Il design italiano per la cucina alla conquista di Brooklyn

A Williamsburg ha aperto il primo store del gruppo Sambonet Paderno

La cucina italiana sta conquistando New York. E non solo, come sembra quasi scontato dire, in termini di cibo, ma anche in materia di stile. A Williamsbug, il quartiere più "hip" di Brooklyn, ha appena aperto un nuovo store dedicato a tre marchi di utensili e arredo su cui svetta l'insegna Cucina&Tavola. Il negozio è il primo punto vendita americano del gruppo Sambonet Paderno insieme a Rosenthal Usa, la divisione americana del marchio tedesco delle porcellane.

"Per me Williamsburg si sposa bene con il nostro brand perché è giovane e pieno di ristoranti", ha spiegato l'amministratore delegato di Rosenthal&SAmbonet Usa Andrea Vianello. E poi aprire fuori dal centro è un grande risparmio e permette di farsi le ossa. "Questo è il negozio pilota e non volevamo bruciarci a Manhattan", ha aggiunto. Il suo gruppo punta ad espandersi nel bacino di New York dove vivono 25 milioni di persone. " Ci interessa anche il New Jersey", ha chiarito Vianello.

Cucina&Tavola è stato accolto con entusiasmo dal quartiere. "I proprietari del locale ci hanno molto aiutato, anche venendoci incontro con l'affitto", ha detto Vianello, spiegando che l'investimento iniziale è stato di 250 mila dollari. "In generale tutta la strada [Grand Street] ci ha accolto bene, d'altronde contribuiamo a rilanciare l'attività commerciale della zona". Il negozio ha aperto le porte a metà dicembre e per ora - racconta ancora Vianello - la maggior parte della clientela è stata americana. "I turisti comunque non mancano, gli europei cercano in particolare porcellane e bicchieri di Rosenthal, dato che a loro conviene comprare in dollari", ha precisato.

Altri Servizi

Procter & Gamble ha chiuso un trimestre con utili superiori alle stime e vendite organiche forti, cosa che ha spinto il colosso dei beni al consumo ad alzare il suo outlook.

Shutdown: Pelosi blocca il discorso sullo stato dell'unione, Trump pensa a evento "alternativo"

Continua il duello tra la leader della maggioranza democratica al Congresso e il presidente americano
Ap

Il duello a colpi di lettere tra la speaker democratica alla Camera Usa e il presidente americano non sembra terminare. Nancy Pelosi ha nuovamente scritto a Donald Trump spiegando che non autorizzerà il discorso sullo stato dell'unione che lo stesso Trump vuole tenere il prossimo 29 gennaio.

Shutdown e Russia, sempre più americani bocciano Trump

Sondaggio di Politico: il 57% disapprova il suo operato (record)
White House /Shealah Craighead

Il tasso di disapprovazione per l'operato del presidente statunitense, Donald Trump, ha raggiunto un nuovo record, a causa dello shutdown più lungo nella storia del Paese e delle preoccupazioni per i rapporti con l'omologo russo Vladimir Putin. Questo il risultato dell'ultimo sondaggio di Politico/Morning Consult, secondo cui il 57% degli elettori disapprova il lavoro di Trump, mentre il 40% lo approva.

Trump riconosce Guaido come leader del Venezuela, sfida a Maduro

"Tutte le opzioni sono sul tavolo" se il regime reagirà con violenze. "Ha i giorni contati". Meglio una "exit pacifica" per consentire nuove elezioni. Caracas taglia le relazioni diplomatiche con Washington
AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha ufficialmente riconosciuto come nuovo presidente ad interim del Venezuela l'attuale presidente dell'Assemblea nazionale e leader dell'opposizione nel Paese, Juan Guaido. E ha lanciato un messaggio al regime di Nicolas Maduro: se reagirà con violenza "tutte le opzioni sono sul tavolo". I suoi giorni sono comunque "contati". Lui ha reagito tagliando le relazioni diplomatiche con Washington, che ha 72 ore di tempo per riportare a casa il suo personale nella nazione.

Wall Street, giornata di trimestrali

Restano le preoccupazioni per il più lungo shutdown nella storia degli Stati Uniti
AP

Shutdown, idea Kushner: Green Card per i Dreamers in cambio del muro

La Casa Bianca cerca una soluzione per mettere fine alla paralisi

Un permesso di soggiorno permanente per i 'Dreamers' in cambio dei fondi per il muro con il Messico. Sarebbe questa l'ultima idea in circolazione alla Casa Bianca per un compromesso con i democratici che faccia terminare lo shutdown, secondo tre fonti del sito Axios.

Wall Street, rinnovato ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Il presidente Trump valuterebbe la rimozione dei dazi per agevolare i negoziati e calmare i mercati
iStock

Casa Bianca smentisce: nessuna trattativa è stata cancellata con la Cina

Secondo l'FT, saltati incontri in questa settimana in vista di quello che secondo Larry Kudlow conta più di tutti: quello con il vice premier cinese
AP

"Il Buffett di Boston" preoccupa i leader riuniti a Davos

Seth Klarman, a capo di Baupost Group (uno degli hedge fund più grandi al mondo), non esclude una crisi che si manifesterà con disordini sociali e non solo con sell-off dei mercati