Il boomerang delle accuse di Trump a Obama

Il direttore dell'Fbi Comey avrebbe chiesto al dipartimento di Giustizia di smentire pubblicamente le affermazioni del presidente, che ha accusato Barack Obama di aver fatto intercettare le sue chiamate. A rischio c'è ora la sua stessa credibilità
AP

Anche l’Fbi e il suo direttore James Comey sono intervenuti nel polverone scatenato sabato dal presidente Donald Trump, che con una serie di tweet - formalizzati domenica in una nota ufficiale della Casa Bianca - ha accusato Barack Obama di aver intercettato le sue chiamate dalla Trump Tower.

ASCOLTA IL PODCAST DELLA PUNTATA

Secondo quanto rivelato da alcuni informatori, Comey avrebbe infatti chiesto al dipartimento di Giustizia di sconfessare pubblicamente le affermazioni di Trump, non solo perché prive di fondamento, ma anche perché di fatto intercettazioni di questo genere sarebbero state illegali. Il presidente infatti, come ha sottolineato lo stesso portavoce di Obama, non può ordinare di spiare un privato cittadino. Il dipartimento per ora non ha rilasciato alcun commento, ma la richiesta di Comey pesa come un macigno: di fatto il direttore dell’Fbi avrebbe messo in discussione la credibilità del presidente americano. E non è stato l’unico. “Se la corte federale avesse ordinato delle intercettazioni” - ha detto l’ex direttore dell'Intelligence Nazionale James Clapper - lo avrei saputo: quindi posso escluderlo categoricamente”.

La vicenda si sta dunque trasformando in un boomerang per il nuovo presidente americano. Dopo aver ripetutamente accusato la stampa e i giornalisti di dare notizie false, è infatti proprio lui - almeno secondo le dichiarazioni dell’intelligence - ad essere diventato l’autore di quelle che ama chiamare ‘fake news’. Le ragioni che potrebbero aver spinto Trump su questo sentiero tanto aggressivo quanto pericoloso sono fondamentalmente due. La prima è che il presidente si trova sotto pressione per il ‘Russiagate’, ovvero gli scandali dei contatti tra i membri della sua amministrazione e il Cremlino, mentre la seconda ha a che fare con la figura poco cristallina del suo consigliere Steve Bannon. Trump continua a subirne l’influenza, tant’è vero che la fonte da cui ha tratto le prove delle intercettazioni di Obama è proprio la rivista di estrema destra ‘Breitbart News’, di cui Bannon era a capo prima di diventare consigliere della sua campagna.

Sono bastati così solo pochi giorni per dimenticare il Donald Trump nei panni dello 'statista' moderato visto marted" scorso di fronte al Congresso. Questa volta però Bannon ha commesso un passo falso che potrebbe anche costargli caro: la sua linea aggressiva ha infatti messo in discussione la credibilità stessa del presidente Usa. Che Trump decida o meno di affidarsi a figure più moderate, come ad esempio quella del nuovo consigliere per la Sicurezza nazionale H. R. McMaster, una cosa appare ormai chiara: dovrà trovare il modo di arginare l’influenza di Steve Bannon, ‘l’anima nera’ della Casa Bianca, nelle questioni di Stato.

 

Canzone del giorno: Coldplay - Spies

Altri Servizi

Come aprire una filiale italiana negli Stati Uniti

Una nuova rubrica per parlare delle opportunità per gli imprenditori italiani di investire in America
Il luna park di Coney Island a New York è stato realizzato dalla società vicentina Antonio Zamperla S.p.A. AP

I rapporti commerciali ed economici sono un pilastro fondamentale nelle relazioni tra Stati Uniti e Italia. In questa nuova rubrica, How to do Business in the US, ci occuperemo di descrivere le varie fasi di apertura di una filiale italiana in territorio americano e parleremo delle enormi opportunità che gli imprenditori italiani possono cogliere decidendo di investire negli Stati Uniti d’America.

Ray Allen, da stella Nba a consigliere dello United States Holocaust Memorial Museum

Il campione 41enne si è appassionato alla storia dell’Olocausto nel 1993 diventando negli anni un assiduo frequentatore del museo di Washington cercando di sensibilizzare le persone sugli orrori subiti dal popolo ebreo
Ray Allen allo United States Holocaust Memorial Museum

Dopo aver detto addio ai cambi da basket lo scorso novembre con una toccante lettera indirizzata a se stesso, l'ex stella Nba Ray Allen ha deciso di dedicarsi anima e corpo a una passione che porta con sé da quasi due decenni: studiare, sensibilizzare e promuovere la storia dell’Olocausto.

Casa Bianca infuriata: si è sentita raggirata da foto del Cremlino

Sorrisi smaglianti e strette di mano calorose di Trump con ministro degli Esteri e ambasciatore in Usa della Russia. Washington dice di non essere stata informata da Mosca che le immagini scattate sarebbero circolate in pubblico
AP

La Casa Bianca è su tutte le furie. Con il Cremlino, reo di avere diffuso fotografie di un incontro avvenuto ieri a porte chiuse nello Studio Ovale tra Donald Trump e due funzionari russi. L'errore di comunicazione sembra però, almeno in parte, anche Made in America. Non solo per una mancanza apparente di coordinamento con i colleghi russi ma anche perché nelle immagini incriminate si vede un Trump con sorriso smagliante e che stringe calorosamente le mani di Sergei Lavrov e Sergei Kislyak, rispettivamente il ministro degli esteri e l'ambasciatore in Usa della Russia.

Italia al festival enogastronomico di Los Angeles, dove è partito il road show dell'olio Filippo Berio

Il marchio dell'italiana Salov celebra 150 anni dalla nascita. Il Ceo delle attività nordamericane, Marco de Ceglie: nel 2017 saremo nelle principali sedi istituzionali italiane sul territorio americano per raccontare questa storia imprenditoriale

In occasione della prima edizione del festival enogastronomico LA Food Bowl organizzato dal Los Angeles Times per tutto il mese in corso e in anticipazione della seconda Settimana della cucina italiana nel mondo, l’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles dedica due eventi speciali a uno dei prodotti italiani più apprezzati nel mondo: l’olio extravergine d’oliva.

Wall Street: c'è nervosismo, tonfo per Snapchat e Macy's

Ieri, quarta seduta consecutiva da record per il Nasdaq
AP

Snapchat crolla a Wall Street: la prima trimestrale da gruppo quotato delude

Nei primi tre mesi del 2017, perdita di oltre 2 miliardi: il debutto in borsa è costato caro. Ricavi quasi triplicati ma gli analisti volevano di più. Crescita degli utenti nella media. La app risente della concorrenza di Instagram (Facebook)

La dimostrazione di come Snap risenta della conconcorrenza di Facebook è arrivata nella sua prima trimestrale da azienda quotata. Il gruppo che controlla la app Snapchat ha visto lievitare la sua perdita, le vendite sono quasi triplicate ma gli analisti si aspettavano di più e la crescita degli utenti non ha soddisfatto. Come se non bastasse, Snap non ha fornito alcun commento ai conti. Tutti questi fattori hanno fatto crollare il titolo scambiato dal 2 marzo scorso al New York Stock Exchange, dove ieri nel dopo mercato ha perso oltre il 23% circa riavvicinandosi pericolosamente al prezzo di collocamento pari a 17 dollari. Tutto ciò dimostra come il più grande social network al mondo ci abbia visto lungo nel fornire sulla sua app Instagram sempre più funzioni ispirate proprio a Snapchat.

Usa: divieto su tablet e laptop esteso ai voli dall'Europa

Oggi è atteso l'annuncio, secondo il Daily Beast. A marzo, il divieto imposto a dieci aeroporti di Nordafrica e Medio Oriente

Anche l'Europa sarà colpita dalle nuove restrizioni sui dispositivi elettronici da portare in cabina nei voli diretti negli Stati Uniti. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, funzionari europei che si occupano di sicurezza hanno confermato al Daily Beast, ieri, l'estensione del divieto di portare in cabina i dispositivi elettronici più grandi di uno smartphone - come tablet e laptop - che al momento riguarda dieci aeroporti del Medio Oriente e del Nordafrica. Secondo le fonti, il divieto riguarderebbe tutti i voli dall'Europa agli Stati Uniti. L'annuncio è atteso in giornata.

Fbi, al via i colloqui per sostituire James Comey

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, e il suo vice, Rod Rosenstein, incontreranno quattro candidati in questa prima fase

È iniziata ufficialmente l’era post James Comey al Federal Bureau of Investigation (Fbi). Il segretario alla Giustizia americana, Jeff Sessions, e il suo vice, Rod Rosenstein, terranno oggi i primi colloqui con quattro candidati che potrebbero succedere a Comey alla direzione della polizia federale americana.

Pyongyang apre agli Usa: "pronti a dialogare alle giuste condizioni"

Lo ha detto Choe Son-hui, direttore generale dell'Ufficio sui rapporti con gli Usa del ministero degli Esteri di Pyongyang

La Corea del Nord apre agli Stati Uniti definendosi pronta ad avere colloqui con l’amministrazione di Donald Trump ma solo "alle giuste condizioni". A riportarlo è l’agenzia di stampa sudcoreana, Yonhap, che ha seguito Choe Son-Hui, direttore della divisione "America del Nord" del ministero degli Esteri di Pyongyang, nel suo viaggio da Oslo a Pechino.