Il capo dell'Fbi è in possesso di "informazioni esplosive" sui legami Trump-Russia?

E' quello che sostiene il leader dei democratici al Senato, Harry Reid, che accusa James Comey di avere compiuto un atto "di parte" nell'annunciare il ritrovamento di email legate a Clinton in un'indagine separata

Mentre il conto alla rovescia all'Election Day è iniziato, l'Fbi ha avviato l'analisi delle 650.000 email legate a Hillary Clinton e che - come emerso a sorpresa venerdì 28 ottobre - potrebbero essere rilevanti nell'ambito dell'indagine (chiusa a luglio senza alcuna incriminazione) riguardante l'uso di un account di posta elettronica e di un server privati da parte della stessa Clinton quando era segretario di Stato. La polizia federale ha ottenuto il mandato per passare al vaglio messaggi trovati nell'ambito di un'inchiesta separata, quella riguardante l'invio di sms piccanti da parte dell'ex deputato Anthony Weiner a una 15enne. E' sul computer di lui, condiviso con l'ex moglie nonché stretta alleata di Clinton (Huma Abedin), che quelle email sono state trovate. E mentre dentro l'Fbi e il dipartimento di Giustizia ci sono tensioni su come condurre le indagini legate alla candidata democratica, procuratori e agenti stanno cercando di analizzare più materiale possibile prima dell'8 novembre. Ci sono tuttavia forti dubbi che il loro lavoro possa essere completato prima della chiamata alle urne.

Ci vorranno settimane per capire quali email sono di lavoro, quali sono state già lette dall'Fbi essendo magari passate attraverso il server privato di Clinton e se contengono materiale top secret o comunque di una tale importanza da gettare sotto nuova luce l'indagine conclusa d'estate.

Intanto la campagna di Clinton cerca di sminuire l'importanza dell'analisi in corso da parte dell'Fbi, guardandosi bene dal dire che l'indagine chiusa a luglio è stata 'riaperta'. La strategia è invece quella di gettare dubbi sulla credibilità di James Comey, il repubblicano a capo dell'Fbi e la cui lettera al Congresso sul ritrovamento di email ha fatto scoppiare il putiferio. Harry Reid, il leader dei democratici al Senato, ipotizza che Comey abbia violato la legge. Non solo. Secondo Reid il capo dell'Fbi sta nascondendo "informazioni esplosive" sui "legami stretti e il coordinamento tra Donald Trump, i suoi consulenti e il governo russo".

In una lettera a Comey, Reid ha spiegato: "Ti ho scritto mesi fa chiedendo la pubblicazione di queste informazioni eppure continui a non informare il pubblico con questo materiale cruciale". Il senatore democratico accusa il capo della polizia federale di avere compiuto un "atto di parte" pensato per aiutare il candidato repubblicano annunciando appunto un nuovo colpo di scena sulle email di Clinton a pochi giorni dalle elezioni. Secondo lui ciò potrebbe violare la legge federale chiamata Hatch Act, che impedisce a funzionari pubblici di influenzare le elezioni.

L'attacco di Reid è arrivato mentre il vantaggio di Clinton su Trump si assottiglia. Almeno secondo il sondaggio condotto da Abc News e in base al quale l'ex segretario di Stato vanta il 46% contro il 45% di Trump in una corsa a quattro per la Casa Bianca. Una settimana prima Clinton aveva un vantaggio del 12%. Ma almeno 21 milioni di persone hanno già votato nel Paese e per loro la sorpresa di ottobre - il colpo di scena delle nuove email - ormai non ha alcun effetto.

Altri Servizi

Trump: "Pace possibile in Medio Oriente, fermare l'Iran"

Il presidente statunitense ha concluso la sua visita in Israele. Non ha parlato né di 'soluzione dei due Stati', sostenuta dai palestinesi, né del riconoscimento di Gerusalemme come capitale dello Stato ebraico
iStock

"Gli Stati Uniti, con me, saranno sempre dalla parte di Israele". Il presidente Donald Trump ha concluso la sua storica visita nello Stato ebraico riaffermando il legame tra i due Paesi, la volontà di contribuire al raggiungimento della pace tra israeliani e palestinesi e puntando il dito contro il più grande nemico in comune: l'Iran.

Trump, Opec e Fed: la settimana economica in arrivo

I principali appuntamenti di questa settimana
AP

Nella settimana in arrivo gli investitori guarderanno con la massima attenzione tre eventi: il viaggio del presidente americano in Medio Oriente e in Europa, le minute della Fed di mercoledì e infine l'incontro di giovedì a Vienna tra i Paesi Opec.

Trump: assoluta solidarietà al Regno Unito, i terroristi perdenti malvagi

Il presidente Usa ha commentato da Betlemme l'attentato di Manchester
AP

Mentre in Usa sono aumentate le misure di sicurezza, Donald Trump ha espresso "assoluta solidarietà" al Regno Unito dopo l'attentato a Manchester, costato la vita a 22 persone. Il presidente statunitense, che ha parlato al fianco del presidente palestinese Abu Mazen a Betlemme, ha definito "perdenti malvagi" gli autori di questo ultimo attentato e in generale chi compie atti terroristici: "Non li chiamerò mostri perchè a loro farebbe piacere - ha detto - da ora in poi li chiamerò perdenti malvagi, perchè questo sono, dei perdenti, ricordatelo".

Russiagate: i repubblicani si allontanano da Trump

Nonostante non lo facciano ancora in modo esplicito si vedono i primi segnali di tensione. Al centro del malessere il tentativo del presidente di influenzare l'inchiesta sulla Russia

I repubblicani hanno preso ancor più le distanze dal presidente Donald Trump, a causa delle prove sempre più schiaccianti che potrebbe aver cercato di interferire nell'indagine federale sui rapporti tra l'intelligence russa e la sua campagna elettorale nelle elezioni del 2016.

Violate leggi su emissioni: Usa fanno causa contro Fca, che non è VW

E' accusata di avere usato un 'defeat device', tesi respinta dal gruppo "contrariato". L'azienda continuerà a collaborare con le autorità per risolvere le loro preoccupazioni in modo rapido e amichevole
Fca

E' ufficiale. Gli Stati Uniti hanno fatto causa a Fiat Chrysler Automobiles per avere violato le leggi sulle emissioni Usa e il gruppo si dice "contrariato" promettendosi di difendersi "con forza" soprattutto dall'accusa di avere usato lo stesso software per cui la tedesca Volkswagen ha dovuto fare un mea culpa per 11 milioni di veicoli e chiudere uno scandalo costato oltre 20 miliardi di dollari. C'è però una differenza tra i due gruppi: le autorità americane non hanno detto - diversamente dal caso tedesco - che Fca abbia deliberatamente usato il cosiddetto defeat device per barare nei test di laboratorio. Se VW si era detto colpevole, Fca ha sempre sostenuto di non avere avuto alcuna intenzione di barare. Questa sottile ma significativa differenza implica che le accuse contro il gruppo italo americano sono meno pesanti di quelle mosse contro la rivale tedesca.

Wall Street, si va verso il quarto giorno di rialzi

Il rialzo di ieri ha riportato in positivo il mese di maggio per S&P e Nasdaq
AP

Riparare l’iPhone da sé? Apple è contraria

Il gruppo sta lottando contro una proposta di legge che obbligherebbe i produttori di dispositivi elettronici a rilasciare informazioni utili per la riparazione

Apple non vuole che i suoi consumatori possano essere liberi di aggiustare autonomamente i propri iPhone. Il gruppo tecnologico, così come aziende del calibro di J&J, Toyota e Verizon, stanno unendo le forze in attività di lobby per ostacolare una proposta di legge che le forzerebbe a rendere disponibili le informazioni utili per riparare dispositivi elettronici per conto proprio o con l’aiuto di parti terze.

Meno aiuti ai poveri, più soldi alla Difesa: il budget di Trump

L'amministrazione statunitense ha presentato il suo piano, con tagli pari a 3.600 miliardi in dieci anni. Ma le sue proposte, in Congresso, hanno pochi estimatori

Budget 2018 di Trump: meno aiuti ai poveri, più spese militari

Oggi l'amministrazione presenterà la propria proposta. Tagli per 800 miliardi in dieci anni per il Medicaid
AP

Il prossimo movimento populista? Per Bank of America può essere “Occupy Silicon Valley”

La banca traccia un parallelo con il movimento che nel 2011 voleva ‘occupare’ Wall Street: cresce il divario tra gli americani che si sentono economicamente indietro e la corsa dei giganti tech
iStock