi tra l'ex manager e il presidente, sempre secondo la stampa.

"Quello che stiamo cercando di dire è: 'Guarda, l'accordo era un incentivo. L'accordo era per farti smettere di fare certe cose'" ha aggiunto Haley alla Nbc. "'Ma non avete smesso di fare certe cose'. Quindi cosa facciamo per fare in modo che l'Iran sia tenuto a rispondere maggiormente di quello che fa?". Il presidente Trump "lavorerà con il Congresso molto da vicino per cercare di trovare qualcosa di più proporzionato". Haley ha poi citato la Corea del Nord come esempio di una situazione che vogliono evitare con l'Iran.

Altri Servizi

Fed: le banche Usa superano il primo round di stress test

35 istituti di credito subirebbero perdite per 578 miliardi di dollari nello scenario più avverso in cui l'azionario crollerebbe del 65%, il tasso di disoccupazione balzerebbe al 10% e i prezzi delle case scenderebbero del 30%

Le 35 principali banche americane a cui fa capo l'80% degli asset di tutti gli istituti di credito attivi in Usa hanno superato il primo round degli stress test che la Federal Reserve conduce ogni anno.

Camera Usa, mancano i voti per approvare la legge sull'immigrazione. Pelosi: "È un compromesso con il diavolo"

Lo ha detto la deputata repubblicana McMorris Rodgers: "Ma stiamo lavorando per riuscirci"
iStock

La proposta di legge 'moderata' del partito repubblicano alla Camera è un accordo "con il diavolo". Lo ha detto la leader della minoranza democratica, Nancy Pelosi, che ha accusato gli avversari politici di promuovere la crudeltà nei confronti dei bambini al confine.

Wsj, Trump a Macron al G7: "Tutti i terroristi sono a Parigi"

Il giornale newyorchese svela alcuni dietro le quinte del vertice canadese in cui il presidente americano avrebbe criticato l’operato dei suoi colleghi su diversi temi
©AP

"Caro Emmanuel, dovresti conoscere bene l’argomento (terrorismo ndr) dal momento che tutti i terroristi sono a Parigi". Donald Trump si sarebbe rivolto con queste parole, parlando della sfida dell’occidente al terrorismo, al suo omologo francese, Macron, durante il G7 canadese tenutosi a La Malbaie l’8 e il 9 giugno scorsi. A ricostruire il dietro le quinte è un articolo del Wall Street Journal che cita fonti diplomatiche europee.

Wall Street, pesano ancora le tensioni commerciali

Il Dow Jones chiude l'ottava seduta in perdita
iStock

Wall Street, permangono i timori sui rapporti commerciali tra gli Usa e la Cina

Il Dow Jones ha chiuso in negativo le ultime quattro sedute
iStock

New Jersey, sparatoria dopo una lite: 1 morto e 20 feriti

L'episodio è avvenuto al Festival di Trenton. La polizia ha ucciso uno dei due assalitori mentre l’altro è stato arrestato
©AP

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta è accaduto a Trenton, in New Jersey, durante l’Art all Night festival, una manifestazione culturale locale, iniziata ieri e in procinto di finire oggi, in cui ci sono mostre d’arte e concerti.

Russiagate, Trump contro le indagini: "Il periodo più buio e pericoloso nella storia americana"

Il presidente ancora contro l'ex direttore dell'Fbi, dopo il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia sul caso Clinton

Il rapporto dell'ispettore generale del dipartimento di Giustizia statunitense sul 'caso e-mail' di Hillary Clinton "distrugge totalmente" l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. A ribadirlo, su Twitter, è stato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui questo periodo sarà ricordato come "il più buio e pericoloso nella storia americana!".

Usa: fare shopping online costerà di più. Ecco perché

La Corte Suprema dà ragione al South Dakota: gli Stati possono richiedere ai gruppi retail che non hanno una presenza fisica sul loro territorio di riscuotere e pagare la cosiddetta Sales Tax

Intel: il Ceo Krzanich lascia, ha avuto relazione consensuale con dipendente

Era a.d. dal maggio 2013 e ha trasformato il gruppo in cui entrò nel 1982. Si cerca un successore. Atteso un secondo trimestre record