Hillary Clinton in cerca di ispirazione (politica) con un nuovo libro

L'ex candidata democratica alla presidenza pubblicherà con Simon & Schuster una raccolta di saggi autobiografici ispirati alle frasi di poeti e pensatori

Alla sconfitta elettorale di Hillary Clinton sono seguite alcune cose: pochissime apparizioni pubbliche (tra cui quella all'inaugurazione della presidenza Trump) e voci che la danno come prossima candidata al ruolo di sindaco di New York (o secondo cui starebbe comunque preparando un ritorno in politica). Di certo non c'è nulla, se non una notizia: quest'autunno pubblicherà un nuovo libro con la prestigiosa casa editrice Simon&Schuster. A fare l'annuncio è stato lo stesso gruppo editoriale sul suo sito.

Il libro - il sesto di Clinton e il sesto pubblicato con Simon&Schuster - sarà una raccolta di 'personal essays', ovvero brevi testi autobiografici, e avrà come tema portante le frasi di poeti, pensatori e grandi personaggi che l'ex Segretario di Stato colleziona da anni e che, come lei stessa ha detto, sono la sua guida e la sua fonte costante d'ispirazione. "Queste sono le parole che mi guidano", ha dichiarato Clinton. "Le frasi che mi hanno aiutata a vivere appieno i momenti belli, a ridere di quelli assurdi, a tenere duro in quelli difficili e ad apprezzare ancora di più tutto quello che la vita ha da offrire".

Da qui, l'ex candidata democratica alla presidenza prenderà spunto per raccontarsi. Parlerà naturalmente della corsa elettorale alla Casa Bianca, ma anche di molto altro. Per adesso non c'è ancora un titolo; si dice però che a scrivere la prefazione potrebbe essere la popstar Katy Perry, da sempre grande sostenitrice di Hillary.

"Abbiamo iniziato a parlare di questa raccolta nel nostro primo incontro, nel 1994", ha detto Carolyn Reidy, presidente e amministratore delegato del Simon & Schuster Publishing Group (che oltre alla casa editrice omonima ne possiede altre decine). "E siamo felicissimi che il Segretario di Stato Clinton ritenga finalmente che sia giunto il momento di condividere le parole e i pensieri che l'hanno nutrita e arricchita, definendo le esperienze della sua vita straordinaria".

Il presidente della casa editrice Jonathan Karp - che curerà anche l'editing del libro insieme alla sua vice Priscilla Painton - ha commentato dicendo che milioni di persone vorranno leggere le storie che Clinton ha da raccontare. "Da 21 anni il sondaggio Gallup l'ha indicata come la donna più ammirata al mondo", ha detto Karp. "E ci sono almeno 65 milioni di persone negli Stati Uniti che sono d'accordo", ha concluso riferendosi al voto popolare, che Clinton ha vinto.

Il gruppo editoriale ha inoltre annunciato che pubblicherà una ristampa di "It Takes a Village: And Other Lessons Children Teach Us", il libro che Hillary scrisse nel 1996. Sarà una speciale edizione da colorare, pensata apposta per i lettori più piccoli, e vedrà la luce sempre nell'autunno.

Altri Servizi

Trump svela la "maggiore riforma fiscale dal 1986", ma mancano i dettagli

Proposto un taglio dell'aliquota aziendale al 15% dal 35%. Raddoppiato il livello di redditi non tassati per le famiglie. Eliminata la tassa di successione. Obiettivo: spingere crescita (per coprire le entrate che veranno a mancare)

Donald Trump l'ha definita "grandiosa". Il suo consigliere economico la considera "un'opportunità che capita una volta per generazione". Il segretario al Tesoro crede che sia un mezzo per portare ad almeno il 3% la crescita annua degli Stati Uniti alimentando l'occupazione e convincendo le aziende americane a rimpatriare "migliaia di miliardi di dollari" di utili parcheggiati all'estero. Ma la riforma fiscale presentata oggi dalla Casa Bianca come la "maggiore dal 1986" non ha stupito praticamente nessuno, nemmeno gli investitori che a Wall Street hanno fatto perdere slancio agli indici. Il motivo è semplice: il 45esimo presidente Usa vuole s" promuovere "uno dei maggiori tagli delle tasse nella storia Usa" ma i dettagli scarseggiano, anche su come coprire le entrate nelle casse del fisco che verrebbero a mancare.

Pagato dalla Russia, il Pentagono apre un'indagine su Flynn

Ha ricevuto denaro senza autorizzazione dell'esercito come generale in pensione. Si intensificano le polemiche sull'ex consigliere per la Sicurezza nazionale del presidente Trump, dimessosi dopo meno di un mese dal suo giuramento

Il Pentagono Usa ha aperto un'indagine interna volta a verificare possibili violazioni della legge da parte di Michael Flynn, l'ex consigliere per la Sicurezza nazionale di Donald Trump. Nel mirino ci sono pagamenti ricevuti per le sue attività di consulenza e lobbying in Russia e in Turchia svolte dopo aver lasciato l'esercito. Lo si apprende da documenti resi pubblici da membri democratici del Congresso.

Come sfuggire al traffico? Elon Musk sogna tunnel sotterranei high-tech

Il numero uno di Tesla e SpaceX si dedica a un nuovo progetto con la sua Boring Company. Per lui le auto volanti - che Uber vuole testare entro tre anni - non saranno una soluzione

Cento giorni di Trump: tutte le proteste contro il presidente

Donne, immigrati, scienziati: ecco chi ha manifestato contro il 45esimo inquilino della Casa Bianca
AP

Exxon e Chevron danno segni di ripresa, i conti battono le stime

Nel primo caso, profitti più che raddoppiati. Nel secondo, il gruppo è tornato in utile grazie a una ripresa dei prezzi del petrolio

Economia Usa cresciuta al passo più lento dal 2014 nel primo trimestre

Le spese dei consumatori aumentate al ritmo più basso dal quarto trimestre del 2009. Come farà Trump ha raggiungere una crescita annua di almeno il 3% come promesso?
Shutterstock

Primi 100 giorni di Trump, sfuma l'obiettivo di riformare la sanità

Manca il consenso in Aula, i repubblicani devono rimandare il voto. Resta in vigore, per ora, l'Obamacare
Ap

Trump: "Possibile un enorme, enorme conflitto" con la Corea del Nord

Il presidente statunitense intervistato dall'agenzia Reuters in occasione dei suoi primi cento giorni alla Casa Bianca. "Pensavo sarebbe stato più facile, ho più lavoro di prima. Mi manca la mia vecchia vita"

Wall Street, il Pil Usa delude

Dopo una partenza in positivo, il Nasdaq vira in calo unendosi a Dj e S&P 500
AP

Alphabet: i conti tengono nonostante la fuga degli inserzionisti da YouTube

Utili in rialzo del 29% nel primo trimestre e ricavi in aumento del 22%. Il cost-per-clickè sceso del 21% sui siti Google
Shutterstock