Il capo dell'Fbi è in possesso di "informazioni esplosive" sui legami Trump-Russia?

E' quello che sostiene il leader dei democratici al Senato, Harry Reid, che accusa James Comey di avere compiuto un atto "di parte" nell'annunciare il ritrovamento di email legate a Clinton in un'indagine separata

Mentre il conto alla rovescia all'Election Day è iniziato, l'Fbi ha avviato l'analisi delle 650.000 email legate a Hillary Clinton e che - come emerso a sorpresa venerdì 28 ottobre - potrebbero essere rilevanti nell'ambito dell'indagine (chiusa a luglio senza alcuna incriminazione) riguardante l'uso di un account di posta elettronica e di un server privati da parte della stessa Clinton quando era segretario di Stato. La polizia federale ha ottenuto il mandato per passare al vaglio messaggi trovati nell'ambito di un'inchiesta separata, quella riguardante l'invio di sms piccanti da parte dell'ex deputato Anthony Weiner a una 15enne. E' sul computer di lui, condiviso con l'ex moglie nonché stretta alleata di Clinton (Huma Abedin), che quelle email sono state trovate. E mentre dentro l'Fbi e il dipartimento di Giustizia ci sono tensioni su come condurre le indagini legate alla candidata democratica, procuratori e agenti stanno cercando di analizzare più materiale possibile prima dell'8 novembre. Ci sono tuttavia forti dubbi che il loro lavoro possa essere completato prima della chiamata alle urne.

Ci vorranno settimane per capire quali email sono di lavoro, quali sono state già lette dall'Fbi essendo magari passate attraverso il server privato di Clinton e se contengono materiale top secret o comunque di una tale importanza da gettare sotto nuova luce l'indagine conclusa d'estate.

Intanto la campagna di Clinton cerca di sminuire l'importanza dell'analisi in corso da parte dell'Fbi, guardandosi bene dal dire che l'indagine chiusa a luglio è stata 'riaperta'. La strategia è invece quella di gettare dubbi sulla credibilità di James Comey, il repubblicano a capo dell'Fbi e la cui lettera al Congresso sul ritrovamento di email ha fatto scoppiare il putiferio. Harry Reid, il leader dei democratici al Senato, ipotizza che Comey abbia violato la legge. Non solo. Secondo Reid il capo dell'Fbi sta nascondendo "informazioni esplosive" sui "legami stretti e il coordinamento tra Donald Trump, i suoi consulenti e il governo russo".

In una lettera a Comey, Reid ha spiegato: "Ti ho scritto mesi fa chiedendo la pubblicazione di queste informazioni eppure continui a non informare il pubblico con questo materiale cruciale". Il senatore democratico accusa il capo della polizia federale di avere compiuto un "atto di parte" pensato per aiutare il candidato repubblicano annunciando appunto un nuovo colpo di scena sulle email di Clinton a pochi giorni dalle elezioni. Secondo lui ciò potrebbe violare la legge federale chiamata Hatch Act, che impedisce a funzionari pubblici di influenzare le elezioni.

L'attacco di Reid è arrivato mentre il vantaggio di Clinton su Trump si assottiglia. Almeno secondo il sondaggio condotto da Abc News e in base al quale l'ex segretario di Stato vanta il 46% contro il 45% di Trump in una corsa a quattro per la Casa Bianca. Una settimana prima Clinton aveva un vantaggio del 12%. Ma almeno 21 milioni di persone hanno già votato nel Paese e per loro la sorpresa di ottobre - il colpo di scena delle nuove email - ormai non ha alcun effetto.

Altri Servizi

Charlottesville, bufera su Trump. "Le sue parole sono insufficienti"

"Chiami il male col suo nome", repubblicani e democratici uniti contro il presidente

In quasi sette mesi di presidenza Donald Trump ha dimostrato di non aver alcun timore ad esprimere le proprie opinioni, per quanto a volte possano essere impopolari. Ci sono però degli argomenti su cui "The Donald" sembra essere più riflessivo, o quanto meno più attento, nel modo di esprimersi.

Google licenzia dipendente sessista, WikiLeaks gli offre un lavoro

Per il fondatore del sito, Julian Assange, "La censura è per perdenti"

WikiLeaks ha offerto un posto di lavoro al dipendente licenziato da Google per avere "perpetrato stereotipi di genere" con un memo in cui sosteneva che le donne non erano fatte per diventare ingegneri e per assumere ruoli di leadership nel mondo tech.

Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.

Snapchat delude ancora: perdita trimestrale quasi quadruplicata

Ricavi +153% non soddisfano gli analisti; male anche la crescita degli utenti

Con la sua seconda trimestrale dall'Ipo del 2 marzo scorso, Snap ha deluso. Di nuovo. E' il segno di come la competizione data da Facebook con la app rivale Instagram continui a pesare. La controllante di Snapchat ha messo a segno una perdita quasi quadruplicata, ricavi inferiori alle attese e la crescita degli utenti non ha convinto cos" come le vendite generate per ogni utente. Per questo il titolo è arrivato a cedere oltre il 14% nel dopo mercato (dopo la sua prima trimestrale da azienda quotata aveva perso più del 23%). La seduta era finita in rialzo dell'1,6% a 13,77 dollari, sotto i 17 dollari del prezzo di collocamento.

Charlottesville, la Casa Bianca prova a spegnere le polemiche contro Trump

Una nota ha fatto chiarezza sostenendo che il il presidente "condanna tutti, anche i suprematisti bianchi"

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, condanna "tutte le forme di violenza", incluse quelle dei suprematisti bianchi, dei neonazisti, del Kkk e di tutti i gruppi estremisti. Questo il senso della nota rilasciata dalla Casa Bianca per cercare di fare chiarezza dopo le polemiche arrivate da più parti nei confronti del presidente Trump, accusato di non aver condannato esplicitamente la violenza dei suprematisti bianchi a Charlottesville, Virginia, dove sono morte tre persone e 35 sono rimaste ferite.

David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

Trump alla Corea del Nord: le "soluzioni militari" sono pronte

Continuano le minacce del presidente Usa. La Cina intanto mette in guardia Pyongyang: se agisce contro gli Usa, si ritroverà da sola. Anche Washington avvertita: no a cambio di regime. Avanti con esercitazione Usa-Seul

Donald Trump non abbassa il tiro contro la Corea del Nord e, anzi, rinnova la determinazione degli Stati Uniti ad agire se Kim Jong Un si comporterà in modo sconsiderato. "Le soluzioni militari sono ora pienamente allestite, caricate e pronte a colpire, nel caso in cui la Corea del Nord dovesse agire in modo dissennato. Speriamo che Kim Jong Un troverà un'altra strada".

Wall Street verso il rimbalzo, tensioni Usa-Corea del Nord allentate

Dopo avere archiviato una settimana in calo, gli indici si preparano a un rimbalzo
AP

Altro terremoto in Uber: il più grande socio fa causa al Ceo cacciato

Kalanick è accusato di avere ancora troppo controllo sul gruppo di cui è co-fondatore e di avere nascosto informazioni al cda, di cui fa parte. Intanto continua la fuga di top manager: se ne va il primo dipendente e Ceo dell'azienda

Nel giorno in cui il primo dipendente e Ceo di Uber ha detto che avrebbe lasciato i suoi incarichi operativi, preferendo concentrarsi sul suo lavoro da membro del cda, il più granze azionista del gruppo ha fatto causa contro il co-fondatore  a cui aveva passato il timore della società e che poi è stato costretto ad andarse per via di una leadership controversa e di problemi nella cultura (sessista) del gruppo: Travis Kalanick. Per questo il socio intende cacciarlo dal consiglio di amministrazione dell'azienda di cui ancora fa parte anche se non è più Ceo.

Trump vuole inchiesta su furti proprietà intellettuale da parte della Cina

Pechino risponde: non ci sarebbero vincitori in una guerra commerciale. La mossa del presidente Usa mentre cerca dalla nazione asiatica un maggiore pressing sulla Corea del Nord
AP

Donald Trump alza il tiro contro la Cina su tecnologia e proprietà intellettuale. Come ha fatto sapere la Casa Bianca, il presidente firmerà oggi, alle 21 italiane, un memorandum che riguarda pratiche, politiche e leggi cinesi, con particolare attenzione alle tematiche collegate appunto a innovazione, tecnologia e proprietà intellettuale. Così l'amministrazione americana intende rispondere a presunti furti di proprietà intellettuali, aumentando le pressioni su Pechino in quella che potrebbe trasformarsi in una rappresaglia commerciale in un momento in cui Washington vorrebbe dalla Cina maggiore collaborazione nella gestione della crisi nucleare nordcoreana.