IBM è l’azienda americana più verde del 2011

Nella classifica di Newsweek, seconda Hewlett-Packard. Apple solo cinquantesima.

Con la crisi economica globale in corso, l’interesse della leadership politica internazionale per questioni di natura ambientale, in particolare il riscaldamento globale, si è molto raffreddato.

Rimangono quindi le grandi corporation, che continuano a sperimentare nell’uso di nuove tecnologie efficienti per prepararsi a un futuro in cui le risorse su cui contiamo oggi saranno scarse e costose.

Da tre anni, Newsweek pubblica due classifiche parallele, delle cinquecento aziende americane e delle cinquecento aziende globali che hanno mostrato le performance migliori, e peggiori, in fatto di politiche “verdi”. L’ordine in classifica è determinato da una complessa valutazione delle emissioni di gas inquinanti e del consumo d’acqua, delle politiche ambientali e di trasparenza di ogni azienda.

Assieme, queste centinaia di corporation producono oltre sei miliardi di tonnellate di emissioni inquinanti ogni anno, quasi lo stesso ammontare generato da tutti gli Stati Uniti. Maggior efficienza da parte loro potrebbe, quindi, fare davvero la differenza.

Il colosso dell’informatica IBM è in vetta alla classifica americana per il 2011. Munich Re, una società d’assicurazioni tedesca, guida quella internazionale. In generale, le aziende che operano nei settori della tecnologia, della sanità e dei servizi finanziari tendono a battere i rivali manifatturieri e energetici, per il semplice fatto che queste ultime sono industrie a alto impatto ambientale.

Interessante quindi l’ottavo posto ottenuto da Home Depot, un distributore al dettaglio di prodotti per costruire e manutenere la casa che ha cominciato a informare i clienti dell’impatto ambientale di tutte le merci in vendita.

“Ci è stata presentata una falsa dicotomia, quella tra un’ottima performance economica e un’ottima performance ambientale”, ha dichiarato a Newsweek Mark Vachon, a capo della divisione Ecomagination di GE, oggi alla posizione numero sessantatré. “Attraverso l’innovazione, possiamo vincere entrambe le sfide”.

Subito dietro IBM, e subito prima di Office Depot, si sono classificate Hewlett-Packard, Sprint Nextel, Baxter, Dell, Johnson & Johnson e Accenture. Apple si è piazzata al cinquantesimo posto.

Altri Servizi

Trump sceglie Dubke, uomo di Rove, come direttore della comunicazione

I fedelissimi del presidente irritati: "Premia chi lo ha ostacolato". L'incarico era stato inizialmente affidato a Jason Miller, che poi ha rifiutato

Un uomo di Karl Rove alla Casa Bianca. Mike Dubke, fondatore di Crossroads Media, sarebbe stato scelto dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per ricoprire l'incarico di direttore della comunicazione. Lo hanno riferito due funzionari dell'amministrazione alla Cnn. L'annuncio potrebbe essere dato già in giornata.

Nuovo attacco di Trump alla stampa: "Sulla Russia sono solo notizie false"

Il presidente americano in una conferenza stampa di un'ora e venti minuti si scaglia contro i giornali. E poi promette un nuovo ordine sull'immigrazione per settimana prossima. Mosca? "Non ho nessun rapporto"

Donald Trump sceglie di rompere il silenzio e di uscire allo scoperto per ripetere la sua verità, dopo lo scandalo russo che ha portato alle dimissioni del suo consigliere per la sicurezza nazionale, Michael Flynn. Quella del presidente americano è una conferenza di 1 ora e venti minuti, di ripetuti attacchi alla stampa, mettendo in dubbio, come ha più volte già fatto, la sua onestà e integrità. "La stampa è diventata cos" disonesta e fa un enorme disservizio ai cittadini americani. Dobbiamo parlarne, perché come presidente sono qui per cambiare quello che non funziona. Il livello di disonestà è fuori controllo", ha detto Trump dalla Casa Bianca prima ancora di accettare domande dei reporter.

Wall Street riscopre la cautela

Ieri, altra giornata di record per il Dow Jones. Primo calo dopo sette giornate in rialzo per S&P 500 e Nasdaq
AP

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Trump vuole la Guardia nazionale contro gli immigrati irregolari? Non sarebbe il primo presidente Usa

Per l'Ap, ci sarebbe un piano senza precedenti per mobilitare 100.000 soldati. Esistono, comunque, dei precedenti con Bush figlio e Obama
iStock

Viaggio in Europa del vice Pence per rassicurare gli alleati

Ribadirà l'impegno degli Usa sulla Nato e l'importanza del rispetto da parte della Russia degli accordi di Minsk per la pace in Ucraina

Kraft offre 143 mld di dollari a Unilever, che rifiuta proposta d'acquisto

Il formaggio da spalmare Philadelphia e i biscotti Plasmon finirebbero sotto lo stesso tetto dei prodotti per il corpo Dove e delle minestre Knorr. Ostacoli antitrust e politici in vista. Buffett e 3G Capital pronti ad alzare l'offerta
Kraft

Lo staff della Casa Bianca usa Confide, ma l'app di messaggi non è così sicura

Secondo una fonte di BuzzFeed, è "il trionfo del marketing sulla sostanza"

L'ex consigliere Flynn ha mentito all'Fbi

Secondo il Washington Post, avrebbe negato di avere discusso di sanzioni con l'ambasciatore russo in Usa prima dell'arrivo di Trump alla Casa Bianca

Gli Usa fissano le condizioni per una relazione con la Russia

Nel suo primo viaggio all'estero da segretario di Stato, Tillerson chiede il rispetto degli accordi in Ucraina. Il capo del Pentagono Mattis: ancora non pronti per una collaborazione militare. Trump incolpa i media anche su Mosca
Rex Tillerson, segretario di Stato AP