Harvard vince in tribunale contro conservatori sostenuti da Trump

La battaglia è sulla discriminazione nel processo di ammissione. I repubblicani sono contro l'affirmative action, che prevede di prendere in considerazione la razza per promuovere la diversità
iStock

L'università di Harvard non ha discriminato gli studenti asioamericani. Lo ha stabilito un giudice federale, con una sentenza che probabilmente non chiuderà il caso, destinato a passare per la Corte d'Appello e a finire davanti alla Corte Suprema. Sconfitta, per ora, una nonprofit conservatrice sostenuta dall'amministrazione Trump.

Nella sentenza di 130 pagine, la giudice distrettuale Allison Burroughs ha scritto che il processo di ammissione alla Harvard University non è "perfetto" e potrebbe essere migliorato, ma non discrimina intenzionalmente gli asioamericani. Il processo di ammissione è in linea con i precedenti della Corte Suprema - che da quattro decenni sostiene che alle università debba essere consentito di considerare la razza nel processo di ammissione - e non viola la legge federale sui diritti civili, ha sentenziato la giudice. La sentenza è arrivata a circa un anno dalla tre settimane di testimonianze in aula. 

La causa era stata presentata nel 2014 dalla nonprofit Students for Fair Admissions, guidata dall'attivista conservatore Edward Blum; secondo la nonprofit, gli studenti asioamericani hanno il punteggio più alto per quanto riguarda il curriculum accademico ed extrascolastico, ma il più basso nel 'personal rating', che include una valutazione della personalità dello studente. Il governo statunitense si era esposto a sostegno della nonprofit nel giudizio consegnato in tribunale, con gli avvocati del dipartimento di Giustizia che avevano sostenuto che il 'personal rating' riflette i pregiudizi razziali contro gli asioamericani.

La battaglia apparentemente potrebbe sembrare contro le discriminazioni razziali; in realtà, è contro il 'racial balancing', simile alle quote, per favorire la diversità culturale s sociale nelle università attraverso l'affirmative action, ovvero la discriminazione positiva, che avrebbe portato Harvard a limitare il numero di asioamericani. Dato che gli asioamericani sono ora circa un quarto degli studenti di Harvard, ma rappresentano solo il 6% della popolazione statunitense, per la giudice "è ragionevole" che Harvard applichi degli standard per dare più possibilità ad altre minoranze.

Lo scorso anno, i dipartimenti di Giustizia e dell'Istruzione hanno iniziato a invitare le università ad adottare dei criteri di ammissione neutrali rispetto alla razza degli studenti, al contrario delle linee guida dell'ex presidente Barack Obama. L'argomento è al centro del dibattito da decenni, negli Stati Uniti, e la Corte Suprema si è più volte espressa. Nel 2016, il massimo tribunale statunitense ha respinto un appello contro l'affirmative action, presentato da una ragazza bianca a cui era stata negata l'iscrizione all'università del Texas. Il caso Harvard sarebbe però il primo di un'università privata ad arrivare davanti ai nove giudici della Corte Suprema.

Altri Servizi

Negli Stati Uniti è il Presidents' Day. Le priorità di Trump: "Dio, famiglia e Paese"

Il presidente Usa è stato ieri alla Daytona 500 del campionato Nascar: c'è da difendere la Florida, a novembre
Ap

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, è stato ieri in Florida per assistere alla Daytona 500, corsa del campionato Nascar, poi rinviata a oggi per il maltempo. Un appuntamento a cui non è voluto mancare per questioni elettorali: è consapevole dell'importanza della Florida, Stato che nel 2016 conquistò con un lieve margine e dove mantiene un tasso di approvazione del 49 per cento. I fan della Nascar, che sono diversi milioni, sono storicamente conservatori, secondo i sondaggi. "I sostenitori della Nascar non dimenticano mai che, a prescindere da chi vince la gara, quello che conta di più sono Dio, la famiglia e il Paese" ha detto Trump, davanti a un autodromo pieno. Tornato ieri sera a Washington, è stato tra gli ospiti del matrimonio del suo consigliere Stephen Miller, l'architetto delle sue politiche contro l'immigrazione.

Gli Usa accusano: Deripaska riciclava denaro per conto di Putin

L'oligarca russo colpito dalle sanzioni Usa
Ap

Il dipartimento del Tesoro statunitense sostiene che l'oligarca Oleg Deripaska avrebbe aiutato il presidente russo Vladimir Putin a riciclare denaro. L'accusa è contenuta in una lettera inviata agli avvocati di Deripaska, ottenuta dal Financial Times, in cui le autorità statunitensi hanno spiegato i motivi delle sanzioni contro di lui.

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi

Numerosi razzi sono stati esplosi nella notte tra sabato e domenica vicino all’ambasciata americana situata nella Green Zone di Baghdad, in Iraq. Secondo quanto riferito da fonti diplomatiche statunitensi le deflagrazioni hanno fatto scattare le sirene dell’ambasciata Usa mentre, per il momento, non si hanno notizie di vittime.

Usa 2020, Biden al bivio. E ora anche la South Carolina è a rischio

L'ex vicepresidente ha dato per scontata la sua vittoria nello Stato, ma gli afroamericani sembrano meno convinti di sostenerlo. Soprattutto dopo il voto in Iowa e New Hampshire

La South Carolina è considerata il vero punto di partenza della campagna elettorale di Joe Biden, il suo muro invalicabile per gli avversari. Un muro, però, che mostra profonde crepe, a due settimane dal voto che potrebbe, al contrario, mettere fine alla corsa presidenziale del candidato che, fino a poche settimane fa, era considerato l'indiscusso favorito per la nomination democratica.

Wall Street attende le minute della Fed

L'attenzione resta anche sul coronavirus
AP

Primarie Dem, sondaggio Nbc/Wsj: Sanders saldamente in testa con il 27%, crolla Biden, irrompe Bloomberg

Il senatore è stabile, l'ex vicepresidente alle sue spalle perde 11 punti; l'ex sindaco, invece, guadagna 5 punti
Ap

Il senatore Bernie Sanders è saldamente in testa a livello nazionale, secondo l'ultimo sondaggio di Nbc News/Wall Street Journal sulle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi. Alle sue spalle, come già testimoniato da altre rilevazioni, perde punti l'ex vicepresidente Joe Biden, mentre irrompe il miliardario Mike Bloomberg. Inoltre, il sondaggio mostra un tasso di approvazione per il presidente Donald Trump di nuovo ai massimi.

A Wall Street, preoccupazione per la Cina

Il coronavirus sta cominciando a produrre i primi effetti negativi sull'economia globale: Apple non crede di poter rispettare le stime per il fatturato del secondo trimestre
AP

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

La Casa Bianca sta valutando lo stop alle esportazioni in Cina di motori per aerei prodotti dalla General Electric. A riportare la notizia è il Wall Street Journal secondo cui l’amministrazione Trump potrebbe rifiutare la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C, utilizzati nello sviluppo del Comac C919: si tratta di un aereo di linea sviluppato dalla Commercial Aircraft Corporation of China, Ltd. (Comac ndr), l'azienda aerospaziale cinese di proprietà statale.

Usa 2020, Bloomberg si affida a un esercito di mercenari social

Una portavoce al Wsj: "È il futuro delle campagne politiche". L'esperimento in California potrebbe essere ripetuto a livello nazionale

Michael Bloomberg prepara il suo ingresso ufficiale nelle primarie democratiche statunitensi con un esercito di utenti sui social network, pagato per pubblicare messaggi a suo sostegno e invitare tutte le persone tra i contatti a votare per lui. Si tratta di una nuova tattica elettorale, resa possibile da una disponibilità praticamente illimitata di fondi.

Usa 2020, Bloomberg presenta un piano finanziario 'progressista'

Vuole una tassa dello 0,1% su tutte le transazioni finanziarie e un team contro i crimini aziendali che persegua non solo le società, ma anche gli individui

Michael Bloomberg ha presentato un ambizioso piano finanziario che include una tassa sulle transazioni finanziarie e maggiori restrizioni sui rischi che possono sostenere le banche. L'ex sindaco di New York, candidato alle primarie democratiche per le presidenziali statunitensi, vuole inoltre creare una squadra all'interno del dipartimento di Giustizia dedicata ai crimini aziendali con l'intento di "incoraggiare non solo i procedimenti contro le aziende, ma anche contro gli individui".