Harvard: ingegneria genetica fa un passo verso i trapianti maiale-uomo

Un gruppo di ricerca dell'università americana riesce in un'impresa che veniva tentata dal 1990

Harvard ha compiuto un'impresa che potrebbe aprire la strada dei trapianti tra animali ed esseri umani. Grazie alla tecnologia Crispr, il sistema di ingegneria genetica che consente di modificare il genoma di un qualsiasi essere vivente, i ricercatori della prestigiosa università americana hanno creato dei maialini (clonati) privi di quei virus porcini che potrebbero infettare gli umani.

A dare la notizia è stato Science. La ricerca, che combina due conquiste scientifiche in una (i maiali, oltreché privi di virus, sono appunto clonati), sta andando avanti "velocemente", anche se per ora i risultati a lungo termine sono imprevedibili: potrebbero volerci anni prima che questa pratica si diffonda. Ma secondo il dottor George Church del gruppo di ricerca di Harvard, i primi trapianti inter-specie potrebbero avvenire entro due anni.

Se questo primo passo si rivelasse un successo, un giorno potrebbe essere possibile "trapiantare su larga scala fegato, cuore e altri organi dai maiali agli umani, una speranza che i ricercatori non avevano mai abbandonato", scrive il New York Times.

E' dal 1990, infatti, che si tentava di trovare un modo per utilizzare i maiali come "fabbriche di organi", scrive il NYTimes: questo perché gli organi porcini sono i più compatibili con il corpo umano (già adesso valvole cardiache di maiali vengono impiantate in cuori umani, per esempio). Nel 1998, però, si era scoperto che nel dna porcino ci sono geni di virus simili a quelli che causano la leucemia nelle scimmie, e che potrebbero essere trasmessi agli umani. Questo aveva messo uno stop alle ricerche.

I risultati ottenuti adesso, perciò, sono in qualche modo rivoluzionari.

Lo scorso anno negli Usa sono stati effettuati 33.600 trapianti. La scarsità di organi umani immediatamente disponibili crea lunghe liste d'attesa (al momento le persone in attesa di trapianto negli Stati Uniti sono 116.800), e ogni giorno, per questo motivo, muoiono in media 22 cittadini americani.

Molti (soprattutto alcuni gruppi religiosi) potrebbero non vedere di buon occhio il trapianto da animale a uomo, e altrettante potrebbero essere le questioni a livello etico. I maiali usati a questo scopo, fanno però notare i ricercatori, sarebbero un numero decisamente inferiore ai 100 milioni che ogni anno vengono macellati negli Stati Uniti.

 

Altri Servizi

La Fed annuncia storica riduzione del bilancio, rialzo tassi rimandato

La normalizzazione inizierà a ottobre. Terza stretta prevista forse a dicembre nonostante i danni provocati dagli uragani
AP

Come atteso dal mercato, la Federal Reserve ha deciso di lasciare invariati i tassi di interesse in un intervallo tra 1 e 1,25%, dove erano stati portati lo scorso giugno. E ha annunciato che a ottobre inizierà a ridurre il suo bilancio lievitato a 4.500 miliardi di dollari, dai 900 miliardi del 2008, sulla scia degli acquisti di Treasury e bond ipotecari varati in risposta alla crisi.

Gentiloni guarda al futuro. La ripresa c'è, ma attenzione ai populismi

Il presidente del Consiglio a New York per l'apertura dell'assemblea generale dell'Onu. All'Europa chiede politiche comuni per i migranti e alla chiusura di Trump risponde con il multilateralismo. Oggi il suo intervento

In un periodo di divisioni e populismi, Paolo Gentiloni racconta di un'Italia che nonostante le difficoltà continua a crescere e proprio in questo momento non deve perdere la forza delle riforme. Il presidente del consiglio si trova a New York per l'apertura della settantaduesima assemblea generale delle Nazioni Unite: l'assemblea di Trump, della riforma dell'Onu, della Corea del Nord e dei cambiamenti climatici. "Viviamo in un periodo di difficile transizione. L'instabilità geopolitica è ancora presente, allo stesso tempo il dinamismo economico e, in Europa, un rinnovato sentimento di fiducia per il nostro cammino comune, sta alimentando le speranze di un periodo migliore", ha detto Gentiloni, iniziando il suo viaggio negli Stati Uniti dalla Casa Italiana Zerilli-Marimò della New York University, dove ieri sera ha dialogato con studenti, professori dell'università e con la comunità italiana della metropoli americana.

Clinton spiana la strada a Bloomberg e conia termine per il populismo di destra

E' "tribalismo separatista". Il 42esimo presidente americano promuove un'agenda inclusiva durante un evento che ha preso il posto della sua Clinton Global Initiative
Bloomberg

Bill Clinton ha coniato un nuovo termine per fare riferimento al populismo di destra: "tribalismo separatista". Per due volte il 42esimo presidente americano ha usato questa espressione nel suo discorso con cui è iniziato il Bloomberg Global Business Forum, un evento in cui sembra avere passato il testimone a Michael Bloomberg, il tre volte ex sindaco di New York che nel 2016 aveva accarezzato l'idea di una candidatura alle elezioni presidenziali preferendo poi non ostacolare la corsa (finita male) della candidata democratica Hillary Clinton e che magari sta preparando la sua discesa in campo nel 2020.

Harvard ritira la fellowship a Manning dopo le critiche della Cia

L'università si è scusata per non aver capito le implicazioni della sua decisione
Vogue

Dopo le critiche ricevute, Harvard ha deciso di revocare la 'fellowship' assegnata a Chelsea Manning, l'ex analista militare che trasmise a Wikileaks una serie di documenti riservati statunitensi.

Trump tende la mano all'Onu e fa pressing per meno burocrazia

Alfano: "grande passo avanti". Nel 2019 Italia settimo contributore al bilancio del Palazzo di vetro
AP

Per una volta Donald Trump è sembrato presidenziale, almeno più del solito. Al suo debutto alle Nazioni Unite, il presidente americano è apparso posato nel ribadire che l'Onu deve cambiare per meglio occuparsi delle persone che ne hanno bisogno e per abbandonare la burocrazia. Su questo c'è stata sintonia con il segretario generale del Palazzo di vetro, Antonio Guterres: "Più risultati, meno burocrazia", ha detto l'ex premier portoghese. "Più attenzione alle persone, meno burocrazia", aveva detto poco prima il leader americano, con alla sua sinistra l'ambasciatrice Usa all'Onu Nikki Haley.

Gentiloni: costruire una società aperta, no a barriere e muri

Il presidente del consiglio all'assemblea generale Onu parla di cooperazione e dell'esperienza dell'Europa. E poi di Libia, Siria, terrorismo, clima e del fatto che solo uniti si possono affrontare le sfide. Ma su Trump non va all'attacco diretto

Il messaggio che Paolo Gentiloni vuole mandare alla comunità internazionale e agli alleati dell'Italia, Stati Uniti compresi, è molto chiaro. Stiamo affrontando un periodo molto difficile, ma la risposta alle sfide - dalle migrazioni al terrorismo fino ai cambiamenti climatici - è una: lavorare insieme e cercare di costruire ponti anziché muri o barriere. "Prevenzione non significa costruire barriere. Significa, piuttosto, realizzare lo sviluppo inclusivo e sostenibile". Nel corso del suo discorso all'assemblea generale dell'Onu, il presidente del consiglio ha ribadito, ancora una volta, "l'importanza del multilateralismo" e ha avvertito sui rischi dei populismi.

Franca Sozzani continua a ispirare l'impegno sociale

Lanciato un premio in onore della direttrice di Vogue Italia scomparsa nel dicembre 2016. Naomi Campbell, Iman, Beatrice Borromeo e Afef Jnifen, a New York per ricordarla nella settimana Onu unendo moda e solidarietà

Impegno sociale e bellezza. Nella settimana che vede i leader mondiali riuniti nel Palazzo di vetro per l'Assemblea Generale, al Pierre Hotel di Manhattan si è svolto il settimo First Ladies Luncheon di Fashion4Development, l'organizzazione fondata da Evie Angelou in seno all'Onu per promuovere e sostenere progetti legati alla moda nei Paesi in via di sviluppo.

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Dopo averci raccontato Saturno e le sue lune per 13 anni, facendoci scoprire che Encelado potrebbe sostenere la vita, Cassini ha finito il suo viaggio. Oggi alle 12.30, ora italiana, la sonda si è schiantata sul pianeta entrando nell'atmosfera a una velocità di 120.000 chilometri all'ora. L'intero processo è durato pochi minuti: Cassini ha preso fuoco dopo essere entrato in contatto con l'atmosfera di Saturno e poi è sparito all'interno delle nubi presenti sul pianeta. L'ultimo segnale è arrivato in una stazione australiana alle 13.55, sempre facendo riferimento all'ora italiana, visto che le comunicazioni hanno un ritardo di un'ora e mezza, data la distanza di almeno 1,3 miliardi di chilometri.

Wall Street non teme la normalizzazione della Fed

Chiusura record per Dow e S&P 500
AP