Il cinema italiano a caccia di produttori americani

Obiettivo: internazionalizzazione, anche per fare tornare Roma la Hollywood sul Tevere. Il regista Paolo Genovese: "Esportare un film significa esportare l'Italia"

Fare tornare Roma la Hollywood sul Tevere attraendo in Italia i produttori americani ma anche creando partnership ed esportando il cinema e l'audivisivo del nostro Paese. E' questo l'obiettivo che ha portato il Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac) e Ice Audiovisivo a mettere a punto un piano di investimenti per il 2019 che preve una serie di attività in Usa. Quel piano, volto appunto all’internazionalizzazione del settore audiovisivo Made in Italy, è stato presentato ieri dai vertici del settore italiano presso la sede a New York dell’Agenzia ICE di New York guidata da Maurizio Forte.

Roberto Stabile, coordinatore Desk Audiovisvo ICE, ha descritto "le tre via di collaborazione" con gli americani a cui si punta: "Il sostegno e il supporto al piazzamento del prodotto italiano finito, lo sviluppo di coproduzioni" che chiamano in causa creativi e imprenditori italiani per progetti da sviluppare in comune, e "l'attrazione in Italia di produzioni di straniere". Stabile ha sottolineato che "il cinema italiano ha dato tanto al cinema americano e all'industria dell'audiovisivo in generale. Negli ultimi anni abbiamo un po' trascurato questo partner importante" ma ora l'Italia si può presentare "a testa alta e alla pari".

Chiara Sbarigia, direttore generale APT, ha posto l'accento sulle serie televisive "di grande rinascita e proiezione nel mercato internazionale" come "Medici", "Il nome della rosa", "Gomorra" e "L'Amica geniale". Si spera sulla "buona accoglienza da parte dei nostri partner americani" e che "i nuovi dispostitivi legislativi come i crediti fiscali attraggano sempre di più le imprese Usa a venire a girare in Italia". E siccome le partnership si basano anche sui contenuti, "speriamo che i contenuti italiani abbiamo valore anche per l'audience americane".

Il regista Paolo Genovese, ha spiegato al pubblico che "un film è veramente internazionale quando è in grado di parlare a tutti partendo però dalla propria realtà". Per lui, ambasciatore del cinema italiano nel mondo, serve "distribuire il prodotto italiano nel mercato statunitense" sfruttando un fatto: "L'Italia va di moda. Alle proiezioni italiane c'è sempre il sold-out. C'è attenzione, sensibilità, benevolenza verso la nostra cultura". Ecco perché serve potenziarne l'internazionalizzazione. Per il regista "esportare un film significa esportare l'Italia perché dentro un nostro film c'è il nostro design, la nostra cucina, la nostra moda, le nostre automobili. L'esportazione non è solo di un genere, il cinema, ma anche del prodotto Italia". Lui è testimonial di questo: dalla West Coast è stato chiamato per realizzare remake del suo "Perfetti Sconosciuti". Inoltre, dopo avere pubblicato con Eunaudi il libro "Il primo giorno della mia vita" scritto e ambientato a Manhattan, ora "con Medusa stiamo mettendo su una coproduzione per un film che verrà girato a Manhattan". A prescindere da questo, lui non ha dubbi: "Penso che il mio prossimo film, non so quale sarà, avrrà la bandiera italiana e americana".

Intanto vengono preparate le iniziative previste dal piano italiano in Usa. Tra di esse figura il "Kidscreen Summit" di Miami (Florida), in calendario dall’11 al 14 febbraio e considerato il più importante evento annuale del settore dell'intrattenimento per bambini. Per questa edizione 2019, sarà allestito un grande padiglione che accoglierà le principali imprese di animazione italiane.

A seguire, il 27 febbraio, il mondo della televisione italiana incontrerà Hollywood. A Los Angeles (California), in collaborazione con l'Associazione Produttori Televisivi Italiani, l'Ice organizzerà un incontro tra le principali imprese di produzione tv italiane e le controparti americane al Paley Center For Media.

Dal 6 al 13 novembre prossimi, sempre in California (a Santa Monica) si terrà "American Film Market", il principale evento di mercato audiovisivo al mondo. Là si ripeterà la ormai consueta Lounge Italia, che accoglie e supporta i principali venditori di prodotto audiovisivo italiano.

Altri Servizi

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Ricominciati i negoziati dopo quasi due mesi
AP

Google investe 3 mld di euro in data center in Europa

Lancia anche 10 progetti di energie rinnovabili da 1 miliardo di euro

Nei prossimi due anni Google investirà 3 miliardi di euro in data center sparsi in Europa portando a 15 miliardi gli euro investiti dal 2007 nelle infrastrutture internet europee. Lo ha annunciato la controllata di Alphabet, precisando che altri 600 milioni di euro verranno investiti nel 2020 per espandere la presenza di data center a Hamina, in Finlandia, dove il totale investito dal 2009 raggiungerà i due miliardi.

Trump ha chiesto all'Ucraina di indagare sul figlio di Biden

Secondo il Wsj il presidente americano ha fatto "ripetutamente" pressioni su Zelensky affinchè la giustizia di Kiev indagasse Hunter Biden
ap

Il presidente americano Donald Trump avrebbe "ripetutamente" fatto pressioni sul suo omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, affinché la giustizia di Kiev aprisse un’indagine sul figlio di Joe Biden. Lo scrive il Wall Street Journal citando fonti informate sui fatti secondo cui, nel corso di una telefonata avvenuta lo scorso luglio, il Tycoon avrebbe chiesto a Zelensky per ben "otto volte" di lavorare con il suo legale personale, Rudolph Giuliani, sull’inchiesta contro Hunter Biden. Come ricordano i media americani il figlio di Biden è un uomo d’affari che ha lavorato per una società energetica ucraina.

La Fed intensifica le iniezioni di liquidità nel mercato monetario

Operazioni repo da 75 mld di dollari al giorno fino al 10 ottobre.

La Federal Reserve di New York ha annunciato che ogni giorno fino al prossimo 10 ottobre compierà iniezioni di liquidità nel mercato monetario statunitense da "almeno" 75 miliardi di dollari l'una. Si tratta del valore massimo offerto negli ultimi quattro giorni, oggi incluso, in operazioni overnight.

Amazon: svolta verde per Bezos

Investe 440 milioni di dollari in Rivian, a cui ordina 100mila furgoni elettrici per le consegne. Entro il 2040 conta di non produrre emissioni, 10 anni prima del target dell'accordo di Parigi sul clima
Amazon

Svolta verde in Amazon. Il Ceo del colosso americano del commercio elettronico ha annunciato un piano per affrontare il cambiamento climatico. E ha annunciato un'iniziativa rivolta ad altre aziende.

Walgreens primo retailer Usa a effettuare consegne con droni

Test insieme a controllata di Alphabet. Si comincia da una città della Virginia
Walgreens

Walgreens Boots Alliance, il colosso della distribuzione farmaceutica guidato da Stefano Pessina, sta per diventare il primo retailer americano a testare consegne con droni. Come spiegato in un comunicato, il gruppo intende consegnare nel giro di pochi minuti i prodotti ordinati dai suoi clienti e per farlo ha unito le forze con Alphabet (e la sua divisione Wing Aviation). Si comincerà il mese prossimo da Christiansburg, in Virginia.

Walmart ferma la vendita di sigarette elettroniche nei suoi store americani

La decisione è stata presa per via delle incertezze sui reali danni per la salute che la e-cigarette può causare
iStock

Il colosso della grossa distribuzione Walmart ha annunciato che smetterà di vendere sigarette elettroniche nei suoi store americani per via dell’enorme incertezza sui reali danni alla saluta che la e-cigarette può causare. "Date le crescenti complessità e incertezza che circondano la regolamentazione delle sigarette elettroniche a livello federale, statale e locale, smetteremo di vendere prodotti elettronici contenenti nicotina nei siti statunitensi di Walmart e Sam's Club", ha dichiarato l’azienda in una nota in cui ha specificato che le attuali scorte rimarranno sugli scaffali fino a esaurimento.

Wall Street cauta dopo il taglio dei tassi deciso della Fed

Dati in programma: sussidi di disoccupazione, vendite di case esistenti, superindice economico
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, che domani comunicherà le sue decisioni sul taglio dei tassi
AP

La Fed taglia i tassi ma è divisa, Powell tenta di tranquillizzare

Rotta costo del denaro "non è predefinita". Esclude recessione. Pronto a intervenire di nuovo nel mercato monetario dopo due iniezioni di liquidità. Ventilato un QE4? Trump lo attacca: "Non ha fegato"
AP