Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Perché non c'è altra spiegazione possibile? Perché la bellezza è forse l'unica cosa, insieme all'amore, che non può essere davvero spiegata, ma di cui si può solo fare esperienza. 

Di questo si sono trovati a parlare, nella sala da ballo di Cipriani Wall Street, i grandi fotografi Peter Lindbergh e Steve McCurry, insieme a Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg. La serata, organizzata da Pirelli Usa durante la settimana della moda di New York, era una celebrazione del calendario Pirelli 2017, le cui fotografie sono appunto di Peter Lindbergh.

Per il fotografo tedesco questa è la terza collaborazione con Pirelli: sono suoi infatti anche gli scatti delle edizioni 1996 e 2002. "The Cal", dal canto suo, non ha bisogno di presentazioni: è un calendario così iconico da avere persino un soprannome. Ideato nel 1963, viene stampato ogni anno in tiratura limitata e regalato a clienti d'eccezione dell'azienda e celebrità.

Nell'edizione di quest'anno, solo attrici: appunto Jessica Chastain, che è stata madrina della serata, e poi Penelope Cruz, Nicole Kidman, Rooney Mara, Helen Mirren, Julianne Moore, Lupita Nyong'o, Charlotte Rampling, Lea Seydoux, Uma Thurman, Alicia Vikander, Kate Winslet, Robin Wright, Zhang Ziyi.

Le foto sono state scattate tra maggio e giugno del 2016 in cinque diversi luoghi: Berlino, New York, Los Angeles, Londra e Le Touquet, in Francia. Peter Lindbergh l'ha definito un calendario "emozionante". Il suo intento era quello di mostrare non tanto corpi perfetti (infatti sono visibili anche le rughe di queste bellissime attrici), ma "spogliare la loro anima, così da rendere questi ritratti più nudi del concetto stesso di nudo".

La bellezza fa questo, emoziona? Sì, anche secondo Steve McCurry: "E' una cosa che commuove e arricchisce, ed è ciò che rende la vita degna di essere vissuta", ha detto il grande fotografo americano (autore dell'edizione 2013 di "The Cal") facendo eco a Peter Lindbergh.

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

Oggi, attesa quella di Netflix dopo la chiusura dei mercati
AP

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ambasciatrice statunitense alle Nazioni Unite, Nikki Haley, ha detto che Washington spera di poter restare nell'accordo nucleare con l'Iran, ma che per farlo serve che il Congresso lo modifichi. "Penso che ci vedrete restare nell'accordo [...] Quello che speriamo è di poter migliorare la situazione" ha detto in un'intervista alla Nbc. "Questo è l'obiettivo. Ora siamo nell'accordo e vediamo come possiamo migliorarlo. Questo è l'obiettivo. Non quello di uscire dall'accordo. Stiamo solo cercando di rendere migliore la situazione in modo che gli americani si sentano più al sicuro".

Fmi alza le stime di crescita dell'Italia, disoccupazione sopra media Ue

"Appropriato" un aggiustamento fiscale graduale, ridurre cuneo fiscale. Dal nostro Paese il 30% degli Npl nell'Eurozona

Migliorano le prospettive del Fondo monetario internazionale non solo per l'economia mondiale ma anche per quella italiana, vista in crescita dell'1,5% quest'anno, tanto quanto il Giappone. Per il 2018 è atteso un +1,1%. E' quanto si legge nelle tabelle del World Economic Outlook, il rapporto sull'economia globale dell'Fmi redatto nell'ambito degli Annual Meetings che da giovedì entreranno nel vivo a Washington, Stati Uniti. Le stime per il 2017 sono state alzate dello 0,2% rispetto all'aggiornamento del Weo dello scorso luglio e dello 0,7% rispetto all'edizione del documento elaborata lo scorso aprile. Nel 2016 il nostro Paese aveva registrato un'espansione dello 0,9% e l'anno precedente dello 0,8%, ricorda l'Fmi.

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

La Casa Bianca torna a difendere la riforma fiscale presentata a grandi linee alla fine di settembre e che Donald trump conta di portare a casa entro la fine del 2017.

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

La storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine s'intitola "Why Are More American Teenagers Than Ever [Are] Suffering From Severe Anxiety?", riguarda il numero record di adolescenti che soffrono di pesanti stati d'ansia ed è la storia più letta della settimana sul sito nytimes.com.

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan

 Amazon entrerà nel mercato dell'abbigliamento sportivo con il proprio marchio. La società di Jeff Bezos, infatti, sta mettendo sotto contratto alcuni dei maggiori fornitori di abbigliamento sportivo per creare una propria linea, secondo le fonti di Bloomberg, preparando così il terreno per una nuova rivoluzione in un settore già in tumulto.

Aig: effetto uragani da tre miliardi di dollari

Il gruppo rischia di chiudere il terzo trimestre in perdita. Soffre nel dop mercato. Il Ceo: "catastrofi senza precedenti".
AP

A causa degli uragani che hanno colpito gli Stati Uniti e del terremoto che ha fatto tremare il Messico, American International Group subirà nel terzo trimestre una perdita al lordo delle imposte tar 2,9 e 3,1 miliardi di dollari. Lo ha comunicato il gruppo assicurativo americano.

Las Vegas: Paddock, giocatore da 1 milione di dollari a notte e Valium

L'autore della strage si raccontava nel 2013 in tribunale; gli investigatori alla ricerca di tracce per comprendere cosa abbia portato l'uomo a organizzare il piano che ha provocato la morte di 58 persone
AP

Era un giocatore compulsivo di videopoker, a cui si dedicava per tutta la notte, spendendo fino a un milione di dollari girando in ciabatte e tuta per i casinò di Las Vegas, e certe volte prendeva il Valium per controllare l'ansia. Così Stephen Paddock, l'autore della strage di Las Vegas di otto giorni fa, si descriveva in tribunale, nel 2013, durante una deposizione per una causa civile contro il Cosmopolitan Hotel.

Bannon va in guerra contro l'establishment repubblicano e predice: "Trump trionferà nel 2020"

Per l'ex stratega della Casa Bianca, il presidente "vincerà con 400 voti elettorali". "Faremo la guerra a tutti i repubblicani in carica, tranne Cruz"
AP

Donald Trump vincerà le elezioni del 2020 con "400 voti elettorali". La previsione è dell'ex stratega del presidente degli Stati Uniti, Stephen Bannon, che ha parlato al Values Voter Summit, un evento organizzato dai conservatori sociali a Washington. Si è trattato di una risposta a un articolo di Vanity Fair, secondo cui Bannon avrebbe detto in una conversazione privata che il presidente avrebbe solo "il 30%" di possibilità di finire il primo mandato. Per conquistare la Casa Bianca, servono 270 dei 538 voti elettorali (o 'grandi elettori') e, alle ultime elezioni, Trump ne ha ottenuti 304. Un altro ex componente della squadra di Trump, Sebastian Gorka, si è spinto oltre: gli otto anni di Trump saranno seguiti da "otto anni sotto il presidente [Mike] Pence", l'attuale vicepresidente.