Il capo dell'Fbi è in possesso di "informazioni esplosive" sui legami Trump-Russia?

E' quello che sostiene il leader dei democratici al Senato, Harry Reid, che accusa James Comey di avere compiuto un atto "di parte" nell'annunciare il ritrovamento di email legate a Clinton in un'indagine separata

Mentre il conto alla rovescia all'Election Day è iniziato, l'Fbi ha avviato l'analisi delle 650.000 email legate a Hillary Clinton e che - come emerso a sorpresa venerdì 28 ottobre - potrebbero essere rilevanti nell'ambito dell'indagine (chiusa a luglio senza alcuna incriminazione) riguardante l'uso di un account di posta elettronica e di un server privati da parte della stessa Clinton quando era segretario di Stato. La polizia federale ha ottenuto il mandato per passare al vaglio messaggi trovati nell'ambito di un'inchiesta separata, quella riguardante l'invio di sms piccanti da parte dell'ex deputato Anthony Weiner a una 15enne. E' sul computer di lui, condiviso con l'ex moglie nonché stretta alleata di Clinton (Huma Abedin), che quelle email sono state trovate. E mentre dentro l'Fbi e il dipartimento di Giustizia ci sono tensioni su come condurre le indagini legate alla candidata democratica, procuratori e agenti stanno cercando di analizzare più materiale possibile prima dell'8 novembre. Ci sono tuttavia forti dubbi che il loro lavoro possa essere completato prima della chiamata alle urne.

Ci vorranno settimane per capire quali email sono di lavoro, quali sono state già lette dall'Fbi essendo magari passate attraverso il server privato di Clinton e se contengono materiale top secret o comunque di una tale importanza da gettare sotto nuova luce l'indagine conclusa d'estate.

Intanto la campagna di Clinton cerca di sminuire l'importanza dell'analisi in corso da parte dell'Fbi, guardandosi bene dal dire che l'indagine chiusa a luglio è stata 'riaperta'. La strategia è invece quella di gettare dubbi sulla credibilità di James Comey, il repubblicano a capo dell'Fbi e la cui lettera al Congresso sul ritrovamento di email ha fatto scoppiare il putiferio. Harry Reid, il leader dei democratici al Senato, ipotizza che Comey abbia violato la legge. Non solo. Secondo Reid il capo dell'Fbi sta nascondendo "informazioni esplosive" sui "legami stretti e il coordinamento tra Donald Trump, i suoi consulenti e il governo russo".

In una lettera a Comey, Reid ha spiegato: "Ti ho scritto mesi fa chiedendo la pubblicazione di queste informazioni eppure continui a non informare il pubblico con questo materiale cruciale". Il senatore democratico accusa il capo della polizia federale di avere compiuto un "atto di parte" pensato per aiutare il candidato repubblicano annunciando appunto un nuovo colpo di scena sulle email di Clinton a pochi giorni dalle elezioni. Secondo lui ciò potrebbe violare la legge federale chiamata Hatch Act, che impedisce a funzionari pubblici di influenzare le elezioni.

L'attacco di Reid è arrivato mentre il vantaggio di Clinton su Trump si assottiglia. Almeno secondo il sondaggio condotto da Abc News e in base al quale l'ex segretario di Stato vanta il 46% contro il 45% di Trump in una corsa a quattro per la Casa Bianca. Una settimana prima Clinton aveva un vantaggio del 12%. Ma almeno 21 milioni di persone hanno già votato nel Paese e per loro la sorpresa di ottobre - il colpo di scena delle nuove email - ormai non ha alcun effetto.

Altri Servizi

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

Kraft Heinz fa un passo indietro, ritirata l’offerta di acquisto per Unilever

L’operazione, valutata 143 miliardi di dollari avrebbe creato un colosso da

Kraft Heinz, gruppo agroalimentare statunitense, ha accettato "amichevolmente" di ritirare la sua offerta d'acquisto per il gigante anglo-olandese Unilever. L’annuncio è stato dato dai due gruppi in un comunicato congiunto.

McCain difende la stampa e attacca ancora Trump: "È così che iniziano i dittatori"

Il senatore repubblicano è stato intervistato a Meet the Press, su Nbc

Il senatore repubblicano, John McCain, è intervenuto in difesa della stampa e ha attaccato nuovamente Donald Trump che, dopo i vari scontri delle ultime settimane con i giornalisti, aveva definito su Twitter i media statunitensi "nemici degli americani". Parole durissime, che hanno creato spaccature anche fra i suoi uomini con il segretario alla Difesa, John Mattis, che ha preso le distanze dal presidente. ''Sono preoccupato'', ha invece dichiarato McCain che ha poi tuonato sostenendo che è cos" che iniziano e hanno iniziato tutti i dittatori.

"La vita è una campagna", il ritorno di Donald Trump alla sua "comfort zone"

Il presidente americano ha arringato i suoi sostenitori in Florida sullo stile della sua campagna elettorale

Gli Usa dicono addio a Norma McCorvey, l'attivista "accidentale" che aprì la strada alla legalizzazione dell'aborto

Nota come Jane Roe, si è spenta all’età di 69 anni per un problema al cuore

Il profumo di Ivanka Trump è al primo posto su Amazon

Dopo la decisione di Nordstrom di non vendere più i prodotti della figlia del presidente Usa, sono aumentati gli acquisti sul sito di e-commerce

Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo
Il 44esimo presidente degli Usa, Barack Obama, riceve la canottiera delle Huskies e un pallone commemorativo

La Cina pronta a lavorare con Trump. E dalla stampa locale arrivano le prime lodi

Faccia a faccia Wang-Tillerson al vertice dei ministri degli Esteri a Bonn. Da un'analisti del Global Times, testata cinese dell'ala conservatrice del Partito comunista, emerge la soddisfazione di Pechino

Pence: "L'impegno degli Stati Uniti nella Nato è incrollabile, ma gli alleati facciano di più"

Il vicepresidente degli Stati Uniti è a Monaco di Baviera, dove è in corso la Conferenza per la Sicurezza. Washington vuole cercare un "nuovo terreno comune" con la Russia, ma Mosca deve rispettare gli accordi di Minsk

Azionario da record grazie a Trump ma i rialzi sono stati migliori con altri presidenti Usa

Nel primo mese con il miliardario alla Casa Bianca, Dj +4,02%: è la migliore performance dal 1945; S&P 500 +3,5%: rialzo maggiore dal 1997
AP