Identità e contaminazione, i segreti della pizza negli Stati Uniti. Le scelte da fare per un locale di successo

Vincenzo Realmuto, pizzaiolo siciliano, ha parlato della realtà americana e consigliato i primi passi da compiere per entrare in un mercato competitivo come quello americano
Filaga

 Negli Stati Uniti, si spendono circa 37 miliardi di dollari nel consumo di pizza (dati del Dipartimento dell’Agricoltura), praticamente un terzo del mercato globale. Come recentemente affermato in un’ intervista da Paolo Di Croce, segretario generale di Slow Food International, è la “contaminazione”, l’influenza di altre culture e altri ingredienti che amplia e connota una cucina “tradizionale”; né il grano che serve per l’impasto, né il pomodoro, necessario a condire la pizza così come la intendiamo noi, sono prodotti autoctoni, originari della nostra penisola. Eppure, combinandoli assieme, hanno dato luogo a uno dei nostri piatti forti nazionali.

La stessa cosa che sta succedendo ora a New York e in tutti gli Stati Uniti, con le varie declinazioni “locali” che si sono adattate alle differenti culture: dalla New York Style alla Deep Dish o più comunemente chiamata Chicago Style. Ma aprire una pizzeria in Usa cosa comporta? Come si possono mantenere quei valori universali di freschezza degli ingredienti, uniti ad esperienza e rispetto delle antiche ricette e quale è la giusta strategia di marketing per differenziarsi in un settore già così inflazionato? Abbiamo posto queste domande a Vincenzo Realmuto, pizzaiolo siciliano doc che da Filaga, frazione di Prizzi, vicino a Palermo, ha aperto nel Chelsea market il suo primo punto vendita con tanto di altre specialità siciliane come arancini, zeppole e crocchette. Una sorta di street food sicuramente affine alle abitudini americane.

Prima una piccola precisazione. Quali sono le caratteristiche della pizza siciliana?

Come vuole la tradizione la forma è rettangolare, la consistenza croccante e la base è leggera con topping Gourmet come il prosciutto crudo di Parma, il cavolo nero toscano e ingredienti freschi e locali, come le verdure. Olio di oliva e farina sono importati direttamente dall'Italia così come la mozzarella e il parmigiano reggiano. Importante è la lavorazione. Occorre pazienza e tempo. Almeno 24 ore di lievitazione della pasta divisa in panetti. Questo processo migliora la fragranza e soprattutto la digeribilità.

Come aprire un ristorante negli Stati Uniti e dove?

Indubbiamente New York è la vetrina più importante per chi dall’Europa, dall’Italia, vuole investire oltreoceano. E’ inutile negare che è la prima destinazione che si sceglie se si vuole avere visibilità ed entrare nel mercato americano.

Allo stesso tempo, la Grande Mela è un mercato molto saturo nella ristorazione e questo ha comportato, negli ultimi anni, un aumento eccessivo degli affitti, una maggiore complessità nella burocrazia, avendo come conseguenza inevitabile un aumento nell’offerta al cliente finale e una difficoltà nella gestione dei locali. Esplorare altre città americane che sono meno sature rispetto a New York non è sicuramente una cattiva idea.

Sono molte le destinazioni che stanno emergendo, a parte le classiche alternative a New York come Chicago, San Francisco, Los Angeles. Nella scena si sta facendo avanti anche Austin e altri posti meno conosciuti e “vergini” dal punto di vista della ristorazione italiana.

L’America è piena di ristoranti italiani. Quali i principi su cui puntare per essere originali?

Per essere fedeli alla tradizione italiana bisogna puntare sulla qualità delle materie prime. Del resto, il segreto del successo della cucina italiana sta soprattutto nelle materie prime fresche e di qualità.

La cucina italo-americana non è la cucina italiana. In che modo trovare la giusta misura per avere più appeal sul cliente americano?

Sono due generi diversi, ognuno con una storia da rispettare. Gli americani ormai sono abituati a viaggiare e conoscere le differenze ma è anche vero che non si abitueranno ad alcuni gusti perché non fanno parte della loro tradizione né del loro gusto culinario. Sono molto curiosi e aperti alle novità ma, ripeto, alcune ricette non hanno facile presa nel mercato americano ed è giusto rispettare le loro abitudini.

Il concetto di pizza gourmet come lo sviluppate e come è percepito dalla clientela?

Sulla qualità degli ingredienti e delle materie prime. A partire dall’impasto della pizza, con farine italiane selezionate da noi, l’olio di oliva italiano, le verdure fresche locali e gli altri ingredienti importati dall’Italia. Puntiamo anche ad un menu che abbia ingredienti gourmet come la pizza condita con il taleggio, salsicce e broccoli.

A livello di business plan quali sono le principali voci da mettere in preventivo (location, personale, tasse, lavori strutturali)?

Sicuramente la location è un punto di partenza importante: più centrale sei e più l’affitto sale ma hai più visibilità. Il personale, il food cost, l’arredamento interno che si desidera realizzare, il marketing e la comunicazione.

In Usa esiste una grande tradizione della pizza, che è molto diversa dalla nostra. Voi producete quella siciliana. Quali le differenze anche a livello di immagine con quella napoletana e romana?

In America la tradizione della pizza è cosi forte che molti americani pensano che la pizza sia stata inventata qui. New York è famosa per il suo trancio di pizza sottile ormai diventato una sorta di icona della città. Negli ultimi dieci anni ha preso piede la tradizione della pizza napoletana che ormai a New York si è ben radicata mentre si sta affermando anche la pizza romana.

Quanto è importante in un ristorante la presenza del take away?

Offre un servizio in più al cliente. A New York è indispensabile visto che la città si muove a un ritmo incessante e molti ordinano da casa.

A livello di capitale quanto occorre investire?

Dipende da dove si vuole aprire un ristorante, una pizzeria, le cifre possono variare molto. A Manhattan, soprattutto in alcune zone, gli affitti sono altissimi e non si può scendere sotto alcune cifre. Dipende anche da quello che si vuole realizzare, dal progetto che si ha in mente.

Immigrare negli Stati Uniti come imprenditori: come muoversi?

Con un progetto ben definito chiaro. Bisogna conoscere le regole del mercato americano e adeguarsi. Questo è un paese che ha una legislazione diversa e regole diverse dall’Italia. La regola importante è conoscere il sistema americano e non cercare di cambiarlo. Chi viene dall’Italia deve farsi affiancare nella fase di start up da consulenti, esperti, professionisti che conoscono il mercato americano.

Quali professionalità è necessario coinvolgere per avviare l’attività? Che consulenti occorrono?

Innanzitutto occorrono degli chef pizzaioli che sappiano fare una buona pizza, poi sicuramente è importante la figura del manager e del personale di sala in grado di gestire la clientela. È un lavoro di squadra che richiede competenza e grande collaborazione.

Alla fine, conviene aprire un ristorante negli Stati Uniti?

Il mercato americano è il mercato più grande e di certo può dare grandi soddisfazioni. E’ un mercato difficile, oggi di più rispetto al passato ma una volta capito il meccanismo, con molta determinazione, pazienza, avendo in mente gli obiettivi, può darti molte soddisfazioni.

Quali sono le possibilità di successo? Perché alcuni falliscono?

Le possibilità di successo dipendono da molti fattori, anche dalla fortuna, che non dipende da noi. Molti falliscono perché gli affitti sono alti e non riescono a coprire i costi mentre alcuni hanno fretta di arrivare subito al successo e se questo non arriva nel giro di un anno, rinunciano subito e tornano in patria. Ripeto, occorre un progetto chiaro, definito, molta determinazione a superare gli ostacoli, conoscenza del mercato americano.

Filaga
Filaga
Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP
Ibm

Per International Business Machines (Ibm), il recupero dei ricavi trimestrali sembra un miraggio dopo la breve ripresa finita lo scorso giugno e durata nove mesi consecutivi (i primi successivi a cinque anni di declini). L'azienda ha tuttavia saputo superare le stime degli investitori, concentrati sul fatto che le vendite siano salite nell'intero esercizio per la prima volta in vari anni.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

La Corte Suprema Usa respinge Trump: resta la tutela per i Dreamers (per ora)

Il massimo tribunale ha deciso di non pronunciarsi sulla fine del programma Daca, cercata dal presidente anche per avere un'arma in più nei negoziati con i democratici su immigrazione e muro
Ap

La Corte Suprema statunitense ha respinto la richiesta dell'amministrazione Trump di valutare subito e pronunciarsi sulla fine del programma Daca, che protegge dal rimpatrio 700.000 immigrati irregolari arrivati da bambini. Questo significa che il programma voluto dall'allora presidente Barack Obama, contro cui si batte Donald Trump, resta per ora in vigore, in attesa che lo scontro arrivi a conclusione nei tribunali inferiori; inoltre, nel caso in cui il massimo tribunale dovesse accettare un nuovo tentativo da parte del governo, il caso non verrebbe discusso prima di ottobre e una decisione non sarebbe presa prima del 2020. La volontà del massimo tribunale statunitense di non valutare il caso toglierà una potente arma di negoziazione al presidente, che si era detto sicuro di una vittoria davanti alla Corte Suprema, nelle trattative con i democratici sull'immigrazione.

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

Larry Kudlow, il consigliere economico della Casa Bianca, ha negato indiscrezioni di stampa secondo cui gli Stati Uniti hanno cancellato un incontro con la Cina pensato per spianare la strada al prossimo round di negoziati di alto livello previsto a Washington tra i negoziatori delle due nazioni il 30 e il 31 gennaio prossimo.

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati

Un investitore miliardario - conosciuto negli Stati Uniti per essere l'equivalente di Boston del cosiddetto Oracolo di Omaha, ossia Warren Buffett - ha messo in guardia gli investitori "compiaciuti" che stanno ignorando i rischi esistenti prendendone di nuovi. Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), ha lanciato il suo avvertimento nella lettera annuale da 22 pagine scritta agli investitori e di cui il New York Times ha ottenuto una copia.

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

L'attivismo di Elliott mette il turbo a eBay

Il fondo di Paul Singer chiede scorpori di attività per potenziare il valore del sito di aste online
iStock

EBay ha preso il volo a Wall Street, dove il titolo sale dell'8% a 33,5 dollari. A mettere il turbo al titolo del gruppo di aste online è l'attivismo di due investitori che puntano a scorporarne alcune attività per sprigionarne il valore.