Il 65% della Florida senza elettricità ma Irma fa meno paura, Dow sopra i 22mila punti

Si stimano costi inferiori legati all'uragano. Per Moody's spaziano dai 150 ai 200 miliardi di dollari includendo anche Harvey

Per la prima volta dal 16 agosto, il Dow Jones Industrial Average ha chiuso una seduta a Wall Street sopra la soglia dei 22mila punti e l'S&P 500 ha messo a segno il suo 31esimo record del 2017. E' successo all'indomani dell'arrivo dell'uragano Irma in Florida, dove oltre 6,5 milioni di persone sono rimaste senza elettrocità; questo significa che il 65% dello Stato è al buio.

Irma è 'atterratto' nel cosiddetto Sunshine State domenica 10 settembre come un uragano di categoria 4 colpendo l'arcipelago chiamato Florida Keys; poi, mentre procedeva verso Nord, ha toccato di nuovo il suolo americano a Marco Island. Irma è stato il secondo uragano a travolgere gli Usa dopo Harvey, la cui forza ha messo in ginocchio il Texas dal 25 agosto scorso. E' stato poi declassato a tempesta tropicale e viaggia verso la Georgia; ha provocato piogge così abbondanti da fare scattare l'allarme allagamenti potenzialmente record a Jacksonville, la città più popolata della Florida.

Nonostante le condizioni sul posto, l'azionario è stato protagonista di un rally grazie al venire meno delle preoccupazioni degli investitori legate alla gravità dell'impatto dell'uragano sull'economia Usa; il ritorno della propensione al rischio dopo una settimana finita in calo a Wall Street è dovuto anche all'assenza di provocazioni dalla Corea del Nord. Sul primo fronte, la riduzione della forza di Irma e la sua rotta (più verso Occidente) portano a credere che le perdite siano inferiori a quanto temuto: si parla di danni minimi di 20 miliardi di dollari contro i 100 miliardi stimati giorni fa. Non a caso i titoli dei gruppi assicurativi, che la settimana precedente all'arrivo in Usa di Irma erano stati venduti a piene mani, hanno rimbalzano rendendo il settore finanziario (+1,9%) il migliore a Wall Street. Hanno perso invece quota i titoli di gruppi specializzati in articoli per la casa come Home Depot e Lowe's .

Moody's ha calcolato in forma preliminare che i danni provocati dagli uragani Harvey e Irma potrebbero spaziare dai 150 ai 200 miliardi di dollari e la perdita economica potrebbe essere di 20-30 miliardi di dollari. Per questo l'agenzia di rating ha tagliato di mezzo punto percentuale le stime di crescita del Pil del terzo trimestre, ora viste a un +2,5%. Moody's aveva calcolato in precedenza costi totali provocati da Harvey, che colpì il Texas dal 25 agosto scorso, tra gli 86 e i 108 miliardi di dollari. Per Irma, che ha raso al suolo varie isole caraibiche prima di colpire la Florida, aveva previsto danni tra i 64 e i 92 miliardi. Moody's si aspetta che la crescita nel quarto trimestre dell'anno sarà sostenuta dagli sforzi di ricostruzione. I fattori cruciali nel determinare l'impatto dei due uragani sono legati alla velocità con cui il settore della raffinazione a Houston e quello del turismo in Florida si riprenderanno.

Quanto alla Corea del Nord, gli analisti si aspettavano un nuovo test missilistico da parte di Pyongyang durante le festività di sabato scorso, le stesse che nel 2016 furono accompagnate da un test nucleare. Questa volta dal regime di Kim Jong Un non sono arrivate notizie, cosa che ha dato sostegno all'azionario e al dollaro (che è rimbalzato dai minimi di 33 mesi raggiunti contro un basket di valute). Va detto che la nazione più isolata al mondo ha nuovamente messo in guardia gli Usa contro l'adozione di nuove sanzioni.

Il Dow è salito di 259,68 punti, l'1,19%, a 22.057,37 punti.

L'S&P 500 ha aggiunto 26,68 punti, l'1,08%, a quota 2.488,11.

Il Nasdaq è aumentato di 72,07 punti, l'1,13%, a 6.432,26.

Il Vix, l'indice della volatilità detto anche della pausa, ha perso il 10,8% a 10,81.

Il petrolio a ottobre al Nymex ha guadagnato l'1,2% a 48,07 dollari al barile.

Altri Servizi

Cinema, Weinstein accusato di molestie anche da Paltrow, Jolie e Asia Argento

Il produttore avrebbe fatto delle proposte oscene anche a Rosanna Arquette. Il caso emerso dopo un articolo pubblicato dal New York Times. Anche Clinton condanna il produttore che aveva raccolto fondi per lei e Obama

Ci sono anche Gwyneth Paltrow e Angelina Jolie tra le donne che accusano il produttore Harvey Weinstein di molestie sessuali. Le due attrici lo hanno dichiarato in un'intervista al New York Times, appena pubblicata. "Questo modo di trattare le donne finisce qui" ha detto Paltrow, importunata quando aveva 22 anni dall'uomo che ha dato inizio alla sua carriera e che l'ha aiutata a vincere l'Oscar.

Bannon: sfideremo ogni repubblicano in carica, tranne Cruz

L'ex stratega di Trump contro l'establishment repubblicano prepara la battaglia per le elezioni di metà mandato del prossimo anno
AP

Stephen Bannon ha ufficialmente lanciato l'attacco contro l'establishment in vista delle elezioni statunitensi di metà mandato, in programma il prossimo anno. L'ex superconsigliere del presidente statunitense, Donald Trump, tornato a guidare il sito ultraconservatore Breitbart News, è stato intervistato da Sean Hannity su Fox News: "C'è una coalizione che si sta formando che sfiderà ogni repubblicano in carica, fatta eccezione per Ted Cruz".

La California del Nord brucia

Almeno 15 morti, 100 dispersi, migliaia di persone rimaste senza casa. E' tra i peggiori incendi nella storia dello Stato
AP

Almeno 15 persone sono morte, più di 170 sono finite all'ospedale, 100 sono disperse e circa 20.00 sono state costrette a evacuare, a causa di almeno 17 incendi che stanno bruciando otto contee nella California del Nord tra cui Napa, famosa per il suo vino, e Sonoma. Le cause delle fiamme, spuntate domenica scorsa, sono ancora oggetto di inchiesta. Oltre 1.500 strutture tra abitazioni, aziende e altri edifici sono stati ridotti in cenere.

Marchionne torna al Nyse: Ferrari ha prospettive "fenomenali"

Il Ceo celebra il 70esimo anniversario della nascita del gruppo. Dopo il flop in F1 in Giappone resta ottimista: la stagione non è persa ma "sciocchezze tecniche danno veramente fastidio". Apre a un Suv del Cavallino Rampante. No scorporo Jeep da Fca

Due anni dopo la quotazione di Ferrari, Sergio Marchionne è tornato al New York Stock Exchange. Lo ha fatto per celebrare il settantesimo anniversario dalla nascita del gruppo di Maranello, il cui titolo ha guadagnato oltre il 110% dall'ottobre 2015, quando sbarcò in Borsa con un prezzo di collocamento di 52 dollari. Ora ne vale 116. Di questo il Ceo e presidente si è detto "felice" anche perché ha dimostrato al mercato che aveva ragione a esigere una valutazione tipica di gruppi appartenenti alla categoria del lusso. Non a caso lui è "long" sul titolo dal simbolo RACE (corsa), ha fiducia in un marchio in cui ha creduto ancora prima di entrate in Fiat quando era "un aspirante cliente della Scuderia" ed è convinto che l'azienda - che apre all'elettrificazione e ai Suv mentre esclude uno scorporo di Jeep da Fca e nozze con Great Wall - abbia prospettive "fenomenali". E questo nonostante l'ennesimo flop tecnico nella Formula Uno.

Aig: effetto uragani da tre miliardi di dollari

Il gruppo rischia di chiudere il terzo trimestre in perdita. Soffre nel dop mercato. Il Ceo: "catastrofi senza precedenti".
AP

A causa degli uragani che hanno colpito gli Stati Uniti e del terremoto che ha fatto tremare il Messico, American International Group subirà nel terzo trimestre una perdita al lordo delle imposte tar 2,9 e 3,1 miliardi di dollari. Lo ha comunicato il gruppo assicurativo americano.

Il problema di Amazon con i prodotti di lusso

Regole poco rigide sulla contraffazione e sui rivenditori non autorizzati tengono lontani dal colosso dell'E-commerce marchi come Gucci, Fendi, Louis Vuitton, Moet&Chandon e tanti altri

All’inizio di quest’anno Swatch Group, conglomerata svizzera che opera nel campo degli orologi, aveva manifestato l’intenzione di vendere alcuni dei suoi prodotti di lusso su Amazon. Dopo mesi di colloqui l’accordo tra le due compagnie si è concluso con un nulla di fatto e il motivo lo spiega un articolo del Washington Post.

Fmi: alza stime di crescita mondiale, ma vietato compiacersi, restano rischi "seri"

Quest'anno atteso Pil mondiale +3,6% e nel prossimo anno +3,7% contro un +3,2% registrato nel 2016

Il Fondo monetario internazionale ha alzato leggermente le stime per il 2017 e per il 2018 della crescita globale, con "la ripresa ciclica globale iniziata a metà 2016 che continua a guadagnare forza". L'istituto di Washington tuttavia ha avvertito: sebbene una serie di sviluppi positivi giustifichi una fiducia maggiore, "i legislatori e i mercati non dovrebbero compiacersi". Il motivo? "La ripresa globale potrebbe non essere sostenibile" dal momento che "non tutti i Paesi ne stanno prendendo parte, l'inflazione rimane spesso sotto i target con una crescita debole dei salari e le prospettive di medio termine sono ancora deludenti in molte parti del mondo". Inoltre la ripresa resta vulnerabile a "rischi seri", che nel breve termine sono equilibrati. Ecco perché i legislatori devono sfruttare il momento - un concetto espresso la settimana scorsa dal direttore generale Christine Lagarde - per implementare le riforme strutturali e fiscali necessarie e allo stesso tempo per mantenere una visione di lungo termine.

Fmi alza le stime di crescita dell'Italia, disoccupazione sopra media Ue

"Appropriato" un aggiustamento fiscale graduale, ridurre cuneo fiscale. Dal nostro Paese il 30% degli Npl nell'Eurozona

Migliorano le prospettive del Fondo monetario internazionale non solo per l'economia mondiale ma anche per quella italiana, vista in crescita dell'1,5% quest'anno, tanto quanto il Giappone. Per il 2018 è atteso un +1,1%. E' quanto si legge nelle tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'Fmi redatto nell'ambito degli Annual Meetings che da giovedì entreranno nel vivo a Washington, Stati Uniti. Le stime per il 2017 sono state alzate dello 0,2% rispetto all'aggiornamento del Weo dello scorso luglio e dello 0,7% rispetto all'edizione del documento elaborata lo scorso aprile. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un'espansione dello 0,9% e l'anno precedente dello 0,8%, ricorda l'Fmi.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP