Il capo dell'Fbi è in possesso di "informazioni esplosive" sui legami Trump-Russia?

E' quello che sostiene il leader dei democratici al Senato, Harry Reid, che accusa James Comey di avere compiuto un atto "di parte" nell'annunciare il ritrovamento di email legate a Clinton in un'indagine separata

Mentre il conto alla rovescia all'Election Day è iniziato, l'Fbi ha avviato l'analisi delle 650.000 email legate a Hillary Clinton e che - come emerso a sorpresa venerdì 28 ottobre - potrebbero essere rilevanti nell'ambito dell'indagine (chiusa a luglio senza alcuna incriminazione) riguardante l'uso di un account di posta elettronica e di un server privati da parte della stessa Clinton quando era segretario di Stato. La polizia federale ha ottenuto il mandato per passare al vaglio messaggi trovati nell'ambito di un'inchiesta separata, quella riguardante l'invio di sms piccanti da parte dell'ex deputato Anthony Weiner a una 15enne. E' sul computer di lui, condiviso con l'ex moglie nonché stretta alleata di Clinton (Huma Abedin), che quelle email sono state trovate. E mentre dentro l'Fbi e il dipartimento di Giustizia ci sono tensioni su come condurre le indagini legate alla candidata democratica, procuratori e agenti stanno cercando di analizzare più materiale possibile prima dell'8 novembre. Ci sono tuttavia forti dubbi che il loro lavoro possa essere completato prima della chiamata alle urne.

Ci vorranno settimane per capire quali email sono di lavoro, quali sono state già lette dall'Fbi essendo magari passate attraverso il server privato di Clinton e se contengono materiale top secret o comunque di una tale importanza da gettare sotto nuova luce l'indagine conclusa d'estate.

Intanto la campagna di Clinton cerca di sminuire l'importanza dell'analisi in corso da parte dell'Fbi, guardandosi bene dal dire che l'indagine chiusa a luglio è stata 'riaperta'. La strategia è invece quella di gettare dubbi sulla credibilità di James Comey, il repubblicano a capo dell'Fbi e la cui lettera al Congresso sul ritrovamento di email ha fatto scoppiare il putiferio. Harry Reid, il leader dei democratici al Senato, ipotizza che Comey abbia violato la legge. Non solo. Secondo Reid il capo dell'Fbi sta nascondendo "informazioni esplosive" sui "legami stretti e il coordinamento tra Donald Trump, i suoi consulenti e il governo russo".

In una lettera a Comey, Reid ha spiegato: "Ti ho scritto mesi fa chiedendo la pubblicazione di queste informazioni eppure continui a non informare il pubblico con questo materiale cruciale". Il senatore democratico accusa il capo della polizia federale di avere compiuto un "atto di parte" pensato per aiutare il candidato repubblicano annunciando appunto un nuovo colpo di scena sulle email di Clinton a pochi giorni dalle elezioni. Secondo lui ciò potrebbe violare la legge federale chiamata Hatch Act, che impedisce a funzionari pubblici di influenzare le elezioni.

L'attacco di Reid è arrivato mentre il vantaggio di Clinton su Trump si assottiglia. Almeno secondo il sondaggio condotto da Abc News e in base al quale l'ex segretario di Stato vanta il 46% contro il 45% di Trump in una corsa a quattro per la Casa Bianca. Una settimana prima Clinton aveva un vantaggio del 12%. Ma almeno 21 milioni di persone hanno già votato nel Paese e per loro la sorpresa di ottobre - il colpo di scena delle nuove email - ormai non ha alcun effetto.

Altri Servizi

A New York si celebra l'eredità italiana ma Cristoforo Colombo divide

Alcune associazioni italoamericane hanno boicottato l'evento del sindaco Bill de Blasio: non ha difeso le statue dell'esploratore dal destino incerto. Il suo ufficio: la statua non si tocca. L'ambasciatore Varricchio difende il personaggio storico

A New York City sono entrate nel vivo le celebrazioni legate all'eredità italiana nella città. Non senza divisioni. Sono molte le persone e le organizzazioni di italoamericani che ieri sera hanno boicottato l'evento organizzato alla Gracie Mansion, la villa sull'East River in cui vive il sindaco di turno, e che ogni anno segna l'inizio delle feste che dal 1970 culminano il secondo lunedì di ottobre con la parata che coincide con il Columbus Day. E' proprio l'esploratore Cristoforo Colombo la causa di quelle divisioni. Il sindaco di origini italiane Bill de Blasio non ha mai apertamente difeso le statue del personaggio storico, diventato controverso nell'America di Donald Trump. Per gli italoamericani è simbolo delle loro origini, per alcuni addirittura un eroe. Per altri il genovese è visto come un conquistatore che ha iniziato a schiavizzare e uccidere i nativi del Nordamerica.

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Stephen Paddock, l'autore della peggiore sparatoria nella storia moderna Usa, ha sparato a una guardia sei minuti prima di aprire il fuoco sulla folla riunitasi il primo ottobre scorso a Las Vegas per un concerto. La guardia stava reagendo a un allarme scattato e che segnalava che una porta era rimasta aperta sullo stesso piano dell'albergo dove si trovava la stanza di Paddock. Lo ha spiegato in conferenza stampa lo sceriffo Joseph Lombardo. E' lui ad avere fornito una nuova tempistica di quella serata tragica nella quale si esclude ancora il coinvolgimento di un secondo killer così come un legame con organizzazioni terroristiche internazionali.

Las Vegas, quattro giorni e nessuna risposta sui motivi di Paddock

Gli investigatori alla ricerca di una pista da seguire, ma l'autore della strage non ha lasciato messaggi e non ha effettuato telefonate. Sembra che avesse ipotizzato di compiere un attacco a Boston o a Chicago
AP

L'uomo che uccise 49 persone in un nightclub di Orlando, lo scorso anno, aveva giurato fedeltà all'Isis; il cecchino che ammazzò cinque poliziotti a Dallas disse che il suo obiettivo era di colpire persone bianche; l'uomo che attaccò una chiesa frequentata da afroamericani a Charleston aveva pubblicato online un manifesto razzista. Uno dopo l'altro, gli autori delle sparatorie di massa negli Stati Uniti hanno fornito, direttamente o indirettamente, i motivi delle loro azioni.

Primo calo posti lavoro Usa da settembre 2010, ma disoccupazione a minimo da 2001

Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo.
Shutterstock

In settembre le aziende americane hanno visto calare i posti di lavoro per la prima volta da settembre 2010, mettendo fine a sette anni di fila di crescita costante dell'occupazione. Il ribasso è principalmente dovuto agli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito Texas e Florida tra agosto e settembre. Secondo gli esperti si tratta di un rallentamento temporaneo. Il tasso di disoccupazione è calato più delle stime.

La battaglia per difendere Colombo è appena iniziata a New York

Il comitato "Giù le mani da Colombo" vuole proteggere statue e festa
David Guralnick/Detroit News via AP

Trump, primo passo verso l'abrogazione dell'Obamacare: ora meno regole per le polizze assicurative

Il presidente ha firmato un ordine esecutivo, con cui apre la strada a un ritorno a vecchie regole
AP

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Trump: "Voglio aiutare i Dreamers, ma in cambio pretendo il muro"

Gli immigrati irregolari arrivati da bambini sono in un limbo, dopo la fine del Daca, voluta dal presidente
iStock

JPMorgan batte stime su utile e fatturato, ma giro d'affari da trading delude

Nei tre mesi a settembre, la banca newyorkese, maggiore negli Stati Uniti per asset, ha riportato profitti netti per 6,732 miliardi di dollari, 1,76 dollari per azione, in rialzo del 7%. Il giro d'affari gestito è aumentato del 3% a 26,2 miliardi.
AP

Wall Street, comincia la stagione delle trimestrali delle banche

Oggi in programma quelle di JpMorgan e Citigroup
AP