Haley si dimette da ambasciatrice Usa all'Onu. Mire politiche o l'ombra di un'indagine?

Il presidente Donald Trump l'ha definita "fantastica". Lei, per ora, esclude di puntare alla Casa Bianca. Un'organizzazione, poi, ha chiesto un'inchiesta su alcuni suoi viaggi aerei
Ap

Nikki Haley si è dimessa da ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite. La notizia, data in anteprima dal sito Axios, è stata confermata poco dopo dalla diretta interessata e dal presidente Donald Trump, che hanno parlato dallo Studio Ovale della Casa Bianca con i giornalisti.

Trump ha dichiarato che Haley lascerà il suo incarico alla fine dell'anno, spiegando che l'ex governatrice della South Carolina ha bisogno di "prendere una pausa". Trump ha poi detto che Haley, definita "fantastica", lo aveva avvertito sei mesi fa di voler lasciare dopo due anni.

Nikki Haley ha detto che è stato un "onore" servire come ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite e ha dichiarato, spiegando le sue dimissioni, di non avere intenzione di candidarsi per le elezioni presidenziali del 2020, per le quali sosterrà la rielezione del presidente Trump. Il presidente ha detto di augurarsi che Haley possa tornare a lavorare nell'amministrazione in un ruolo differente.

Haley, che alle primarie repubblicane aveva dato il suo appoggio a due rivali di Trump, ovvero i senatori Marco Rubio e Ted Cruz, si è poi dimostrata allineata al presidente su molte questioni, una volta entrata a far parte dell'amministrazione, anche se non ha mancato di criticarlo; era ormai tra le voci più moderate rimaste nel gabinetto di Trump. In passato, si era parlato di lei anche come sostituta di Rex Tillerson al dipartimento di Stato, dove invece è poi finito Mike Pompeo, che ha 'oscurato' la figura di Haley in politica estera. Trump ha detto che discuterà del successore di Haley con la stessa ambasciatrice e altri funzionari e che prenderà una decisione in 2-3 settimane, o forse prima.

Haley, 46 anni, è diventata la prima governatrice della South Carolina nel 2011, venendo rieletta nel 2014 con un ampio margine di vantaggio sull'avversario. Secondo un recente sondaggio di Quinnipiac, non solo è popolare tra gli elettori repubblicani, ma anche tra quelli democratici (il 55% approva il suo operato)

L'ombra di un'indagine

Le dimissioni di Nikki Haley da ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite sono state appena annunciate, ma la stampa nazionale si interroga già sui motivi e sul futuro politico dell'ex governatrice della South Carolina. La diretta interessata ha smentito un interesse per la candidatura alla Casa Bianca, almeno per il 2020, quando sosterrà la rielezione del presidente Donald Trump, mentre alcuni media hanno sollevato motivi di diversa natura: si sarebbe dimessa per evitare un'indagine sui suoi viaggi aerei pagati da manager della South Carolina. Ieri, l'organizzazione Citizens for Responsibility and Ethics di Washington ha chiesto un'indagine federale su Haley, che avrebbe sottostimato di decine di migliaia di dollari, nella sua dichiarazione finanziaria, il valore dei viaggi effettuati.

Lo scorso anno, Haley e suo marito Michael hanno accettato quattro viaggi aerei su un aereo privato di proprietà di Jimmy Gibbs, presidente e amministratore delegato di Gibbs International. L'ambasciatrice ha valutato i viaggi 1.754 dollari, un costo calcolato sul prezzo dei voli commerciali, ma il costo per viaggi su aerei privati si avvicinerebbe a 24.000 dollari. Inoltre, l'ex governatrice ha accettato dei voli privati da Smyth McKissick, a capo di Alice Manufacturing, e da Mikee Johnson, presidente e amministratore delegato di Cox Industries, vecchio amico di Haley; viaggi costati, secondo l'ambasciatrice, 704 e 761 dollari: troppo pochi, secondo l'osservatorio. Haley si è giustificata dicendo che si è trattato, in tutti i casi, di favori di amici personali e che quindi non avrebbe violato le regole federali, che impongono di non accettare in regalo dei viaggi su aerei privati.

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Russiagate, Cohen e Manafort rischiano il carcere. Trump: "Io scagionato"

L’ex avvocato del tycoon rischia 4 anni, mentre l’ex responsabile della campagna fino a 10

È stato Donald Trump a ordinare a Micheal Cohen, durante la campagna elettorale, i pagamenti illeciti alla pornostar Stormy Daniels e alla modella di Playboy Karen McDougal per scongiurare un possibile scandalo sessuale che avrebbe minacciato la sua corsa alla Casa Bianca. A sostenerlo sono i procuratori federali che hanno interrogato l’ex avvocato personale del tycoon. Cohen "ha agito in coordinamento e sotto la direzione" di un individuo che nelle carte non viene nominato ma che è chiaramente Trump, hanno dichiarato i procuratori che possono infliggere all'ex avvocato personale del presidente una pena fino a quattro anni di carcere.